Bruno Peres ringrazia: “Orgoglioso di avere indossato la maglia del Toro”

69
3335
Peres
CAMPO, 13.8.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 3.0 turno di Coppa Italia, TORINO-PRO VERCELLI, nella foto: Bruno Peres

La riconoscenza del giocatore: “Ringrazio di cuore società, compagni e tifosi per gli anni insieme. Forza Toro!”

Tanta riconoscenza nella parole di Bruno Peres, che su Instagram ringrazia l’ambiente granata per anni passati insieme: “Volevo ringraziare di cuore tutti i tifosi, compagni e società, per le tante conquiste. E’stato un orgoglio vestire questa maglia e sono contento per tutto quello che abbiamo passato insieme. Forza Toro!

Questo il post:

 

Condividi

69 Commenti

  1. Mah, la fase difensiva, quello che volete. Ma è stato l’unico, forse, a farci divertire recentemente. Mandato via per un capriccio di Miha, ma il calcio è bello quando vedi le giocate di Bruno, non quelle di Rossettini… Immaginate se avessero fatto lo stesso con Leo Junior…

  2. Comunque finirà sto cazzo di mercato una cosa è certa…

    Su chi ha avvallato la sua cessione ( i termini dell’affare non consentono equivoci) c’è un enorme macino sul groppone…

    Vedremo con andrà, quest’anno ma di tutte le cessioni importanti fatte in questi anni,questa che sembrerebbe la più indolore si rivelerà per tanti motivi la più pesante.

    Quest’anno partiamo veramente male…

    Pensate poi se partisse pure Zappacosta, cosa ci racconteranno??

  3. Fuoriclasse assoluto, soprattutto per noi. Quante volte abbiamo detto: se non ci fosse brunoperes non tireremo mai in porta?? Ti auguro la selecao ed una doppietta ai gobbi ed alla Lazio, così, giusto per completezza. Ciao Bruno, insieme a Darmian fuoriclasse di umiltà e buona educazione

  4. Se non altro si è limitato a tre righe.
    Faccio però notare ai sostenitori del ” non sa far bene la fase difensiva ” o del ” con il modulo Mihajlovic non c’entra nulla ” o del ” davanti è del Bayern,dietro è del Pergocrema ” che su 10 azioni in attacco, nel secondo tempo contro la Pro, almeno 8 sono state iniziate, promosse, sviluppate o concluse da Peres. Per la serie, ne avevamo uno buono e lo abbiamo mandato via ( o non si è fatto niente per trattenerlo). Cose che capitano quando si ha un’affarista per Presidente e si scambia per duro un presuntuoso.

    • quello che dici è giusto, come l’analisi di sinisa: “con la palla tra i piedi è da barca”. forse la roma riuscirà come squadra a supportarlo, il TORO per come è messo a mio parere no. comunque per me è un campione come uomo: sempre col sorriso, disponibile, voglioso in campo. al di là del lato tecnico, un uomo

      • Ma dai @maraton, con sta storia della difesa…

        Sembra che giocare la difesa a 4 sia divenuto un altro sport.
        Spalletti e Allegri la cambiano a partita in corso. Peres a Roma va a sostituire Florenzi che verrà spostato a centrocampo..
        Se vai a vedere sui goal subiti Molinaro lo batte alla grande.

  5. Non ho più smesso di urlare dal gol nel derby, un capolavoro del genere è stato qualcosa di talmente incredibile da offuscare gravi lacune in fase difensiva. L’unica cosa che mi rende meno preoccupato é che il palla a Peres che ci pensa lui, con il gioco di Miha non ha niente a che vedere, il pallone nei piedi ci deve stare poco. Secondo me la vendita di Peres non è disgiunta da quella di Lijaic e Iago ( vedrete che anche lui ci farà godere ) con il patto che se non fosse stato venduto prima sarebbe stato poi dato in modo agevolato alla Roma.

  6. grande Brunone , grazie a te per quel fantastico goal con Vidal a farfalle … un momento icredibile , mi hai tolto almeno un anno di vita ma ho goduto da matti! Per me non sarai mai un campionissimo ma a Torino sarai sempre a casa tua! Onore a Bruno !

  7. Bruno Peres, resterà sempre nella nostra mente il primo goal, dopo 19 ann,i contro i gobbi maledetti nel derby, in cui hai lasciato con la lingua fuori il cosiddetto guerriero Vidal appena a centrocampo ed hai poi infilato a fil di palo opposto il portiere delle merde. Abbiamo poi perso quel derby, ma la soddisfazione di averli fatti tremare resterà sempre viva.

