Il Palermo e la cura De Zerbi: attenzione ai dettagli e fiducia nei giovani

9
488
de zerbi

L’allenatore ex Foggia ha accettato una sfida molto impegnativa. La sua idea di gioco si vede già, ma servirà ancora tempo. Zamparini permettendo

Sedersi sulla panchina del Palermo è ormai una vera e propria sfida che va al di là della semplice esperienza professionale. Zamparini in questi anni ha fatto del cambio d’allenatore uno dei suoi “hobby” preferiti e a pagarne le conseguenze, in primis, è stata proprio la squadra.

L’ultimo ribaltone è avvenuto in estate quando, a seguito delle dimissioni di Ballardini (al suo ennesimo vai e vieni sulla panchina rosanero), il presidente del Palermo si è trovato a dover scegliere un nuovo profilo a cui affidare la panchina. La scelta è ricaduta su Roberto De Zerbi, mister giovane e affamato, come gran parte degli elementi che compongo la rosa della squadra siciliana.

Il tecnico è alla sua prima esperienza da allenatore in Serie A e si trova a fare i conti con una notevole pressione. Zamparini, si sa, non lascia spazio a due errori di fila, e il clima non sembra quindi quello adatto per un esordiente. Il tecnico bresciano ha subito mostrato grande personalità, cercando di dare la propria impronta di gioco a una squadra con veramente poche certezze.

De Zerbi ama, come modulo base, il 4-3-3, ma viste le caratteristiche dei suoi giocatori ha preferito proporre un 3-4-2-1 che possa esaltare la corsa dei suoi esterni (Aleesami su tutti), le qualità di Diamanti e Hiljemark e il fiuto del gol del macedone Nestorovski. La squadra ha risposto bene sul campo con un inizio di campionato positivo, nonostante i soli sei punti i classifica e il terz’ultimo posto. Positivo, perché la squadra è costruita per ricercare la salvezza e per crescere nel tempo, visti i tanti giocatori alla prima avventura in A.

Tempo che serve anche a De Zerbi per capire a fondo il patrimonio tecnico che ha a disposizione e per trovare una soluzione alle difficoltà tipiche di un campionato come la Serie A. Il tecnico è descritto come un gran lavoratore, attento ai dettagli e con idee molto ferme. Nella veste di giovane allenatore, non può che appoggiare il lavoro sulla crescita dei talenti grezzi e degli esordienti. Il Palermo sembra la squadra giusta per misurare la sua abilità, la sfida è di quelle importanti: se dovesse vincerla, potrebbe risultare un trampolino di lancio per la sua carriera. Una carriera che si preannuncia ricca di soddisfazioni.

 

Condividi

9 Commenti

  1. Sulla carta, e sottolineo doverosamente sulla carta, secondo me non c’e’ partita; giochiamo contro il peggior attacco del campionato (escluso quello dell’empoli, caso clinico con due gol segnati), buona la loro difesa ma che sara’ a fronte di Iago, Belotti e Ljajic. La parte difficile sara’ non sottovalutare l’impegno e la consapevolezza che, in caso di vittoria, classifica ed ambiente inizierebbero a prendere una certa piega; ed in un certo senso quest’ultimo fatto potrebbe anche diventare un ulteriore valore aggiunto. Tutto questo in teoria, che spesso ma non sempre ben si accoppia con il campo.

    • Infatti… vincendo c’è la concreta possibilità di scalare ancora in classifica, quindi dimostriamo il salto di qualità, la consapevolezza dei propri mezzi, e non facciamo di Palermo una nuova Carpi! Avanti ragazzi, forza!