Maksimovic-Toro, la conferma: Cairo non vuole cedere il difensore

122
7308
maksimovic

Il difensore granata è incedibile sia per il presidente, sia per Mihajlovic. La sua permanenza è più probabile di una cessione, nonostante le insistenze del Napoli

È stato uno dei nomi più gettonati, in questa fase di calciomercato. Ma Nikola Maksimovic sembra sempre più destinato, per la fortuna del Toro, a restare in granata. Il difensore classe ’91, non è un mistero, è stato a più riprese richiesto dal Napoli. Ma se lo scorso anno la trattativa con i partenopei si era arenata per la valutazione del giocatore (almeno 25 milioni voleva Cairo, cifra non considerata congrua da De Laurentiis), adesso la situazione è davvero molto diversa.

Maksimovic, che a Torino si trova bene, cambierebbe casacca solo nel caso in cui gli venisse presentata un’offerta davvero superiore alla media, di quelle che farebbero davvero tentennare. Con il nuovo allenatore Mihajlovic, infatti, il rapporto è ottimo, e lo stesso tecnico non ha mai celato l’intenzione di mantenere in rosa il difensore centrale, perno della retroguardia che l’allenatore ha in mente per il prossimo anno.

In sostanza, Maksimovic è fuori dal mercato per Cairo. O per lo meno, per questa sessione di compravendita, nella quale i soldi sembrano pochi, inferiori alle idee dei vari direttori sportivi. E poco importa la nuova carica che il Napoli ha portato avanti nei giorni scorsi: Maksimovic, ha a più riprese ribadio Cairo all’omologo De Laurentiis, si muoverà solo di fronte a un’offerta di un certo livello, e pure a malincuore, visto che lo stesso presidente granata ha a più riprese dichiarato che vorrebbe mantenere il giocatore in granata.

Il futuro di Maksimovic, insomma, sembra sempre più a Torino. Nonostante le sirene di mercato. E Mihajlovic può esultare: la sua difesa riparte da uno dei punti più fermi del reparto. Una certezza, in potenza, da non sprecare.

Condividi

122 Commenti

  1. alfredopedulla: 01.08.2016 | 0:51
    Esclusiva: Valdifiori-Toro, pista riaperta. E Diawara…
    Il Torino non vuole cedere Makismovic, ma pensa sempre a Mirko Valdifiori. Le piste brasiliane? Esistono, ma non vengono considerate prioritarie rispetto al centrocampista del Napoli. E lo stesso Mihajlovic spinge per una situazione del genere. I rapporti tra i due club sono freddi anche per la vicenda Maksimovic, ma si lavorerà per individuate una soluzione magari coinvolgendo il Bologna. Il Napoli ha bloccato da giorni Diawara (Kums alternativa), ma deve prima cedere Valdifiori per definire l’operazione. E la pista Toro non è tramontata, anzi.

  2. Lo scrivo qua visto che sembra molto attuale. Bruno Henrique è il capitano del Corinthians, oltre 100 presenze con la maglia bianconera (come quella del partizan). E’ sicuramente in scadenza il 31/12/2016 come riportato da Transfermarkt; lui sta aspettando un’offerta da una società europea e sta studiando inglese da tempo. Sul suo account instagram (https://www.instagram.com/brunohenrique.25/), dal quale apprendo questo notizie, è tutta una supplica dei suoi tifosi che gli chiedono di rinnovare (la parola RENOVA appare in molti commenti). I tifosi del Corinthians impazziscono per lui, eh? Ho visto qualche immagine e mi piace anche se ovviamente i video di youtube lasciano il tempo che trovano.

