Gomis a colloquio con la società: può andare al Bologna

88
4644
gomis
CAMPO, 10.7.16, Torino, Sisport, allenamento del Torino FC, nella foto: Alfred Gomis

Gomis sembra destinato ad un nuovo prestito, nel pomeriggio si è recato in sede per parlare del proprio futuro e ora potrebbe essere ceduto al club emiliano

L’arrivo di Hart ha complicato ulteriormente la situazione portieri in casa Toro. Già da tempo sia Gomis che Padelli sembravano in bilico a causa della scarsa affidabilità dimostrata in più occasioni: se il portiere ex Cesena, infatti, ha commesso molti errori durante le amichevoli pre-campionato, il più esperto collega non ha fatto certo meglio nella passata stagione dove, in più di un’occasione, non si è dimostrato molto sicuro nel difendere la porta granata. Così, dopo aver ufficializzato il prestito di Ichazo al Bari, il Toro potrebbe lasciar partire, in queste ultime ore di mercato, almeno uno dei due estremi difensori.

Il maggior indiziato alla partenza è Gomis: difficile, infatti, che il giovane portiere, rientrato dal prestito al Cesena proprio con l’intenzione di giocarsi le sue chances da titolare in Serie A, possa accettare di rimanere nella rosa granata, accettando il ruolo di riserva. L’ex Cesena si è appena recato presso la sede del Torino, in via Arcivescovado, per discutere della sua situazione e chiarire quale potrà essere il suo imminente futuro. Il giocatore si trova da circa tre quarti d’ora dentro gli uffici della sede del club e l’ipotesi più ragionevole a cui si possa pensare è che si stia cercando di  trovare la migliore soluzione possibile per il portiere.

*** AGGIORNAMENTO ***

Dopo circa tre quarti d’ora, Alfred Gomis ha lasciato la sede del Torino, dove ha parlato con i dirigenti granata, per raggiungere la Sisport e effettuare la seduta di allenamento. Per il portiere si sta facendo sempre più concreta l’ipotesi di un prestito al Bologna. I rossoblù sono alla ricerca di un portiere che possa fare il titolare, visto che sono emersi dei problemi, probabilmente di natura fisica, di Mirante: fallito il tentativo di arrivare a Gabriel, la società felsinea sta ora dirigendo i propri sforzi per arrivare a Gomis.

Condividi

88 Commenti

  1. Mossa intelligente. L’avevo prevista quando è stato ufficializato Hart, tenere Padelli come secondo e dare in prestito Gomis in A e Ichazo a fare esperienza.
    E’ arrivato il “colpo di fortuna” con l’infortunio di Mirante e quindi ghiotta occasione per Gomis per farsi notare in serie A.
    Dai Alfred, dacci dentro!

  2. Quando lasci un club dove vai alla grande, ecco tutto quel che ti può capitare: sarà il best seller scritto da cerci il prossimo anno dove non giocherà nè nel calcio che conta nè in quello che non conta. Anche se mi dispiace, lo ammetto. Intanto chi è quello che ha messo in giro la voce della bomba a Francoforte: Cairo per tenersi Maximovic (scherzo)?!?

    • Forse il discorso è più semplice: magari a Ventura quei giocatori andavano anche bene (volente o dolente), tanto il traguardo era una tranquilla salvezza, mentre a Miha no. Per raggiungere l’Europa, così come ha dichiarato lui, ha bisogno di altri giocatori, considerato anche il fatto che è cambiato il modulo..

  3. Sul portiere alla fine si sono mossi bene. Con Hart titolare meglio dare i due giovani in prestito e soprattutto Alfred in prestito secco. Il problema è con la lista 25. Se non vendono qualcuno, qualcuno rimane fuori rosa

  4. Purtroppo ha avuto le sue occasioni in amichevole e le ha sprecate malamente con un paio di errori clamorosi. Se davvero si riuscisse a mandarlo a Bologna in prestito per fare il titolare ben venga. In compenso abbiamo ancora una serie di giocatori in esubero, non si capisce quando verrà ufficializzato Simunovic. Chi va via? Bovo oppure Ajeti?

    • Si fidano del certificato di idoneita’ sportiva del Torino ,per forza perche’ non farebbero in tempo,quindi arrivati a Ciampino andranno direttamente a firmare il contratto negli uffici della FilmMauro,ma non facevano prima a firmare a Ciampino e mandare la mail certificata(pec) col telefonino.Comunque sono convinto che nel Napoli si rompera’ di nuovo ,la frattura del metatarso e’ in una sede molto delicata per un calciatore,chi di sfiga colpisce, di sfiga perisce,come un boomerang.

