Torino cantiere aperto, ora Mihajlovic deve trovare la strada. E se Cairo lo accontenta…

79
6455
Torino esperimenti mihajlovic cairo Friburgo-Torino
CAMPO, 15.4.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 32.a giornata di Serie A, TORINO-CROTONE, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 1-0

Contro il Crotone ancora esperimenti, alcuni riusciti, altri meno. Le lacune restano, sarà necessario il calciomercato: il vantaggio non è da sciupare

C’è lo specchio di un’intera stagione in questo Torino-Crotone. Stagione agrodolce, senza dubbio: divertente da un lato, come è stata la gara (esclusi, forse, i primi 20′); quasi frustrante dall’altro, come spesso capita. L’analisi, amara, dei protagonisti non lascia spazio a molte interpretazioni d’altra parte: “Ci ritroviamo ancora una volta a commentare un pareggio, quando avremmo potuto ottenere una vittoria“, ed è evidente che, quest’anno, oltre a un certo livello questo Torino non sa o non può spingersi. Forse più la seconda che la prima, ed è da un lato rassicurante, perché alle cause esterne è sempre più facile trarre un rimedio, ma dall’altro è un evidente campanello d’allarme: il lavoro quotidiano, costante, preciso, meticoloso, non può da solo bastare. Servirà il mercato, servirà una società attenta da subito e intenzionata a rafforzare non solo con ottimi giovani (perché tali sembrano essere, secondo tutti gli addetti ai lavori, Milinkovic-Savic e Lyanco, per esempio), ma anche con colpi pesanti una squadra che vuole cambiare volto e diventare a tutti gli effetti concorrente per l’Europa League.

Ben vengano, quindi, gli esperimenti. Perché come tale va analizzato, e probabilmente accantonato, il 4-3-1-2 provato ieri per tutto il primo tempo: un modulo interessante ma, con certi effettivi in campo (Falque mezzala?) forse un po’ troppo anarcoide, che può eventualmente reggere il peso di un avversario non di certo imbattibile tecnicamente, ma che può subire tantissimo contro squadre più strutturate. Meglio, invece, il 4-2-3-1, che già con il Cagliari aveva convinto e che sembra una delle possibilità migliori di questo attuale Torino. Mihajlovic deve continuare così, capire cosa è giusto e cosa no, correggere quei sempiterni errori difensivi e chiedere ai suoi sempre tanta attenzione. Ma poi la palla tocca nuovamente alla società: “stiamo lavorando per mettere il mister nelle migliori condizioni” ha detto ieri Cairo. Di fatto, la preparazione al prossimo campionato è già iniziata, e non da ieri. Nella sfortuna di una stagione discreta, non di certo ottima, potrebbe essere davvero un grande vantaggio. Sciuparlo, non sarebbe imputabile alla sfortuna. Ma delittuoso.

Condividi

79 Commenti

  1. partiamo dal modulo: 4-2-3-1???? ammettendo che questo modulo resterà tale, gli innesti a centrocampo non servono(mentre serviva un acqua piu tecnico nel 4-3-3….. o meglio visto che i posti sono 2 e gli altri sono “trequartisti” questi innesti di sostanza in mezzo al campo potrebbero non servire…… in questo modulo quindi nei due bassi di centrocampo possono giocare acqua,valdifiori,lukic e baselli senza problemi…. (anzi baselli + acqua hanno fatto il loro lavoro piu che bene)…..non considerando boye un titolare (a me piace ma deve ancora fare molta strada) manca almeno un esterno di sx nei 3 trequartisti…. inoltre il ruolo di trequartista lo può fare all’occorrennza anche baselli e benassi…… se belotti rimane , la sua riserva naturale può restare maxi……non confermerei iturbe, ma non sputerei su un faraone come esterno di sx…..manca un difensore centrale (a trovarlo forte), i terzini ci sono : barreca e zappacosta con dietro molinaro e de silvestri possono andare bene….insomma al di là del concordare o meno, questo cambio di modulo ha stravolto anche le idee di mercato…. con il 4-3- cercavamo due centrocampisti forti fisicamente, con il 4-2-3-1 la storia cambia e non poco…..

