Benassi, il leader che non ti aspetti: può essere l’anno della consacrazione

54
1913
Benassi
CAMPO, 2.10.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 7.a giornata di Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Marco Benassi

Il centrocampista, con le prestazioni di questo inizio di stagione, è sulla strada giusta per diventare uno dei trascinatori della squadra

Marco Benassi, nonostante la giovane età, è già tra i veterani in maglia granata, avendo all’attivo ben 74 partite, arricchite da 8 gol e 7 assist. Non è un caso, infatti, che nelle ultime due partite abbia indossato la fascia di capitano, onorandola al meglio con una prestazione maiuscola e una rete fondamentale per il campionato degli uomini di Mihajlovic.

Il centrocampista classe ’94, inoltre, non è solo uno dei veterani della squadra, ma anche uno dei giocatori più positivi nonché uno di quei calciatori dal temperamento forte, che potrebbero essere capaci di farsi carico anche dei compagni, nei momenti di difficoltà, per far risalire il Toro. Insieme a nomi più prestigiosi come HartLjajic e Falque, il tifoso granata potrebbe, da qui a poco, annoverare anche il nome di Benassi, tra i trascinatori della squadra per aspirare e centrare un traguardo, quello europeo, che lo stesso numero 15 ha indicato come obiettivo dopo la vittoria contro la Fiorentina.

L’anno sembra proprio essere quello giusto: dopo qualche alto e basso nei campionati precedenti, con partite in cui ha alternato un rendimento medio-alto ad uno anche basso, questa stagione sembra essere iniziata nel migliore dei modi, con prestazioni di ottimo livello e, soprattutto, costanti. Se l’anno scorso ha solo sfiorato la Nazionale maggiore, rimanendo ad un passo dal sogno di giocare gli Europei tra i grandi, quest’anno è lecito pensare che potrebbe ricevere una chiamata da Ventura, che lo conosce bene e lo apprezza, così come sta imparando a conoscerlo e ad apprezzarlo sempre di più Mihajlovic.

Condividi

54 Commenti

  1. Daje Marco, il futuro è dalla tua. Evidentemente la vita da atleta la fa altrimenti sarebbe sulla ciclette a mangiar verdura come Maxi, a maggior ragione vista l’età. Titolare fisso a Livorno, titolare fisso con Ventura, titolare fisso in nazionale, titolare fisso con Miha. Qualcosa vorrà dire a 22 anni.

  2. Non sò quante gliene ho dette, soprattutto dopo l’espulsione contro i gobbi di Russia, perchè al derby quando perse palla, subì comunque fallo, ma l’ho sempre ritenuto un ottimo giocatore, percui dico: forza Marco spacca tutto…

  3. benassi anno della consacrazione,il mister nuovo simeone..non ci sto.calmi che verranno i momenti no,allora il mister sara uno tutto grinta e zero tattica e benassi il solito sciagurato.quest’ultimo l’ho visto giocare bene 4,5 volte,senza infammia e senza lode il piu’dellle volte,alcune veramente pessime.su uno cosi,aspetterei a fine torneo,per dare un parere

  4. Non condivido il titolo. È il leader che ti aspetti. Benassi è sempre stato un predestinato. L’anno scorso era stato inserito tra i 10 under 21 più forti al mondo. Ha solo 22 anni e gioca in serie A da parecchi anni. Purtroppo il tifoso del toro è stato molto influenzato dai due grandi errori con Juve e zenit. Ma per gli addetti ai lavori non ci sono mai stati dubbi. Ps. Forza Toro e juve merda

  5. Quanto l’ho detestato, per i danni (gravi) che ha fatto in Europa. Lo ammetto,se l’anno scorso l’avessero ceduto non mi sarebbe dispiaciuto per nulla, poiché non lo ritenevo un bel centrocampista. Evidentemente mi sbagliavo.

    • Non dispiacerti. Faccio delle considerazioni, ma non ce l’ho mai con nessuno. Anzi, un parere diverso dal tuo è sempre stimolante, purché non scada in uno sterile oltranzismo. Unico denominatore comune: l’amore per la maglia..

  6. Altra roba rispetto ai veri professionisti. I professionisti dell’ offesa del “sempre contro” infatti non mollano di un centimetro e non si infortunano mai. Possono talvolta essere bannati ma mai squalificati. Impara Marco…

  7. Marco sta interpretando bene cosa gli chiede Sinisa. Lotta, suda ed aiuta e lo spettacolo ne trae beneficio, giochiamo 20 mt più avanti rispetto a prima. La fascia gli ha fatto bene domenica onorandola col sudore. Se poi trova continuità nel segnare diventerà un signor centrocampista. La squadra è molto piu’ libera in campo e lo spettacolo ne trae beneficio. Iago, Castan e Valdi stanno ritrovando gamba ed anche Barreca sta acquisendo sicurezza e finalmente ho visto Acquah piu’ disciplinato tatticamente. In attacco non faccio elenchi perchè sono davvero MAGICI. FVCG

  8. Benassi,”ha il cervello di un termosifone,è sempre rotto,fa errori imperdonabili,non ha testa,VENDIAMOLO!! Riprendiamoci Gazzi..” Detto dal cuore,a tutti quelli che parlano così,mi fate pena. Detto dall’animo,andate aff………..

  9. È un giovane di 22 anni. Gli errori come zenit e derby ci stanno (ne aveva solo 20). Tante magagne muscolari hanno rallentato la sua crescita. È comunque in pianta stabile in U21, ha già una buona esperienza in serie A e in campo internazionale. Questo può essere l’anno in cui fa il botto. Forza Marco!

  10. Ha pagato troppo caro l’errore Zenith e pagato l’errore del derby anche per peres che è il principale responsabile.
    Detto ciò ha tirato dritto in mezzo alla confusione e non ha mai perso la testa.
    Lo dico da quando è arrivato da noi che lui sarà una colonna nel Toro.

  11. Su Benassi bisogna dividere il merito tra lui (che come dice @carbonarodoc) ha retto psicologicamente in un momento difficile coronato dall’espulsione con lo zenit e anche il contrasto sciagurato con vidal nel derby con successivo gol di pirlo……. e merito anche a Ventura che con lui ha fatto un gran lavoro di crescita e “protezione”. Ha soli 22 anni, può solo crescere e si sta già vedendo e Mihajilovic completerà l’opera dandogli la giusta dose di grinta e ricetta per diventare un vero leader e capitano da toro. Giovani così fanno bene al Toro.

  12. Benassi, il leader CHE TI ASPETTI.
    E’ stato soffiato all’inter investendoci dei bei soldini, da due anni fa esperienza in campo con noi, è cresciuto in rendimento e continuità, ha le qualità psichiche per reggere le pressioni (è padre, ha retto la marea di odio che gli si è scatenata addosso dopo l’espulsione nella zenit arena).
    LO STAVAMO ASPETTANDO.
    BENVENUTO!