  3. Versione 1.0
    Cessione Valdifiori, Sarri dice no! Salta Diawara, il Torino vira su Bruno Henrique
    IL TECNICO NON VUOLE RINUNCIARE AL SUO PUPILLO. I GRANATA FORTI SUL CENTROCAMPISTA DEL CORINTHIANS
    31/07/2016 11:22
    Il veto di Maurizio Sarri. Il Napoli sembra sempre più vicino alla cessione di Mirko Valdifiori, richiestissimo in Serie A e ormai a un passo dal Torino con la formula del prestito più riscatto fissato a 4 milioni di euro. Ma il tecnico dei partenopei avrebbe bloccato l’operazione e sarebbe intenzionato a puntare nuovamente sull’ex regista dell’Empoli, che l’anno scorso ha deluso le aspettative. Sarri infatti vuole giocatori già pronti per provare ad affrontare al meglio le tre competizioni in cui sarà impegnato il Napoli; ecco perché la permanenza di Valdifiori bloccherebbe di fatto l’arrivo di Diawara dal Bologna, un’operazione che pareva ormai in dirittura d’arrivo.
    Incassato il no per Valdifiori, il Torino avrebbe deciso di rivolgere altrove le sue attenzioni. I granata sarebbero vicini a chiudere per Bruno Henrique, centrocampista brasiliano del Corinthians. Il trasferimento costerebbe al Torino circa 1 milione e mezzo, mentre per il giocatore sarebbe pronto un contratto quadriennale.
    Versione 2.0
    Napoli e Torino ai ferri corti: salta l’affare Valdifiori?
    Pasquale Marra 31 luglio 2016 Calciomercato, News, Rassegna Stampa
    Dalla giornata di ieri sta circolando la notizia dell’affare saltato tra Napoli e Torino per Valdifiori. Tuttosport spiega che, alla base di questa notizia, ci sia tensione fra i club perché il Napoli vuole inserire nella trattativa Maksimovic, mentre Cairo ha alzato un muro. De Laurentiis ha, quindi, prontamente bloccato Valdifiori. Non è detto che l’affare sia sfumato del tutto, ma il Torino adesso è su Bruno Henrique del Corinthians. che costa 4 milioni, ovvero quanto il club granata ha offerto per il centrocampista azzurro.
    Versione 3.0
    MA QUANTE NE SPARANO?!?!?!?!

    • Infatti DiMarzio parla di cifre intorno all’1,5M per l’eventuale acquisto del cartellino… Ho visto il video su di lui postato da qualcuno più sotto.. Solo a me ricorda terribilmente – in particolare nelle movenze – quel simpaticone di Maresca?

  4. Kurtz,per avere espresso le mie idee apertamente,in contrasto magari un pó duro con altri,mi hanno bannato tre volte,adesso taglio il 60% delle mie parole crude,funziona così… Che bello parlare di danza classica…

  5. Che noioso che è diventato sto sito. Non ci sono più polemiche, non riesco più a sfancularmi con nessuno, era divertente. Non c’è più pepe mica posso ridurmi a dar la buonanotte a Mimmo75. Che palle. Senza polemiche mi annoio.

  6. La superlega sarebbe la soluzione a tante cosa.francamente,un calciomercato caratterizzato da offerte ultra miliardarie per icardi,con quell’altra truzza che scrive una qualunque cagata su twitter e la stampa la tratta come se fosse chissà chi, cifre folli che girano,i calciatori che possono fare il cazzo che vogliono,milioni trattati come bruscolini e i tifosi che non arrivano a fine mese..ma dove siamo arrivati?? Si aggiungano squilibri fra i club che definire assurdi e poco..ma che vadano a cagare nella loro super lega.ben venga.

  7. Ma il Wallace riferito al Toro è quello del Gremio o sbaglio? Se è lui è quello che era all’Inter e quest’anno ha fatto 6 partite con il Carpi…… Il Wallace di cui qualcuno qui si è innamorato non l’ha preso la Lazio?