  5. Io penso che ci sia una grande fretta nel valutare un giocatore, specie se questo è un giovane. D’accordo, avevamo questa possbilià per Hart, ed è stato giusto sfruttarla. Ma se tu sei riuscito a fare un ottimo campionato in B e sei ancora un ragazzo dovresti avere almeno cinque o sei partite di campionato, con la difesa titolare, per farti vedere. Perchè è poi in serie A che cresci veramente,prima è solo una preparazione. Io spero che Barreca e Aramu almeno rimangano. Le occasioni arriveranno. Non è che sono convinto già a priori della loro forza. Ma sono convinto che solo provandoli nel corso di una stagione è possibile vedere chi siano.

  6. che la primavera sia inutile non lo si scopre ora, in questi anni con una finale ed una vittoria in campionato, la vittoria anche della supercoppa…non siamo riusciti ad avere neanche un giocatore in grado di fare la differenza in serie B; i più forti, Gomis-Parigini-Barreca-Aramu-Edera sgomitano anno dopo anno tra prestiti e prestazioni altalenanti; nel frattempo gli anni passano inesorabili e l’etichetta di promessa vale sempre meno… Credo che da quest’anno ci sarà un’inversione di tendenza andando a comprare giovanissimi come lukic etc che alla fine ti costano pure meno (solo far giocare Barreca 15 partite a Cagliari è costato quasi 400k euri di valorizzazione)

  7. Gomis per me sarebbe pure restato come secondo, ma io credo che la società abbia scelto Padelli, per quel ruolo. A me dispiace molto perchè non si riesce mai a vedere un nostro giovane in prima squadra. Sarei tentato a voler la chiusura della Primavera, per quel che serve. La società questa volta lo aveva anche sponsorizzato con l’allenatore ma questo ha deciso che non ne valeva la pena insistere. E’ vero che Alfred ha fatto molto per non farsi confermare. Passi tutto, ma due cappelle così enormi farebbero ripensare chiunque. Ma nonostante questo c’era da insistere perchè il ragazzo ha delle doti e con HArt si sarebbe fatto quel bagno di umiltà di cui credo abbia tanto bisogno, senza lasciare sempre la squadra come un incompreso e lavorare con più intensità in allenamento. Io credo che sia in allenamento che Padelli convinca l’allenatore di turno. L’ho sempre visto allenarsi bene e fare meglio degli altri

  8. Tanto abbiamo Hart in prestito, non giocherebbe comunque, intanto assapora la serie A, si rafforza mentalmente e Mirante è più scavalcabile di Hart, non ci sarà anche da polemizzare su questo? Mamma mia ma prendete una camomilla cari tifosi.

  9. beh se è vero che Mirante ha dei problemi e c’è la possibilità di fare il primo, ci può stare…diversamente tra stare in panca là, tanto vale aspettare la fine del prestito di hart cercando di imparare il più possibile. boh.

  10. Alfred Gomis verso il Bologna. Il club emiliano ha scelto l’estremo difensore senegalese classe ’93 che – riporta Sky – arriverà a titolo temporaneo dal Torino. A questo punto, Daniele Padelli è destinato a restare in granata per fare il vice di Hart.

  11. ormai è bruciato, tre anni di B, la prospettiva di un quarto…ormai la sua carriera è definitivamente avviata alla mediocrità, salvo esplosioni particolari. Questione di abitudine agli alti livelli, pressione, motivazioni…quattro anni di B sono troppi se hai qualità, viceversa che venga ceduto a titolo definitivo e amen.

  12. Credo che Alfred si senta esageratamente il miglior portiere della rosa. In un Toro che lottasse per non retrocedere potrebbe anche starci, ma in un Toro che ambisce al 5° posto dovrebbe accontentarsi del ruolo di secondo nel caso in cui parta Padelli oppure chiedere di andare in un’altra squadra di A di terza fascia a contendersi il posto da primo portiere. Spiacente, ma se avesse mostrato continuità di buon rendimento ovunque, sarebbe stata altra cosa.

    Se chiede di essere mandato in prestito fa bene: il Crotone di Davide Nicola saprebbe come usarlo al meglio.

  13. Dunque:
    bisogna gestire in contemporanea le possibili uscite o i malumori di: Gomis, Padelli, Ajeti, Vives, Zappacosta, Obi, Taxidis
    Le possibili entrate e/o guai di: Simunovic, Pazdan, una mezzala, il giovane uruguagio, il terzo portiere se va via Gomis e Padelli.

    Oltre a Mandrake Petrachi, chi parla telefona fa, decide, firma?
    Curiosità…….