Toro, dopo Gazzi anche Vives e Obi potrebbero partire

217
5637

Il numero 14 a ore diventerà un giocatore del Palermo, Vives potrebbe invece essere destinato alla serie B. Piste straniere per quanto riguarda il nigeriano

Alessandro Gazzi è ormai ad un passo dall’addio al Torino dopo quattro stagioni in cui, a suon di palloni recuperati, è riuscito a lasciare un segno. La trattativa con il Palermo è praticamente concluse e, ad ore, il mediano sarà ufficialmente un giocatore rosanero. Gazzi non è però l’unico centrocampista, di quelli attualmente a disposizione di Mihajlovic, che presto potrebbe fare le valigie. In uscita ci sono anche Giuseppe Vives e Joel Obi.

20150914021831_obi_magliabiancaPer Obi c’era stato un sondaggio da parte del Bologna, la società rossoblù non ha però finora dato seguito ai primi colloqui e la pista sembra essersi raffreddata. Restano calde invece quelle che potrebbero portare il nigeriano in Francia o in Turchia: in particolare Besiktas e Trabzsponsor sono interessate a lui. La cessione dell’ex Inter servirebbe al Torino per liberare un posto nella lista e permettere così anche l’arrivo dei centrocampisti voluti da Mihajlovic. Per regolamento, infatti, ogni squadra di serie A può registrare per il campionato un massimo di venticinque giocatori, quattro dei quali devono essere cresciuti nel vivaio del club stesso. Da questa lista vanno esclusi i giocatori under 21, cioè quelli nati dal 1 gennaio 1995 in poi (è il caso dei vari Barreca, Aramu, Parigini, Lukic e Boyé). Il Toro può quindi inserire nella lista un massimo di ventuno calciatori che non sono cresciuti nelle giovanili granata. Al momento in rosa ce ne sono ben ventitré: due in più. Uno slot nella lista verrà liberato da Gazzi e un altro potrebbe liberarlo Bovo, altro giocatore che non rientra più nei piani granata. L’ulteriore cessione di Obi potrebbe quindi permettere al Torino di avere a disposizione un posto per un nuovo acquisto, che potrebbe essere Valdifiori, Kucka o un altro giocatore ancora.

Per quanto riguarda Vives il discorso è leggermente diverso da quello fatto per Obi. Con l’addio di Ventura e l’arrivo di Mihajlovic il mediano non è più tra gli incedibili e, entro la fine del mercato, potrebbe essere anche lui venduto per liberare un ulteriore posto nella lista dei venticinque. Vives ha diversi estimatori in serie B, in particolare piace al Bari (che aveva messo nel mirino anche Gazzi) e al Benevento, che sta provando a fare leva anche con la vicinanza con la “sua” Afragola, paese che dista circa 90 chilometri. Il mediano ha però ancora un anno di contratto con il Torino e,  considerata anche la grande importanza che ha all’interno dello spogliatoio e al fatto che se ben dosato può ancora dare un ottimo contributo alla causa granata, alla fine potrebbe anche restare. Tutto dipenderà anche da come evolveranno le altre trattative in uscita.

Condividi

217 Commenti

  1. Torello72, ,meglio io che deliro o tu che sei un multinick di Barbera granata? Credi che non lo sappia? Manco le palle per sostenere le proprie idee su un sito di calcio hanno, figuriamoci che razza di quaquaraqua saranno nella vita reale…patetico.

  2. Visto che si e parlato di padelli dico anche io la mia, padelli non e un portiere scarso come molti lo definiscono.
    Purtroppo padelli a subito troppo il sistema di gioco di ventura ( a toccato piu palloni di piede lui che quaglia.) e questo lo rendeva nervoso e lo si vedeva..e non concentrato su palle facili, ma ricordoanche “essendo onesto” di ottime parate e salvataggi in estremis e tutti a lodarlo….io sono convinto che mhia lo sta tenendo d’occhio xche il suo gioco non implica troppo il portiere xche tale deve essere (non deve fare il libero) questo e il mio modestissimo parere.

  3. @carbonaro non e’ ironia e’ solo ineducazione nei confronti di un giocatore che ha sempre dato il massimo delle sue possibilità per la nostra squadra. Il riconoscerlo sarebbe nel ns DNA ma evidentemente molti hanno smarrito anche quello.

  4. Il concetto sarebbe questo, come mai il settore giovanile non sforna nessun giocatore degno non dico di giocare in serie A, ma ad alto livello in B, da quando c’è urby al timone? e per quale motivo bisogna provare titolare qua giocatori che hanno stentato a trovar posto in scarse squadre di B? Tempo fa ci stracciavamo le vesti per Benedetti e Comi, quest’ultimo incautamente scambiato con Verdi, che fine hanno fatto sti fenomeni? a parte Ogbonna che non è frutto cairota cosa abbiamo prodotto? nulla, ora sti 4 sembrano dei fenomeni chiusi dai vecchietti raccomandati temo non sia cosi’, quindi per lo stesso concetto per il quale i buoni giocatori ci stanno alla larga dalla prima squadra perchè non si vuole o non si può spendere per lo stesso motivo i giovani più promettenti vanno altrove e non qui come ai tempi di Vatta ed ancor prima , per avere bisogna investire e tanto, non si può sperare negli scarti altrui finora con gli scarti degli altri risultati zero.