  2. quando va via uno come belotti, che si prende i meriti lui (e li ha certamente, ma non tutti), poi spesso nascono dinamiche diverse, che vanno a coprire il buco. buchetto lasciato libero. altro discorso è il record di bilancio positivo mondiale su due ruote mondialissimo che avremo dopo la vendita del gallo. verremo ricordati negli anni in tutti gli album fair play panini.

  3. Stagione negativa. L’obiettivo era centrare l’Europa in due anni e cioè arrivarci vicino il primo anno, lottando sino all’ultimo e mancando solo per pochi punti. Invece è da gennaio che siamo fuori dalla lotta e quelle che andranno in Europa sono lontanissime. Questo significa che l’anno prossimo dovremmo fare 15/20 punti in più, cosa che non mi sembra fattibile solo con qualche piccolo aggiustamento, come dice il mister. Poi se andasse via Belotti, a cui dobbiamo tanti punti questo anno, allora serverebbe una rivoluzione e grandi acquisti. Occorre poi anche un cambio di mentalità, non si possono concedere errori, sprechi, ingenuità e distrazioni tutte le partite, se si hanno dele ambizioni.

  4. Altro errore lo scarsissimo utilizzo di Acquah, altro giocatore ben conosciuto dal mister. Non dico che sia un campione, in generale preferisco Benassi ma poi dipende dalle esigenze tattiche. Ma un minutaggio così scarso quando sia benassi che Baselli hanno spesso arrancato, non lo capisco.
    Poi non sarebbe cambiata certo la stagione ma rimane la sensazione che il mister qualcosa abbia sbagliato.

    • Benassi ad un certo punto è scoppiato. Aveva bisogno del cambio e acquah… era in africa! È vero in questo abbiamo toppato le scelte alla grande, dovevamo sfruttare acquah prima della coppa d’Africa e poi utilizzare un Benassi senza la lingua di fuori.

  5. Opinione di un ottimista!

    Bel gioco
    Capocannoniere
    Lancio di giocatori giovani
    Parte sinistra del campionato
    Miglioramento della parte economica
    Visibilita internazionale

    Direi che per il momento
    Possiamo accontentarci, naturalmente la
    Prossima stagione dobbiamo fare meglio, per ilmomento sono soddisfatto!

  6. Unico vero fallimento la gestione di Liajic. Possibile che l’acquisto più costoso non sia stato messo nelle condizioni di rendere al top da chi diceva di conoscerlo bene? Capisco che prima viene il gruppo e poi il singolo ma per Liajic abbiamo fatto uno sforzo economico inusuale e doveva essere gestito meglio.

  7. Anch’io mi accodo a chi ritiene che la stagione non sia fallimentare.
    Abbiamo rivoluzionato il modo di giocare, il nuovo mister doveva conoscere il materiale umano a disposizione. L’esperienza di quest’anno servirà per la prossima stagione sperando che si prendano i dovuti accorgimenti. In primis i tantissimi gol subiti: in parte colpa del modulo (qui deve intervenire il mister) e in parte colpa dei difensori (e qui deve intervenire in mercato).

  8. Un decimo posto o al massimo nono in un campionato sceso parecchio di livello tecnico, caterve di gol fatti e un super-cannoniere ma anche valanghe di palloni raccolti nel sacco da Hart; il classico bicchiere mezzo….. per me vuoto, per molti invece pieno. Goda pure chi si accontenta di questo. Nel ventennio precedente cambiavano presidenti con la frequenza che ruotano gli allenatori; da una presidenza “solida” e “duratura” come questa altre erano le pretese.

