Longo: “Felice per Barreca e Aramu, il vento è cambiato”

84
4256
longo
CAMPO, 13.8.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 3.0 turno di Coppa Italia, TORINO-PRO VERCELLI, nella foto: Moreno Longo

Esclusiva / L’ex tecnico della Primavera saluta l’esordio dei suoi due pupilli: “Sapevo che ce l’avrebbero fatta. Questo Toro può andare in Europa”

Moreno Longo, alla fine il Toro ce l’ha fatta: due ex Primavera sono stabilmente in rosa e vengono anche impiegati. Se lo aspettava?
Sì, ero convinto che Barreca e Aramu avrebbero esordito nel giro di poco, l’ho detto anche in passato: sono ragazzi di qualità che avevano bisogno di essere lanciati e di qualcuno che desse loro fiducia. Con l’arrivo di Mihajlovic c’è stata un’inversione di tendenza forte, ed è arrivata l’opportunità. Penso lo abbiano ripagato, per il momento, con ottime risposte: sono forti e hanno qualità, dovranno dimostrare di poter continuare con questi presupposti e con questa fame. La vera difficoltà risiede infatti nella continuità, ma hanno tutto il potenziale per affermarsi.

I tifosi sono rimasti particolarmente colpiti dall’impatto che Barreca ha avuto con la categoria: grinta e numeri da veterano.
Io sono sempre stato un suo grande estimatore, il presidente Cairo lo sa bene, perché anche in passato mi sono espresso ed esposto più volte nei suoi confronti. Secondo me Antonio ha tutte le carte in regola per diventare uno dei più bravi d’Italia, come ha detto anche Mihajlovic: in fase di spinta è un giocatore con caratteristiche incredibili, sia in progressione, sia per quanto riguarda il piede; in difesa sta dimostrando di migliorare giorno dopo giorno. Ha disputato gare molto attente e precise in fase difensiva, che fanno denotare che con il lavoro, se continuerà così, avrà davanti a sé un futuro roseo.

Da chi li conosce bene, ha qualche consiglio da dare al terzino e all’attaccante?
Barreca deve continuare a crescere nelle due fasi, questo deve essere il suo obiettivo. Ma si vede che ci sta lavorando: migliora, come dicevo, partita dopo partita e mi sembra che lui stesso abbia avuto la percezione di dover lavorare su questo punto. Ad Aramu direi invece di dedicarsi alla continuità sulla singola partita: ancora viaggia a fasi alterne, deve cercare di essere più presente nel gioco durante tutte le fasi della gara. Ogni tanto vive ancora di sprazzi o giocate estemporanee.

Ha avuto modo di sentire i due giocatori, dopo l’esordio?
Comunichiamo spesso, abbiamo mantenuto i contatti. Ho mandato loro i miei complimenti, perché vederli esordire è stata un’emozione grande: li ho avuti per tre anni e so che per loro giocare con i grandi in maglia granata era un sogno. Vederlo realizzato è stato un motivo di grande gioia per me.

Tra i più grandi, ora, c’è anche Moreno Longo con la Pro Vercelli. Come ha vissuto il passaggio di categoria?
Per adesso molto bene: sono decisamente contento dell’esperienza qui e in un campionato molto difficile come la Serie B. Mi è stata data un’incredibile opportunità di crescita, perché se si vuole provare a fare l’allenatore a certi livelli bisogna passare da questo tipo di esperienze e fare la gavetta. Mi sto cimentando in una palestra molto formativa, dopo quasi tre mesi mi sento sicuramente arricchito, pur sapendo di essere solo all’inizio. Voglio crescere ancora, perché so in cosa posso e devo migliorare.

La dimostrazione che il salto di categoria può pesare arriva, secondo lei, da Zaccagno? È un giocatore che ha fortemente voluto, ma che ancora sta facendo panchina.
Il salto tra Primavera e calcio professionistico vero e proprio è sempre notevole. Sapevamo di prendere un ottimo portiere, che deve però sfruttare l’opportunità di questi mesi per assorbire quella che è la categoria. Lui qui ci ha già fatto capire di poter giocare tranquillamente, ma questo suo inizio da dodicesimo è un percorso che deve permettergli di comprendere al meglio le dinamiche di un campionato complicato come la B, dove le partite si affrontano con mentalità differente rispetto a quelle della Primavera. Questi mesi gli faranno bene: quando sarà chiamato in causa, e lo sarà sicuramente, potrà dire la sua.