      • Non conta nulla diventare campioni d’Italia se poi nessuno di quelli arriva almeno in B
        ma questo non lo dico io lo dicono i fatti anche se Roma, Lazio,Inter,Milan ecc. solo per citare quelle che investono tralasciando i gobbi che fanno incetta dei migliori giovani, non diventano campioni d’italia sfornano giovani di prospettiva perchè qualitativamente sono di un’altro livello. hanno più soldi e scelgono il meglio poi moolto dopo arrivano i nostri che si vorrebbero titolari in serie A… boh!

          • Di quelle squadre che forniscono i giocatori alle varie nazionali giovanili dove i nostri se convocati fanno quasi tutti regolarmente panchina.

          • E sappiamo anche perché funzionano così le cose.

            Come anche che la nazionale maggiore funziona nello stesso modo, con corsie preferenziali per i giocatori strisciati e CT graditi alle sette sorelle.

    • Vero. Non produciamo più talenti. I bambini a Torino giocano a calcio alla playstation o in 4 o 5 scuole calcio rinomate. Piene zeppe di stranieri già da pulcini. I talenti ormai si comprano all’età di 10 anni. Più che in passato. Però guardando il panorama italiano non è che siamo messi proprio bene in generale: di under 21 lo scorso anno quelli che hanno assaggiato con un certa costanza la prima squadra in serie A sono stati: Benassi, Donnarumma, Masina, Berardi, Cataldi, Calabria. Pochini pochini….

  5. @kurtz ognuno di noi ha le sue idee. Per fortuna è libero di esprimerle come meglio crede. Fischiare un giocatore, prenderlo per il partuso e insultarlo durante una partita quando ti fa girare i gioielli è dovere non solo diritto di ogni tifoso. Questo però è molto diverso da insultare sistematicamente uno che porta la maglia della tua squadra solo perché non ti va a genio. Qui c’è gente che ora saluta con l’onore delle armi il vichingo Gazzi ma solo qualche settimana fa durante il campionato lo insultava sistematicamente perché pretoriano di Ventura. Lo stesso accade con Vives. Quando ci saluterà vedrai che lacrime da parte di tutti.
    A me interessa solo che sputino sangue per la maglia. perché solo la maglia conta. Chi la onora può essere il più brocco di tutti. ma è un idolo gladiatore.

  6. Un grosso e sincero in bocca al lupo a gazzi. Professionista esemplare,sempre disponibile con i tifosi,maglie sudate ogni volta e mai,dico mai,una parola fuori posto.se padelli avesse il cuore di gazzi…sarebbe comunque una pippa!!

  7. infatti rds, se il padella è un citofono e mi manda pure a cagare se come tifoso pagante (e quindi, in quanto tale, infinitesimo ingranaggio che mantiene il suo bel stipendione) a fine partita lo fischio come ho il sacrosanto diritto (chiedere ai loggionisti della Scala please) di fare dopo la sua ennesima prestazione scarsa, non sono un frustrato, esprimo la mia opinione (opinabile sin che si vuole, ma che lui e magari anche il sig.vives devono rispettare), da spettatore pagante.

  8. mah su sta storia dei gggiovani sparo la banalità della giornata: tra un 33enne fortissimo e un 20enne scarso tutta la vita il 33enne. ho scoperto l’acqua calda. il milan sbolognò (putroppo alle merde) un certo pirlo perchè lo ritenevano a fine carriera. alla faccia. infatti da allora zio tibia non ne ha azzeccata più una giusta.

  9. i nostri giovani (fatta eccezione per Gomis che è un giovane portiere, ma non è più U21 e che Miha ha definito come titolare) possono tutti e 3 restare tranquillamente perchè (così come Boyè e Lukic) non cubano sulla rosa essendo nati dal 95 in poi. Barreca e Aramu poi secondo me non sono visti così male da Miha: è vero che non gli ha dato tantissimo spazio ma per uno che vuole vincere e gioca contro il Benfica è normale puntare su gente più esperta che regga botta anche con l’esperienza…
    Trovo invece che l’averli fatti entrare entrambi (così come averli utilizzati abbastanza nelle altre precedenti amichevoli) sia il sintomo del volerli tenere per tutto l’anno, cosa che invece non credo valga per Parigini che sconta il non poter fare il centrocampista (a differenza di Aramu che secondo me verrà utilizzato come sostituto di baselli) e l’affollamento del reparto offensivo soprattutto di giocatori destri con quindi scarsissime possibilità di utilizzazione. Essendo un 96 capace è sicuramente appetibile sul mercato (proprio perchè non occupa un poso in rosa) e quindi non credo abbia grandissimi problemi ad accasarsi un anno in prestito ad esempio a Crotone o Pescara dove sarebbe perfetto per lui con la prospettiva, l’anno prossimo, di rientrare e venirsi a giocare il posto (spero a prenderselo) con Iago Falque e Martinez.

  10. Interessante il fatto che alcuni vorrebbero in prima squadra TRA I TITOLARI i nostri giovani barreca aramu e parigini.