    Ora vai in una squadra diversa, più ricca e quindi potenzialmente più forte, potrai farti valere in Champion League e anche potrai divertirti di più. Non voglio ricordare il tuo fenomenale autogoal, che ha fatto secco Padelli e ci ha fatto perdere una partita. Forse non ne farai più. Sei cresciuto anche tu, in qualche maniera.

    Comunque sei stato uomo e giocatore leale, a differenza di quello stronzo di Maksinfamovic.

    Sii bravo e fatti poi rivendere al Barcellona o al Bayern per tanti soldi, così con la percentuale che nessuno di noi sa, ci potremo comprare da Brasile un altro buon ragazzo talentuoso, perchè così il nostro gioco continuerà.

    Grazie comunque, Bruno.

  8. Piccolo aneddoto: anche a Peres piace fare festa come tutti i sudamericani. Incontrato una sera in un locale brasileiro si è rifiutato (gentilmente) di fare una foto insieme per paura che girasse (rischio cazziatone societario). Mi è sembrato una bella persona comunque. Zero arroganza e grande disponibilità ( niente foto ma si è fermato a fare 2 parole)

  9. Grazie Bruno, sei un ottimo giocatore ed un ottimo professionista, non ti avrei mai venduto e sono convinto che alla Roma farai molto bene, l’errore è stato nostro di venderti. È vero che deve migliorare la fase difensiva ma lo può tranquillamente fare perché è solo un problema di concentrazione.

  10. Chi lo conosce mi ha detto che è un ragazzo di cuore….secondo me è fenomeno solo a metá.incredibile in avanti.scarso dietro.ci sta nella roma attuale ne carne ne pesce.cmq lo ricorderò con piacere.cmq mi sono stufato queste lettere di comiato….la devono smettere ste troie di prenderci per il culo.se stai bene in un club rimanici….(discorso generale che riguarda tutti i professionisti).in fondo non guadagna 2000 euro al mese.

    • Anche per me fenomeno a metà (ho notato anche io le amnesie di piazzamento contro la pro). Un po’ mi spiace che se ne vada ma quello che veramente mi fa incazzare è il modus operandi societario nel gestire la sua cessione e la formula della cessione stessa

  11. La dichiarazione di Spalletti “Con Peres abbiamo anche un centrocampista in più – aggiungendo – ora Florenzi può giocare anche da mediano” chiarisce che l’intenzione è di farlo giocare terzino, sarà più alto ma dovrà difendere. Il centrocampista in più è Florenzi mica Peres… Poi bisognerà vedere come la Roma giocherà, se quest’anno riuscirà ad imporre il proprio gioco o se lo subirà, sono variabili molto importanti per un giocatore come Peres.

  12. Ottimo calciatore, ottima persona, ma non giocherà più per noi. Come non gioca più Darmian. E gira e rigira, questa è l’unica cosa che conta. Io portandomi avanti col lavoro, evito di affezionarmi a Liajc, tanto il prosimo anno se ne va. Siamo come un deposito di container a Vado. Ma tanto noi del Toro alla sottile arte del masochismo siamo abituati.

  13. Eh certo, Bruno è un’ ala, di fatto. Se gli vengono dati anche compiti difensivi, come a Molinaro ad esempio, chiaro che qualche cappella la fa, ma chi non la farebbe? Fate fare a quel trippone di higuain il gioco di Belotti (avanti, indietro, botte, contrasti) e vedrete che ne fa la metà di gol. se va bene. Ventura lo cazziava spesso perchè non difendeva…..che dire

  14. Che ti posso dire ancora Bruno oltre che ci mancherai. Speriamo di aver fatto la scelta giusta entrambi. A te lo scudetto con la Roma e a noi un piazzamento in Europa. Sono molto ottimista. Forse troppo. Ma almeno ad agosto mi piace sognare. Sempre e solo Forza Toro!

  15. Presumo che le situazioni sportive che condizionano l’obbligo di riscatto siano, come di solito, il raggiungimento di un certo numero di presenze in campo (non credo di gol, non essendo un attaccante) e magari un determinato piazzamento in classifica della Roma.

