Valdifiori ma non solo. Miha: “Due rinforzi per l’Europa”

77
7058

A centrocampo il Toro lavora con insistenza. Il metodista è la priorità, ma si cerca anche una mezzala che possa dare sostanza al reparto per cambiare volto alla squadra

Non vuole nascondersi, Sinisa Mihajlovic. Non l’ha mai fatto, non lo fa nemmeno ora, con il Toro cantiere aperto sul mercato, alla ricerca del giusto uomo a centrocampo. O, per meglio dire, dei due uomini giusti per il centrocampo. L’allenatore granata è stato chiaro: “Per il metodista abbiamo una lista ristretta di nomi; ma non sarà il solo: abbiamo bisogno di rinforzi per l’Europa“, ha dichiarato ieri. Già, l’Europa: una parola che non fa paura, che non è un tabu. Un obiettivo che per il primo anno è forse ambizioso, ma che in due anni il tecnico vuole conquistare. Con il lavoro quotidiano, certo, ma anche con l’aiuto del mercato. Non c’è quindi solo Valdifiori tra i desiderata dell’ex allenatore del Milan.

Per il centrocampista del Napoli, la trattativa è caldissima: da tempo è il primo obiettivo della dirigenza granata, che spera di poter chiudere presto con De Laurentiis (si lavora al prestito con diritto di riscatto) forte anche dell’altissimo gradimento del giocatore, con il quale l’accordo è praticamente raggiunto. Poi c’è Lukic – o un giocatore dal profilo anagrafico simile –, come possibile vice del regista. Ma è un’operazione di contorno, molto diversa rispetto a quanto detto da Mihajlovic ieri.

Perché il tecnico è stato chiaro: se si vorrà arrivare in Europa, serviranno acquisti di sostanza, come la mezzala che il Torino sembra intenzionato a portare entro la fine del mercato, per dare un’ulteriore spinta alla linea mediana granata. Servono centrimetri e muscoli: solo Acquah e Gazzi (quest’ultimo in partenza) attualmente hanno quelle caratteristiche. Mihajlovic continua a stravedere per Kucka, che nei piani del Milan rientra poco e che era stato uno dei primissimi nomi svelati su queste pagine per il centrocampo granata. Ma per lo slovacco ci sarà ancora da trattare parecchio, viste tutte le difficoltà economiche che un’operazione con i rossoneri può comportare.

Quel che conta è che il Toro, grazie anche alla spinta di Mihajlovic, non vuole fermarsi al solo Valdifiori. Anche per il centrocampo, come già avvenuto per l’attacco, i rinforzi che si aspettano sono due: e di peso. Per fare in modo che la parola Europa possa fare sempre meno paura, ma possa diventare sempre più un obiettivo concreto. Da Toro.

Condividi

77 Commenti

  1. dopo 5 anni, finalmente non ho più quella fastidiosa, urticante sensazione di sentire un allenatore del TORO che tutte le volte che apre bocca, in un modo o nell’altro, prende sottilmente per il culo i tifosi del TORO. In attesa che parli il campo, è già qualcosa.

  2. Che palle ancora con sta storia dei giovani! Junior era giovane per caso? Zaccarelli vinse il Guerin d’Oro a 35 anni, miglior giocatore cel campionato, secondo lo standard di molti qua dentro lo si sarebbe dovuto pensionare già da molto prima! Poi mi pare di capire che la definizione di giovane sia alquanto ristretta per molti tifosi: tra i 19 ed i 22 sei acerbo, sopra i 25 sei già anziano/vecchio, oltre i 30 da gerontocomio. E’ un po’ esagerato no?

  3. A proposito di Ciro……….Immobile alle visite: “Sono felice ed emozionato. Volevo i biancocelesti”.
    Una troia da casino al suo confronto è Marie-Bernarde Soubirous detta Bernadette….comunque come lui tanti…..