  9. Il senso del mio fallimentare è proprio quello delle parole di @gabbo.
    Abbiamo in rosa un giocatore pazzesco e non l’abbiamo saputo sfruttare.
    La mia paura è che tutto questo non sia ripetibile. Speriamo nel prossimo anno

  10. Cmq una cosa va detta a parte miha cairo petrachi e errori fatti….tra rigori sbagliati papere del portiere partite pareggiate o perse per esserci fatti rimontare quindi errori dei giocatori abbiamo xso almeno 15 punti….se fossimo stati concentrati saremmo in alto adesso….

  11. Leggo di stagione ‘fallimentare’, ma non mi sento di definirla tale. E’ una stagione, spero, di passaggio, di preparazione. Molti giocatori sono cresciuti e hanno fatto il salto di qualità, altri si sono inseriti e sono pronti a disputare una stagione in crescendo per l’anno prossimo. I vari Barreca, Zappacosta, Benassi, Baselli, Belotti, Boye, Lukic, tanti giovani pronti a sbocciare (per future plusvalenze??). C’è tantissimo materiale e qualche soldo per migliorare il prossimo anno, certo non si può pretendere che una società con il fatturato del Toro possa spendere e gestire ingaggio milionari. Ci vuole tempo. Adesso ci sono i soldi, c’è il materiale, il tempo scarseggia. Ci sarà anche al volontà? Non serve tanto. Qualcuno sostiene che si stia facendo come l’anno scorso: in realtà si sta facendo meglio senza Immobile, Quagliarella, Peres, Maksimovic e Glik.

  12. Mah……
    Come sempre (ed è anche questo il bello del calcio…) leggo pare diversissimi fra loro, anche OPPOSTI 🙂 !!! Però faccio davvero “fatica” a condividere chi (come @Giovanni64, ad es…) dice che la stagione è stata “FALLIMENTARE”…..UN fallimento NOI lo conosciamo bene, vero? Un fallimento è quando non ti rimane più nulla, quando rischi che ti portino via ANCHE il nome, oltre ai titoli, ai trofei vinti dal Grande Torino, il vivaio giovanile, il tuo parco giocatori, i bambini che cominciavano a conoscere LA VERA SQUADRA DI CALCIO DI TORINO!!! Una “stagione” ce l’hanno coloro che partono per vincere tutto! Roma? Sì, esatto! E Napoli? Sì, anche…..Ed anche chi ha speso centinaia di milioni di Euro (DELLA VALLE) e stanco di non vincere un “Kaiser” decide di mettere in vendita la squadra salvo “ripensarci” perché i Cinesi (ma guarda un po’…..che strano!!..) gli offrivano “troppo poco”!!! NON PERCHE’ INNAMORATI DELLA FIORENTINA!!! 🙂 ….. La questione è SEMPRE quella: è un anno di “prova”, di Test, di verifiche: Allenatore nuovo ,con nuove idee, nuovi moduli, nuovi 8/11° di titolari ed altri appunto da “verificare”….. I punti “persi” per raggiungere GIA’ QUEST’ANNO la zona Europa League li abbiamo persi A GENNAIO/FEBBRAIO! Adesso tanto non serve a nulla vincere 18-0 col Crotone oppure pareggiarci 1-1 in casa dopo aver fatto 25Tiri in porta!!! E’ valsa MOLTO ma MOLTO di più la sconfitta dell’Inter col CROTONE se andiamo a vedere!!! Dai fratelli, cerchiamo di essere REALISTI ed OBIETTIVI quanto meno! Chi ha sulle balle Cairo & C. vede la Sua LONGA MANUS (e corto braccino….) ovunque, anche su queste partite che non si portano meritatamente a casa per SST (SolitaSfigaToro….)….Chi invece continua a vedere la volontà di migliorarsi ANCHE cambiando/provando moduli nuovi e/o giocatori “vecchi” per capire CHI tenere e CHI salutare non può dare SEMPRE la colpa di tutto alla Società! Se fossero SOLO problemi di uomini, di organico allora basterebbe spendere tonnellate di soldi e comprare i giocatori migliori ed essere così SICURI di vincere sempre. ovunque e contro CHIUNQUE! Invece sappiamo bene che NON E’ così! Cuore, passione, grinta, voglia di dare il 110% fino al fischio finale, non mollare MAI! In campo di scende SEMPRE 11 contro 11 e si parte SEMPRE in parità!!! Questo almeno è quello che cerca di trasmettere Sinisa ai nostri giovani (e meno giovani…) quest’anno…..Questo è quello che mi emozionò del Toro della mia infanzia……Questo ed altro è quello che ci distingue dagli altri “strisciati” che preferisco “comprare” tutto, dai giocatori agli arbitri alle sostanze che aumentano le prestazioni, salvo poi vedersi giudicati colpevoli dai tribunali ma “prescritti” per termini scaduti…..
    KAMMMOOONNN!!! FV♥G!!! SS!!!

