Gustafson: “Entrare così non è mai facile, ho dato il massimo”

21
1995
gustafson
CAMPO, 29.11.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 4.o turno di TIM Cup, TORINO-PISA, nella foto: Samuel Gustafson

Il centrocampista granata Gustafson commenta la vittoria: “Qui è tutto diverso, la cultura, il paese e la lingua, sto cercando di imparare”

Esordio positivo per Samuel Gustafson nel Torino. Il centrocampista granata, alla sua prima stagionale in Coppa Italia contro il Pisa, è entrato in campo al posto di Obi e ha disputato una buona gara. “Non è stato però facilissimo” dice il giocatore, in inglese, nel post partita, “sono entrato subito dalla panchina, perché un compagno si era infortunato, e ci ho messo un momento a entrare in partita. Poi ho cercato di dare il massimo per la squadra, penso di aver fatto abbastanza bene“.

Il giovane centrocampista, poi, parla del suo ambientamento in Italia: “Sapevo che ci sarebbe voluto tempo per imparare” dice Gustafson. “Qui è tutto diverso, la cultura, il paese e la lingua, ovviamente. Bisogna imparare a comunicare molto, ma sto imparando tanto” conclude.

Condividi

21 Commenti

  1. No, per giocatori su cui s hanno serie aspettative, meglio prestiti in bassa serie A, ora molte squadre hanno bisogno di innesti, e magari giocherebbero con test più probanti. Barreca è maturato più in tre mesi di A che due anni di B.

  2. Gustafson è stata la nota più lieta della serata, per voglia, intelligenza tattica, proposizione in attacco e in difesa, soprattutto quando si è passati al 4-2-4. Perfino acquah è migliorato e di molto nel centrocampo a due.

  3. E ancora adesso c’e’ chi dice che non giocherebbe neppure nel cesena, vero Miva-15? Detto da uno che quest’anno conta i punti dalla zona retrocessione… ma per favore. E’ stato il giocatore che ha toccato piu’ palloni oggi. Vedersi l’assist per boye. Tutti a criticare solo perche’ non e’ un nome conosciuto, come a suo tempo con peres, maksimovic ecc.

    • oggi ha giocato malino. si nascondeva troppo. cosa che non pensavo proprio. probabilmente è più una mezz’ala, però solo una partita con un giovane è troppo poco per dare un giudizio tranciante, sicuramente deve migliorare come gustafson, la tecnica c’è, il fisico anche. bisogna vedere la testa, intesa sia come carattere che come velocità di pensiero e di esecuzione.

  4. il gicatore c’è. deve solo crescere sia a liv. muscolare che dinamico. poi sarà una bella sorpresa. per chi l’avesse visto e lo ricordasse l’assist che ha fatto in primavera di esterno destro al volo con i giri perfetti è stata una vera chicca. il piede c’è 🙂 Ps: farei la firma ad avere un paio di “pacchi” del genere all’anno a fari spenti.