    Interessante allo stesso modo il fatto che gli stessi denigrino sistematicamente gli altri nostri giovani, baselli zappacosta acquah benassi gaston silva martinez jansson, che pure il campo lo hanno spesso calcato con prestazioni onorevoli e impegno. Ora che con un anno in più di apprendistato potrebbero iniziare a fare la differenza c’è chi vorrebbe fare piazza pulita della linea giovane in nome della linea giovanissima.

    Le possibilità sono due: strabismo di giudizio dovuto ad eccessivo amore per gli ex primavera; mancanza di connessione tra neuroni.

    Siete ben consci del fatto che molti nostri primavera non tifano Toro? Che molti ragazzini vengono volentieri nelle giovanili del Toro perché è un ambiente buono per crescere, ma che non gliene può fregare di meno del Toro, della sua storia e della sua tifoseria?

    Mio figlio due anni fa ha partecipato a un Toro Camp estivo: ebbene non ce ne era uno dei suoi compagni che tifasse Toro.

    Quindi perché dovremmo caldeggiare l’inserimento di giocatori magari non ancora pronti per la A solo per il fatto che provengono dal nostro vivaio? Non sarebbe meglio inserire in ogni ruolo della squadra il miglior giocatore possibile tra quelli a nostra disposizione, senza guardare carta d’identità, provenienza, gusti personali?

    Sono fiducioso, tuttavia, che mihajlovic sia molto più grintoso e razionale di gran parte dei tifosi: farà giocare chi merita, chi è utile, chi è bravo e si impegna, in modo da ottenere il miglior gioco possibile dalla squadra. E’ interesse suo innanzitutto e piacevole conseguenza per noi.

  11. ma è mai possibile che uno non possa esprimere una sana antipatia per un individuo senza sentirsi dare del “frustrato”?? L’epiteto “frustrato” è molto di moda di questi tempi, specie negli ambienti di lavoro se stai sul culo a qualcuno che non può o non ha le palle per mandarti direttamente affanculo, ti dà del “frustrato” che fa più fine e politically correct. Magari senza magari nemanco sapere che significa realmente (me compreso, stasera vado sullo Zingarelli a controllare). E allora: avrò il sacrosanto diritto di affermare che vives e padelli mi sono sempre stati beatamente sul culo, e che stapperò lo champagne quando leveranno le tende, senza sentirmi dare del “frustrato”? Tra l’altro ho una vita che mi soddisfa pienamente, se dovessi invidiare vives allora perchè non invidiare direttamente Messi o Cristiano Ronaldo?? per esempio Gazzi mi sta simpatico e gli auguro un ottimo proseguimento di carriera, e allora qui non sono frustrato? Insomma nella vita esistono le simpatie e le antipatie “a pelle” dai tempi delle caverne, ventura mi veniva il prurito alle mani ogni volta che apriva bocca, con Sinisa prenderei volentieri un caffè ed è uno dei miei allenatori preferiti, e allora? “frustrato” a metà??

  12. Io ricordo che si criticava Ventura perché non era capace di lanciare i giovani, si osannavano i ragazzi del vivaio, qualcuno addirittura voleva la primavera in campo anziché la prima squadra, si voleva Gomis al posto di Padelli da subito,quando sembrava che Barreca andasse definitivamente al Cagliari Cairo rischiò il linciaggio, lessi delle frasi tipo “nano taccagno bastardo se non riscatta Barreca ho chiuso col Toro per sempre”! Adesso invece leggo: Gomis è scarso, meglio Padelli, Parigini non è pronto, meglio girarlo, Barreca non può giocare in serie A, meglio Molinaro, Aramu meglio darlo in prestito, è ancora acerbo…. Sinceramente non ci sto capendo più una mazza….

  13. Poi non è detto che se non esplodi a 20 anni non esplodi più, non dico di tenerli ed aspettare che maturino, ma ci sono comunque calciatori che maturino prima altri più in la, uno come Valdifiori a 28 anni ha raggiunto il top in carriera, Darmian fu un altro che il Milan se ne sbarazzo troppo presto.

  14. @pelogrigio in tempi non sospetti dissi che Miha non vedeva Barreca e venni pure sbeffeggiato dopo il riscatto al fotofinish. Se gioca Molinaro un motivo ci sarà. Anche io concordo con te che la qualità dei nostri giovani è tutta da dimostrare. A parte Ogbonna non abbiamo prodotto nessuno a un certo livello. Solamente che penso anche che se l’obiettivo di Miha e riconquistare l’Europa in due anni potrebbe provare qualcuno di loro in prima squadra quest’anno. Se non ora quando?

    • D’accordo sul discorso sulla qualità dei ns giovani. Nello specifico di Barreca, però, considererei anche l’ipotesi quasi opposta: cioè che (anche per via dell’incertezza legata alla situazione di Avelar) non venga utilizzato più di tanto perchè si è già deciso di tenerlo in rosa (se legge Samuele mi risalta addosso… ?). Ancor più nello specifico, il match di Lisbona fa poco testo a parer mio: troppo importante il risultato per il morale di squadra e tifosi per rischiare di schierare giocatori di minore esperienza (a posteriori lo si può facilmente negare, ma una disfatta nel match del Da Luz – per quello che rappresentava – avrebbe potuto avere risvolti negativi).

    • Vabbè,
      però mettiamoci d’accordo.
      Per andare in EL c’è chi vuole i giocatori pronti e affermati, anche se costituiscono un costo a perdere, e chi invece vuole gli ex primavera, che costituiscono una grande incognita anche solo in chiave salvezza.
      Che si fa?