    • Ciao Bertu, la questione, per come l’hai impostata, la condivido.se per fallimentare intendiamo ciò che hai citato non si può parlare di stagione fallimentare, o se paragonata a quelle di Milan, Inter e Viola, ma non bisogna dimenticare chi siamo e da dove veniamo ( e non mi riferisco certo a Cittadella ed altre corbellerie). Siamo il Toro, e io come granata non riesco ad accontentarmi di un decimo posto finale né di un settimo posto in 12 anni… Definisco fallimentare una stagione in cui non si verifica una qualificazione europea ne la conquista di un qualsiasi trofeo (quindi da molti anni). Poi è ovvio, le “disgrazie” da te citate sono tutt’altra cosa.

      • Ciao @Giò 🙂 !! Ho finito ora di godermi la vittoria della Ferrari!!! ALLA FACCIA DELLA MERCEDES e soprattutto di LAUDA!!!! Ahahahahahahahahah!!!!! & Toto Wolf, ovviamente..!!! Eheheheheh…..
        Cmq sì, in effetti chi ha veramente “fallito” gli obiettivi ALLA GRANDE sono altri! Noi invece direi che abbiamo…..”toppato”…..Certamente sono stati commessi ALMENO 2 errori: uno l’estate scorsa ed un altro a Gennaio, cioè il fatto che ci siamo fatti prendere “in contropiede” dalla Novelas “Maksimerdovich” a Luglio scorso eppoi dall’altra Novelas “JOJO Simunovic” a Gennaio…..Tieni però presente che credo VERAMENTE che avrebbero spostato “di poco” gli equilibri! Mi spiego: Maksi innanzi tutto NON SO’ come sarebbe rimasto, ammesso che fosse rimasto ancora quest’anno, cioè CON QUALE VOGLIA! Già ho visto la “differenza” tra il Glik del 2014/15 e quello dell’anno scorso, 2015/16….E se Maksi fosse rimasto con quella stessa “voglia” allora MEGLIO che se ne sia andato in cambio di 20 e passa Milioni di Euro! Che faccia pure panca al Napoli! Poi la storia del ginocchio ancora “convelescente” di Simunovic è venuta fuori alla fine della finestra di mercato, fuori tempo utile per trovare un’alternativa “decente”….Ed è proprio poi questa la chiave: DECENTE! Si è (giustamente) fatto un gran parlare del fatto che NESSUNO al Toro (Cairo ma soprattutto Petrachi, visto che è Petracchi che visiona ed indica i giocatori, Cairo spende e basta…) NON HANNO COMPRATO NESSUNO! E’ vero, ma GLI AFFARI si fanno in due, no? Se piace ad esempio VIDA, ma non lo mollano, che ci si può fare? Allora dico MEGLIO non buttare soldi a casaccio e tenerli per il prossimo mercato! Certo che se poi si vuole mettere il dito nella ferita ed “indicare” Carlao……Beh, ALMENO è costato poco o niente, e forse forse sta a vedere che è pure meglio di De Silvestri, no? Ed arriviamo al “FOCUS” della questione: la stagione ALTALENANTE (o per dirla con un francesismo… DI MERDA…) che abbiamo vissuto è figlia della situazione estiva: nuovo Mister e nuovo modulo e soprattutto MODO DI GIOCARE (BASTA il credo di GPV: Primo non prenderle, teniamo il pareggio…..), cioè GIOCHIAMO PER VINCERE…..ed anche nuovi giocatori, alcuni dei quali VOLUTI fortemente da Sinisa (Lollo e Ljajic su tutti, ma anche Rossettini e Ajeti….) che poi per un motivo o per un altro si sono rivelati MEZZE PIPPE!!! E’ LI’, PROPRIO LI’ che siamo “scaduti”.!!! E sono convinto che ANCHE con Maksi rimasto a Luglio oppure ANCHE con Simunovic se fosse arrivato a Gennaio la situazione DI FONDO NON SAREBBE CAMBIATA!!! Un po’ migliore, forse sì, ma di quanto? Da EL?? Nooooooooo!!! Non credo proprio!!! 🙂 !!!
        Ciao Giò!!!E stiamo sereni!!! Vedrai che il prox campionato avremo gente giusta in squadra a fianco del GALLO!!! Gente con grinta, voglia, “GARRA”…!!! Giovani che mangeranno l’erba dei campi DI TUTTI gli stadi, non solo del nostro!!! Giocheremo fuori casa come in casa!!! IL TORO STA’ TORNANDO!!!! SIETE AVVISATI!!!!
        KAMMMOOONNN!!! FV♥G!!! SS!!!

