Ljajic: “Toro, non ci sono titolari: vogliamo tutti contribuire”

7
1973
CAMPO, 21.8.16, Milano, stadio Giuseppe Meazza, 1.a giornata di Serie A, MILAN-TORINO, nella foto: Adem Ljajic

In conferenza stampa, interviene Adem Ljajic: “Boyè? Ottimo giocatore. L’ambientamento a Torino procede nal migliore dei modi”

L’attaccante granata Adem Ljajic, insieme a Sinisa Mihajlovic e a Antonio Barreca, presenta la trasferta di domani del Torino in casa del Palermo. “Mi è mancato tanto non scendere in campo: sono stato un mese e mezzo fuori, aiutato anche dalle cure del mio preparatore. Ora sono pronto, abbiamo lavorato molto bene con la sosta, mancavano sì tanti giocatori ma per me è arrivata in un buon momento: non ero al top della condizione. Ora spero di tornare al mio livello“.

In città mi trovo bene: sono in Italia da 7 anni, e sto benissimo. Ho imparato la lingua” (interviene Mihajlovic: “mica tanto!“), “e sto bene“.

Si parla poi anche dei compagni di reparto, in particolare di Lucas Boyè. che ha sostituito Ljajic proprio durante il suo infortunio: “Si vedeva che aveva tanta qualità: si è messo a disposizione, ha fatto molto bene e sono contento. Non facciamo polemiche: non c’è concorrenza. Noi abbiamo in squadra due alternative per ruolo: in attacco ci sono tanti giocatori che possono giocare, nessuno è titolare e tutti possono rispondere bene. Non conta chi gioca, conta che il Toro vinca“.

Condividi

7 Commenti

  1. E’ fondamentale che non si lasci prendere dalla frenesia, dal voler segnare a tutti i costi. Mettersi al servizio della squadra è l’importante, perché i mezzi per fare un buon campionato li ha. Passi il pallone quando deve passarlo. Con la Fiorentina, sul due a zero, in un’azione poteva creare superiorità numerica passando il pallone ma si è intestardito e ha voluto tirare (fuori!). Poco dopo è arrivato l’1-2.
    Ljajic a pieno regime è tanta roba, anche per squadre sulla carta superiori alla nostra.