Tornando al Toro, c’è un giocatore che l’ha colpita particolarmente?
Al di là dei giovani che ho allenato io, sono rimasto davvero impressionato da Boyè. Non lo conoscevo, e ho potuto apprezzare un calciatore dalle qualità tecniche notevoli, che abbina tanta fisicità e una cattiveria agonistica di alto livello. Penso che debba migliorare nel gioco con i compagni: quando riuscirà a inserire anche questa tessera del mosaico, diventerà un’altra grandissima risorsa per il Toro, ne sono sicuro.

Toro che, secondo lei, può puntare all’Europa?
Sì, possiamo farcela. Io voglio fare i complimenti a tutta la società, da Cairo fino a Mihajlovic, per quello che stanno facendo: perché vedere oggi la squadra è puro divertimento. Per chi come me è anche tifoso (ho visto praticamente tutte le gare), lo è ancora di più: è un Toro gagliardo, che ha coraggio. Se mantiene tutti questi presupposti, la strada per l’Europa non gli sarà affatto preclusa. Anche perché il lavoro che c’è alle spalle è davvero notevole.

Allude al settore giovanile?
Proprio così: continuo a seguirlo con grande affetto, perché ha fatto parte di me sia da giocatore, sia da allenatore. Non smetterò mai di interessarmene, devo fare i miei complimenti a Bava, Benedetti e anche Comi per quello che hanno saputo fare e per la continuità di risultati che stanno ottenendo anche ora. Ci sono i presupposti per una grande stagione, e non parlo solo di Primavera: Coppitelli è un ottimo tecnico, e sta facendo risultati come gli altri nuovi allenatori, cioè Sesia e Nordi. Se li aggiungiamo all’interno di un parco allenatori che comprende anche Menghini, Fioratti e Fogli, che ormai sono delle garanzie per il settore giovanile, capiamo subito che si potranno ottenere grandi cose. Il gruppo di lavoro è solido e compatto, voglio davvero augurare un enorme in bocca al lupo. Come a tutto il Toro, del resto. Io ci credo molto.

Condividi

84 Commenti

  1. Leggo moltissime falsità. Chiunque abbia visto qualche allenamento alla sisport ci ha trovato sempre un sacco di giovani della primavera aggregati con i grandi da Diop e Barbosa a Comentale, Graziano, Gyasi, Mantovani e tanto altri, tutti ragazzi che si allenavano costantemente con la prima squadra. Se poi per vari motivi non si sono mostrati all’altezza non è colpa del tecnico.l
    Miha quante partite della primavera è andato a vedere?
    Vogliamo parlare di Benassi e Belotti? Il primo ne ha combinate di tutti i colori, ma ha avuto sempre fiducia, il secondo l’anno scorso sembrava il fratello scarso di Rolando Bianchi, un girone d’andata nel quale ci ha persino penalizzato. Miha avrebbe avuto la stessa pazienza?
    Quanto a Longo pur con tutta la stima e i ringraziamenti per quanto fatto gli consiglierei di essere coerente fino a qualche mese fa sempre parlato bene di Ventura, da quando è a Vercelli ha cambiato versione, non fa una gran figura.

    • Altra cosa che consiglierei a Longo, ok parlare di Toro, ma definire sempre la Pro come gavetta alla lunga può svilire e indispettire i tifosi della tua squadra che ha a sua volta una grande storia che merita rispetto

      • Beh in effetti su questo rimbaud hai ragione. Io comunque in Longo Ventura e Mihajlović vedo tre allenatori molto diversi che hanno però fatto, fanno e spero faranno molto bene per il Toro. Queste contrapposizioni non mi interessano. Sempre e solo Forza Toro!