  13. Stagione insignificante segnata da 3 date: il 6/8 Sinisa denuncia i limiti della rosa, il 31/8 finisce un mercato insufficiente, il 8/1 il presidente dice che siamo a posto con l’arrivo di Iturbe e Carlao nonostante i 30 punti del girone d’andata che in teoria ci permettevano ancora di sperare in qualcosa, terminando ogni ambizone residua. Qualcuno vede prospettive interessanti per il prossimo anno…bisogna pur farsi coraggio! Spero abbia ragione, ma io non mi illudo.
    PS mi auguro di vedere ancora 6 partite di Carlao fino a fine stagione per potere esprimere un giudizio sul ragazzo, ma temo che non sarà possibile perché anche in questo caso siamo in presenza di una certa fragilità fisica.

  14. Io capisco il rammarico per una classifica a cui mancano serenamente 12/13 punti… e tutti guadagnati sul campo dalla squadra e non raccolti solo per errori dei singoli (rigori falliti, papere varie) E con questo nulla imputo ai ragazzi , Ma la realta’ e’ questa !…. come si fa a parlare di fallimento …ma Che c…. si pretende????….avete mai giocato a calcio seriamente e nn qualche partita di calcetto con gli amici Al venerdi sera?…il mister ha puntato su ragazzi giovani con poca esperienza e se l’e’ giocata con tutti…. certo l’ esperienza da’ equilibrio in campo ed ad un certo punto proprio quello e’ mancato …. e chissenefrega dico io …. il prossimo anno questi giovani ricorderanno gli errori commessi e perdonati….e magari Barreca se si ritrova con Higuain su una palla che arriva a campanile al limite dell’area evitera’ di cercare un’anticipo improbabile vista anche la diversita’ fisica .
    Insomma , lasciando lavorare la societa’ cerchiamo di supportare questi ragazzi invece di scaricare giudizi negativi su tutto e tutti.
    Quest’anno ho gioito e imprecato quasi contemporaneamente nella stessa gara ….e mi Sono divertito come nn mi capitava da anni ….con quella palla di Ventura.

