Belotti scuote l’Italia con la Spagna: ora anche per la Nazionale è indispensabile

40
2045
CAMPO, 2.10.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 7.a giornata di Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Andrea Belotti

L’ingresso di Belotti nella ripresa, insieme a quello di Immobile, ha evitato ad una brutta Italia la sconfitta contro la Spagna

Ora per Giampiero Ventura rinunciare a questo Andrea Belotti sarà davvero molto difficile. Se l’Italia contro la Spagna non ha subito quella che sarebbe stata una meritata sconfitta gran parte del merito va dato al Gallo e a Ciro Immobile: i due attaccanti, a cui inizialmente sono stati preferiti un impalpabile Pellè e Eder, hanno scosso una Nazionale che per un’ora di gioco è stata rintanata nella propria area di rigore, dopo essere stata dominata in lungo e in largo dalla Spagna.

Italia-Spagna, fino al 60′, ha ricordato il derby di Coppa Italia dello scorso anno: una solo squadra in campo a giocare (in questo caso le Furie Rosse, nella stracittadina la Juventus) ed un’altra (ieri l’Italia, un anno fa il Torino) chiusa nella propria area di rigore spaventata dagli avversari. La differenza, rispetto al derby, l’hanno fatta il maggiore tasso tecnico della Nazionale azzurra rispetto alla squadra granata e il fatto che gli spagnoli tentavano di entrare in rete con il pallone anziché provare anche qualche conclusione dal limite dell’area. È così che anziché quattro gol, l’Italia ne ha subito uno subito solo e, dopo l’ingresso in campo di Immobile e Belotti, è riuscita ad alzare la testa e a portarsi nell’area avversaria. Il Gallo, dopo pochi secondi dal suo ingresso in campo, ha mostrato tutta la sua grinta guadagnandosi un calcio d’angolo e ha poi dato vita all’azione che ha portato al rigore dell’1-1 siglato da De Rossi: è il granata a servire Eder in area prima che questo venga steso da un difensore avversario.

Per Ventura, come lo è per Mihajlovic, in futuro sarà difficile rinunciare dall’inizio ad un Belotti in questo stato di forma.

Condividi

40 Commenti

    • Certamente la mia è esclusivamente una presa d’atto. Ma molti tifosi scrivono, anche qui, come se Immobile fosse un memorabile pezzo di fango (un pó si eh….), dimenticando come e quante volte ci ha fatto esultare in quella magnifica stagione in coppia con Cerci……. l’anno scorso lasciamo perdere.
      Ora portiamo alle stelle (giustissimamente) Andrea che se va così bene da far tanti gol, non farà più di 2 stagioni al toro. E nemmeno lui verrà ricordato come mito della Maratona. Quindi niente eroi, niente bandiere che stride con l’essere TORO.
      Bilancio meno attivo e più anni con noi, questo auspicherei.

  1. Tenere in panca Candreva per De Sciglio èsintomatico di come abbia impostato la partita il mister e, purtroppo, esattamente come solito fare contro avversari blasonati, in modo rinunciatario.
    Per sua fortuna Immobile ed un incredibile Gallo gli hanno cavato le castagne, almeno in parte dal fuoco.
    Ma la difesa gli rema contro, è evidente, viste le cappelle in serie di buffone, bonucci e chiellini fin da quando li ha iniziati al dogma del giropalla e 3-5-2—–

  2. Per qunto riguarda Ventura che dire,
    ‘giropalle’ al portiere e tentare l’uscita sugli esterni i quali, se sono beatalmente bloccati, non vanno da nessuna parte. Florenzi si era rotto gli zebedei dopo 20min e Buffone ha preso più palle con i piedi (tranne una😆😆😆) in questa partita che nelle precedenti 150.
    Il marchio di fabbrica si vede e per fortuna non è più granata.

  3. Purtroppo il calcio di oggi NON CI CONSENTE di affezionarci ai giocatori perché corrono più verso i soldi che in campo.
    Detto questo quando vedo Immobile giocare così, in automatico, la capoccia mi va ai suoi splendidi gol con la nostra maglia, e poi mi incaxxo pure….
    Mi chiedo: se Gallo arrivasse a 25 gol e il prossimo anno il duo Braccino&Plusvalenze lo vendesse per una cifra irriguardosa, avrò la stessa sensazione? Eh si.
    L’idolo di oggi potrebbe essere, potenzialmente, l’Immobile di ieri., a meno che, finalmente, la SPA inizi pure a guardare ai risultati e alla classifica, quindi a tenere ‘quelli buoni’ . Siccome sono assai scettico sulla seconda ipotesi, mi godo solo la domenica appena passata e attendo il Palermo.
    Di fare Bandiere non è più tempo.

