Longo: “Lavoro per meritarmi un giorno la panchina del Toro”

19
1442

Alla vigilia del match di Coppa Italia contro il Torino, è Moreno Longo a presentare la sfida in conferenza stampa.

Stiamo lavorando bene, iniziamo a smaltire i carichi di lavoro e cerchiamo di trovare gli automatismi che ci permetteranno di diventare squadra. Sicuramente ci saranno dei cambiamenti rispetto alla Reggiana, abbiamo recuperato alcuni giocatori: sceglierò chi darà maggiori garanzie fisiche. Mancherà soltanto Germano, che ne avrà ancora per una decina di giorni. Però non mi piace parlare di titolari che rientrano, gioca chi mi dà maggiori garanzie“.

Per Longo quello di domani sarà una partita particolare contro un avversario che conosce bene: “L”importante è andare in campo con il giusto atteggiamento, a prescindere dalla qualità enorme dei nostri avversari. Quello stadio dà una carica incredibile ai giocatori granata, ma la Pro Vercelli dovrà essere ancor più carica del Torino. Mihajlovic è un grande allenatore, dà ampie garanzie e non mi sembra corretto paragonarmi a lui. Devo lavorare ancora molto. Io sulla panchina del Toro? Bisogna meritarsela, penso sia stato giusto fare esperienza fuori“.

E sul modulo: “l nostro 4-3-3 è completamente diverso da quello del Torino, non sarà dunque una partita a specchio. Durante la settimana lavoriamo su più moduli, durante le partite può essere importante cambiare atteggiamento in corsa. Nel caso in cui la necessità ci imponga di cambiare, ci faremo trovare pronti“.

 

Condividi

19 Commenti

  1. Inizia però, questo lavoro di avvicinamento alla panchina del Toro, dopo questo sabato, mi raccomando! Grande Moreno, breve o ampio che sia, il tuo ritorno sta scritto nelle stelle o da qualche altra parte. Splendida la Pro, con un altro grande cuore granata, Giulione Ebagua.
    Volevamo vedere giocare i giovani del Torino? Con Miha li vedremo a Vercelli, ma li vedremo. FVCG

  2. Venerdì 12 agosto, alle ore 15.30, presso la Sala Conferenze dello stadio Olimpico Grande Torino, incontro di presentazione della partita di coppa Italia Torino-Pro Vercelli con il tecnico Sinisa Mihajlovic e con due calciatori granata.

  3. Probabilmente era l’uomo da prendere quest’anno e lanciare subito, non per demeriti di Mihajlović o perché non lo ritengo all’altezza, ma visto che Cairo-Petrachi o non hanno intenzione o sono impossibilitati di fare la squadra richiesta dal mister, sarebbe stato meglio Longo che conosce l’ambiente e probabilmente avrebbe assorbito meglio le prede catturate a fari spenti dal ds.