Bormio Live / L’allenamento mattutino

36
1228

Iniziato a Bormio l’allenamento mattutino del Toro: riscaldamento per la squadra di Sinisa Mihajlovic

nostri inviati a Bormio
Andrea Piva / Ivana Crocifisso

Iniziato a Bormio il primo allenamento di giornata del Torino: una parte della squadra è in palestra, l’altra parte in campo per il riscaldamento. Sugli spalti già un gran numero di tifosi ad assistere all’allenamento: “Grinta e passione per questa nuova stagione”, è lo striscione che campeggia in tribuna.

Striscione

Dopo la prima fase di riscaldamento, Mihajlovic sta facendo fare esercitazioni tattiche ad un gruppo dei suoi calciatori. Il secondo gruppo, tra cui Baselli che ieri ha lavorato in piscina, si sta allenando in palestra. Si allena regolarmente con i propri compagni anche Nikola Maksimovic.

I calciatori che erano in palestre sono ora in campo e stanno svolgendo alcuni esercizi atletici. Mihajlovic sta invece proseguendo a guidare il gruppo che sta facendo tattica.

Il gruppo di giocatori che stava facendo gli esercizi di tattica è ora in palestra, quelli che erano in palestra sono invece in campo a provare gli schemi a tutto campo sotto gli occhi attenti di Sinisa Mihajlovic.

Mentre a Bormio ha iniziato a piovere, i giocatori stanno ora lasciando il campo per raggiungere gli spogliatoi. L’allenamento mattutino è terminato.

Condividi

36 Commenti

  1. Messicoenuvole 12:22, riprendo da qui che giù non mi fa più rispondere… su Danza… comunque è strana questa involuzione. Era stato uno dei migliori, nettamente. Chissà se è successo qualcosa che lo ha frenato o se, semplicemente, vale il discorso che facevo prima sulla decontestualizzazione delle prestazioni dei giovani. Dispiace comunque… lui e Comentale sono stati tra i giovani che più mi avevano colpito per qualità delle giocate. Come lo sfortunatissimo Martino, cui auguro di tornare quello di prima dopo il brutto infortunio. Chiudo con una domanda: che ne pensi delle possibilità di Aramu e Pargini di restare a Torino dopo le ultime due annate non proprio esaltanti (anche a causa di lunghi infortuni)?

    • @Mimmo75. Penso che almeno uno sia in uscita. Amici del calcio mi riferiscono di un accordo già in atto con il Bari, che aspetta il duo Gazzi-Vives (appena si liberano) ed uno tra Aramu e Parigini. Come ben sai i rapporti con Sogliano sono molto solidi. Nella speranza che questi movimenti possano anche portare in cambio al Toro qualche Primavera del Bari. Non dico Castrovilli (’97, conteso da Juventus e Fiorentina) , ma almeno Scalera (’98, terzino-esterno dal grande futuro). Con una operazione simile a quella di Candellone al Gubbio, che ha portato in granata il difensore Gabriele FUMANTI (’98, Naz. di categoria). Ancora una cosa. Ieri la Lega ha pubblicato il ranking delle squadre Primavera, su cui verranno compilati i gironi del campionato. Il Toro dovrebbe avere nel suo girone Benevento, Avellino, Bari, Ascoli e Pro Vercelli…

  2. Chi mi aiuta? Ho stilato un elenco di giocatori arrivati dal vivaio del Toro che poi hanno avuto/avranno una buona carriera in serie A. Ho indicato anche l’anno di nascita. Sicuramente dimentico qualcuno, mi aiutate ad aggiungere chi manca?

    Ferrini e Vieri 39, Rosato 43, Agroppi 44, Zaccarelli 51, Garella 55, Beruatto 57, Dossena 58, Ferri 59, Sclosa 61, Ezio Rossi 62, Benedetti e Francini 63, Comi e Cravero 64, Rambaudi, Brambati, Scienza e Osio 66, Lerda 67, Fuser e Venturin 68, Lentini, Sordo, Zago e Bresciani 69, Baggio e Carbone 71, Cois 72, Vieri 73, Sottil e Falcone 74, Mezzano 77, Comotto 78, Pellisier 79, Semioli 80, Balzaretti 81, Calaio 82, Quagliarella e Marchetti 83, Mantovani 84, Acquafresca 87, Ogbonna 88, Gomys 93, Aramu e Barreca 95, Parigini 96

