Gattuso: “Mancava solo che entrassero Pulici e Graziani…”

9
3657
CAMPO, 29.11.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 4.o turno di TIM Cup, TORINO-PISA, nella foto: Gennaro Gattuso

Dopo Torino-Pisa, Gattuso commenta la partita contro i granata: “Dobbiamo fare in modo che il reparto possa andare più facilmente a rete”

Non segniamo, è una mia responsabilità, dobbiamo lavorare molto di più sotto questo aspetto“. Commenta così Gennaro Gattuso la sconfitta del suo Pisa contro il Toro in Coppa Italia: “Non è solo una questione di attaccanti, dipende dall’aspetto tecnico in generale. Gli attaccanti vanno serviti, dipende molto da come viene servito il reparto. La squadra combatte sempre, noi teniamo bene il campo, ma non basta fare il motivatore. Io vengo riconosciuto come tale, ma non basta; servono le conoscenze, bisogna farsi capire. A volte ci riesco, a volte no; ma ho il fuoco dentro e voglio migliorare anche io“.

“Faccio i complimenti ai miei ragazzi. Il Toro? Ad un certo punto mancavano solo Pulici e Graziani (ride, ndr), è entrata l’artiglieria pesante”. Su Belotti: “Al Palermo lo avevo voluto perché si vedevano già le sue qualità, guardandolo non gli daresti mille lire ma è un giocatore che vede la porta come pochi, mi ricorda Shevchenko. In più Belotti ha il veleno in corpo, gioca con la cattiveria giusta”.

Poi sulla questione societaria: “La società? Io ho perso le speranze” confessa Gattuso. “È da luglio che aspettiamo segnali, ma non ne arrivano. Ho lasciato la squadra il 31 luglio e sono tornato a settembre. Non è cambiato nulla, la situazione lascia a desiderare, per non dire peggio. Sono il comandante di questa barca, cercherò di portarla fino in fondo. Mi dispiace per i 1000 di oggi, mi dispiace per la città. Pisa ha scritto pagine importanti, merita ben altro, è una vergogna e io mi batterò fino a quando la situazione non cambierà in positivo”. 

Condividi

9 Commenti

  1. Voglio elogiare GATTUSO perché ieri non si è rivelato solo un ottimo Comandante ma anche un BRAVO ALLENATORE. Squadra molto organizzata, che ha concesso poco nei 90′ e schierava addirittura due 1999. Poi mi piace l’UOMO GATTUSO, perché non si nasconde mai, con i suoi pregi e i suoi difetti. Magari in un futuro LONTANO lo vedrei bene sulla nostra panchina, perché ha il carattere da TORO.