Montella: “Sinisa trasmette temperamento, ha lasciato molto di buono qui”

11
881

Vincenzo Montella presenta la sfida tra Milan e Torino, quella che aprirà il campionato di granata e rossoneri domani alle 18 a San Siro

Iniziata la conferenza stampa di Vincenzo Montella alla vigilia di Milan-Torino, in programma domani alle 18. “Per me essere qui è un motivo di grande orgoglio, la stessa sedia che ha visto seduti qui Allegri ed Ancelotti, per citare solo gli ultimi. Perdonate un pizzico di emozione: anche gli allenatori hanno emozioni alla vigilia di un campionato”. 

“Ora si fa sul serio, non c’è spazio per prove. Dobbiamo giocare per il risultato, portando avanti il lavoro svolto, senza distrazioni”. 

Sulle polemiche con i tifosi: “Sicuramente il tifoso del Milan ha ragione dopo gli ultimi anni, è difficile per tutti. Con sacrificio e senso di appartenenza faremo riavvicinare i nostri tifosi, che sono valore aggiunto e devono essere. Anche questo è un obiettivo”.

“Ho tanta fiducia sui ragazzi, dobbiamo lavorare su noi stessi prima che contro gli avversari”. 

Sulla sfida col Toro: “Il Torino ha cambiato calciatori, modulo. Sinisa è un allenatore che riesce a trasmettere temperamento, questa è anche la mia base di partenza. Lui ha lasciato qualcosa di buono, ci aspetta una squadra che sul piano del temperamento sarà forte”. 

Tornerà un Mihajlovic arrabbiato: “Se sarà incavolato alla fine vorrà dire che ha perso…questo mi stimola (ride, ndr)”.

“Un allenatore da solo non può fare miracoli, serve coesione con società e giocatori. Tutti devono lavorare insieme e per il Milan. Abbiamo una struttura eccezionale, c’è tutto per fare bene”. 

Condividi

11 Commenti

  1. Pensate se capitava qua al toro non avere le tute
    In questo sito cosa non si diceva
    Qui ci lamentiamo sempre
    Sempre a pensare a un calcio che non esiste più il Filadelfia meroni pulici ecc
    Tra poco faranno una super lega europea dove andranno solo i ricchi
    E noi viviamo solo di ricordi
    La realtà è questa noi siamo comprimari del calcio non attori come Juve real Barcellona ecc

  2. L’anno passato Silvio sego’ Mihalovich con il Milan sesto e in finale di Coppa Italia a 5 dalla fine perche’ non voleva fare i preliminari di EL in quanto meno redditizi della tourne’ Americana. Miha non voleva fare la formazione dettata da Silvio dunque out. “Brocchi vuoi allenare il Milan? Si? pero’ devi fare cio’ che ti dico”. Risultato 5 punti nelle ultime 5 giornate giocando con Carpi, Verona, Frosinone, Bologna e Roma. Scandaloso! e noi ci lamentiamo del nostro presidente.

    • beh…io sono abbastanza pro-cairo, ma se il buon urbano ci facesse vincere qualche scudetto e qualche champion gli lascerei fare tranquillamente la formazione, anche con piripacchio in panchina. detto assolutamente senza polemica. 🙂

      • Qui si parla di Berlusconi 2.0, quello degli ultimi anni, non il primo Silvio che faceva successi. Da anni ormai ha fatto solo danni e adesso dice che lo ha venduto per amore cosi’ diventera’ grande dinuovo. Come se con i soldi che ha se voleva non poteva farlo lui. Meglio incassare e recuperare gran parte dell investimento fatto in 30 anni.

        • naturalmente il suo tornaconto l’ha già avuto. chi si ricorda l’acquisto di balotelli prima delle elezioni? e comunque se il cairo 2.0 mi fà la formazione, ma nei precedenti 20 anni ha vinto tutto il vincibile…….vedo di accontentarmi 😉

          • Mihajlovic voleva il meglio per la squadra come e’ giusto che sia. Perche’ cedere al sopruso del padrone che guarda i propri interessi. Onore a lui che pur di non cedere si e’ fatto licenziare.