  2. Vedere nostri giovani stabilmente in prima squadra è solo e soltanto un piacere, ancor più se giocano. Però Barreca e Aramu son qui non perché Miha, a differenza di Ventura, veda di più i giovani ma per una serie di circostanze (fortunate o meno, a seconda dei punti di vista) che ne hanno reso quasi obbligatoria la permanenza. Aramu si è provato a darlo in prestito, invano, fino all’ultimo secondo, nonostante l’infortunio di Ljajic e la scarsa forma di Iago. E infatti non gioca. Piuttosto Miha ha preferito un 442 con Zappa e Acquah esterni. Poi lo ha provato 3/4, in piena emergenza, togliendolo dopo 45 minuti mal giocati. Eppure il giovane neo acquisto Boye e il criticatissimo Martinez giocano. Perché? Barreca si è ritrovato, invece, praticamente senza concorrenza ed è rimasto. Ma lo stesso Miha disse che non lo avrebbe lanciato prima di novembre circa. Questione di conoscenze da acquisire? Mi sa di si. Poi bravo Antonio a sfruttare l’occasione e a stupire tutti. Lukic e Gustafsson invece non giocano per niente. Eppure Miha li ha definiti acquisti giusti, da inquadrare però in ottica futura. Insomma, mi pare che alla fine, chiunque sia il mister, se ha in rosa un giovane forte e già abbastanza pronto lo fa giocare senza troppe seghe mentali, altrimenti lo lascia in panca o lo da in prestito. Lo ha dimostrato Ventura come lo ha dimostrato Miha. Che ha segato Gomis e Parigni, peraltro. Come faceva Ventura con quelli che non riteneva pronti. Perché i mister sono giudicati in base ai risultati e più questi son positivi, più guadagnano denaro e visibilità. Su Longo che dire? Non lo conosco e non so se è un paraculo. Mi piace Moreno, punto. E mi fa piacere sentirgli lodare la società, perche è segno che si prova a far le cose per bene. Lodarla come faceva Ventura e come fa Miha. Tre allenatori diversi accomunati da sta cosa. Trova il paraculo :-)))))

    • Sono tutti dipendenti di qualcuno che li paga e nessun dipendente che tiene al proprio lavoro, in pubblico, parla male del proprio capo, anche se pensa che sia una m..a. Non so se sia paraculaggine o ‘tengo famiglia’. Questione di punti di vista… Per il resto, come ho scritto sotto, sono d’accordo. In Italia quasi nessun allenatore, per un motivo od un altro, rischia sui giovani, a meno di condizioni particolari o di fenomeni acclarati

  3. Boh,
    per ora longo ha dimostrato meno di lerda, ma non vado oltre in attesa di vedere a fine anno i risultati della pro vercelli.
    Dire “noi siamo il Toro e dobbiamo giocare da Toro” siamo capaci tutti. L’unico attualmente che alle parole fa seguire i fatti mi sembra mihajlovic. Stop.

    • È perché giudichi in base ai risultati. Si parlava dell’uomo, non dei risultati. E da quel punto di vista Longo ha dato molto al Toro. Miha deve restare al Toro per 10 anni e forse poi si può confrontare con Moreno o anche solo con molti magazzinieri…

      • ma non spariamo minchiate!
        longo ha fatto un ottimo lavoro con la primavera
        miha sta ribaltando la Prima Squadra e i risultati e la mentalità, che sta inculcando, gli stanno dando ragione
        ci sono diversi ordini di grandezza tra le difficoltà nel gestire una squadra o l’altra
        a dire siamo il Toro e giochiamo da Toro son tutti bravi, ripeto

          • Per me è una minchiata giudicare chi appartiene al Toro in base ai risultati ed al potere che hanno e non al valore delle persone. Per me conta molto di più il magazziniere che è al Toro da 40 anni a tramandarne il significato piuttosto che un qualsiasi professionista che non sa manco cos’è il Toro e ribalta la Prima Squadra… Questione di punti di vista delle minchiate

