Bormio live / Torino, terminato l’allenamento pomeridiano

11
1185
Bormio

Quarto giorno di allenamenti in Valtellina per la squadra di Mihajlovic: Parigini ancora fermo a causa di un problema alla spalla

nostri inviati Ivana Crocifisso / Andrea Piva – Davanti a circa duecento tifosi granata, il Torino ha iniziato l’allenamento pomeridiano nel ritiro di Bormio. Sinisa Mihajlovic non può ancora contare su Vittorio Parigini, ancora alle prese con un problema alla spalla. La squadra granata ha iniziato il proprio riscaldamento, con alcuni esercizi atletici. I preparatori, intanto, hanno predisposto in campo conetti, cinesini  e porte per i prossimi esercizi con il pallone.

Dopo circa una decina di minuti Mihajlovic ha diviso la squadra i due gruppi che sono ora impegnati nel torello. I portieri invece stanno giocando a calcio-tennis: Sirigu e Ichazo, contro Milinkovic-Savic e Zaccagno. Al termine di questi esercizi, Mihajlovic ha poi fatto effettuare alcune prove tattiche.

Belotti e compagni, divisi in gruppi, stanno ora svolgendo un lavoro di tipo atletico, con giri di campo di corsa. Continuano invece a lavorare con il proprio preparatore i quattro poritieri granata.

Dopo aver svolto un allenamento principalmente di tipo atletico, ultimato con i consueti esercizi di stretching, Belotti e compagni stanno ora raggiungendo gli spogliatoi: il quarto giorno di allenamenti del Torino a Bormio è terminato.

Condividi

11 Commenti

  1. Queste osservazioni sui metodi di allenamento mi fanno un po ridere sinceramente. Ma allora tutti i grandi team come fanno allora? Pochi gg di ritiro poi partenza per tournée intercontinentali. Come fanno poi secondo voi a reggere certi giocatori 60 partite in una stagione? Tutti dopati? Sono cambiati metodi di allenamento credo…

    • Già visti. Ma ci sono mille temi dietro. C’è uno staff allucinante di dottori e preparatori atletici, gente che lavora nel settore da decine di anni. E non sono presi a caso, sono fra i migliori del campo. Se vedi una sola volta (ma anche 10) non puoi capire, magari quella volta fanno scarico. Magari sono andati alle 7 a correre nel bosco. Posso discutere se un giocatore è adatto oppure no, ma sulla preparazione atletica lascerei fare ai professionisti. Poi non è vero (come dicono alcuni) che da novembre a febbraio c’è stato un black out. Ho visto delle ottime partite anche nel periodo incriminato e soprattutto ho visto correre sempre. Ci sono mille casistiche dietro, per esempio Ljajic e Belotti hanno avuto due infortuni lunghi ad inizio campionato; non puoi basarti solo sulla preparazione di Luglio-Agosto.

    • Sarà come dite voi. Ma, parere personale, sta periodizzazione tattica porta evidenti limiti di tenuta.
      Peraltro lo scorso anno nel periodo tra fine novembre e fine febbraio giocavamo 50 minuti e poi ci ammozzarellavamo. Ci siamo ripresi solo dopo la Fiorentina al ritorno.
      Boh, io di preparazioni atletiche ne ho fatte un po’ e queste estive del Toro mi convincono poco.
      Poi ovviamente credo e spero che abbiano ragione i professionisti del Toro.

      • Io tutto sto ammozzarellamento non l’ho visto. Abbiamo fatto schifo in generale in alcune partite.
        A fine novembre abbiamo vinto a crotone 2-0 con due gol nel finale.
        Poi vinto con il Chievo. Vincevamo 2-0 poi abbiamo beccato un gol nel finale, in mischia. Ci può stare.
        Poi perso a Genova giocando male tutta la partita ma nel finale si stava attaccando.
        Perso con la giuve con due gol nel finale, ma per un errore di Barreca e comunque ci può stare. Perso a Napoli 5-3 ma gli ultimi due gol gli abbiamo fatti noi, e 3 nel secondo tempo.
        Vinto con il Genoa e pareggiato a Sassuolo. Nel finale ci siamo difesi bene, con il Sassuolo abbiamo anche provato a vincere.
        Poi pareggio con il Milan subendo 2 gol nel secondo tempo. Dopo il pareggio loro abbiamo giocato meglio. Sconfitta a Bologna giocando malissimo sempre. Pareggio con l’Atalanta ma direi che ci hanno dominato per larghi tratti. Pareggio ad Empoli, secondo tempo 0-0 e abbiamo sbagliato un rigore (e non commento il gol subito). Poi vittoria con il Pescara (ci può stare che sul 5-0 ti deconcentri), sconfitta netta Roma (e loro hanno sempre vinto in casa) e rimonta con la viola (con ennesimo rigore sbagliato).
        Dov’è l’ammozzarellamento?

        Sono 17 punti in 14 partite fra le quali Juventus, Roma, Napoli, Milan, Fiorentina (tutte più forti). La media del campionato è poco più alta.