Acquah, allarme rientrato: Il ghanese si candida per Palermo

2
613
acquah
CAMPO, 2.10.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 7.a giornata di Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Afriyie Acquah

Dopo il rientro di Acquah dalla nazionale, i controlli hanno escluso particolari problemi fisici: il mediano granata, punta con decisione Palermo

Dopo la prematura uscita dal campo di Afriyie Acquah, nella partita tra Ghana e Uganda del 6 ottobre scorso, in casa Torino era risuonato qualche sinistro segnale legato alle condizioni fisiche del centrocampista, tanto da rendere opportuno il suo rientro alla base per i controlli medici del caso. Gli esami a cui esiti è stato sottoposto il mediano del Torino, hanno dato un riscontro rassicurante, inducendo lo staff medico granata a dare il via libero al reintegro in rosa del giocatore, tornato a completa disposizione dell’allenatore.

Il centrocampista del Toro, infatti, ha preso parte all’intera sessione di allenamento di ieri pomeriggio, dando sensazioni positive sul suo stato fisico: la trasferta di Palermo di lunedì sera, dunque, sembra essere un obiettivo alla portata del centrocampista, pilastro della selezione ghanese allenata dal ct Avraham Grant.

Una pedina in più a disposizione di Mihajlovic, che grazie all’indomito temperamento di Acquah, può disporre di un centrocampo capace non solo di fraseggiare e ricamare pregevoli trame di gioco, ma anche di andare ad aggredire i portatori di palla avversari con l’irruenza fisica tipica del numero 6 del Toro, conferendo al gioco quell’intensità tanto ricercata dal tecnico serbo.

Condividi

2 Commenti

  1. Se DOBBIAMO recuperare Baselli, non vedo perché non tentare di DISCIPLINARE Afriyie che per intensità ed impegno, considerato il ‘metodo’ aggressivo e il centrocampo a tre, sarebbe decisamente più utile ancorché evidentemente meno dotato tecnicamente.
    Non ha l’ics factor ma merita di passare il turno, vista la concorrenza dalle unghie laccate.