  4. sento parlare ancora d’immobile.e’ritornato per la nazionale,ritornato pure per chetare tifosi delusi e critici.non hanno mai avuto intenzione di riscattarlo.si e’ comportato cosi con il consenso della proprieta’,poche palle,dai

  5. Hanno crocifisso ed esibito al pubblico ludibrio Hart dopo la smanacciata di Bergamo, eh?
    E la papera farfallata dell’ “IMMENSO” e osannato Buffon di ieri sera come la vogliamo chiamare? Eh???
    Stendemus velum pietosus!!!

    • Dovevi leggere la pagella su la stampa: càpita anche ai più grandi per farli sembrare mortali: l’errore sul gol di vitolo va letto così.

      Seee, come no. E dire invece GAME OVER per raggiunti limiti di età?

      Tra lui e l’orango ci hanno già combinato abbastanza disastri nelle ultime tre partite.

      La buona notizia è che la gobba l’anno prox dovrà rifare il pacchetto arretrato.

  6. Pessima nazionale per trequarti di partita. La mano dell’allenatore / selezionatore si è purtroppo vista e sentita, sembrava di vedere il peggior Toro dello scorso anno. Schieramento e atteggiamento vergognoso. Ventura vattene!!

  7. Per me è indispensabile per il Toro perché è un ragazzo che ha tanta voglia di migliorarsi,sta zitto e lavora duro.
    Non è il mio modello di attaccante ideale (Perfettamente rappresentato da Immobile) ma è sicuramente la più forte punta italiana insieme a Ciro in questo momento.
    Non so quanto possa essere indispensabile per la nazionale, sicuramente lo è per noi, quindi egoisticamente parlando preferirei vederlo in campo in azzurro il meno possibile.

  8. Godiamoci questo ragazzo umile con la voglia di sfondare. Basta con i turisti in Nazionale. Il ritorno con la Spagna ci sarà a Sett 2017. Nel mezzo avremo trasferte in Macedonia e Liechtenstein a Marzo 2017 l’Albania in casa. Il tempo per togliere i bolliti c’e’ eccome ci vuole coraggio. FORZA TORO

  9. Ieri Ventura ai microfoni di Sky,
    su esplicita domanda, ha detto che alla sua età non ha tempo per occuparsi di sciocchezze come quella di Pellè.
    Oggi lo esclude dalla prossima partita, solito PERMALOSONE!!!
    poi ha tirato fuori una delle sue chicche che ha ripetuto ad ogni intervista: ” SE VOGLIAMO POSSIAMO…” quello sì crede Dio sceso in testa!!!

  10. Estate 2015 il Toro acquista Belotti ed io penso: bravino si, lottatore si, però non ha mai fatto caterve di gol, mah vedremo che fa. Mai feci errore più grande nel sottovalutare questa belva! Grande Gallo! Guai a chi lo tocca! Si Immobile e il Gallo avrebbero formato una gran coppia (ed io da gennaio 2016 l’ho sempre sostenuto) ma il primo ha deciso di non restare. Ora guardo il parco attaccanti del Toro e mi scappa da ridere e godo. Meno male che non è voluto restare, perché probabilmente tutta stá abbondanza non ci sarebbe stata. #SFT

    • Perché ti fa così schifo l’attuale attacco granata. A parer mio quello di quest’anno è molto più forte di quello dello scorso anno, abbiamo anche più cambi e più soluzioni d’attacco….e come dici te per questo sappiamo essere sempre lo stesso a cui dire qualcosa in merito.

      • Mah, a me girano comunque gli zebedei. La Lazio Immobile l’ha riscattato a 8,5 milioni. Se Cairo c’avesse creduto gli avrebbe alzato l’ingaggio e l’avrebbe convinto. Avremmo la coppia di attacco della Nazionale, con dietro Ljajic. Senza nulla togliere a Iago e a Boyè, per me è una grande occasione persa

    • Ma basta sputare sul Toro!

      Abbiamo un attacco mostruoso per potenza, fantasia, varietà, capacità di colpire e difendere.

      E c’è chi ancora addossa colpe alla Società per un Ignobile che ci ha usati per la seconda volta e se n’è andato come era venuto. Questa è falsità ideologica!

      VERGOGNA!

  11. Ho visto per la prima volta l’Italia dal vivo. Ero praticamente uno spettatore neutrale e freddino. Poi è entrato il Gallo e tutto è cambiato. È diventato una belva. Il suo modo di lottare entusiasma. P.s. e per la verità bene anche Ciro…