  8. Con Demerdentis non prenderei manco un caffè,è l’esempio più calzante del livello di degrado del calcio italiano,con Ferrero e Preziosi può fare la Lega deficienti,una bella lotta per il primo posto… Sto guardando video di Walace,mi ha già stregato…

  9. premesso che a restare fosse il giocatore del primo anno e quello ancora più forte visto a lisbona e non uno con la testa tra le nuvole.
    Il discorso razionale da fare a maksi è molto semplice..cosa va a fare a Napoli?
    Possibilità di vincere campionato dopo higuain alle merde prossimo allo zero. In Europa andranno sì e no a fare la comparsa. Un domani dovesse chiamare qualche club davvero importante rischi di rimanere bloccato da un presidente ADL che si mette di traverso con le sue valutazioni esagerate e davvero ti può bruciare la carriera come sta succedendo a Valdifiori e a gabbiadini. Con cairo bene o male sai che se arriva la squadra giusta le ali non ti vengono tarpate.

    • Sono in sintonia con lo spirito del tuo commento, ma una superlega “esclusiva” significherebbe la morte per tutte le società che non vi parteciperebbero. Togli al campionato italiano gobbi, milanesi, Roma e Napoli e gli introiti per le società rimanenti sarebbero polverizzati. Io stesso guarderei con molto meno interesse un campionato con Toro-Lazio e Toro-Fiorentina come sfide di cartello.
      Diverso il discorso se si andasse verso la creazione di campionati europei (superlega “A” e “B” – sulla falsariga di CL ed EL attuali – con sistema di promozioni e retrocessioni) con contestuale abolizione dei campionati nazionali e rivalutazione delle coppe nazionali. Spero sia questo il futuro.

  10. Walace sarebbe un colpo pazzesco,grandissimo centrale offensivo,ma non penso che Cairo abbia voglia di spendere 10 bulloni,accontentiamoci di Edson o Henrique,Valdifiori deve ammuffire in panca con Demerdentis…Ps Forza Bonucci,il peggio è passato,ti sono vicino.

  11. Secondo Sky sport nella lista dei 5 terzini sinistri cercati dalla Roma ci sarebbe anche Gaston Silva.Fortunatamente e’ tramontata la trattativa per Valdifiori,non ci siamo piegati all’Aurelio e questo dimostra che la societa’ sta finalmente crescendo sotto la spinta entusiastica di Sinisa.

  12. Su wallace…sarebbe il colpo più importante del TORO da 20 anni a questa parte. impensabile anche al netto della partenza di Peres. Ricordo che i soldi ci sarebbero anche per una operazione così. Sulla super lega i top club sono quasi arrivati a mettere nero su bianco. Il calcio cosi come lo intendiamo sarà morto.

  13. Visto in giro qualche video di edson. Non fa per noi…molta forza, grande garra, ma poco piede. In quel ruolo abbiamo bisogno di un giocatore che sappia unire forza a intelligenza. Che cil creatore di gioco, non il gazzi della situazione. Al contrario l’interno invece dovrebbe essere grande e grosso…un kucka per intenderci. Spero che Cairo capisca che quest’anno con tre giocatori di sostanza, quattro se mettiamo un portiere si potrebbe fare un signor campionato. In passato ci siamo fermati ora è il tempo di accelerare sul mercato.

  14. @glenn, appunto punti di vista, tanto noi nella superlega non ci siamo e non ci saremo, quindi il problema non ci tocca il calcio è in mano agli emiri ed ai magnati sparsi qua e la per il mondo (Cina) il resto è noia i campionati nazionali , le nazionali ecc. si può riformare fin che si vuole ma il risultato è che i paperoni vogliono sempre più soldi,giocare sempre tra di loro e fare il grano. fin quando c’è il seguito televisivo mondiale le squadrette locali sono solo un’intralcio dal tronde gli ovini sono stati dei precursori in materia tentando di allargare il bacino d’utenza facendoci sparire o almeno provandoci seriamente.

