Belotti, la grande chance: l’attacco azzurro riparte da lui

59
2595
belotti
CAMPO, 25.9.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 6.a giornata di Serie A, TORINO-ROMA, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 1-0

Per il “Gallo” un grande banco di prova in Nazionale contro la Macedonia: si ricompone la coppia con Immobile, ma l’attaccante del Toro è più in forma

E ora si fa sul serio. Andrea Belotti, dopo l’esclusione per gli Europei della scorsa estate (che aveva lasciato discutere), sa che ai Mondiali potrà esserci. E essere protagonista. Dalla sua parte, c’è una crescita continua, un rendimento costante e anzi sempre più concreto e decisivo, e un allenatore, Ventura, che lo volle fortemente l’anno scorso al Toro. Toro che, in questo momento, rappresenta tutto l’universo del “Gallo”: universo granata, certo, ma con qualche sfumatura azzurra che davvero può inorgoglire anche i tifosi.

Sì, perché per la prima volta dopo tanti anni, un giocatore del Toro può davvero essere il fulcro dal quale far ripartire la Nazionale. Più di Ogbonna, anni fa; più di Cerci e Immobile per la scorsa (disastrosa) edizione dei Mondiali, quando non erano certamente titolari fissi. Per il numero 9 del Toro, invece, la storia può essere molto diversa. La scorsa partita, contro la Spagna, quando è entrato ha saputo fare la differenza, giocando “semplicemente” come è solito fare in campionato, con quel 9 sulla maglia granata che spicca e che ancor di più esalta le sue doti da bomber.

CAMPO, 28.8.16, stadio Olimpico Grande Torino, 2.a giornata di Serie A, TORINO-BOLOGNA, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 5-1
CAMPO, 28.8.16, stadio Olimpico Grande Torino, 2.a giornata di Serie A, TORINO-BOLOGNA, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 5-1

Questa sera, contro la Macedonia, Belotti sente il profumo dell’esordio da titolare, giostrando proprio in coppia con Immobile, come fu l’anno scorso in granata. Ma se la punta della Lazio si è sbloccata solo di recente, altrettanto non si può dire del “Gallo”, che è meno esperto da un lato, ma più “in palla” dall’altro. La Nazionale, così come il Toro, insomma riparte e si affiderà anche a lui. E anche questa, citando Mihajlovic, è una bella “prova di maturità”. Per superarla, ci vorranno umiltà e granatismo, qualità che all’ex Palermo proprio non mancano. Anzi, lo esaltano. Per la gioia di tutti i tifosi: granata in primis, ma anche azzurri.

Condividi

59 Commenti

  1. Mi sono svegliato adesso e ho saputo che il Gallo ha subito beccato la preda….. Facendo 1 + 1,rigonfiamento del portafoglio di Cairo e visibilità mondiale di un gran giocatore,speriamo solo che il presidente smetta di fare il business man e faccia l’innamorato del Toro,lasciatemi sognare….

  2. Ad un certo ho temuto che ci ricordasse di cittadella…e secondo lui abbiamo fatto cagare x inesperienza…la solita frase che andava bene x un po al toro ma dirlo quando in squadra ai gente del psg,milan,lazio,inter,merde mi sembra un lavarsi le mani e nn dire di aver messo fuori ruolo candreva(terzino),berardeschi e bonaventura fuori ruolo,verratti lasciato solo contro tt..meno male che belotti e il laziale gli hanno salvato il culo.

  3. Non fraintendetemi…abbiamo comunque un gran attacco, ma continuo a pensare che lasciare partire Immobile sia stato un gran errore.
    Alla fine lo si teneva con ingaggio e costo di Liajic.
    Immobile,Belotti,Falque era un attacco da 50 goal.

    Mihajlovic conosceva Lialijc e forse non troppo Immobile ed ha puntato tutto sul Serbo.
    La storia alla fine e tutta qua…
    Lialic e’ un Grande talento ma poco sacrificio ovunque sia andato…

    Speriamo abbia ragione ancora Mihajlovic ma i goal e il lavoro in copertura di Immobile credo che il serbo non li possa garantire mai…anche nelle più rosee previsioni.

    Unica nota a favore..non so se sarebbe arrivato Iago senza l’ operazione Lialic..

    Però un po’ di rammarico c’è lo, soprattutto quando vedo su almanacco cannonieri 2015 Immobile e non Graziani..