  15. Io non boccio nessuno anzi auguro a tutti loro d’affermarsi e di far bene ma c’è un ma, la realtà dice che dal nostro settore giovanile da Cairo in poi di giocatori da serie A o B ne sono usciti pochi forse nessuno ora arrivano questi sponsorizzati dalle normative in vigore e non per loro merito, per produrre giocatori di livello occorre investire ben di più non arrivano per caso.

  16. A Vives sono affezionato. Mi capita di incrociarlo spesso qui in centro. Un ragazzo timido e per bene e che ha sempre dato più di quello che aveva. Quante volte Ventura lo ha fatto giocare in una posizione non sua e ha dato sempre il massimo. Attaccarsi alla frase di difesa a Padelli mi sembra il massimo del ridicolo. Non è un top player ma in panchina ancora per un anno ci sta benissimo.
    Padelli meglio venderlo ora se si trova un acquirente. Anche io sono convinto che con meno gioco di piede potrebbe acquisire migliore tranquillità ma oggettivamente meglio cercare qualcuno più forte.
    In ogni caso leggere di insulti a lui o ad altri è sintomatico di quanto livore e frustrazione ci sia nelle vite individuali.

  17. Dopo 4 allenamenti già giovani da buttare e non all’altezza? Aspettiamo almeno la fine del calciomercato per bocciarli e certe volte nemmeno basta, Vieri bocciato prematuramente e scambiato con Petrachi non ha insegnato nulla?

  18. Gomis, Barreca e company sono li grazie a Tavecchio, se non ci fosse quella normativa la serie A per adesso e chissà per quanto tempo se la sognavano , poi sarà il campo a dire la parola definitiva ma se davanti hai Padelli o Molinaro e non riesci ad esser meglio è tutto detto gli allenatori ti vedono tutti i giorni e non credo siano prevenuti se uno merita gioca altrimenti non c’è Tavecchio che ti possa raccomandare.

    • @pelogrigio hai scritto esattamente ciò che ho scritto io in risposta a @Ivan. La penso esattamente come te. E poi pensa non c’è neppure più l’alibi Ventura che a detta di molti non faceva giocare i giovani… Io credo che Ventura non facesse giocare i giovani scarsi… Non mi pare che abbia mandato via qualcuno che poi e’ diventato pogba come sir Alex ferguson

    • Io ora non vorrei passare per quello che vuole i giovani a prescindere. Anzi, la mia era proprio una critica a coloro che hanno sempre voluto i giovani del vivaio in campo, quando questi non risultavano mai all’altezza. Il mio discorso è che credo che Gomis, Aramu e Barreca siano più forti dei giovani del vivaio che si sono visti fin’ora. E dico solo che sarebbe il caso di provarli e di dargli fiducia. Anche solo a termine, ma di dargliela. Poi se non sono all’altezza, amen e panchina.

  19. Notizia dell’ultima ora, il Paris Saint Germain punta a Daniele Padelli: il presidente del PSG Nasser Al-Khelaifi sarebbe intenzionato a offrire al portierone granata un contratto di due anni come raccattapalle/fotomodello. Daniele si dice lusingato, ma si riserva un po’ di tempo per pensare, in quanto è molto affezionato alla tifoseria del Torino FC, dalla quale si sente amato e coccolato.

  20. @ivan il problema e’ molto semplice. Vuoi una squadra che se la gioca con il Palermo o che compete con Lazio e fiorentina? nella prima ipotesi titolari gomis barreca parigini aramu. Personalmente ad oggi per il 6′ posto nessuno dei 4 può fare il titolare purtroppo. Neppure gomis che sta patendo il salto di categoria oltre ogni nefasta previsione.

    • Io non sono d’accordo. Per me Barreca è pronto. Ma non lo potrai mai scoprire se non li metti in campo e provi. Poi il mio discorso non è su dove dobbiamo arrivare e con chi giocarcela, ma su quali sono le alternative. Tu credi che molinaro faccia meglio di Barreca? Io non credo proprio.. con molinaro ce la giochiamo col palermo esattamente come con Barreca. Si stesse parlando di Darmian capirei, ma parliamo di Molinaro porca miseria.

      • @ivan Sinisa nella prima partita di un certo spessore ha preferito molinaro a barreca questa e’ la realtà. Io mi fido dei giudizi dell’allenatore che li ha sempre sotto gli occhi. Anche quando e’ entrato contro il benfica purtroppo non ha ben figurato a differenza di Aramu ad esempio. Il fatto di non esser preferito a molinaro purtroppo e’ indicativo

        • Ma non si può stroncare un giocatore così alla prima apparizione e tra l’altro contro una squadra di livello nettamente superiore al nostro. Se non si danno chance adesso a questi ragazzi, quando glie le vuoi dare? Io non dico che deve fare la stagione tutta da titolare, ma di provarlo, e poi tirare le somme.