  4. pffff…provo ad inquadrare un po’ di cose,visto che l’ambiente l’ho vissuto dall’interno per trent’anni.adesso non piu’,ma parecchie cose me le dicono.tra ex giocatori,ex dirigenti e rari giornalisti seri,diciamo che si discute.questo e’un ambiente di paraculi,dove tutti parlan bene di tutti in generale,nel privato,moltomolto meno.longo e’molto ambizioso,quindi un po’di diplomazia e’necesssaria,come pure toccare certe corde,anche se a lui riesce molto meglio che al suo,per me,strasopravalutato predecessore.non e’ neanche che mihajlovic lancia piu giovani,l’altro meno,non e’ quello.e’,invece il modo in cui fai capire al giovane che lo tieni d’occhio.ritengo un grave,gravissimo errore non aver mai,dico mai,presenziato alle partite delle giovanili.sapere che il tecnico della pma squadra,ti dedica del tempo,e’importante,responsabilizza molto.certo poi,se sei ciofeca,amen,ma altrimenti e’ un bel segnale.parliamo di parigini e barreca?ok,dai.il secondo cocciuto,nel senso positivo del termine,il pmo montatino,con un padre che lo cissa in maniera,scusate ignorante e deleteria..barreca che sputa l’anima in allenamento,come aramu,l’altro invece,chiama subito il procuratore,che e’ un vero coglione(parretti).non ‘e’stato difficile scegliere,vero?poi,da sempre le combinazioni aiutano,e qui alcuni infortuni,han prodotto buone cose astrali.torno un attimo a longo:come detto,tutti parlan bene di tutti,fin ad un certo punto.moreno si e’lamentato piu’ volte di determinate situazioni,e dei pochi cambi a disposizione,ma bava nicchiava sempre.credo che abbia un rapporto migliore con la presidenza,che con il suo ex responsabile.scusate la lunghezza

    • Concordo nella sostanza con te x’ anche io sono un po’ dentro al ambiente. Solo che se dici che Parigini è un montato o Longo paraculo, come vedi qua sotto, per alcuni è reato di lesa maestà. Per me nn è un problema accettarlo. Sono altri che hanno gli occhi foderati di retorica

  5. Non voglio vedere niente di marcio. Cerco di essere obiettivo, come ben segnala @Gianluca qua sotto. Poi oh, la definizione di paraculo (sulla quale concordo) l ha data questo grande ex che lo conosce bene. Non è che le parole dei grandi ex sono da rispettare solo quando concordano con quello che pensate voi…

    • Gianluca mica ha detto che Longo è un paraculo. Ha detto che non è d’accordo col giornalista. Ci può stare. Anche io non sono d’accordissimo. Tra l’altro il titolo mi sembra sia diverso dall’intervista, ma quello è un classico. Ma da qui a dire che Longo è un paraculo perchè tifa per il Toro…

      • Guarda che sei tu che mi attribuisce cose che nn ho mai scritto. Dove ho sostenuto che è paraculo x’ tifa Toro? Ho scritto che è paraculo x’ dice strumentalmente le cose che una fetta di tifosi vuole sentire. Es. “Noi siamo il Toro e abbiamo una storia. Dobbiamo giocare sempre x vincere”. Allora io, tifoso della Pro, pretendo che tu vada su tutti i campi x vincere. Invece chissà perché ora quelle cose Longo non le dice più. Aspetto cmq sempre che qualcuno smentisce i dati che ho citato sui giovani che Gpv ha lanciato

  6. Con Ventura il rapporto non è mai stato buono, chiaro che oggi, fra le righe, Longo si tolga dei sassolini dalle scarpe…
    Non vedo che colpa possa avere un giornalista che sostanzialmente domanda “è contento che due ragazzi del vivaio e che lei ha allenato siano in prima squadra?” Se l’intervistato risponde che il vento è cambiato.
    A me piace il fatto che Longo continui a considerarsi uno di noi…
    Se lo fa Pulici è Dio, se lo fa Longo è solo un paraculo…
    Qualcosa non torna

  7. aria cambiata e’un termine,cosi,d’abitudine.sicuro e’,che in 5 anni,mai una volta a vedere le giovanili,sicuro e’che fosse rimasto quest’anno,barreca era a vercelli con longo.non credo che moreno sia paraculo,ma e’un ambiente,or ora,dove un po’,devi esserlo per forza.l’importante e’ non esagerare

