Toro, week-end di esordi: debuttano gli ex Primavera

21
1891

Tra Serie A, B e Lega Pro, questo fine settimana saranno ben 11 gli ex Primavera che faranno il loro debutto nel calcio dei professionisti.

Per il Toro quello che sta iniziando sarà un week-end di esordi importanti. Mentre la prima squadra debutterà davanti al pubblico di casa nella prima uscita al Grande Torino contro il Bologna, infatti, per i granata provenienti dalla Primavera di Longo è arrivato il momento di fare i conti con il calcio dei grandi. Per alcuni di loro, sarà la prima assoluta tra i professionisti, mentre altri dovranno riconfermarsi ad alti livelli.

Tra i tanti granata in tour per l’Italia, Vittorio Parigini esordirà in Serie A. Girato in prestito al Chievo Verona, sarà impegnato domani sera alle 20:45 nella trasferta contro la Fiorentina.

In Serie B, invece, saranno 5 i talenti granata a debuttare. Dopo averlo già visto nel match di Coppa Italia disputato proprio contro il Torino, Zaccagno sarà di scena con la sua Pro Vercelli, proprio davanti al pubblico di casa. Longo, che gli ha dato fiducia sin da subito, si affiderà infatti probabilmente al portiere che per anni ha allenato in granata per difendere i pali della Pro contro l’Ascoli nella prima giornata di campionato, in programma questa sera alle 20.30. Debutto alla stessa ora anche per Bonifazi, che con la Spal sarà ospite del Benevento mentre Rosso, in prestito al Brescia, dovrà affrontare la trasferta contro l’Avellino. Il Trapani, invece, domenica alle 17:30 sarà ospite del Novara: tra i siciliani uno dei protagonisti potrà essere Carissoni. Infine, dovrà aspettare fino a lunedì sera Chiosa che, alle 20:30, farà il suo esordio in Serie B con il Perugia nella trasferta contro il Cesena.

Altri 6 granata, invece, saranno impegnati con l’esordio nel campionato di Lega Pro. Iniziamo dal Girone A. Procopio, girato in prestito alla Cremonese inizierà la sua avventura tra i professionisti con la trasferta contro la Viterbese Castrense. Affronterà, quindi, un altro ex granata: tra i padroni di casa, infatti, troverà proprio Abou Diop. Trasferta anche per Zenuni che, in forza al Tuttocuoio, affronterà il Prato. L’unico granata a giocare in casa sarà invece Graziano che ospiterà, insieme al suo Renate, l’Olbia.

Nel Girone B della Lega Pro, infine, faranno il loro debutto Edera con il Venezia e Candellone con il Gubbio, impegnati rispettivamente contro il Forlì in casa e in trasferta contro il Pordenone.

Condividi

21 Commenti

  1. @Mimmo75. Sulla questione Mantovani aggiungo un ulteriore retroscena. Moreno Longo, subito dopo aver firmato per la Pro, manifestava interesse per avere a Vercelli i suoi fidati Zaccagno e Mantovani. Ottenuto il portiere, il suo interesse per il difensore scemava. Svincolato dal Toro Mantovani, e pertanto libero sul mercato, la Pro non ha affondato sull’ex-capitano. Salvo poi andare a prendere Sebastiano Luperto (’96, ex-Napoli), stessa età, stesso ruolo. Ma in prestito secco. Domanda: Perché.

  2. @Mimmo75. Sulla questione Mantovani aggiungo un ulteriore retroscena. Moreno Longo, subito dopo aver firmato per la Pro, manifestava interesse per avere a Vercelli i suoi fidati Zaccagno e Mantovani. Ottenuto il portiere, il suo interesse per il difensore scemava. Svincolato dal Toro Mantovani, e pertanto libero sul mercato, la Pro non ha affondato sull’ex-capitano. Salvo poi andate prendere Sebastiano Luperto

