Un Toro “quasi” da Europa: Mihajlovic chiede l’ultimo sforzo sul mercato

82
6255
cairo filadelfia
CAMPO, 10.7.17, Torino, Stadio Filadelfia, Raduno e primo allenamento del Torino FC, nella foto: Urbano Cairo, Sinisa Mihajlovic

In campo restano alcune vecchie lacune da correggere, ma l’intesa cresce e il Toro è più competitivo: il calciomercato può permettere il cambio di passo

Alcuni vecchi errori, ma non è (più) il solito Toro. il risultato roboante ottenuto in Torino-Trapani non può e non deve ingannare nessuno: gli avversari, di Serie C, erano davvero troppa poca cosa per la squadra di Mihajlovic, che ha schierato i suoi titolari, o buona parte di essi, in previsione del primo impegno di campionato. Ciononostante, la partita contro la squadra di Calori ha lasciato delle riflessioni importanti. Durante e dopo la gara, quando il tecnico granata ha detto la sua, a venti giorni dalla chiusura della sessione di calciomercato.

Il campo, prima di tutto. Una settimana di lavori al Filadelfia, dopo le fatiche del ritiro, è bastata per valutare positivamente N’Koulou, che è subito partito titolare e non ha deluso. Ma al di là dei singoli, va registrata un’intesa che sembra crescente, dopo le ultime gare di amichevole, con delle pecche però ancora piuttosto evidenti. Aver lavorato più e più volte (sicuramente in maniera intensiva) sulle situazioni difensive da calcio piazzato, avrebbe dovuto permettere al Toro di evitare quel brutto errore che ha portato al momentaneo pareggio siciliano. Pareggio, per altro, figlio di un momento di rilassamento generale dovuto, che in campionato non può capitare (e che difficilmente, nelle gare che contano, ci si può aspettare).

E se questo calo ha di molto fatto infuriare Mihajlovic, ad ammorbidire le posizioni del tecnico sono le ultime notizie di mercato. Soddisfatto per l’arrivo di Rincon, contento per la prova di N’Koulou e Berenguer, ora l’allenatore ha esplicitamente chiesto un ultimo sforzo per poter essere davvero da Europa. Difficile, in effetti, essere più chiari di così. E la sensazione è che il tecnico abbia davvero ragione: manca poco, davvero poco, per poter contendere alle avversarie le alte posizioni. E con le ultime operazioni, unitamente a quel necessario pizzico di fortuna in campo, il Toro si gioca davvero una buona possibilità per arrivare in Europa League. “L’ultimo sforzo“, appunto. A pochi passi dal traguardo.

Condividi

82 Commenti

  1. Un attaccante di livello è indispensabile, perchè se si ferma il gallo siamo nella m…. più nera!
    Ancora Simeone, che può giocare con il gallo giocando con modulo a 2 punte o sostituirlo…..
    Simeone sarebbe cmq un investimento proficuo che in futuro si rivaluterebbe parecchio, data l’età e la potenzialità, anche se lo pagassero sopra i 20…..Poi Cairo è maestro nelle rateizzazioni dei pagamenti…..

  2. Come al solito ho letto dei post di esaltati x il 7-1 al Trapani …dico al Trapani ! Io direi calma e gesso le carenze rimangono e aspetterei un range di 10 partite ufficiali con i titolari e con avversari di livello e poi vedremo… comunque parlare di C.L. è da Peter Pan. L’atalanta che l”anno scorso è arrivata 4○ era a 9 punti dalla 3○ quindi impresa impossibile in più le milanesi si sono rinforzate e con i soldi investiti nel mercato la lega non può farle uscire dalle C.L. quindi Juve Napoli Roma Milan Inter dopo di che ci saranno le altre tra cui noi !

  3. Se il dott. Tavana fa il miracolo su Obi potrà essere lui il valore aggiunto del nostro centrocampo.
    Sarebbe bello poter sostituire Acquah ma non con Donsah ma con uno di quantità e qualità. Allora si…..

  4. Mi preoccupa un po’ il fatto che il Milan non abbia ancora definito l’acquisto dell’attaccante. E Belotti che ieri non ha fatto neppure per un secondo il gesto del gallo dopo i gol. Se andasse via, potrei accettarlo solo a due condizioni: 1) incasso minimo di 80milioni, 2) tutto ben reinvestito sul mercato.

  5. Il toro è forte davanti a parte berenguer che non mi convince affatto. Molto meglio boye quando ci mette voglia. Che poi questa squadra possa ambire all’el o alla cl sono fesserie di fessacchiotti da tastiera. Diciamo che siamo una buona squadra da 9-13 posto.

    • Vero che Belenguer sembra leggerino, ma è altrettanto vero che in una partita, pur facile, ha segnato quanto tutto il campionato scorso Boyé, ha dimostrato velocità di esecuzione e di cervello e intesa coi compagni di reparto. Senza contare che “por mala suerte”, non ne ha segnato per lo meno uno in più.

