Toro, ci vorrebbe più verde dentro al granata. Con Mihajlovic si può

69
2621
toro
CAMPO, 10.7.16, Torino, Sisport, allenamento del Torino FC, nella foto: Sinisa Mihajlovic parla con i giocatori

Torna “Senza peli sulla lingua”, la rubrica di Mario Giordano: “Mihajlovic, rispetto al suo predecessore, ha dimostrato subito di aver fiducia nei giovani”

di Mario Giordano

Ci vogliono le magie di Ljajic, ovviamente. La grinta di Belotti (il primo ad avere preso un po’ di punti, anche se non serviranno in classifica). Ci servirà un Iago Falque più incisivo. Poi ci serve almeno un regista, un altro interno, ci serve la prepotenza fisica di Acquah (se non avesse litigato con il pallone da bambino sarebbe pure meglio ma la grinta è da incorniciare). Ci serve Maxi tirato a lucido (magari anche più spietato sotto porta). Ci serve l’esperienza e le serietà di Moretti, una delle persone migliori che frequenti il pianeta calcio. Ci vorrebbe che Bruno Peres e Maksimovic restassero con noi. E poi ci vorrebbero tante altre cose per fare un bel campionato, senza illuderci troppo ma continuando a respirare l’aria d’Europa che ci appartiene, come si è visto anche a Lisbona (che emozione, peccato solo che La7 abbia interrotto la diretta della premiazione: non è che ci capiti così spesso. Presidente Urbano, da uomo di televisione e tifoso granata: perché l’avete fatto?). Ma poi ci vorrebbe soprattutto quello sguardo fiero della meglio gioventù, la sicurezza con cui Aramu e Boyé hanno tirato il rigore, la ribalderie spavaldo con cui Baselli è entrato in partita, ci vorrebbe ancora più verde dentro questo granata, energie fresche da innestare sul ceppo antico. E’ sempre stato così. Mihajlovic, rispetto al suo predecessore, ha dimostrato subito di aver fiducia nei giovani, di volerli mettere alla prova senza per forza passare attraverso la scuola quadri, le Frattocchie del pallone, l’università della conoscenza di venturiana memoria. Se uno è bravo è bravo, se è giovane ancor meglio. Ora le occasioni ci sono e bisogna saperle sfruttare, vero Gomis? Ci vuole la leggenda antica per riportare in Europa il Toro, e quella l’abbiamo sempre custodita. Ma ci vuole anche la forza spregiudicata dei bocia. E quella, negli ultimi tempi, con tutto il rispetto della vecchia guardia, ci era un po’ mancata…

Condividi

69 Commenti

  1. Arrivare a inventarsi le cose di sana pianta pur di forzareil paragone con Ventura è triste, Giordano. Ieri il più giovane tra i titolari era Gomis, 23 anni asettembre. Ai veri giovani ha lasciato le briciole, e Miha, e neanche a tutti. E si che ha detto esplicitamente che ancora deve valutarli per decidere chi resta e chi va. Se poi vogliamo considerare il ritiro e le presenze nelle amichevoli minori… beh, con Ventura c’erano 4 primavera lo scorso anno. E giocavano le amichevoli. Io spero che Miha li tenga tutti, li lanci, li facciadiventare grandi. E non ho dubbi che sceglierà con la massima onestà intellettuale e con un pizzico di coraggio, che non gli manca. Ma che tristezza st’articolo!

    • mimmo sono d’accordo però alla fine hanno ragione entrambi i mister, i giocatori che escono dalla primavera sono troppo acerbi.
      i 4 che vengono considerati pronti sono effettivamente quelli migliori e sono quelli che stan valutando, ma che anche ventura avrebbe valutato quest’anno e che ha tenuto sempre in considerazione dicendo che era meglio per loro se andavano a giocare da protagonisti in B(giusto consiglio a mio parere) e che come hai giustamente ricordato venivano aggregati ad ogni ritiro.
      Abbiamo visto che anche questi 4 faticano, non credo ci sia spazio per altri onestamente.
      Forse edera che ventura ha fatto esordire, ma che comunque dovrà fare la gavetta che anche gli altri hanno fatto prima di poter esser preso in considerazione.

  2. Io non capisco ma perché mai dobbiamo prendere gol assurdi e perdere punti gratuitamente in nome della linea verde . Igiovani si fanno giocare se sono pronti e poi non mi sembra che negli altri ruoli si vada avanti con la stessa convinzione.