  15. Concordo sulla stagione fallimentare , senza un certo Gallo Belotti e senza uno stratosferico Emiliano Moretti che ha letteralmente tamponato le falle della quinta difesa più battuta di sempre ad oggi nella nostra storia ( piacerà ad Urbano visto che sottolinea il settimo attacco più prolifico di sempre ) .
    Riamane un fatto semplicemente vergognoso lo smantellamento del reparto difensivo a una settimana dalla chiusura del mercato estivo con il relativo rimpiazzo di figure nettamente inferiori .
    Io dell’uomo Urbano Cairo non mi fiderò mai , nemmeno se dovesse comprare Ronaldo e Inisesta

  16. Abbiamo perso 8 punti contro le ultime 4… non è una questione di qualità ma di capacità di leggere le partite. Oggi senza pretese dovremmo essere come minimo a 53-55 punti e sarebbe una classifica molto diversa. Comunque il passato è passato e non possiamo cambiarlo. Io credo che si stia programmando nel limite delle possibilità di una società come il Torino, perché se è vero che ci sono 40 milioni da spendere è anche vero che Inter/Milan/Napoli/Roma/Merde ne hanno più di 100 da spendere ogni anno… quindi i soldi vanno spesi chirurgicamente per essere spesi bene. Credo che Miha sia il primo allenatore quanto meno in Italia ad avere due acquisti per l’anno dopo già al lavoro da Aprile. Questo mi dice che c’è la volontà… poi che questa basti non so…

    • Se non cambia il criterio della spartizione dei diritti tv non cambierà mai niente, ma loro vogliono questo, affinché vincano sempre le merde e le solite sempre dietro. Credo che in Italia il calcio sia destinato a morire.

    • In reltà al momemto i milioni da spendere dovrebbero essere 25-26, i 40-41 che arriveranno dai riscatti di Maksimovic,Peres,Jansson e Martinez meno i 15 spesi per riscattare Iago e comprare Lyanco e M.Savic.

  17. Nessuno ha il coraggio di dirlo, ma questa è un annata fallimentare. Pari a quella dello scorso anno. L’anno peggiore di Ventura. Del resto la posizione in classifica è la stessa.
    Con in più l’aggravante di un Belotti in forma stratosferica, di giocatori di qualità come Ljajic e Iago.
    In un campionato dal livello qualitativo basso.
    Situazioni che un futuro potrebbero anche non verificarsi.
    Annata sprecata da:
    Società che non ha comrpato nulla di ciò che serviva
    Allenatore che non ha saputo allenare ciò che di buono aveva (penso ad acquah e ljajic) e nessuna organizzazione in difesa

  18. Cerchiamo di non essere ridicoli, per anni abbiamo giocato senza portiere e siamo andati persino in Europa. GLi errori di Hart sono il pregio e il difetto del personaggio, un portiere senza paura. E io lo apprezzo così. Di sicuro non ci ha fatto perdere punti, anzi al contrario.
    Semmai preoccupiamoci di una fase difensiva che l’allenatore non ha mai saputo curare da una parte e che ha interpreti di bassa qualità dall’altra

  19. Nel pomeriggio di sabato è sceso in campo l’Atletico Madrid del Cholo Simeone, che ha asfaltato l’Osasuna con il risultato di 3-0.

    Da segnalare al minuto 76 l’ingresso in campo di Alessio Cerci, a risultato comunque ampiamente acquisito per i Colchoneros: situazione rilassata a tal punto che i tifosi l’hanno accolto con un’ovazione (ironica) all’ingresso in campo, visto che quest’anno il minutaggio nella Capitale è stato pressoché inesistente.
    Tanti soldini in saccoccia ma queste son soddisfazioni! Vero Cerci?

    • personalmente mi fanno uno strano senso, sia un cerci, che non ce l’ha fatta, sia uno che ce la fa, ad andare nel calcio che conta. non li rispetta più nessuno, e loro fanno conto di non capire che significhi, nessuno ha più rispetto per i giocatori di calcio. forse solo tra di loro si rispettano, chissà.