          • l’ALLENATORE LI VEDE TUTTI I GIORNI, NON COME NOI CHE LI VEDIAMO SOLO DURANTE LE PARTITE, QUINDI LORO LE SOMME LE TIRANO GIà PRIMA, SE COSì NON FOSSE SAREBBERO GUAI!
            Oooppps… scusate il maiuscolo mi è scappato! … 🙂

      • Ivan, ma conosci la carriera di Molinaro e con chi se l’è giocata? Lascia perdere che la squadra è la Gobba, pensa al livello a cui ha giocato e pensa che Barreca non riusciva a essere titolare a Cagliari. Ed è uno dei migliori

  21. Il problema della rosa a 21 + 4 è piuttosto stringente. Vives dovrà necessariamente fare spazio al nuovo “metodista”, Valdifiori o brasiliano che sia, visto che oltretutto in quel ruolo è già arrivato Lukic.
    Mi chiedo anche perché non è stato considerato l’altro Gomis come terzo portiere; Avrebbe liberato un posto tra i 21 in sostituzione di un giocatore, Hichazo, di cui mi sembra ci sia poca considerazione!
    Importante secondo me, sarà mantenere Aramu, che vedo essere impiegato anche come interno, per avere una valida alternativa tra centrocampo e attacco … penso anche alla partenza di Acquah per la coppa d’Africa!
    Personalmente cederei Gaston Silva (che mai mi ha convinto) al posto di Bovo!
    Rimane comunque il problema di Bruno e Zappacosta, e se deve andare il primo meglio che lo faccia in fretta … potrebbero arrivare i soldi per una mezzala di qualità (finalmente).

  22. padelli vs sepe????!!!!! ma lo porto io a napoli,partiamo subito,non esitiamo in attimo.vuol fare il titolare?vabbe’ ci sta,normale.ragazzo che a lanciano ed empoli non e’dispiaciuto,a firenze un po’ cosi..pero,tutto sommato non sarebbe malaccio.che la societa’valuti bene..spero sia cosa veritiera e non un blabla

  23. Ragazzi, io vorrei capire una cosa. Si parla sempre di giovani in questo sito. Giovani del Toro che dovrebbero arrivare in prima squadra e diventare dei nuovi punti di riferimento. Giovani giocatori del Toro su cui finalmente di dovrebbe puntare. Giovani fatti in casa. Ma ci fosse uno qui che, ora che i giocatori fatti in casa ci sono, dica di volerli vedere in campo. Io sono stato sempre abbastanza critico con i nostri giovani fino ad oggi, perchè non mi sembravano adatti alla serie A (Suciu, Gyasi, Diop e Gatto sono alcuni esempi), mentre tutti stavano a dire che era ora di far giocare i nostri giovani del Toro. Ora abbiamo Gomis, Barreca e Aramu. E parliamo ancora di Vives, Padelli e Molinaro. E’ surreale tutto ciò.

    • No, non è surreale, sarebbe normale. Però, pur con tutte le critiche e le eccezioni che si stanno rivolgendo al nuovo e vecchio Trio che ci guida, ci stiamo ingolosendo, molti di noi vorrebbero che si abbandonasse la saggia politica del passo dopo passo, (vedi l’irridere e ritenere zavorre giocatori il cui livello, 3 o 4 anni prima era ritenuto un aumento di qualità) e vorremmo puntare decisamente a traguardi più importanti, con giocatori adeguati. Chi ha ragione? Ai posteri… ma, per ora è il Trio che decide. Siamo tutti DT migliori, siamo tutti Presidenti migliori, siamo tutti allenatori migliori. Siamo i Tifosi migliori? Bah, Boh.

  24. Leggevo che forse si svicola perin del Genova magari quello è un ottimo portiere …per la mediana ci sarebbe il nome walace un ottimo mediano brasiliano fisco piedi polmoni un po’ come il nostro Peres ..x me se vanno via vives bovo padelli Obi a questo punto comprare subito …walace,Bruno herinque ,un perin , poi un libero di spessore es, hulmmes, kompany,pepe, qui ho sparato grosso eh a parte i scherzi se investiamo in questo modo forse arriveremo più o meno a comprare quasi come la Juve fortunati che hanno i soldi i gobbi e fanno i fighi ma noi abbiamo orgoglio granata

  25. Torino, Valdifiori in standby. Bruno Henrique: c’è la clausola
    Il regista del Napoli può ancora arrivare, ma le quotazioni del brasiliano salgono – Stando a quanto riporta l’edizione odierna di ‘Tuttosport’, il Torino continua la caccia ai rinforzi per il centrocampo. Mirko Valdifiori è sempre nel mirino dei granata, ma rimane una differenza tra domanda ed offerta col Napoli. Ecco perché il mediano del Corinthians, Bruno Henrique, sta salendo in graduatoria: il 26enne – in scadenza a dicembre – ha anche una clausola da 4 milioni di euro che tuttavia i piemontesi non sono intenzionati a pagare.

  26. Per fare il mercato necessario a centrocampo dove ci vogliono 2 giocatori di livello e forse un laterale sx se Avelar non dovesse dare garanzie di recupero devi prima vendere Bruno Perez, se no non si fa nulla, poi è chiaro Bovo, Vives e Obi dovranno lasciar spazio ma il loro taglio non porterà soldi forse solo Obi con un futuro obbligo di riscatto ma stando alle sue condizioni fisiche che lo tengono molto lontano dal campo non ci giurerei.