  3. Scusate per la grammatica. Penso ad una frase e mi mangio le parole. Ragazzi Gomis ha fatto una cappella. Verissimo. Ma confido che sia solo voglia di strafare. È troppo bella l’idea di averlo a difendere la porta del Toro. Niente contro Daniele. Ma bisogna insistere. Sento che tanti fratelli ipotizzano un Sirigu. Io ricordo due cappelle su due partite con la nazionale. Cerchiamo di non deprimerci senza motivo. I Portieri che fanno davvero la differenza in positivo sono pochissimi. Valuterà comunque Sinisa. Ovviamente 🙂

  4. Abbiano disputato un ottima partita tranne i dieci minuti finali nei quali si è salvato i soli Ajeti e Gazzi cin un intervento e fallo decisivo. Male gli altri. Ma non si capiva più nulla. Certo Barreca spero resti e venga testato di più nelle prossime amichevoli. Stesso discorso per Parigini. Vorrei rimanessero tutti.

  5. Ieri Maksimovic migliore in campo. Per me bene Zappacosta che ha spinto molto. Benissimo il Gallo che sbaglia ma è un lottatore. Grande Maxi, fa un paio di gesti tecnici di livello superiore. Punizione magistrale di Ljajic. Rigori perfetti. E forza Mattia Aramu. Almeno te devi rimanere.

  6. In questi anni abbiamo perso un sacco di punti per colpa dei portieri..una cazzata come quella di ieri sera o come quella fatta qualche giorno fa’ a Bormio se fatta in campionato puo’ causarci dei problemi potrebbe costarci l’ingresso in Europa o un derby..

  7. Considerazioni sparse sulla partita. Tristissimo per l’infortunio di Alfred. Un’azione tra l’altro assurda con 4 tocchi consecutivi dei nostri. Un autogol incredibile. Ma contento sia accaduto adesso e non più avanti(spero). Si diceva di Gomis. Peccato davvero ma lo sosterró con tutto me stesso. Ha reagito. Maksimovic gli passato indietro una palla alta assassina che ha gestito bene. Alfred è più dominante. Esce di più, ha entrambi i piedi forti e un rilancio con le mani niente male. Spero stia solo pagando la fortissima emozione. Io ci conto.

  8. Se si vuole puntare su Gomis, ed io ci punterei, bisogna dargli fiducia. Questo significa, secondo me, che gioca titolare almeno fino a natale, indipendentemente dalle prestazioni, e non che viene messo in discussione dopo 2 o 3 partite sbagliate, questo per me vuol dire rovinarlo.

  9. Al di là di tutto ieri bellissima serata. Partita gradevole e atmosfera splendida. Grande rispetto per il Benfica ed i suoi tifosi. A livello televisivo si poteva fare meglio ma va bene lo stesso. Sempre emozionante sentire i ricordi sul Grande Torino(dal mister a Comi ai figli di Ballarin Gabetto e Look). Il Toro è una fede. E trasmette orgoglio e valori positivi.

  10. oppure facciamo come dice @vita, che saluto. rimettiamo padelli. che a vederlo con la maglia verde di castellini, mi fa quasi più male di quelle bellissime “esse” rossa dello sponsor, tra le cose più brutte che abbai visto su una maglia.

  11. @bacigalupo facciamo che diamo una possibilità a gomis nelle prossime partite, coppa italia compresa. se fa ancora uscite perdendo la palla, o rinvii mancati (cose che non credo), ci mettiamo ichazo. ha bisogno solo di fiducia, che scarso non è, altrimenti in serie b se ne sarebbero già accorti. fiducia che gli sarà venuta a palla, nel vedere padelli di nuovo in porta. oppure si compra un portiere slavo che costa poco: serbo, per la precisione. con cui parlare a quattr’occhi e capirsi bene bene.

  12. Sinceramente di Parigini e del suo procuratore importa poco.
    sono seriamente preoccupato per i nostri estremi difensori.
    Se Gomis patisce in questo modo le pressioni vuol dire che non è ancora pronto per palcoscenici importanti.
    Padelli bhe lo conosciamo… credo che lo scorso anno sia stato uno dei peggiori della serie A.
    Ichazo anche lui nelle poche apparizioni dello scorso anno non è stato certo all’altezza.

    Per cui che facciamo??

  13. Rotor concordo totalmente con te! Questa sorta di omerta’ non mi e’ mai piaciuta, e secondo me e’ contropoproducente a tutto l’ambiente
    Non bisogna sputtanare un soggetto ma essere piu’ trasparenti su vicende cosi evidenti come quelle citate da rotor sarebbe il minimo
    A riguardo della linea verde, bisogna fare molta attenzione e inserire i giovani gradualmente ed 1/2 x colta non di certo fare un inizio campionato con 3/4 titolari alla prima esperienza…

  14. La squadra c’è ma manca ancora qualcuno li in mezzo almeno due..ma sopratutto manca un portiere come si deve Gomis è giovane ma fa’ delle stronzate mostruose..è strano dirlo ma per adesso (finche’ non arriva qualcuno migliore) Padelli deve fare il primo..