  20. Quest’anno il toro è un cantiere aperto, avrebbe i numeri per essere tra le prime 3-4. Quello che è mancato è la concentrazione e si sono spesso pagati errori di inesperienza e la discontinuità dei 2 che dovevano aumentare la qualità, Baselli e Lijaic. Leggendo la classifica noto che abbiamo 12 pareggi. il record in questo campionato. Vuol dire che da una parte abbiamo buttato via molte vittorie (tipo ieri) dove eravamo superiori all’avversario. Altre volte abbiamo recuperato partite cominciate male (tipo con l’udinese). In ogni caso poche volte quest’anno (forse con l’inter) ho visto la squadra subire nettamente il gioco degli avversari. Altro dato interessante: una sola sconfitta in casa (contro le merde). Quindi il carattere non è il problema.
    Al netto dei nostri troppi errori difensivi e dei rigori sbagliati quest’annata sarebbe potuta essere un’annata positiva. il giudizio fino a qui per me è comunque non del tutto negativo. Resta la delusione di un altro anno mediocre.

    • è condivisibile quello che dici (tranne che eravamo tra i primi 3/4). dovrei però chiederti secondo te (o secondo tutti), quanti punti, di suo, ha portato l’annata incredibile del gallo. punti di suo, non legati alla presenza dell’allenatore. alla classifica attuale dovresti togliere quei punti (in ottica allenatore), che qualcuno dovrà essere…

      tutto questo lo dico in ottica allenatore, non in ottica toro/cairo.

      • hai ragione, tantissimi. forse da tifoso la delusione è anche nel fatto che poteva essere un’annata irripetibile con un giocatore fuori dall’ordinario che una volta andato difficilmente rivedremo a torino. il gallo però ha semplicemente compensato le lacune della squadra per farci galleggiare a metà classifica.

          • no infatti non è stata buona secondo me, è stata deludente proprio per quello che poteva essere e invece non è stato. bastavano appunto un piao di innesti ragionati a gennaio e magari un po’ più di cinismo e forse 10-12 punti in più a quest’ora li avevamo

  21. L’anno scorso eravamo salvi a Febbraio e la programmazione ha regalato ayeti e rossettini. E valdifiori il 31 agosto. Non prendiamoci per il behind… Lyanco e Savic sono scommesse non giocatori per l’EL. Servono un Centrale forte, un terzino sx titolare che Barreca la fase difensiva deve impararla, 1 forse 2 centrocampisti forti e l’attacante di sx se Ljacic gioca al centro.
    Boye in prestito per valutare se vale o meno.
    Obi/Ayeti/carlao/lopez via. Con 40 milioni sotto il cuscino può farlo se vuole poi se continua la presa per il culo per cui siamo diventati la Boutique di Cairo allora fa niente resterò a casa … andrei a vedere il basket ma quel cazxo di sponsor…. Ah buona pasqua fratelli ci vediamo il 25 maggio non mancate è l’unica data che conta quest’anno ….

  22. Io lascerei andare hart tranquillamente in Inghilterra in Italia in serie b ci sono come minimo 2 portieri più forti di lui ….E un grande uomo ma troppo alte le cifre che bisognerebbe spendere per riscattarlo e per pagargli lo stipendio

  23. Buongiorno a tutti , leggendo i vostri commenti direi che bene o male si è già detto tutto : io mi definirei un Venturiano nel senso che quando è arrivato credo sia stato l allenatore giusto in quel momento , abbiamo ricostruito e passo passo siamo diventati una squadra con possibilità di qualificarsi in Europa, mi ero anche però abbastanza stufato di questo gioco pieno di retropassaggi e in generale troppo accorto e mai aggressivo quindi bene anche la scelta di puntare su mihailovic , le partite adesso sono sempre divertenti ed aggressive come piace a noi ; cosa manca adesso per avere il NOSTRO toro?, Quello che veramente reincarna il nostro spirito ? , manca un presidente che guardi si il bilancio ma che faccia uno sforzo in più nel mercato, senza lasciarlo incompiuto come tutte le sessioni (mancano sempre 1 o 2 acquisti importanti ogni sessione) , in quest ultimo per esempio sono mancati un Glik ed un kucka