  3. Chi parla di Mantovani x me ha ragione. Incomprensibile averlo lasciato andare. A meno che nonnsi abvenuto come x Benedetti e Comi junior …sembravano fortissimi e predestinati invece non sono mai andati oltre una mediocre serie B. Noi tifiamo. Siamo romantici e sognamo nuovi Lentini Cravero Pulici Vieri……ma intempi sono cambiati. Lo stesso Pulici scovato giovanissimo a un certo punto non sembrava pronto x i professionisti e invece….l importante e che se ogni tanto salta fuori un potenzisle campioncino nonnfaccia la fine di Vieri…..ceduto x un Petrachi che ha poi arricchito e fatto vincere gobbi Inter Lazio e compagnia bella . Vedremo se con Mantovani avranno toppato ….Credo si stia puntando come difensori centrali su altri giovani profili come Friedenlieb e non so Chiosa se sara finalmente pronto fra un anno ….vedremo

  4. Su Mantovani, come su tutti i giovani del vivaio, pesa la parola di Bava. E’ lui che decide. E fino ad oggi non ha mai sbagliato, questo è un fatto. E Mntovani non è il primo giovane per il quale ci si spm stracciate le vesti quando è stato ceduto. Il tempo dirà se Bava ha avuto ancora una volta ragione. Certo, mettere sul piatto della bilancia una buona prestazione contro anni nei quali lo staff tecnico dedicato lo ha potuto osservare da vicino, mi pare azzardato per trarre un giudizio netto. Attendiamo. A Mantovani auguro ogni bene, ogni successo, nel frattempo. E se dovremo mangiarci le mani lo faremo, pazienza. Nessuno è infallibile. Tranne Bava, per ora :-))))

      • Spettro, ciao. E’ un sentimento comune, sui giovani sogniamo sempre. Ma noi siamo tifosi mentre i tecnici sono professionisti e il loro operato viene valutato sulla base dei risultati che ottengono. Brutta messa così ma è la cruda realtà. Sono chiamati a compiere delle scelte e devono farlo razionalmente perchè sono profumatamente pagati per farlo al meglio.

        • Un regalo a Lotito per la sua squadra satellite , anche questa è una cruda realtà, sarebbe interessante veramente sapere com’è andata. Per quanto fatto vedere lo scorso anno , ed anche ieri sera, un contratto lo meritava, forse chiedeva troppo.

      • Forse Lotito gli avrà offerto una cosa che noi non possiamo offrire: un via per esordire in prima squadra. Non è escluso che sotto sotto non gliel’abbia lo stesso Bava a quattr’occhi, perchè calcisticamente Mantovani non era solo uno dei più forti, ma per senso tattico, visione del gioco, temperamento era forse l’unico che avesse già la testa per un salto reddiitzio tra i Pro.

  5. Vinciamo un campionato e andiamo vicini a vincerlo altre due volte. Risultato: nessun Primavera in prima squadra, nè in campo e forse, se spediamo via anche i tre che ci sono rimasti, nè in panchina. Quello della mutazione del senso della Primavera è un problema che riguarda tutte le squadre di A, o almeno quelle che non vivono campando di plusvalenze sui propri giovani e che quindi non hanno bisogno di metterli in campo come in vetrina. Però allora se ne prenda atto: tifare la Primavera della propria squadra non ha più il senso che aveva prima. Tifiamola perchè è pur sempre il Toro, ma una volta che i giocatori vengono ceduti alle altre squadre, sarebbe meglio non stare lì a sperare che diventassero chissà ci,perchè tanto non ritorneranno mai, se non per un saluto.

  6. Intanto segnalo che mantovani ieri ha giocato titolare (e bene, ha preso 6,5 in pagella) con la salernitana. Proprio non capisco come si sia potuto non fargli un contratto. Erano state anche rifiutate offerte dall’Inghilterra per lui se non ricordo male.

  7. Bene
    Quslche notizia positiva. Io attendo fiducioso l esordio di Barreca e magari un giorno Gomis a cui va data prova d appello. Aramu mi piacerebbe restasse come prima alternativa dietro le punte in caso di 4312 ma penso lo prestino in A come Parigini..e giusto che cresca giocando.