  15. Temo che se il trend proseguirà cosi’, ed a oggi non si vedono segnali per dire il contrario si arriverà ad una super- lega europea fatta dai grandi club che vogliono giocare tra di loro e non perder tempo a giochicchiare con le piccole straccione alle quali purtroppo devono passare anche le briciole, i soldi delle televisioni andranno per forza li ed agli altri rimarrà Tavecchio e la sua riforma. un po’ come adesso tra la serie A che fagocita il mercato televisivo e la serie B che se non fosse per Sky e per quello che gli passa la A (malvolentieri) da sola non potrebbe reggere.

  16. Mi sembra scontato che l’applicazione del tetto salariale debba essere applicato dalla FIFA e non dalla lega di ogni singolo campionato,poiché si creerebbero solo ulteriori scompensi tra i campionati stessi.detto ciò, navigare su sto sito ormai è come vedere un film su rete quattro.ci provi perche il film ti piace,poi dopo 45 minuti e sette interruzioni pubblicitarie di 10 minuti l’una ti arrendi ed il film,per quanto sia bello,non lo guardi più su rete quattro ma da qualche altra parte in qualche altro modo.ecco,nella metafora toro.it è rete quattro ed il bel film è il toro.comunque,contenti voi..

  17. Maksimovic deve restare! Maksimovic non si può cedere! Sarebbe assurdo privarsi di Maksimovic! Maksimovic da tenere! Ok, d’accordo……maaaa…..le dichiarazioni post Benfica di Miha?
    “C’è ancora da lavorare, ma siamo sulla strada giusta. Maksimovic? Se è intelligente come penso resta”
    Ergo se è intelligente! Pone quindi una condizione che va oltre il volere societario. La società ha evidenziato la volontà di non cederlo ma se lui rompesse le scatole come Diawara o Keita o, per restare nel nostro ambito, Immobile o Cerci non c’è santo che tenga, lo si venderebbe anche ad una cifra non ritenuta completamente congrua.
    Questa è l’amara verità.

  18. Il tetto sariale impoverirebbe un campionato già di per se anemico. O lo si mette a livello di FIFA o si rischia di affossare chi lo applica da se. Ci sarebbe la migrazione verso quei campionati che pagano di più (già c’è peraltro, in parte). Io credo che la riforma Tavecchio, nel lungo termine, equilibrerà le cose. Perchè limitare la rosa a 25 elementi, con le 8 restrizioni tra calciatori del vivaio italiano e del club, ti obbliga a scegliere benissimo e non a sparare nel mucchio sperando di pescare il jolly. Si spenderà, quindi, meglio, senza gravare i bilanci di acquisti e ingaggi onerosi nella speranza che su 10 calciatori presi uno sia di livello superiore. E si investirà nei bilanci se si vorranno avere in rosa giovani di qualità e non semplici “tappabuchi” utili solo a non veder ridotto il numero di tesserabili. Che una squadra che vuol essere competitiva ad alti livelli deve avere almeno 25 elementi di qualità. Ma se non ottempera alle regole rischia di ritrovarsi una rosa di 17 elementi all’altezza più 8 mezze seghe. E secondo me nei prossimi 3/4 anni vedremo molte sorprese perchè le big son messe maluccio con la riforma Tavecchio.

    • Sorry, dimenticavo: una società che investe molto nel vivaio è una società destinata a diventare molto forte economicamente. Perchè i giocatori bravi se li fa in casa, risparmiando sul mercato e autofinanziandosi ogni volta che ne cede uno. Già quest’anno potremmo iniziare a beneficiare dell’ottimo lavoro fatto in tal senso negli scorsi anni. Se resterà in rosa qualcuno tra i giovani del vivaio che Miha sta valutando avremo, per la prima volta da diversi anni, un calciatore a “costo zero” che, altrimenti, avremmo dovuto acquistare. Moltiplicate sta cosa per 2 -3- 4- 5 (si spera)….

  19. Maksimovic assolutamente da tenere! Intanto perche’ ne abbiamo bisogno e poi perche’ non dobbiamo dare soddisfazione a DEignorantis! Se arrivassero i 2 brasiliani, si puo’ sacrificare Peres e farei uno sforzo economico per PERIN e siamo forti!

