Primavera domani a Verona: Coppitelli punta sul tridente

0
280
primavera
CAMPO, 29.07.16, Acqui, amichevole precampionato, TORINO PRIMAVERA - RAPPRESENTATIVA ACQUI.

Dopo la vittoria contro l’Avellino, la Primavera del Toro dovrà affrontare il Chievo reduce da un pareggio. Il tecnico si aspetta progressi dai suoi giocatori

Non poteva esserci esordio migliore per la Primavera di Federico Coppitelli. Il tecnico granata, dopo il bel 3-0 sull’Avellino di sabato scorso, punta al bis in casa di un Chievo Verona agguerrito e poco soddisfatto del pareggio per 3-3 contro l’Empoli. Il Torino, primo in classifica ex aequo con Sassuolo, Carpi e Cittadella, vuole però cercare di consolidare la sua posizione: andare subito a sei punti, significherebbe un enorme passo avanti per il lavoro del neo tecnico granata, intenzionato a continuare l’ottimo lavoro del suo predecessore Longo.

La strada è ancora lunga, c’è molto da fareaveva infatti dichiarato l’allenatore al termine della gara contro gli irpini. E in settimana i giocatori hanno lavorato parecchio, nell’ottica di confermare quel 4-3-3 ormai marchio di fabbrica della Primavera granata che anche la scorsa settimana ha dato i suoi frutti.

Coppitelli, per affrontare i clivensi, avrà davvero tante frecce nel suo arco a disposizione. Da capire se potrà essere o meno impiegato bomber De Luca, settimana scorsa aggregatosi alla prima squadra di Mihajlovic, a corto di attaccanti. Possibile ipotizzare che anche contro l’Empoli, il tecnico serbo decida di chiamare qualche elemento della Primavera, magari alternandolo con chi ha selezionato per la scorsa partita.

Nel caso in cui, invece, proprio De Luca dovesse essere confermato con Vives e compagni, allora sarà Tobaldo la boa di riferimento lì davanti, con le ali a supporto (Berardi e Gjuci, con ogni probabilità), pronti ad alimentare la manovra d’azione offensiva. Per capitan Auriletto e compagni, l’occasione è ghiotta e una vittoria non è impossibile: confermarsi subito, permetterebbe di aumentare, non di poco, la consapevolezza che il lavoro svolto in estate è stato positivo. Così come significherebbe che buono è il materiale su cui l’allenatore potrà lavorare durante l’anno.

Condividi