  27. Il fattore vendita son accordo visto che adesso abbiamo nuovo allenatore è giusto cambiare mettere giocatori nuovi anche di qualità oramai il gazzi ,bovo , vives , padelli, hanno già dato , magari con i nuovi acquisti avremo una marcia in più visto che con mihajlovic non si scherza non esiste tiki taka ok e per andare in Europa poche storie bisogna far sul serio abbiamo visto la telenovela di lijic beh adesso il nostro numero 10 ha disamorato la classe basta vedere le punizioni belle che fa goal son anni che il toro non ha giocatori così dovevamo vedere sempre Pirlo e company

  28. A mio avviso non ci saranno più grandissimi movimenti:
    Se partirà padelli arriverà un terzo portiere perchè non sarebbe più possibile tornare sul mercato svincolati se non nella finestra di mercato di gennaio. La Lista definitiva da presentare quando chiude il mercato rimane bloccata. Poi puoi anche mettere un U21 in porta (cosa non impossibile ma abbastanza rara se non altro per la delicatezza del ruolo che impone una tranquillità mentale che in genere a 19 anni). E’ un grosso rischio mettere come terzo il portiere primavera (che peraltro al massimo ha giocato nella beretti sino a quest’anno) e non a caso mi pare (ma potrei sbagliarmi) che nessuna delle società abbia scelto questa strada: credo sia indicativo. Con gazzi partito abbiamo ancora un esubero da tagliare prima di poter inserire nuovi elementi (regista incluso)… il problema è individuarlo.
    Molinaro: (che comunque l’anno scorso ha tirato parecchio la carretta) per età è sicuramente un papabile, ma dall’altro lato non hai certezze sui termpi di recupero di Avelar e affrontare il campionato fino a gennaio con Barreca e Gaston Silva mi pare un po’ un azzardo.
    Vives: ancora più adeguato per età ad essere venduto, per quanto sia un jolly che in passato ha dimostrato di essere disponibile a fare tutto per la squadra (centrale in difesa compreso!)
    Bovo: il passaggio alla difesa a 4 (un posto in meno per i difensori centrali), l’età e la presenza in rosa di sostituti più giovani (janson e Ajeti) lo mettono in cima alla lista.
    Obi: relativamente giovane, molto dinamico, con discreta tecnica e pagato l’anno scorso 3 milioni. Ha tanta potenzialità almeno quanta fragilità muscolare a dispetto della stazza da torello tarchiato. Il problema è che avendolo acquistato l’anno scorso giusto all’inter lo potremmo ridare (mi pare come giocatore cresciuto nel loro vivaio) ma rimane il problema dell’eventuale minusvalenza orecchio totalmente sordo per Cairo.
    Il problema è che sono tutti sotto contratto e quindi se non li dai a qualcuno (gratis i primi, in prestito o a pagamento Obi) ti tocca pagargli lo stipendio e possiamo serenamente escludere che Cairo tenga a libro paga giocatori che non può schierare come ha fatto l’anno scorso l’Inter con VIDIC!
    In conclusione credo che partiranno Bovo e Vives, acquisteremo un regista e poi il nostro mercato, fino a gennaio si fermerà (discorso BRUNO PERES a parte), a meno di non voler correre dei rischi di organico che mi sembrerebbero strani visto come si muove la nostra società

    • tutte le voci dicono che il Toro ne cerca due di centrocampisti. Non solo il mediano, ma anche un interno. Kucka, Grenier, Henriksen. Per me Obi vogliono mandarlo via all’estero, senza perderci troppo.

  29. “Avercene di gente come Vives in qualsiasi ambiente lavorativo o sportivo, piu importante degli individui e’ la squadra, e gente come Vives crea lo spirito di squadra.” Scusa, @sterry, ma cosa intendi con “spirito di squadra”? No, perché io, tranne in due o tre occasioni ho visto sempre e solo una squadra remissiva, molle, impacciata e, a tratti, persino complessata….magari tu vedevi uno “spirito di squadra” in tutto questo, io vedevo solo un’accozzaglia di mediocri guidati da un megalomane affetto da dissenteria cronica (specie intorno al 90′).

  30. Obi lo terrei, non mi fa impazzire, ma non è neanche così scarso, al netto dei problemi fisici è uno che sa cosa fare in campo. Come riserva va bene. Spero venga ceduto quello scarpone di Acquah, inadatto a qualsiasi tipo di gioco offensivo, sa solo randellare, che vada a giocare nel Crotone. Soprattutto se dovesse arrivare Kucka. Su Vives non mi esprimo, non serve. Attendo la sua cessione come una liberazione.

  31. Magari non ci riesce, ma la società sta lavorando a sostituire il quartetto Gazzi, Vives, Bovo, Obi con due centrocampisti come Valdifiori e Kucka (o Grenier, Henriksen, Bruno Henrique, Wallace). Mi pare un’indicazione precisa di direzione di marcia e dovremmo essere tutti felici, no?

    Comunque sempre e solo undici sono i giocatori che devono andare in campo e altri quattordici starsene in panchina tranquilli. Uno spogliatoio affiatato (anche con qualche vecchietto a preservare le tradizioni e le regole) è spesso più utile di una rosa qualitativamente alta, come centinaia di esempi in passato dimostrano. Se resta Vives, quella sarà la sua funzione.