  3. ARRIVANO I NOSTRI (GIOVANI GRANATA)!!! Ancora un doppio colpo per Massimo Bava, che prende due giovani promettenti per gli Allievi: Luca GEMELLO (2000, portiere) e Samuele GIRAUDO (2000, esterno), entrambi dal Fossano. Bava blocca poi un giovane attaccante: Alberto “Gugu” RAMONDO (’99) della CBS. Sarà aggregato in prova alla Berretti granata. Ed il Torino ora sbarca anche in Campania, in attesa che la Scuola-Academy di Peppe Vives dia i suoi primi frutti. E’ di ieri la notizia che il Toro è molto interessato ad un giovanissimo calciatore locale: Adriano CAVUCCI (2002) della Football Ciro Caruso, titolare anche della Rappresentativa Regionale di categoria. Le trattative, mi dicono, sono in una fase molto avanzata.

    • Rimango dell’idea che i giovani debbano arrivare dagli allievi in giù. Per la primavera è già tardi (salvo scambi di mercato) per motivi di rosa (almeno 3 anni nel settore giovanile), di costi e di ambientamento al colore granata. I giocatori per la primavera devono arrivare da Allievi e Beretti e non da altre formazioni primavera. Chiaramente ci sono le eccezioni ma tali devono rimanere: comprare 9-10 giocatori (magari in prestito) per la primavera mi sembra una forzatura.

      • Samuele, la penso come te ma a una condizione (chiedo conferma a Messicoenuvole, che saluto e ringrazio per le news): che il vivaio sia a regime, cioè che a tutti i livelli sotto la primavera hai ragazzi molto validi che possono ambire al successivo salto di categoria. ALtrimenti devi intervenire ogni anno in Primavera per compensare le carenze delle categorie sottostanti. Calcola che il vivaio del Toro è rinato e funziona bene da qualche anno e, per fare un esempio, i primi “pulcini” della gestione virtuosa non sono ancora in età da Primavera. Credo che progressivamente assiteremo a mercati sempre meno massicci con l’inserimento solo di eventuali prospetti di alta qualità.

        • Aggiungi anche che nei primi anni di Cairo il vivaio è stato un po’ lasciato all’improvvisazione. Sono 5-6 anni che la società si sta muovendo in quel senso ed i risultati si vedono. I miei dubbi sono sull’acquisto in prestito di giocatori validi per un anno: penso a Troiani e Danza per fare due nomi (e anche in questa stagione credo ce ne siano diversi). Certo, aiutano i compagni a crescere disputando partite di maggiore importanza (come sono le final-eight) e hanno permesso al Toro di ricostruirsi un nome a livello giovanile (e quindi risultare appetibile) ma dal punto di vista prima squadra che utilità possono avere se poi tornano all’ovile?

          • vabbè, ma coi giovani ci si prova. Non è detto che tutti possano ambire alla prima squadra. Citavi proprio Danza… lo avremmo voluto tutti in prima squadra o almeno riscattato dal Toro: sparito, manco protagonista in lega pro. Questo per dire che, spesso, osservando le partite della Primavera tendiamo a decontestualizzare le prestazioni di quelli con più talento. Siccome emergono (ma a quel livello) siamo portati a credere siano di sicuro avvenire. Guarda quanti campioni d’Italia annaspano in lega pro… Comunque una cosa va detta: Bava, ad oggi, non ne ha sbagliata una che sia una di valutazione. Chi è stato lasciato andare non si è fatto rimpiangere, ad oggi. Sbaglierà anche Bava prima o poi perchè è umano, ma per ora…

        • @Mimmo75. Perfettamente in linea con te, sul fatto che la Primavera debba essere solo “integrata”, ma non ricostruita in toto da prestiti ed eventuali esuberi. Il giovane di valore va formato nella Berretti, negli Allievi e nella nuova Under 16. Diverso il caso degli Under 15 (ovvero i Giovanissimi Nazionali). C’è un limite d’età che va rispettato. Ad esempio: un ragazzo nato dal 2003 in poi non può essere trasferito fuori regione, se non accompagnato dalla famiglia. Cosa che in Italia fa solo la Juve. Prendendo ragazzini dalla Campania e dalla Calabria, con famiglie al seguito. E comunque il Toro ha messo su una squadra 2002 assolutamente super, se non ci saranno scippi…

          • @Mimmo75. Ti dico ancora di più. Longo, sempre legatissimo ai suoi ex-allievi, si è ritrovato Danza, di ritorno dal prestito, alla Pro Vercelli. Ebbene, il ragazzo anche in queste prime amichevoli gioca poco, anzi pochissimo.

          • Messicoenuvole, grazie per la precisazione relativa agli spostamenti fuori regione dei più giovani.