    • Certo che la sua scelta non la capisco proprio…Scegliere una squadra come la Lazio che non sai che progetto ha che è allo sbando, che si ritrova Inzaghi come allenatore, non gioca le coppe e alla fine gli ha dato “solo” 200.000 € in più di noi manco lo avessero sommerso di euro o gli avessoro promesso la C.L….Mah…Io sono solo contento (meglio Maxi Lopez di quell’infame) e spero che sia lui, che la Lazio che quel mafioso di Lo Tito vadano in B…..

  4. AMARCORD. EX-GRANATA ALLA RIBALTA. Ciro IMMOBILE (’90, attaccante) non è solo un nuovo attaccante della Lazio, ma anche il nuovo presidente onorario del Savoia. E’ stato invitato a dare una mano per risollevare le sorti del calcio torrese, precipitato in Eccellenza. Dopo i fasti della B, toccata con Osvaldo Iaconi, con il determinante contributo del “nostri” Califano, Tiribocchi ed Alessi. Elvis ABBRUSCATO (’81, attaccante) a 35 anni passa dal campo alla panchina. E’ il nuovo allenatore della Berretti dell’Arezzo. Un suo coetaneo, altro ex, Mario Alberto SANTANA, invece non desiste. Vuole ancora giocare e rinnova il suo vincolo con la Pro Patria. Alessandro PELLICORI (’81, attaccante), dopo gli anni con Cosenza e Catanzaro, ritorna nella natia Calabria. Ha firmato per il Castrovillari. Stefano PROCIDA (’90, difensore) resta ancora in Piemonte. Dopo il Derthona, ha raggiunto un accordo con il Cuneo. Luigi VELOTTI (’90, difensore, cresciuto con Antonino Asta nel settore giovanile granata), poi un lungo girovagare in Campania fra Sapri, Ebolitana, Nola, Scafatese e Savoia, firma per l’Afro-Napoli (Associazione Dilettantistica Multietnica), che disputa il campionato di Promozione.

  5. Alvisezago..se un giocatore come Viviani vale due milioni in piu’ di Valdifiori preferisco spendere quei due milioni in piu’ ma sto tranquillo..adesso che hanno venduto Mino penso che qualche soldo in piu’ sia entrato..

  6. Mi piacerebbe un Toro con più moduli, ciò permetterebbe di adattarsi volta per volta all’avversario di turno. Sarebbe anche un modo di tenere giocatori incompatibili se si adotta un solo schema. Uno dei grossi limiti dell’anno scorso era l’impossibilità di qualsiasi variazione tattica. Variazione significativa, intendo.

    • Con il massimo rispetto per la tua opinione ovviamente, ma è esattamente quel che non mi auguro. Si deve avere un’idea di gioco secondo me e una squadra che si adatta al momento di partita che si sta attraversando, ma non adattarsi all’avversario cambiando addirittura la formazione.

    • Mihajlovic è stato parecchio chiaro al riguardo il modulo sarà il 433 salvo rare occasioni per le quali si passerà al 4312. Ma nessuno stravolgimento di modulo. Del resto una squadra forte o che si reputa tale, non cambia modulo nè giocatori in base agli avversari, casomai sono gli avversari che cambiano per timore! Restando nel nostro campionato basta guardare (aimè) i gobbacci, sono indiscutibilmente i più forti e non cambiano mai il loro modulo perché dovrebbero?…chi cambia modulo a secondo delle squadre che incontra sono prevalentemente squadre da metà classifica in giù oppure squadre che non riescono a trovare una quadratura tattica…o con giocatori non adatti ecc ecc…

    • un minimo di flessibilità tattica è bene averla. Ma spero di non rivedere i salti mortali tattici fatti fare al Milan lo scorso anno da Miha (dopo avergli fatto spendere badilate di euro sul mercato) prima di virare su uno scolastico 442 che ha regalato un minimo di continuità di risultati, non sufficiente ad evitargli l’esonero. Non era solo colpa sua, chiaro, visto che al Milan ormai non ci si capisce più nulla da anni. E secondo me anche Montella ci lascerà le penne se non si svegliano. Speriamo facciano sogni d’oro….