  6. Sono d’accordo con tutto quello che ha scritto graziano, a parte la questione barreca. Anche zappa aveva evidenti problemi in difesa, in parte parzialmente superati. Barreca è giovanissimo e se ha voglia di giocare ad alti livelli deve imparare a curare la fase difensiva. Quindi sta a lui migliorare. Il centrocampo con rincon e aquah da non vendere assolutamente ha valore difensivo non male ma i cm sono quelli che sono. Di testa non ne prenderemo una…..purtroppo e già si è visto

  7. Aspettiamo la chiusura del mercato prima di dare giudizi ma anch’io ho la sensazione che manchi davvero poco per avere una squadra competitiva per l’Europa.
    Ho solo qualche perplessità sulla catena di sinistra dove abbondano i giovani (a parte Molinaro): dalla crescita / esplosione di Boyè, Berenguer e Barreca dipenderà gran parte del nostro successo. Negli altri reparti invece siamo messi bene.
    Ora sotto con gli ultimi tasselli.

  8. Sirigu è un gran colpo di mercato perchè venuto a zero; non mi convince appieno, ma peggio di Hart non farà ed era giusto prendere l’occasione.
    N’Koulou è un grandissimo difensore, tra i migliori in circolazione, pagato pochissimo, grande acquisto.
    Se Lyanco o Bonifazi esploderanno, i centrali di difesa sono a posto (avendo inoltre Rossettini e Moretti come riserve).
    Zappacosta è cresciuto tantissimo ed è ora uno dei terzini destri più forti in circolazione. Ieri ha fatto anche un paio di interventi risolutivi in difesa.
    Il punto debole è il terzino sinistro. A me Molinaro non dispiace, ma non se se reggerà un altro anno, vista l’età ed i recenti infortuni. Mentre Barreca è incapace a difendere. Se la Roma ci dava davvero 14 milioni era da vendere subito, per acquistarne uno più bravo.
    A centrocampo sarebbe importante non vendere Acquah, perchè seppur scarso di piedi dà molto in termini di recupero di palloni (salvo che al suo posto non arrivi qualcuno forte davvero: Allan, Torreira, Valhena e non Donsah). Rincon non migliora molto la squadra secondo me ed è stato strapagato (Medel, stessa età e stesse caratteristiche è stato venduto per 3 milioni).
    Grande come al solito, soprattutto per intelligenza tattica Falque. Ljiaic darà il suo contributo. Spero che Belotti non sia dispiaciuto di non avere spiccato il volo: ieri neppure esultava.
    L’esterno sinistro non convince nè me nè Mihailovic: sia Berenguer che Boye mi sembrano ancora acerbi e poco concreti. Edera rimarrà come vice Falque. Parigini ed Aramu da dare via. Occorre che arrivi uno forte davanti: El Sharawi o Niang. Come vice Belotti andrebbe bene Sadiq, purchè con diritto di riscatto.

    • Rincon ne sono sicuro cambierà la squadra e soprattutto influirà sulla testa degli altri centrocampisti, sono d’accordo su Acquah che spero rimanga, Allan penso che sia impossibile da prendere, Torreira non male ma si dice sempre che ci mancano centimetri e poi prendiamo uno che non arriva a 1.70?
      Donsah non mi entusiasma nemmeno a me.

  9. La squadra è forte solo davanti fa abbastanza ridere: ieri giocavano a metà campo le riserve ed erano obi e acquah. Oltre ad essere salito notevolmente il livello, la squadra sembra avere un’altra consapevolezza e un’altra quadratura. Gli ultimi 2/3 innesti la faranno salire ulteriormente. Mi fa ridere anche leggere che Bologna è un banco di prova: il banco di prova è almeno un girone. Nella partita secca ci sta di vincere con tutti e soprattutto di poter perdere con tutti.

  10. Il banco prova sarà il Bologna ma intanto ieri sera,pur con un avversario modesto,ho visto un bel Toro,specie nei nuovi acquisti,che ci darà soddisfazioni,sperando nella tenuta atletica e nel miglioramento del l’impostazione tattica da parte del mister,e quà viene il difficile….

    • Finiremo con tre titolari (NK, Bonifazi e Lyanco) che rispetto allo scorso anno mi sembrano un bel salto in avanti. Moretti comunque insostituibile come riserva di lusso…(lusso perche’ si e’ dimostrato un gran difensore e professionista).

  11. Però ho sempre criticato cairo e son sempre pronto a farlo, però a mio parere non si sta facendo male, felice dell arrivo di rincon e poco dispiaciuto anzi per niente dell addio di benassi, bravo ragazzo gran professionista nulla da dire ma calciatore mediocre

  12. Mi sembra lampante che manchino ancora 2 giocatori almeno.senza adeguati ricambi di belotti e ljaijc l europa è solo un miraggio.(senza dimenticare il cambio di iago)lo scorso anno ne abbiamo fatti 5 alla pro che si è salvata bene in b.quest anno 7 ad una di lega pro.non facciamo voli di fantasia.un conto è giocare con lazio e viola un conto è il trapani.