  8. Ma quale aria cambiata….
    Sinisa è come tutti gli allenatori intelligenti del mondo in qualsiasi categoria essi siano e cioè… fa giocare chi ritiene più forte giovane o vecchio che sia nessun vento nuovo solo sana intelligenza.
    Quali sarebbero i fenomeni che GPV non avrebbe fatto giocare e che poi sono esplosi??
    Fatemi un nome. Forse Verdi… che fenomeno non è e che solo ora dopo 4 anni sta facendo vedere qualcosa dopo moltissima panchina in squadre di secondo piano.
    FVCG

  9. Quello che dice Longo sui giovani e Gpv è semplicemente falso. Aramu e Barreca sono due 95. Gpv due anni fa faceva giocare stabilmente dei 93 (JM17), dei 94 (Benassi) ed eccezionalmente dei 95 (Graziano). Quindi da questo punto di vista ha fatto meglio di quanto sta facendo Miha. Concludo con uno sfogo: come dice un grande ex giocatore, Longo è un gran paraculo. Se sarà allenatore del Toro ovviamente sperare il meglio x’ tifo Toro. Ma sempre paraculo resterà. Pensi piuttosto a salvare la Pro e a far esordire Zaccagno, se ci riesce, invece di lisciare il pelo ai tifosi

      • Spiace perdere tempo in questo modo, ma se mi toccano un tifoso del Toro, uno di noi, di solito mi infervoro. Se mi toccano Moreno, ancora peggio. Tutti quelli che ha lanciato Frullo erano gente che veniva già da campionati professionisti lanciati da altri (v. Benassi a Livorno o Martinez YB): qua si sta parlando di giovani nostri, nostri inteso del settore giovanile del Toro! Non mi venite a parlare di Graziano o Morra o Edera che hanno esordito giusto per “…. non si dica che non facciamo esordire i giovani…” Chiara la differenza?? Capisco che è un po’ difficile ma provateci… 🙂

          • nessuno ha parlato di Cuore Toro, però so per certo che per fare un esempio, tra juve e Toro, magari un genitore sceglie di portare il figlio al Toro perchè sa che ci saranno buone possibilità che il figlio venga inserito in prima squadra (come succedeva fino all’epoca dei vari Quaglia, balza, Sorrentino, ecc. )

  10. Il vento è cambiato nel momento in cui il settore giovanile ha ricominciato ad essere ai vertici. Ora possiamo inserire in rosa i migliori ragazzi.
    Però Mihajlovic ha lanciato Barreca per il doppio infortunio di Molinaro e Avelar. Lo avrebbe fatto comunque? Perché ha iniziato il campionato con un Molinaro reduce da una stagione negativa e da un inizio non convincente?
    Spiace dirlo ma da questo punto di vista il mister si è mostrato uguale a Ventura.

  11. Riguardo a Zaccagno….io, è da quest’estate che lo dico e cioè che l’avrei tenuto come secondo portiere al Toro (tanto per fare da secondo alla Pro!). Poi con l’arrivo di Joe, quest’anno avrebbe imparato tantissimo. Ritengo sia nettamente più affidabile di Gomis.

  12. Moreno si vede lontano anni luce che il Toro lo porta sempre nel cuore. Ottieni grandi risultati. Noi ti aspettiamo. Ma per il presente va alla grandissima uno come Sinisa, cattivo e ambizioso. Oltre che per il temperamento è fondamentale il suo carattere ed il suo curriculum in grado di attirare giocatori e attenzioni importanti sul nostro Toro! Barreca e Aramu in prima squadra sono una gioia per gli occhi!

  13. A metá agosto barreca a giocato la partita dal dentro o fuori in coppa italia….strano per uno giocatore importante.evidentemente non si era poi cosi convinti del ragazzo.infatti ci siamo sorbiti ancora 4 gare di molinaro.senza dimenticare i commenti da suicidio di massa dopo il suo infortunio dove il 90% degli utenti di questo forum chiedevano a gran voce di pescare fra gli svincolati per sopperire alla sua assenza.alla faccia dell onesta.antonio si sta guadagnando da solo il campo.alla faccia della societá,dell allenatore e dei tifosi.grande barreca.