  7. Leggendo e sentendo l’intervista di Mihajlovic ieri mi è parso che ci sia comunione d’intenti tra staff tecnico e società. Sanno bene quali sono le richieste del mister e tenteranno d’accontentarlo il più possibile. Valdifiori – Kucka – Soriano sarebbero 3 gran bei rinforzi, più qualche giovane tipo Lukic da far crescere. Non so se arriveranno tutti o meno, ma le idee ci sono e belle chiare. #SFT

  8. Non riesco a capire questo innamoramento per i ‘gggiovani’ a prescindere. Valdifiori ha 30 anni, fino a 34/5 nella su posizione si può giocare tranquillamente, mi chiedo ma quanti giocatori sono rimasti al Toro per più di 5 anni? Se Immobile avesse avuto 30 anni invece di 25 a noi cambiava qualcosa?

    • In termini di gioco puro e semplice no, in termini di plusvalenze e quindi guadagno per il Torino e quindi investimenti per il rafforzamento della squadra si! Se ora compri Valdifiori che ha 30 anni a 4 milioni se non finisce la carriera da noi lo rivendi alla metà se non meno tra 2 o 3 anni…Se compri un Viviani che ha 24 anni a 6 milioni e fa un paio di stagioni alla grande, nel caso volesse andarsene a giocare la C.L. lo si riuscirebbe a vendere sicuramente al doppio di quanto speso e per il Torino sarebbe comunque un bel guadagno…questo ovviamente a parità di rendimento…

      • ah le plusvalenze… dai anche qui di cosa stiamo parlando? Se fa due stagioni alla grande, se poi se ne va… se… se… Io spero che ci sia un giocatore che gioca bene quest’anno nel ruolo giusto e con le caratteristiche che vuole l’allenatore. Di giovani ne abbiamo già parecchi e lì ci sono tutti i ‘se’ del mondo, tanto che molti che criticano la squadra attuale dicono che si poggia su troppe scommesse. Se avete letto Miha ha detto che serve un mix di giovani e esperienza, quindi ben venga il giocatore giusto per questa squadra quest’anno. I conti con i se li faremo poi

      • Secondo me Vives in questi ultimi 3/4 anni è stato uno dei migliori giocatori di tutta la serie A per rendimento, però ai tifosi non è mia piaciuto un po’ perché passava per essere il cocco di Ventura un po’ perché era vecchio. Chi se ne frega sinceramente, io lo stimo perché si è sempre fatto in 4 ed ha dato tanto sin dall’anno della promozione

        • Sono assolutamente d’accordo con te su Vives, per quanto riguarda il discorso plusvalenze, io le considero eccome visto che il Torino si basa in gran parte a quelle! Comunque prima stavamo parlando di due giocatori con esperienza in serie A più o meno allo stesso livello, ma uno di 30 anni e l’altro di 24 non stavamo parlando di scegliere Valdifiori o Lukic…Ovvio che nel primo caso continuo a preferire il più giovane, nel secondo caso il più vecchio…(per l’immediato) ma il più giovane da far crescere con tranquillità…

          • Secondo me come giocatore al momento tra Valdifiori e Viviani c’è una bella differenza, ma a favore di Valdifiori. Credo la pensi così anche Miha.

  9. A oggi con questi parlare d’europa è una bestemmia e lo sarebbe anche con Valdifiori, analizzando i vari reparti abbiamo in portiere da valutare con la sua riserva o presunta tale che purtroppo ben conosciamo,il reparto difensivo è indebolito rispetto allo scorso anno data la partenza di Glick, con Moretti anziano, i giovani da valutare e Maksi in forse , quindi anche li ci vorrebbero investimenti importanti,il centrocampo non è assolutamente di livello troppi mezzi giocatori che dovrebbero esplodere o anziani scoppiati li si dovrebbe rivoluzionare il reparto con almeno 3 giocatori veri non scommesse, l’unico reparto che sulla carta da garanzie è l’attacco ma per il resto se non s’investirà alla grande parlare d’europa è fuori luogo.

