Boyé si presenta: “Tra Toro e Roma ho scelto senza avere dubbi”

38
3830

La conferenza stampa di Lucas Boyé: la presentazione dell’attaccante granata.

nostri inviati a Bormio
Andrea Piva / Ivana Crocifisso

A presentarsi oggi è il nuovo acquisto granata Lucas Boye. Queste le sue prime parole: “Sto cercando di capire le cose nuove in fretta, il Torino è una delle cose più belle che mi è capitata”.

“Ho parlato con Mihajlovic in questi giorni, avrò bisogno di aiuto nel primo periodo a causa della lingua, ma sto cercando di apprendere il più possibile”.
Il giocatore era stato acquistato a gennaio e ha vissuto questi mesi d’attesa informandosi sul Toro: “Nonostante io abbia avuto poco tempo per pensare al Toro, perché ogni domenica scendevo in campo, mi sono informato, già da quando sono venuto a firmare il contratto. So che la gente del Toro è passionale come quella argentina”. 

Sulla questione passaporto: “Ho quello italiano”. 

A gennaio anche la Roma lo aveva cercato: “Sì, ma ho scelto Torino perché la Roma ha già molti attaccanti e perché a Torino si punta di più sui giovani. Sì, anche qui c’è concorrenza, dopo l’arrivo di Iago Falque e Ljajic, ma questo non mi spaventa, al contrario mi esalta”. 

Sulle sue caratteristiche: “Ho sempre giocato da attaccante centrale, ma non mi dispiace agire da esterno e avere una punta di riferimento. A destra o a sinistra è indifferente”. 

Qui Boye ha trovato una grande comunità sudamericana, Maxi Lopez in testa: “Sì, quando non parlo con Diego Gabriel Raimondi (collaboratore tecnico di Mihajlovic, ndr) mi aiuta molto proprio Maxi Lopez ma anche gli altri sudamericani”.

Condividi

38 Commenti

  1. Lui Aramu Parigini,quest’anno abbiamo parecchie frecce nuove nell’arco,speriamo che la società e il mister credano in loro,senza passare sempre a sti prestiti nauseanti in giro per l’Italia,che mi hanno stufato…

  2. Scusate l OT ma devo scriverlo: Il sito dopo l ultimo aggiornamento,soprattutto da mobile é diventato improponibile. Lascio il sito, e mi dispiace. Spero la redazione non mi cancelli il commento come ha sempre fatto fino ad ora. Ciao

  3. Secondo me Aramu é più avanti nelle gerarchie di quanto pensiamo. Tatticamente e fisicamente è maggiormente adatto al grande salto rispetto a Parigini e tecnicamente non si discute. Potrebbe essere una bella sorpresa

    • Aramu è 2 anni piu vecchio di parigini e nonostante questo ha meno esperienza fra i professionisti..vittorio ha mercato ed è un predestinato.mandarlo nuovamente in prestito dopo 3 anni vuol dire mandargli il messaggio di non credere in lui.meglio non creare frizioni o lo perdiamo.lui è il dopo ljajic.

  4. Sembra parecchio forte il ragazzo, unico difetto si innamora del pallone e qui sta nel mister spiegargli che si gioca in 10 altrimenti sai quante randellate prende se pensa di fare 3 sombreri alla volta. Forza Toro

    • Aramu ha meno esperienza (l’anno scorso anche a causa di un infortunio ha giocato meno del previsto) di Parigini però ha il grande vantaggio di essere mancino…. aramu potrebbe essere inserito come centrocampista come compare nella rosa del sito ufficiale… anche se secondo me è una forzatura… Secondo me Boyè invece farà un anno di apprendistato con Maxi e poi sarà lui l’altra punta centrale a giocarsela con belotti.

  5. diciamo che adesso anche il pacchetto avanzato è piuttosto affollato e qualcuno dovrà partire. Di buono c’è che le 6 punte che rimangono per me giocheranno tutte perchè comunque inutile dire che è un ruolo dispendioso anche a causa dei compiti difensivi