Acquah-Ghana qualificati in Coppa d’Africa: il Toro può perderlo a gennaio

19
1444
CAMPO, 28.8.16, stadio Olimpico Grande Torino, 2.a giornata di Serie A, TORINO-BOLOGNA, nella foto: Afriyie Acquah

La selezione ghanese ha vinto il suo girone, qualificandosi per la Coppa d’Africa di gennaio: il Toro rischierà di perdere Acquah per più di un mese

Missione compiuta per Acquah e il suo Ghana, che dopo il pareggio per 1-1 ottenuto contro il Ruanda, ottengono il pass per la partecipazione alla Coppa d’Africa. La più importante manifestazione per nazioni del continente africano inizierà a gennaio, protraendosi fino al mese di febbraio, con le finali che sanciranno i piazzamenti definitivi. Il Toro dovrà dunque con ogni probabilità fare a meno del suo centrocampista, giocatore importante negli schemi del ct Avraham Grant, tecnico salito alla ribalta europea dopo aver sfiorato la vittoria della Champions League nel 2008, alla guida del Chelsea.

Un gennaio che priverà il centrocampo del Torino di un tassello prezioso, con Mihajlovic che dovrà così trovare i giusti rimedi per attutire senza contraccolpi l’assenza del ghanese. Magari confidando in qualche dono natalizio proveniente dal mercato. Giusto rammentare che non esistono certezze sul raggiungimento della finale da parte del Ghana, e che quindi l’assenza del centrocampista granata potrebbe prolungarsi “solamente” per poche settimane. Tuttavia la compagine africana è annoverata tra le favorite alla vittoria finale, e salvo colpi di scena, il suo percorso non si interromperà troppo prematuramente. Costringendo il Toro, a tempo debito, alle riflessioni del caso.

Condividi

19 Commenti

  1. È il problema che si ha comprando i giocatori africani. Ogni due anni, a cavallo tra gennaio e febbraio, fanno la Coppa d’Africa. I giocatori devono essere liberati 2/3 settimane prima, poi tornano che sono spremuti perché per loro è come giocare i mondiali e si trascinano il qualche modo fino a maggio.
    Io non li prenderei mai gli africani.

  2. Quando avevamo solo scarsoni non avevamo di questi problemi… Per esempio, uno come Gabbioneta se si avvicinava alla Nazionale scioglievano i cani… Ancora ricordo con dolore la sua ignobile telenovela che ce lo portò a gennaio come se fosse il salvatore della patria…

  3. È il prezzo da pagare quando in squadra si hanno giocatori che militano nelle varie nazionali di origine. Un vecchio proverbio che si può adattare dice:… “chi bello vuole apparire un poco deve soffrire”….