    • Condivido in pieno. Deve ringraziare solo se stesso. Anche l’anno scorso quando è stato mandato a far panchina in B è stato zitto ed ha lavorato, nonostante molti dicevano fosse scarso e da media bassa serie B. Quest’ anno finalmente ha avuto la fortuna che chi gli stava davanti si facesse male e ci sta mettendo l’anima per dimostrare di essere degno. Il merito che hanno avuto forse è stato quello di non prendere uno svincolato, ma ci sarebbe mancato anche quello

      • Io infatti su Barreca sto ancora aspettando pubbliche ammende che non arrivano. Dopo passo a Benassi, lo scarpone, e non vorrei farmi mancare Zappacosta o zappamerda o zappagobbo….credo però che i fenomeni da tastiera che scrivono boiate, ahimè tale ammenda mai la faranno

        • E sono sempre gli stessi, quelli che Barreca Ventura non lofa giocare, quelli che quando deve giocare Barreca non è ancora pronto Cairo braccino, quelli che adesso che c’è Mihajilovic hai visto che i giovani forti come Barreca giocano.

  14. Grande Moreno. Una luce granata in mezzo ad un mondo oscuro. Per quanto riguarda i giovani è vero che Miha ha un po’ di coraggio in più, ma non è che lui sia Dio da questo punto di vista. Donnarumma ha esordito anche perché il presidente del Milan praticamente è Raiola, mentre locatelli che in primavera era più forte il campo non l’ha visto mai. La verità è che in Italia pochissimi allenatori puntano sui giovani, e parlo di veri giovani, non 24enni, e spesso lo fanno perché costretti per vari motivi. Anche nel calcio, oramai, siamo un paese di vecchi

  15. O letto i commenti e vedo che i tifosi del Toro sono poco obbiettivi. Quelli che non potevano sopportare Ventura citano solo quello, e non tengono conto, ad esempio, dei complimenti che Longo fa a Cairo ed alla società, che tra l’altro Moreno ha sempre elogiato. Sui giovani, infortuni a parte, a me sembra di non notare differenze tra Ventura e Mijha, in quanto tutti e 2 quelli bravi li fanno giocare. Mentre è vero che adesso il gioco del Toro è molto meglio dell’anno scorso, più divertente e con più grinta.

    • Anche perché se non ricordo male lo scorso anno Ventura fece giocare Belotti contro il volere della stragrande maggioranza dei tifosi che volevano Maxi Lopez in campo, salvo accorgersi con un anno di ritardo che era obeso. Cito Belotti tanto per ricordare solo l’ultimo, poi se mi venite a dire che sono giovani solo quelli cresciuti nel vivaio del Toro…. Cmq speriamo che il vento cambi pure per Zaccagno.

  16. Ma montolivo-de Rossi-parolo è un centrocampo proponibile? Ma come si fa neanche a pensarlo. Vuoi creare? Porta giocatori di classe….non ce ne saranno tanti, ma almeno provarci. Il calcio é divertimento….quello di ieri è uno schifo. Per fortuna da 20 gg con il toro dopo tanto tempo ho iniziato a divertirmi sul serio

  17. Io non vi capisco. Quello che allena la nazionale negli anni passati pur di non fare giocare un giovane metteva i Bovo a centrocampo. Ora vediamo j ragazzi in campo e facciamo le filosofie sugli infortuni…barreca avrebbe giocato dopo un periodo di apprendistato e per aramu, anche in condizioni di emergenza, miha ha avuto il coraggio di passare in una partita dal 433 al 4312. Io ringrazio tavecchio e la buonasorte per averci regalato miha in panchina. Non sarà un gran tattico, ma a me va bene giocare a pane e salame.

  18. buongiorno avranno giocato pure xchè abbiamo avuto degli infortunati ma il mago di genova nelle stessa situazione avrebbe schierato moretti a sx,bovo a centrocampo e jansson esterno alto….basti vedere ieri sera..i giocatori più informa del campionato in panca e due morti in campo…

  19. Beh,oggettivamente Barreca ha spazio per mancanza di alternative; Boye, non si fosse fatto male ljaijc, avrebbe giocato poco,così come zappacosta ha giocato per l’infortunio di Desilvestri. Poi, che Sinisa non abbia eccessivo timore a fare giocare i ragazzini è un fatto oggettivo.