  13. MondoToro ha ragione (come al solito; ).

    c’è poco da aggiungere… quello che dice su Moretti e Molinaro lo ripeto da tempo e a centrocampo (a parte Rincon) mancano ancora cm e peso (o pensiamo che Obi le giocherà tutte?).

    i due buchi in attacco sono solo le mancanze più evidenti…

  14. Tutto fantastico ma magari non segni il 2-1 su autorete e la partita va diversamente. Finché la baracca regge su Moretti (cmq splendido) e molinaro che mi pare impresentabile, l’Europa la guardiamo in tv. Ci sono almeno una dozzina di elementi in rosa che valgono a malapena la A per età o scarsezza, sarà il solito nono posto.

  15. OT: qual’è il titolo della canzone che da qualche partita mettono all’ingresso della squadra per il riscaldamento e che ricalca il coro “… non importa se vinci o no, quello che conta è che sempre ti amerò!” ??? Qualcuno la conosce?

  16. Freniamo gli entusiasmi.
    Con il Bologna vero banco di prova.
    Bene impressionato da Berenguer. Lo avevo definito una scommessa/incognita è tale rimane ma rispetto alle amichevoli gran partita ieri.
    N’Koulu: da testare contro avversari più “seri” ma ha il piglio della sicurezza…sperem…
    OBI:segna e tiene tutti i 90’…..
    Liajic…….fate vobis
    Gallo: solito cecchino…ma quella cresta abbassata….
    I.Falque:vero valore aggiunto e vero colpaccio di mercato dello scorso anno….che giocatore
    Se arrivano un paio di acquisti forse passiamo giocarsela per il 6 posto..le musichette lasciamole agli altri va….

    • il vero banco di prova saranno le prime 10 partite, derby incluso. Il Bologna di certo non e’ il Trapani, ma resta comunque una squadra mediocre da classifica medio-bassa. Se vinciamo (se…) facciamo solo la nostra parte.

  17. Okkio ai facili entusiasmi,ke se poi stecchiamo la prima di campionato ci facciamo prendere dal catastrofismo.
    Detto questo a me è sembrato che il Trapani abbia cercato di fare il suo ma il Toro di ieri aveva un atteggiamento diverso , una consapevolezza diversa che non avevo mai visto così netta negli ultimi anni a inizio stagione.
    Speriamo appunto che squadra allenatore e società non si sfaldino alle prime difficoltà che ,gicoforza, puntualmente si presentano durante l’arco di una stagione intera.

  18. Intanto non lasciamoci ingannare dal risultato di 7-1, perché poteva essere benissimo 14-1. E poi il trapani è praticamente una squadra di serie b che due anni fa ha perso la finale playoff per salire in a. Comunque non siamo andati male nonostante l’assenza di quattro titolari importanti come rincon baselli lyanco e barreca, che fanno forse cinque se arriva un altro esterno a giocarsela con l’ottimo ragazzino spagnolo. Naturalmente aspettiamo il 31 agosto, che dobbiamo migliorare ulteriormente, per poi far parlare il campo. Certo, la squadra sembra proprio ben attrezzata e la qualità è impressionante. Obiettivo personale? Direi quarto posto, 30 gol del gallo e champions league. Fvcg

    • Gigi ti voglio bene, ma il quarto posto è utopia, ad oggi. C’è ancora troppa differenza tra titolari e riserve in alcuni ruoli: come tra Sirigu e le sue riserve, stesso discorso per N’Koulou e Zappa così come per Ljajic, Iago e Belotti mente in alto a sx ci sono ottime potenzialità che però devono tradursi concretamente sul campo. Vero è che il mercato porterà ancora almeno le due pedine richieste dal mister ma, obiettivamente, credo che per la CL serva alzare ancora un po il livello di concorrenza interna, sia per spingere i calciatori a giocare sempre al massimo per conquistarsi la titolarità che per non andare in difficoltà quando sarà necessario cambiare qualche elemento, sia in corsa che dall’inizio. Di certo il livello complessivo della rosa è salito ancora e non di poco, ad oggi. Confermare Belotti e completare bene la rosa, a mio avviso, ci pone seriamente tra le candidate per l’EL. Ma sognare non è vietato e quindi spero che tu abbia ragione su tutta la linea.

      • Ma il tifoso può e deve sognare. Poi se arriva il sesto posto va bene uguale. E se facciamo 65 punti e arriviamo decimi andrà bene lo stesso. La squadra,comunque, fa sognare: si può dire o a qualcuno la cosa da fastidio?

      • Ciao Gigi come vedo il tuo pensiero è oltre ogni più rosea previsione, magari!!! Condivido però le perplessità di Mimmo perché abbiamo diversi giocatori che devono confermarsi ( e aggiungo che i due innesti non possono che essere potenziali titolari allora ) poi guardo la classifica dell’anno scorso e ci trovo l’Atalanta al quarto posto, con titolari un certo Masiello e Toloi…il calcio a volte è imprevedibile e sognare fa bene al cuore.

          • Ciao Massimiliano tutto bene grazie, spero anche tu, io sono in vacanza e ho fatto la prima settimana tra le mie amate montagne di Limone, ho avuto modo di vedere un po’ di amici con cui sono cresciuto e fatto belle camminate, ora un po’ di mare ligure. Un abbraccio