      • Scusa, la mia era solo una battuta. Se uno o due giocatori fanno da chioccia a un gruppo di ventenni, non mi pare uno scandalo. Comunque, io starei tranquillo al tuo posto: se si vogliono acquistare due centrocampisti, quattro sono i giocatori che se ne devono andare… e tra questi non c’è Peres (perché gli va trovato un sostituto)

        • Ma sì, ho capito che era una battuta.. tranquillo! Cmq per me le chiocce sono ottimi giocatori avanti con l’età che giocano ed insegnano ai più giovani come si sta in campo e fuori. Vives non può più giocare, non se vogliamo alzare la qualità di questa squadra. Vives non è un ottimo giocatore, è un giocatore mediocre che in ventura ha trovato il suo “pigmalione”. C’è Moretti, di anziano, che può fare l’uomo spogliatoio.

        • Bene che tu abbia capito che stavo scherzando, mai inimicarsi uno zar!

          ps. Conosci il saggio di Barthes dove analizza alcuni fotogrammi del film di Ejzenštejn dedicato a Ivan il Terribile? Quando scrive di “terzo senso” e “senso ottuso” direi che parla anche del senso che noi tifosi assegnamo al calcio. Saluti!

          • Ho presente di cosa parli, ma è un livello troppo superiore al mio, non capisco un accidenti di significanza, significazione, semantica e semiotica.

          • non è difficile. ci sono tre gradi di significazione per Barthes
            Il primo è il messaggio: Padelli è un portiere scarso
            Il secondo (ovvio) è il simbolo: Padelli è il simbolo di un Torino scarso, come è stato per 20 anni
            Il terzo (ottuso) è ciò che sfugge al linguaggio (ovvero che non dichiariamo, ma che teniamo presente quando scriviamo): Padelli come portiere incapace di incarnare l’idea romantica che abbiamo di portiere del Toro che difende da ingiustizie e assedi vari (e che ci riporta – pur senza dirlo – a Lidone Vieri, al Giaguaro, a Marchegiani, persino a Lorieri)

          • Da qui una certa nostra “ottusità” che è anche il succo di ogni professione di fede come tifare Toro

  32. Gazzi, Vives, Molinaro, Moretti e anche Padelli secondo me sono ragazzi molto seri e in campo uomini veri. Hanno sempre dato il massimo delle loro possibilita’ e non hanno mai fatto le primedonne a differnza di molti altri. Cosi’ come con Ventura anche con ognuno di loro se ne va un piccolo pezzo di storia del Toro. Stiamo crescendo come squadra e come societa’ ed e’ giusto che chi non puo’ seguire il progetto di crescita per diversi motivi (eta’, limiti tecnici…) se ne vada ma per favore non insultiamoli ma diciamo a tutti loro un grande grazie, se lo sono strameritati.

  33. Ha fatto bene a difendere il compagno, come penso avrebbero fatto tutti, trovo
    stupida l’uscita su chi fischia non paga il biglietto, che c’entra? Puoi dire chi fischia non fa il bene del Toro, ma no non paga il biglietto,
    L’ultima cosa che giocatori che quando guadagna poco, prende quanto un tifoso guadagna in 20 anni è toccare questo tasto.

    • Indicativo che abbia speso parole per difendere proprio Danielone nazionale e mai altri giovani spesso selvaggiamente criticati tipo Benassi. A tutti é parso chiaro che l’anno scorso ad un certo punto lo spogliatoio fosse spaccato in due; i vecchi legionari da una parte e gli altri dall’altra. Vives é il simbolo di un toro venturiano che con Miha é morto,che vada.

    • Molinaro non andrà via quasi certamente! Per ora è l’unico della fascia di sx che può dare qualche minima garanzia. Barreca non ne da ancora ed è tutto da valutare (svarioni difensivi mica da ridere fin’ora) ed Avelar deve ancora recuperare (speriamo lo faccia)…
      Se mai lo dovessero cedere credo lo potrebbero fare a Gennaio, una volta recuperato Avelar e testato Barreca (se riconosciuto abile arruolato!)…
      Bovo è molto probabile invece…ammesso che gli trovino una sistemazione…

  34. Visto che se ne parla vorrei esprimere il mio parere su Padelli. Secondo me non va sottovalutato, tutte le papere e le incertezze che ha avuto da quando è al Toro sono dipese dal fatto che doveva giocare tanto di piede con gli schemi di mister Ventura. Con Mihajlovic questa cosa succederà molto meno per cui i margini per svarioni vari si riducono. Padelli tra i pali invece, a mio parere, è molto affidabile e non inferiore alla maggior parte dei portieri di serie A.