  15. Anche io sono preoccupato per la questione Parigini,perche’ dovremmo cederlo definitivamente?Deve essere successo qualche cosa,gia’ mi puzzava il fatto che il suo procuratore fosse salito a Bormio.Questa e’ la societa’ dei misteri come l’ultimo anno di Barreto nessuno ha spiegato perche’ non si allenasse coi compagni,nessuno ha spiegato perche Barreca e’ stato controriscattato all’ultimo minuto,perche’ Mantovani e’ stato lasciato andare via ,cosi’ adesso e’ in B alla Salernitana e magari tra un anno passera’ nella Lazio.Un po’ di chiarezza ,invece di un ottuso silenzio non guasterebbe.

    • Ma che ottuso silenzio.
      Barreca è stato riscattato all’ultimo secondo per far cagare sotto la dirigenza del cagliari che si era comportata in modo sleale, riscattando il giocatore senza averlo fatto giocare granché, per lucrare il premio IMMERITATO di valorizzazione (cioè la differenza tra riscatto e controriscatto).
      Barreto si era perso e pare che bevesse parecchio: che cosa avrebbe dovuto fare la società, un pubblico proclama, tipo “Barreto non si allena coi compagni perché ha il fegato in carpione”?
      Mantovani non convinceva, punto. Semplice valutazione su un giocatore, magari sbagliata.
      Parigini non ha ingranato, forse ha preteso un po’ troppo e miha non è tipo da farsi mettere i piedi in testa. E’ necessario che la società metta in piazza le beghe interne?
      Su dai, siamo seri.

    • Pare che Parigini sia un po’ “montato” ed evidentemente si aspettava più considerazione e con lui il suo procuratore…Il fatto poi che ci siano anche diverse squadre di A tipo la Fiorentina che lo stanno monitorando non aiuta sicuramente a stemperare gli animi…Così il procuratore vorrebbe la cessione a titolo definitivo nel caso in cui il Torino non volesse puntare su Parigini già da quest’anno (evidentemente per guadagnare di più e non per il bene del suo assistito ovviamente!) cosa che mi auguro non accada..

    • Per quanto riguarda gli altri giocatori mi pare abbia già risposto perfettamente Carbonero…
      Del resto non è che le società (e non lo fa nessuna) mettano in pubblica piazza i loro problemi o politiche interne (e giustamente direi)…

  16. A parte il fatto che l 11 di partenza l’unico verde era Gomis e non mi sembra la scelta più azzeccata, io non avrei voluto vedere Molinaro Moretti Vives Obi e Acqua ma i Baselli i Barreca i Parigini gli Aramu da subito ,nella girandola di cambi è molto più difficile entrare in partita, infatti io avrei fatto l esatto contrario per poi inserire nel secondo tempo gli esperti che sicuramente hanno più facilità a trovare la posizione .

    • In effetti, poi sul 5-0 per il Benfica moretti & co. avrebbero potuto fare una grande rimonta.

      Che scemo mihajlovic a non averci pensato…

      Il giorno dopo ci sarebbe stato un mas63simo che avrebbe sentenziato che non si può schierare una squadra di ragazzini di fronte al Benfica, campione di Portogallo, in una serata in onore del Grande Torino.

    • Verissimo! Pare che il procuratore voglia imporre la cessione a titolo definitivo di Parigini qualora non rientrasse già da quest’anno nei piani del Torino… come pare che sia. In oltre la presunzione esternata dal giovane attaccante non sembra aiutare nella scelta…
      Poi in effetti sono solo voci per il momento, anche se abbastanza insistenti…

  17. Ancora più verde???
    Con barreca, silva, ajeti, peres, baselli, aramu, martinez, boyé ieri negli ultimi dieci minuti ballavamo il foxtrot. I lusitani scendevano nella nostra metà campo che era un piacere, prendendo un palo a portiere battuto e svirgolando palloni d’oro (vero raul?).
    Invece il giusto mix di esperienza e gioventù non ha mai fatto male, anzi.
    E’ l’approccio che deve essere gagliardo, che si abbiano 20 anni o 35, non è la carta d’identità che fa testo. E ieri lo si è visto, quando un maxi lopez è risultato uno dei migliori e un moretti idem.
    Sennò tanto vale far giocare la primavera, no?