    • Assolutamente d’accordo con te mi sarei tenuto 100 volte Immobile piuttosto di Liajc,sempre se lui fosse propenso a fare da seconda punta perché come prima c’era Belotti e io ho paura che se non ha voluto rimanere e anche per quello !,

      • Giocando a tre davanti avere in rosa Belotti e Immobile come titolari è di difficile gestione. Non sono uguali, ma attaccanti simili. Entrambi prime punte, Immobile molto più mobile e duttile, però per non fargli fare la spola da titolare con Belotti devi convincerlo a fare l’esterno offensivo per quasi tutto il campionato. Può farlo, può imparare a farlo già Ventura ci aveva provato con discreti risultati, ma bisognava lavorarci parecchio sopra e soprattutto convincere il giocatore. Con l’arrivo di Sinisa era chiaro che Immobile partisse. Sinisa non ha mai messo il veto sulla partenza del giocatore, anzi, e con l’acquisto di Belotti non poteva più essere titolare inamovibile……alla Lazio si.

  4. Partitaccia. Ci siamo salvati quando sono saltati gli schemi. Immobile sarà una m..a, ma, al momento, è con Gallo il migliore attaccante italiano. Possiamo dire di aver avuto l’attacco titolare della nazionale. Forse è avvenuto solo col grande Torino. Anche se, ovviamente, ciò è favorito dal livello attuale del calcio italiano

  5. Andrà via, certo, è un copione già scritto. In una squadra inglese, immagino e spero. Questo, purtroppo, non è più il periodo storico dei Pulici, dei Claudia Sala dei Gigi Riva e compagnia bella. Spero solo che col ricaavato ci si rinforzi sempre più. Tipo il Napoli quando cedette Cavani (per 60 milioni circa al PSG e non so quanti milioni di ingaggio per lui, che la società partenopea non poteva permettersi) e acqusitò Higuain e Martens. Pneso che così ci potrmmo anche stare. Se così fosse…..

  6. @mas63simo 9 ottobre 2016 at 14:26
    Non sono spiritoso, sono realista, l’unica alternativa a non avere giocatori granata in nazionale è avere giocatori scarsi. Credo che non serva una cima per capirlo…..credo….

    • Forse non hai capito non me ne frega niente della nazionale e sopratutto non possiamo permettercelo di mandarli in quanto ce l abbiamo contati quelli un po tecnici quindi x il bene del Toro per me sarebbe meglio tenerceli bene stretti o almeno nasconderli.

  7. In passato spesso ho sentito dire: ” Odio Ventura perchè lui si crede la salvezza del Toro, mentre è vero il contrario, siamo stati noi la sua salvezza “. Io credo nella prima delle due valutazioni e cioè che sia stato il primo passo verso la nostra rinascita: ora siamo tornati stabilmente in A dopo aver rischiato di dissoverci nell’anonimato del calcio minore. Inoltre riavremo bene o male anche il Filadelfia, dopo aver rischiato di abbandonarlo per sempre. In un futuro, anche Cairo farà, io credo, il suo tempo. Avremo un ulteriore consolidamento con lui, ci porteremo magari alle soglie della conquista di un posto stabile tra le migliori, ma poi occorrerà salire di un ulteriore gradino, a quel punto la piazza lo chiederà ulteriormente e legittimamente. E più appetibili di un tempo, richiameremo una nuova presidenza che proverà a contendere agli Agnelli, calcisticamente, la città.
    Voglio dire, il percorso che ci porterà ad essere una squadra in grado di poter sperare di poter trattere il Belotti di turno perchè nel frattempo diventati una piazza di valore assoluto, è un percorso da fare tutto per intero, tappa per tappa, da Ventura a Cairo a chissà chi, senza mai scoraggiarci e senza mai smettere di credere nella nostra grandezza. FVCG

  8. capitolo cessione:l’unica cosa che potrebbe convincere belotti a restare è il non perdere la maglia da titolare al mondiale 2018, ma se ventura resta in panca credo non corra rischi quindi partirà, sono curioso di sapere quale sarà “il prezzo minimo” per Cairo stavolta… diciamo che sotto i 35-40 sarebbe una follia

  9. Manca solo di sentire ” speriamo di nn vincere il campionati che poi cairo vende tutti e noi finiamo in b” godetevi questo toro che affronta e batte roma e fiorentina senza paura e da il suo centravanti x guidare la nazionale italiana va!! Che l ultima volta che si vivevano situazioni simili avevo ancora il ciuccio in bocca!!