    • @Pelogrigio perdona se ti correggo, ma Maksimovic sembrerebbe sicuramente nostro ancora per quest’anno, dichiarato sia da Mihajlovic che da Cairo. Per quanto riguarda gli altri giocatori del reparto difensivo è vero che Glik è andato via ma per avere il Glok dello scorso anno preferisco un Moretti con un anni in più! In oltre ci sarebbe questo Ajeti che pare essere un arroarmato ed è giovane..Jansson lo scorso anno quando ha sostituito Glik non lo ha mai fatto rimpiangere perciò non credo il reparto si sia indebolito, magari non si è rafforzato,quello si. Al centrocampo credo che tutti siano consci che si devono apportare delle correttive di sostanza e di qualità che per ora mancanoe infatti è li che stanno maggiormente lavorando. Per il reparto offensivo mi pare che tutti si concordi che è il reparto migliore che abbiamo (sulla carta)… Vediamo a fine mercato e inizio campionato come saremo messi prima di giudicare e soprattutto criticare…

    • Bèh il suo procuratore è una cosa, il Verona che ne detiene il cartellino e ne fa il prezzo un’altra… Verissimo che ci sta già leccando da tutte le parti il procuratore di Viviani per cercare di portarlo da noi, ma se il Verona non abbassa le pretese per ora non si prende, se poi non dovesse arrivare nessun’altro ad acquistarlo (e noi non avessimo già prese Valdifiori) potrebbe arrivare più avanti…

    • Obi è da tenere! Se quest’anno non dovesse avere problemi fisici è un gran bel giocatore altro chè cederlo….Aramu è un buon jolly d’attacco e fa anche la mezzala e si sta facendo discretamente vedere in queste prime uscite, non lo darei via a cuor leggero…piuttosto darei in prestito Parigini che sembra quello che sta faticando di più…Gazzi e Bovo sicuramente li cederei e poi uno tra Zappa e Peres anche se sarei più propenso a cedere Peres che ha più mercato, ci darebbero più soldi per poterci rinforzare e sicuramente il prossimo anno non ci starebbe con noi mentre Zappa credo di si…

      • Secondo me sarebbe più fattibile Valdifiori (chioccia) Lukic e (magari) Kucka… Io penso che se dovesse venire Viviani (prezzo 6-7 mil) difficilmente si prenderebbe anche Lukic anche se Viviani mi ispira di più di Valdifiori, fosse anche solo per l’anagrafe..

  10. De Silvestri, Soriano e Kucka possiamo prenderli anche l’ultimo giorno di mercato perchè conoscono benissimo ciò che richiede mister Mihajlovic.
    Occorre prendere subito Valdifiori e poi trattare e scontare ad oltranza i 3 pupilli del mister.

  11. A me piacerebbe, e credo si possa fare con la vendita di Bruno Peres, la seguente formazione:
    Gomis – De Silvestri – Maksimovic – Moretti – Avelar – Kucka – Valdifiori – Soriano – Ljiaic – Belotti – Iago
    Panchina:
    Padelli-Zappacosta-Jansson-Silva-Barreca-Acquah-Vives-Baselli-Martinez-Maxi Lopez-Boye
    Diciamo che dalla cintola in su saremo molto forti mentre un pò debolucci dietro dove magari un intervento lo farei.