  20. Il tetto salariale sarebbe l’unica soluzione.in America l’hanno capito (NBA) e l’hanno applicato.ho scritto sarebbe perché non sara’ così.credo che dal 2018 2019 sara’ creata una super lega; i campionati europei (Italia,Francia Germania,Inghilterra) stanno diventando sempre più ridicoli,una farsa,e di conseguenza noiosi,scontati.una che vince (due,bene che vada a giocarsela) e le altre a guardare e fare un campionato a parte.che noia.

  21. Non credo funzionerebbe un tetto salariale qui da noi, siamo i primi al mondo per il “nero” e troveremmo il modo per aggirare la cosa, diversamente sarebbe ridistribuire in modo equo i proventi televisivi come succede ad esempio in Inghilterra, ma siccome qua le regole le fanno le solite 3-4 squadre sarebbe come chiedere ai tacchini di festeggiare il Natale esempio lampante il tabellone della Coppa Italia che è la cosa più ingiusta sportivamente parlando che io abbia mai visto che a suo tempo vide il buon Sarri allenatore allora dell’Empoli uscire allo scoperto dichiarando tale porcheria fatta solo per favorire le solite squadre ( ora sarebbe interessante sapere se ha cambiato idea) per concludere in Italia il sistema calcio è a numero chiuso costruito per 3max4 club gli altri partecipano al circo solo per far numero e si devono accontentare delle briciole coc campionati fotocopia che tutti sappiamo come andranno a concludersi ancor prima di cominciare utili solo ai procuratori ed agli addetti ai lavori.

  22. Sono abbastanza d’accordo con Mimmo75, dopo l’anno della cessione di Cerci e Immobile con campagna acquisti dilettantesca ai limiti del dolo con annessa finestra di gennaio dove non si riuscì/volle prendere un centrocampista degno e probabilmente utile a bissare l’europa, ritengo che i movimenti di mercato della Società siano stati inattaccabili (al netto di errori sulla valutazione dei calciatori che chiunque può commettere). Certo la campagna acquisti è diventata un mercato delle vacche senza sentimento (ma questo non vale certo solo per il Toro) e la colpa non è tanto dei contadini quanto delle vacche… Capitolo Maksimovic: contento del comportamento della Società, per dimostrare di essere davvero diventai grandi ci vorrebbe adeguamento del contratto importante e clausola rescissoria mooolto importante (diciamo 40 milioni).

  23. Per quanto riguarda il mercato poca importa la durata quello che cambierebbe davvero le carte in tavola sarebbe mettere un tetto salariale alle squadre … allora la ricchezza sia di soldi sia di tecnica si distribuirebbe su più squadre e si avrebbe uncampionato più equilibrato e con alternanza di vincitori il problema è che non lo si vuole fare per i soliti poteri forti quindi ci saranno sempre le solite squadre che si scambiano i giocatori top e alle altre rimangono le briciole……. in questo il calcio mi a venire veramente la nausea!

    • salute a tutti . io credo che sia impossibile mettere un tetto salariale . e’ antidemocratico sicuramente . sarebbe come mettere , ad esempio , un tetto per l’acquisto di una automobile da parte dei privati . , almeno credo

      • No efrem, qui si parla di persone, e di contratti di lavoro. Il tetto salariale avrebbe un senso anche al di fuori del mondo del calcio, sopratutto nelle aziende pubbliche, dove un impiegato guadagna 1200 euri e il suo dirigente ne guadagna 20000.