  24. aspetto a criticare sinisa. aspetto fine stagione. se dirà che è stata una stagione positiva (e non avemmo vinto il derby, o andati vicino) lo metterò nel gigantesco club dei piccoli uomini.

    questo non significa che la sua rosa fosse forte, non lo era affatto. ma tutti quelli che dovevano esserci davanti, ci sono davanti. in più c’è l’atalanta. forse riusciremo a superare quegli impediti del samp, ma non altro. e non sto parlando dei proclami/obiettivi di inizio stagione del “lotteremo per l’europa già da quest’anno”, sto parlando di parità di rose con le altre società.

    non vorrei essere frainteso. finché rimane cairo, ci potrà essere chiunque, il problema NON è SINISA.

    ma metto le mani avanti sul giudizio (umanamente parlando) su sinisa. lo faccio perché mi va.

    perché se è positiva questa stagione (a oggi), allora non vedo, per come è fatta questa serie a, come sia possibile fare una stagione negativa.

  25. Qui mancano un portiere (sperando che il Donnarumma de noantri si riveli all’altezza) un solo ottimo (per davvero) centrale sempre sperando che uno fra Lyanco e Bonifazi il prossimo anno si riveli all’altezza, inoltre il mastino di centrocampo per il centrocampo a due con Acquah sua riserva, un buon attaccante di riserva sempre ammesso che il Gallo rimanga, via Avelar, Carlao, Ajeti, De Silvestri, Obi, Maxi Lopez, Valdifiori, in prestito Gustafson.

  26. ho letto i vostri commenti di ieri del dopo partita.

    vorrei dire una cosa: sinisa non c’entra niente.

    poi: appoggiare sinisa non vuol dire appoggiare ventura. ne’ significa dare (indirettamente) contro cairo (alla fin fine, anzi, sinisa è una scelta di cairo).

    hart ha la testa altrove, forse non è abituato a giocare partite senza obiettivi veri.

    tutti parlano di carlao: non è il problema se ha sbagliato o no (si è solo fatto anticipare: bazzecole). il probleme è un altro, a mio modo di vedere. un giocatore difensore centrale di quell’età e di quella provenienza (e anche relativo costo) solo per un miracolo può risultare competitivo, anche che solo in serie a. senza contare che noi puntiamo più su che una semplice permanenza in serie a. non stiamo parlando di un talento offensivo che si debba sboccare con la testa, o un attaccante (alla vardy) che, all’improvviso possa tirare fuori il coniglio dal cilindro e iniziare a segnare. ci sono mai stati difensori centrali proveniente da cipro (o simili) alla sua età che si sono rivelati decisivi per la lotta uefa? non è possibile, poi magari mi sbaglio.

  27. Prima Padelli e gillet, ora hart. Sono anni che regaliamo 10 punti a campionato per gli errori dei portieri. È un fardello troppo pesante, a prescindere dalla forza della squadra e dalla affidabilità della difesa. Speriamo di aver risolto il problema col ragazzone serbo. Fvcg.

  28. Come al solito il traccheggio non paga ….. ed aver riempito ad agosto la squadra di scommesse reduci da gravi patologie ( Castan ) , mezze scommesse low cost con finale scontato ( Obi ) , parametri zero di basso profilo ( Ayeti ) , semisconosciuti in saldo (Carlao ) , eterne promesse mai esplose ( Iturbe ) , ufo ( Avelar , chi l’ha visto ) , conferme di ultrantenni in fase calante ( Bovo ) , e chi più ne ha più ne metta , invece di 2/3 innesti di spessore , ci ha fatto perdere solo 1 anno . Ed ho l’impressione che la lezione non sia servita , visto che ADESSO eravamo in corsa per contrattualizzare Pepito Rossi a parametro 0 a giugno : se non ci fosse stata l’ennesima rottura del crociato ( a proposito , auguri di cuore ) ……. Bracciamozze , parla di meno , ed apri il portafoglio , forza …..