    • Parente??
      Ognuno è padrone di pensarla come gli pare ci mancherebbe, per come la vedo io i piedi di Padelli sarebbero il meno, in fondo è un portiere e non tutti i portieri le sanno usare, il problema è fra i pali, non esce mai, quando esce spesso fa guai, lentezza di riflessi (esempio punizione di Pogba nel derby) insomma un portiere che alla fine della stagione come e’ solito dire non porta punti ma ce li fa perdere, un portiere con una carriera costellata di papere, (es: cliccate su Youtube Padelli-Liverpool)

    • L’immagine che ho io in mente di Padelli (oltre a tutte le papere che ha combinato) è quella di lui piantato in mezzo ai pali che guarda la palla dentro la rete e apre le braccia come a dire “cazzo un’altra volta! e che ci potevo fare?”
      Sarà un bravo ragazzo (le presunte voci su ciò che potrebbe forse a detta di chissà chi aver detto non le voglio nemmeno ascoltare) ma come primo portiere di una squadra che vuole lottare per L’E.L. non va bene…

  35. se padelli viene fischiato,ripeto se,e’ perche’,oggettivamente ha esasperato.solo la poca buona fede dell’ex mister ha potuto far si che giocasse titolare nel toro,dopo una vita passata da mediocre riserva.a pisa vice di morello,fate voi.vives non solo disse quella sciocca frase ai tifosi,ma dopo quell’ignobile derby,disse anche..”e io che c’entro?mica ho giocato..”bel leader,sisi,come no.onestamente,avevano stufato leader molto piu’ carismatici come cereser e agroppi,ai tempi.il ricambio e’ fisiologico,via anche lui

  36. I portieri sono conteggiati nella lista 25 o hanno regole a parte?
    Nel primo caso non capisco perche’ sprecare un posto per il terzo portiere, che quasi non vede il campo neanche nelle amichevoli. Perche’ non tenere un under-21 (magari il portiere primavera) come terzo?
    Nella improbabile eventualita’ che entrambi i primi 2 portieri si infortunassero gravemente si potrebbe sempre tornare sul mercato svincolati.

  37. Gazzi e Obi è giusto cederli, ma Peppiniello lo terrei. Oggettivamente ha sempre fatto il suo e in un momento del genere con un cambio importante in panchina e tanti addii, credo sia giusto tenere almeno uno dei “senatori”. Vero c’è Moretti, ma Vives se ci pensate in questi 5 anni ha sempre fatto il suo ovunque sia stato messo (anche in panchina o nello spogliatoio). Giocherà qualche partita di coppa Italia e qualche spezzone di gara, ma lo terrei. Diverso il discorso di Padelli: con Gomis tutto da scoprire, io preferirei di gran lunga un “secondo” che all’occorrenza possa fare comodo se Gomys non reggesse la pressione, e Padelli non è certo una garanzia.

  38. A parte i fischi al portiere che durante la partita sono solo autolesionisti, pensò e spero che una eventuale cessione di Padelli sia accolta e trovi d’accordo l’unanimità dei tifosi.
    Se così non fosse ciò vuol dire: o parentela con il portiere o infiltrazione gobbe tra le nostre file.

  39. Non so chi e se andrà via, l’unica cosa che so è che se dovesse andar via Peppe mi spiacerebbe. Capirei la scelta societaria, assolutamente, però un piccolo pezzo di storia recente del Toro se ne andrebbe. #SFT

  40. RolandoBianchi95 non ho capisco perché Vives avrebbe sminuito i tifosi. Lui ha detto che chi fischiava Padelli non pagava il biglietto. Può essere che non fosse proprio così e anche tu, che il biglietto lo paghi, fossi fra i fischiatori. I quali, a mio parere, fanno il male del Toro. Non capisco però perché ti sentiresti sminuito. Magari Vives ha sbagliato la valutazione, ma non mi sembra ti abbia mancato di rispetto. Invece mi sembra abbia difeso la squadra per cui gioca, incidentalmente il Toro. Quindi Vives ha cercato il bene del Toro.

    • Le vedove del Guru proprio certe cose non le vogliono proprio vedere. Dai che le epurazioni vanno avanti: dopo il Guru e Glik speriamo negli ultimi due Vives e Padelli. Anche se vendere Padelli sarà un’impresa.

      • Ma vedove di cosa? Cosa c’entra Ventura. Uno degli errori del mister fu quello di voler escludere Padelli per Gillet nell’anno dell’Europa League. Ci costò caro, anche se poi rimediammo. Quindi non credo che ventura fosse un estimatore di Padelli a prescindere. E poi per me Ventura o Miha fanno poca differenza …. il concetto è sempre lo stesso … sostenere il Toro e farne un bella squadra, tifosi compresi. Invece qui si è sempre a dare contro a qualcuno. Anche per colpa di articoli senza senso come questo

    • Ciao. Io sono un tifoso del Toro spettatore pagante che fa dei sacrifici per andare allo stadio. Fischio se mi va di fischiare,si è sempre fischiato e sempre si farà. Tanto più se il portiere si gira e mi rivolge improperie e sai che lo ha fatto. E poi mi sento dire da un “miracolato” del calcio quale è Vives che farebbe fatica a fare il titolare in certe compagini di B che io ho fischiato perchè “non ho pagato il biglietto”? Rumenta! Sciò sciò

  41. Se Obi non si rompesse spesso sarebbe anche da tenere, non è male quando è in forma,
    ma purtroppo come fare affidamento su un calciatore che doveva partire titolare e ad alla fine ha giocato solo 11 partite?

  42. Mi spiace per Gazzi anche se capisco sia per il livello che finalmente si alza (un anno fa Lukic ce lo sognavamo e Gazzi sarebbe rimasto,vi sfido a darmi torto) ma Vives con quell’uscita in cui ha detto che chi fischiava Padelli era “gente che non pagava il biglietto”, sminuendo i tifosi mi è caduto ai livelli del suo condottiero ct. Adieu,sempre che riusciremo a venderti.