  24. E no Max11,le Merde sono ricche perchè godono ancora di tutti i soldi che hanno rubato a noi italiani con il beneplacito di governi compiacenti,facile ripianare i bilanci negativi attingendo dal pozzo senza fondo creato dai loro avi…ma li hai visti in faccia i fratelli Elkan e il loro cugino? Ma per favore…

    • RDS, ma è stata la linea di sempre, eccetto il caso Cerci. Li fu commesso un grave errore nei tempi. Vero che gli era stata promessa la cessione già l’anno precedente, per trattenerlo ancora con noi per una stagione. Però l’interesse collettivo deve sempre venire prima di quello individuale. E allora ok, ti cedo ma portami offerte credibili entro la data x (il più lontano possibile dalla chiusura di mercato), altrimenti se ne riparla l’anno successivo.

      • Si d’accordo, ma io mi riferivo alla stucchevole storiella che raccontava gli scorsi anni e a cui nessuno credeva, su Cerci l’errore non fu di cederlo l’ultimo giorno, ma fu la scelta del suo sostituto, non tutti ricorderanno che quando arrivo Amauri, dichiarò che era già stato contattato al termine di Toro-Parma 1-1 (penultima giornata) del campionato precedente, dunque ci fu raccontata una mezza bugia, già la società sapeva che se partiva Cerci arrivava Amauri.

        • Fu tutto sbagliato in quell’affare, al di la delle eventuali o presunte bugie. Il tempo ha detto che Amauri non è stato un acquisto all’altezza. Acquisto, non sostituto. Perchè che sia arrivato per sostituire nel gioco Cerci è una cosa non vera, semplicemente perchè i due son diversi come il giorno e la notte. Comunque, ciò che conta è imparare dagli errori e cercare di non ripeterli.

  25. cifre o no qui se vogliamo puntare andare in europa devono capire di arrivarci tutti insieme credo che la società e giocatori lo sanno quindi i prezzi arriveranno dal momento il toro si affaccia in europa allora i valore sale sui nostri giocatori ma cosi non siamo ancora nulla ….maksimovic deve restare troppo imprtante per la nostr difesa prossimo anno vediamo dove si arriva sperando nei primi 6 e vedremo che un maksimovic se fa bene ci danno anche 40 milioni non e che solo la juve gli va sempre bene ovvio che sono ricchi hanno fatto x anni cosi e adesso vivono di gloria

  26. su maksimovic discorso discorso chiuso resta al toro …mentre mi dispice per peres ma se acquistiamo da come dicono 2 brasiliani uno bruno henrique altro walace ottimo mediano andiamo molto bene dai forza vecchio c.granata

  27. ho visto che ci sono intenzioni x 2 brasiliani uno fa propio il nostro caso walace ottimo mediano poi bruno herique centrocampista avanzato se resta maksimovic e v via peres e comprano i 2 andiamo molto bene ..anche se per peres dispiace molto..ma con questi firforzi andiamo alla grande

  28. Tanto quello che partira’ sara’ Bruno Peres,appena ho letto del crac al ginocchio di Mario Rui ho pensato ieri a questa operazione e oggi SportMediaset parla di questa possibilita’ riprendendo la notizia da Radio sportiva.A mio avviso la Roma avendo poca liquidita’ deve cedere prima Paredes.

    • Mario Rui è un terzino sinistro…Peres è destro..cosa c’entra? Poi la roma non ha i soldi..dunque ci mettiamo a seguire le cazzate di una delle tante ed inutili radio romane…poi al momento Paredes non possono venderlo…perchè dovrebbero poi trovare un sostituto pure a lui

  29. I giornali oggi si sbizzarriscono, da una parte Sarri blocca Valdifiori e dall’altra il Toro vira verso il Brasile……è il gioco delle parti, se oggi scade l’ultimatum (vedremo) da una parte si cerca di aumentarne il valore definendolo utile al progetto (Sarri) dall’altra si cerca di sminuirne il valore puntando (vero o falso che sia) su altri obbiettivi. Tutto nella normalità di questa Babilonia mercatale.