  20. Anche io ho sempre creduto (e scritto) di preferire Zappacosta a Desilvestri, che trovo abbastanza lento, tecnicamente scarso ed in generale mi chiedo perche’ l’abbiano preso. Considerando la difficolta’ di Cairo nel tirare fuori tanti soldi per un singolo giocatore, fatico a credere che abbia speso 4 milioni per sto scarpone; in oltre temo che, una volta recuperato, Zappacosta possa tornare in panchina. La mia speranza, in questo senso, è che Sinisa possa cambiare idea invertendo così le gerarchie.

  21. Balle !!! Ventura avrebbe fatto giocare Moretti terzino piuttosto che dare spazio a Barreca e se siete onesti intellettualmente lo riconosci anche tu … poi Boyé ha giocato anche quando Falque era fuori condizione, non diciamo cazzate su !!! È dal ritiro che Sinica lo tiene in alta considerazione … e per finire, pure su Donnarumma ci sono delle inesattezze … Lopez, penso proprio dopo Toro – Milan, quando si fece la cappella che consenti a Baselli di pareggiare (gol preso sul proprio palo), fu accantonato in favore del giovane spilungone … quindi onore al merito, Miha non guarda in faccia nessuno, se sei bravo giochi se fai cazzate stai fuori e ti impegni di più !! E chi non vede questo è cieco !!!

    • Grande verità, ma che lo racconti a fare, neppure la partita di ieri che mi ha fatto letteralmente rabbrividire, ma che mi ha ricordato, quasi a scattare una fotografia, l’atteggiamento del torello venturiano, può far rinsavire chi è cieco, sordo e muto.

  22. @GlennGould ti diro’ di più e cioè che io sarei molto deluso se venisse ceduto Zappacosta per tenere de silvestri perchè Zappacosta è molto meglio dello scarpone di de silvestri e sicuramente arriverà in nazionale una volta che avrà migliorato la fase difensiva. Sono convinto poi che Baselli, come giustamente detto da mihajlovich, debba crescere in agonismo ma che sia un ottimo giocatore e che anche lui arriverà in nazionale, infatti è stato richiesto da più squadre tra cui il sassuolo che alle spalle ha i gobbi.

  23. Davidone5 @ d’accordo con te. Per questo motivo scrissi di essere molto dispiaciuto per l’infortunio di Molinaro, ma che calcisticamente poteva essere un bene. In effetti lo spazio per Barreca, Boye, Aramu, è figlio di infortuni, non del coraggio di sinisa.

  24. Prima di fare complimenti affrettati bisogna guardare come stanno le cose. Donnarumma ha esordito nel milan perchè si è fatto male lopez, Barreca ha iniziato a giocare perchè si è fatto male molinaro, Aramu ha trovato spazio perchè a centrocampo eravamo pieni di infortuni, Boyè ha cominciato a giocare perchè si è infortunato liajc. Io dico che siamo stati fortunati che grazie a questo abbiano trovato spazio dei giovani di sicura prospettiva ma non dimentichiamoci di tutti i giovani che sono stati lanciati, valorizzati e da cui abbiamo incassato plusvalenze fino a questo momento. I rapporti tra Longo e Ventura non erano idilliaci e questo basta per spiegare parte dell’intervista.

  25. Ognuno interpreta a proprio modo quello che legge, io per esempio non leggo necessariamente una critica velata a chi ha preceduto Miha, il vento che cambia puó voler dire che finalmente abbiamo giovani su cui investire. Mi interessa invece seguire la carriera di Moreno, perché se si afferma anche tra i grandi potrebbe un giorno diventare un uragano di passione granata con tutti noi in prima squadra.

  26. Finché i giornalisti che scrivono di Toro pubblicheranno questo tipo di interviste, con questi titoli, non andremo mai da nessuna parte. Andate a scrivere di Juve con questo piglio, se avete le palle. Cambiato il vento dove … che Benassi, Immobile, il primo Darmian hanno sempre giocato. Mai pensato che il vivaio del Toro non ha prodotto nulla di buono prima di Barreca e Aramu? E poi diamine, almeno nella stessa intervista evitate di citare Zaccagno, no? Razionalmente è un autogol, vi rendete conto? Che poi è normale la gavetta, ovvio. Comunque avanti così che andiamo bene… avanti così. PS Parigini invece è il vento che non è cambiato? Pessimi, ripeto, pessimi.