    • Il problema non è sicuramente questo visto che per vincerlo bisognerebbe tenere tutti i forti e vendere quelli scarsi mentre fino ad ora facciamo esattamente il contrario. E poi se mi diceserro vinciamo uno scudetto ma poi dobbiamo vendere i giocatori perché non possiamo mantenerli sono sicuro che potremmo raccogliere un sacco di firme per poterlo fare! Ma di questo non c’è pericolo ….purtroppo! E poi io sono tifoso del Toro che Belotti segni in nazionale non porta punti al Toro quindi frega 0.

      • Io dico che lagnarsi serve a poco anche considerato che prima di cairo eravamo diventati una provinciale di serie b serve alzare il tetto ingaggi e una societa come la nostra fatta di tanti tifosi che sanno solo lamentarsi ma in quanto a comprare rendono poco l unica strada e’ farlo in modo graduale con plusvalenze.. All inizio avevamo come tetto 1 milione.. Oggi siamo mi pare 1.5 di lijajic quando arriveremo a 2 milioni ne potremo convincere di piu a restare e cosi via.. Io nel frattempo mi godo il momento anche se c’e’ chi dice che andiamo in b col crotone ( ah gia’ quest anno forse no si sono sbagliati, il prossimo dai..)

      • Ma perchè non t’impegni a realizzare l’azionariato popolare così col 1 milione di tifosi che abbiamo non dovremmo avere grossi problemi a sostituire Cairo. 100€ a testa all’anno, totale 100 milioni….così teniamo tutti

  10. Dal momento che non guardo la nazionale,mi auguro solo che non si faccia male e che possibilmente giochi male,a dimostrazione che è solo un medio giocatore da piccolo club e che non lo convochino più,se lo vedono all’estero quanto è forte…ciao,un altro gioiello perso e di perdere il Gallo non ci voglio manco pensare!!!!

  11. Forse sarebbe meglio che alcuni tifosi si mettessero in testa che più giocherà in nazionale prima se ne andrà dal Toro o non avete ancora imparato la storia di Cairo ! ….quindi “lasciate ogni speranza voi che di questa nazionale tifate” perché non avremo il tempo di gustarcelo e in meno di un baleno lo vedremo con un altra maglia. Ed inoltre toccatevi tutti gli zebedei perché se dovesse farsi male come Montolivo faremmo un altra stagione di merda.

  12. Per età, qualità e senso del gol, oggi Belotti è uno degli attaccanti italiani con maggiori probabilità di andare ai Mondiali e di essere persino titolare. L’auspicio e che nel 2018, anche a fronte di stagioni straordinarie, sia ancora con la maglia del Toro.

  13. Forza Gallo mangiati sta Macedonia.Intanto Aurelio e Giuntoli sono stati puniti per il loro modo di fare poco ortodosso, Milik si e’ rotto il crociato in Nazionale,4 mesi la prognosi;chi di spada ferisce di spada perisce,mi spiace solo per il ragazzo.

    • La prossima plusvalenza sarà credo,se le cose andassero bene, ljaijc. È stato preso anche per quello. E quelle tipologie le accetto perché so già prima che sono al Toro di passaggio. Belotti sarebbe un colpo durissimo e non ci voglio nemmeno pensare.

  14. Chiaro che si è un po’ in apprensione e che l’unica cosa che conta è il Toro. Ma che il centravanti del Toro diventi il centravanti della nazionale per soli meriti sportivi ci deve rendere orgogliosi. Io spero che possa realizzare il suo primo gol in maglia azzurra e che su di lui si costruisca un grandissimo Toro!

  15. Belotti, insieme ad immobile, sono gli unici che possono risollevare questa nazionale scandalosa. Neanche con prandelli avevo visto uno spettacolo così indecente. Fosse per me licenzierei in tronco il tronfio allenatore, il quale ieri ha tirato fuori il suo meglio: colpa dell’arbitro, Spagna mai tirato in porta etc. Etc. La colpa è sempre degli altri. Ma per quanto mi riguarda può rimanere lì fino alla fine…..basta che belotti non venga spremuto troppo.