  30. Purtroppo ora non è la volontà di Cairo che conta ma quella di Maksimovic,se il giocatore è allettato da ingaggi più elevati Urbano non può trattenerlo e si sa che i giocatori ormai sono tutti banderuole,se Ljiaic prende due milioni di stipendio e vale 8 milioni sul mercato,lui che ne vale 20 circa se non di più sicuramente vorrà lo stesso trattamento,questi sono i meccanismi sui quali girano le squadre e a noi non resta che accettare il fatto compiuto,questa purtroppo è la regola di questo calcio malato…..

  31. Al netto dei desideri di noi tifosi e nel quadro di un mercato sempre attivo (servirebbe poco ridurre i tempi di compravendita, perché esse avverrebbero anche off-line), operare oggi per un team medio-piccolo è oggettivamente difficile. Esistono tali sproporzioni economiche tra i grandi team e tutti gli altri che ha senso agire solo in un’ottica di maggior ridistribuzione di tali fondi. In parole povere: comprare a poco e vendere a molto, facendo arrivare, indirettamente, una piccola parte dei miliardi versati da arabi e cinesi fino a noi. Maksimovic è probabilmente l’unico giocatore del Toro (in seconda battuta vengono Peres e Ljaljc) che oggi è già pronto per un big team, ma le cifre della sua vendita devono essere giustamente da big player. Paradossalmente siamo stati fortunati che si sia infortunato l’anno scorso e che il nostro campionato sia stato sottotono, altrimenti oggi sarebbe già altrove. Il prossimo anno, se tutto va come vorremmo, lo sarà

  32. Con il senno di poi è rimasto scottato anche chi ha acquistato Cerci all’ultimo giro e magari aspettava altri giocatori ???. Non credo e spero proprio che non rivivremo simili operazioni di mercato e sopratutto la solidità economica attuale ( dovuta anche a quella vendita ) ci permette di poter resistere a offerte anche di un certo livello.

  33. E comunque sono sempre dell’opinione che per il bene delle squadre e la serenità (ma anche l’efficacia) del lavoro di preparazione svolto dagli allenatori il mercato dovrebbe a questi punto essere già chiuso. Secondo me è veramente un sistema di m….. questo dei tempi del mercato, ma evidentemente fa comodo così (non certo agli allenatori o ai tifisi). Sono sicuro che anche la qualità del campionato in generale ne risente. Del mercato di riparazione poi non parliamone. Se non abolirlo, lo ridurrei drasticamente sia in durata che mettendo un limite alle operazioni (che so, due in entrata, due in uscita). Tanta gente ci mangia sopra a ste cose mi sa…

  34. @spakka, non per dirne una, ma per dire l’unica. Perché è capitato soltanto una volta di vendere un big a fine mercato e resterà anche l’unica perché siamo rimasti scottati. Però qui è un riferimento continuo a sta storia cerci/amauri come se fosse una regola del mercato del toro e non l’eccezione…..

  35. Mi pare una situazione normalissima: maksimovic non è sul mercato come non lo erano higuain e pogba. Poi arriva l’offerta a cui non puoi dire di no e ne prendi atto. E per maksimovic questa cifra per me è ben oltre i 30 milioni. Perché in realtà cairo non tarpa le ali ma vende giustamente solo alle cifre che dice lui.

    • Gigi, non so quale sia la cifra per far vacillare Cairo, forse i 30 milioni di cui parli, magari anche 25, non lo so. Però il tuo ragionamento non fa una piega. Sono tutti in vendita, nessuno escluso. Ogni cosa ha un valore. Le società che possono permettersi di rinunciare a offerte monstre si contano sulle dita di una mano. E manco rinunciano.

    • partendo dal presupposto che quelle cifre il napoli non le offrirà mai…e l’esempio Higuain c’entra poco…lui aveva una clausola….oggi vendere Maksimovic è come dichiarare in anticipo che ti accontenti di un campionato mediocre…perchè…è praticamente impossibile sostituirlo…o meglio..potresti..ma dovresti spendere una cifra elevatissima…che a quel punto fai prima a tenerti Maksimovic