Torino-Roma: conferme positive per Tagliavento

4
555

Il punto sull’arbitro della gara contro i giallorossiTagliavento, che si dimostra un direttore di gara all’altezza di gestire match importanti

Buona direzione per l’internazionale Paolo Tagliavento che si conferma arbitro esperto e capace oltre che amuleto portafortuna per i granata che con lui vinsero l’ultimo derby il 26 aprile 2015. In avvio il gioco è scorrevole, anche per merito del direttore di gara che lascia giocare con oculatezza. Al 12’ però è inflessibile con De Rossi che viene ammonito per un fallo di ostruzione ai danni di Boyé. Non succede niente di rilevante per tutto il primo tempo se non un fallo su Belotti al 42’ in zona d’attacco non rilevato e un contatto spalla/spalla tra lo stesso attaccante granata ed un difensore giallorosso in area ospite su cui Tagliavento giustamente non interviene.

Più lavoro nella ripresa che presenta subito (52’) l’episodio del penalty a favore del Torino, per la verità molto facile da giudicare in quanto il piede dell’ex B. Peres arpiona nettamente quello di Belotti in piena area: rigore solare dunque. E’ il momento più caldo del match, solo due minuti più tardi, infatti, nell’area opposta De Silvestri entra in contatto con Perotti: i due sono in corsa e probabilmente un leggero tocco del terzino sbilancia l’argentino che si lascia cadere; Tagliavento ravvisa gli estremi per la massima punizione, meno netta di quella accordata al Torino poco prima ma comunque sanzionabile. Al 56’ ancora un fallo di B. Peres su Belotti e questa volta per lui arriva il cartellino giallo così come per Florenzi al 68’ a causa di un’entrata da dietro su Barreca che lo aveva aggirato superandolo in velocità. Al 78’ l’arbitro di Terni interrompe una ripartenza dei granata fermando il gioco per un fallo su Barreca sebbene Baselli stesse ripartendo in velocità palla al piede e poco dopo ammonisce il portiere Hart per perdita di tempo. Infine all’86’ ammonizione giusta anche per Manolas che atterra Valdifiori a centrocampo.

In definitiva la direzione dell’arbitro Tagliavento è stata lucida e non ha influito sull’esito della gara con decisioni importanti errate. Positiva anche la prestazione degli assistenti per quanto concerne la segnalazione dei fuorigioco. Sempre più felice il bilancio del 44enne arbitro umbro con i colori granata: ora ben 9 vittorie, 2 pareggi ed altrettante sconfitte. 

Condividi

4 Commenti

  1. A proposito di arbitri e di derby vinti… stamani m’è tornato in mente quello del’80/81 di andata, vinto 2-1 in rimonta con Agnolin che alle proteste dei gobbi disse e mimò: “vi faccio un c…. così….” e glielo fece davvero, anche nel referto!!! Ah ah ah!!! Altri tempi (anche perché facevo la seconda media)