  12. più che “relativismo”, “pragmatismo” (tutti termini quasi scientifici che state usando voi), io lo chiamerei “accontentarsi”. che non sarà proprio la stessa cosa (per certi versi) rispetto all’avere invece quei gusti…

  13. Kucka in mezzo al campo serve molto secondo me. Dopo di che il focus è a destra in difesa, Zappa e Peres non possono rimanere un altro anno insieme, sarebbe Zappa a voler partire in quel caso. Gioco a fare il Mister e dico che abbiamo due opzioni Toro possibili.
    433: Gomis; Zappacosta, Maksimovic, Moretti, Barreca; Kucka, Valdifiori, Baselli; Iago Falque, Belotti, Ljajic
    4312: Gomis; Zappacosta, Maksimovic, Moretti, Barreca; Kucka, Valdifiori, Benassi; Baselli; Belotti, Maxi Lopez

    A me suonerebbero bene, considerando di aver dietro giovani come Lukic, Parigini, Aramu ed altri in rosa di esperienza. Titoli di coda per Vives-Gazzi sicuramente.

  14. Abbiamo 11 difensori in rosa e gli unici che potrebbero essere definiti “titolari” sono pronti a partire: Peres e Maksimovic. Le parole di Miha ieri sono state molto chiare.
    A centrocampo abbiamo giocatori vecchi (Gazzi, Vives) o di cristallo (Obi)o dubbia utilità/collocazione (Baselli).
    C’è bisogno di pulizia e rinnovo in questi comparti

  15. non mi sembra che tu “tari” i gusti. anche se “tarare” non è il termine esatto. i tuoi gusti continuano ad essere “belen” e “un certo tipo di presidente”. che poi ti accontenti, è altra cosa. il mio discorso è altro. e il “migliorare” è un concetto parallelo a tutto questo.

  16. Nessuna punizione nè frustrazione, si chiama relativismo: io sono contento dell’acquisto di Ljajic ma nello stesso tempo sono consapevole che non è Messi. Sono contento della mia fidanzata ma sono consapevole che non è bela come Belen, Sono contento di Cairo ma prendo atto che non è un arcimiliardario che comprerà con soldi suoi grandi campioni che ci faranno vincere la champions. Chi guadagna 5000 €, al mese può essere contento ed è ricco rispetto a chi ne guadagna 1000 ma è un poveraccio rispetto a chi ne guadagna 50.000. Occorre essere consci delle proprie possibilità e tarare i gusti su quelle e poi si è contenti. Buona giornata a tutti, vado a lavorare!

  17. Ma Henrinksen e’ un pista abbandonata.! Agente mal visto al Toro??? Peccato..visto che Soriano non potrà mai venire mi accontentavo..Forse vogliono Provare Baselli trequartista…
    Con le grosse squadre e fuori si dovrà necessariamente passare a 4 sulla mediana…Il 433 e’ troppo a rischioso. Anche il Milan dello scorso anno lo ha dimostrato.

  18. un’altra cosa: faccio ammenda. ha avuto ragione cairo a comprare ljajic, sia per l’entusiasmo dei tifosi a bormio, per lui (le maglie nr 10 vendute), sia per cosa ha già fatto vedere da quando è a bormio. è solo l’inizio, ma l’inizio è importante. questo lo dico solo per far capire agli avvocati, ai bambini piccoli che imperano in questo forum, che si cambia idea, si ammette di aver sbagliato, se una anche piccola verità emerge. siamo grandi. il più giovane avrà 30 anni. ne abbiamo tutti 50 e più.

  19. vorrei sottolineare che su tre “testate giornalistiche” che ho guardato, tutte e tre hanno scritto che l’assist (straordinario) a falque lo ha fatto obi. non ho parole. è bello ragionare con la propria testa e chiamarsi “redazione”. “redigere” è un verbo vago e indefinito.

  20. a @graziano delle 21:09 di ieri (e ad altri, presumo):
    così come non preferisco (anzi, esattamente il contrario) “belen rodriguez” ad una altra donna molto più “normale” (definiamola in questa maniera semplicistica), così non preferisco quel presidente che ci mette centinaia di milioni. io non “me lo faccio piacere”, quella normale, e non “mi faccio piacere” il presidente che non ha centinaia di milioni da metterci. mi chiedo se questa frustrazione continua abbia un senso. cos’è, una punizione, tifare toro? è un “vorrei ma non posso?” non l’ho mai capito.