  16. Ciao Brunone e in bocca al lupo. Come detto da altri la sua cessione mi rattrista tanto quanto quella di Matteo e Rolando. Peccato, ma è meglio essersi amati e poi lasciati piuttosto che non essersi mai conosciuti. #SFT

  17. Ricordo Peres il primo anno al ritiro di Mondovì. Non era ancora un giocatore del Toro perché per motivi burocratici non poteva firmare (se non ricordo male non riuscivano a piazzare Vesovic) e rischiava seriamente di tornare in Brasile. Nonostante questo chiamato da mio figlio di 8 anni scese dal pulmino e con un sorriso sereno e pieno di gioia fece un autografo sul pallone e gli disegno’ una faccetta sorridente. Grande persona ti auguro il meglio sia professionalmente che umanamente. FVCG

  18. Non sono un indovino sul serio (solo nel nick) ma credo che Peres nella Roma farà faville e sapete perchè ? perchè Spalletti lo farà giocare dove renderà al meglio e cioè in attacco all’ala destra (o sinistra com’è di moda fare oggi che si inverte la posizione in campo rispetto al piede buono). Noi abbiamo aspettato due anni sperando che Ventura prima e Miha poi lo facessero ma pare proprio che in granata non dovesse mai spostarsi dal fare il terzino di destra che deve difendere soprattutto. Luiu non è mai stato un terzino di difesa e non lo sarà mai. Sabatini e Spalletti lo hanno cpaito la volo e lo hanno preso per fargli fare l’ala (e lui la farà benissimo). Scommettiamo ?

  19. Guile, leggendo il comunicato anche a me par di capire che ci potrebbe essere un inghippo. Quali sono le determinate situazioni sportive? Se esplode pagano 12.5, se invece delude ce lo ritornano indietro e finito il film? Sembra una scenetta di Totò, il comico non Riina

  20. Il comunicato della Roma recita:
    “L’AS Roma è lieta di annunciare l’ingaggio di Bruno Peres dal Torino FC – si legge nella nota del club -. Il contratto prevede l’acquisto a titolo temporaneo dei diritti alle prestazioni sportive del calciatore, a fronte di un corrispettivo di 1 milione di euro, con obbligo di acquisizione a titolo definitivo, condizionato al verificarsi di determinate situazioni sportive, per un corrispettivo di 12,5 milioni di euro. L’accordo include inoltre il pagamento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 1,5 milioni di euro, per bonus legati al raggiungimento da parte del club e del calciatore di determinati obiettivi sportivi”.

    Sarò limitato ma non mi è chiara la parte dove dice:

    con obbligo di acquisizione a titolo definitivo, condizionato al verificarsi di determinate situazioni
    sportive, per un corrispettivo di 12,5 milioni di euro.

    Che parrebbe non siano i bonus, i quali vengono specificati dopo.

    Qualcuno dalla redazione mi può illuminare? Se queste condizioni non si verificano decade l’obbligo di acquisto?
    Grazie.

    • In effetti, il comunicato non è chiaro per niente. E non si fa cenno al ritorno del 20 o 25% del surplus nel caso venga venduto a sua volta dalla Roma ad altra squadra. Un po’ di chiarezza non farebbe male.

    • Beh, anche senza redazione è ovvio che se le condizioni per l’obbligo di riscatto non si realizzano l’obbligo stesso decade. Ciò non toglie il fatto che la Roma lo possa riscattare comunque, casomai facendo liquidità dalla vendita di qualcun altro.

      • Secondo me la situazione economica della Roma è molto difficile. Per cui se il prossimo anno “determinate situazioni sportive” non andranno in Champions non avranno i soldi per riscattare Bruno. I termini della cessione sono poco chiari i fatti sono che Peres non giocherà con noi.

    • E’ nomenclatura. Parlano in politichese. Le situazioni sportive, come sempre quando c’è di mezzo l’obbligo di riscatto, sarà legato senz’altro al numero di presenze del calciatore. Ad esempio, 15 presenze e scatta l’obbligo.

        • Io non lo vedo così ambiguo. Del resto, quando fanno i comunicati, le Società non espongono mai come si articolano i bonus nello specifico. Lo stesso per i termini dell’obbligo di riscatto. Ricordo la Samp che lo scrisse per Quagliarella (prima presenza) e il Milan per Aquilani (venticinquesima presenza). Quasi sempre, sono particolari che si vengono a conoscere dopo. Magari c’è un doppio criterio. Se passano il preliminare, lo riscattano subito e versano i soldi nel prossimo esercizio. Se, invece, vengono eliminati la discriminante diventano le presenze.

          • Credo anch’io che se passano il turno l’obbligo possa scattare con il versamento al prossimo esercizio ma altresì penso che ci sia un’altra discriminante in caso di eliminazione….la qualificazione champions per il prossimo anno. Un primo comunicato non ufficiale comunque recitava che l’obbligo di riscatto era vincolato al raggiungimento di obbiettivi sportivi da parte della società

          • Segue…..mentre nei bonus erano menzionati calciatore e società. Le nostre sono tutte supposizioni comunque senza le carte in mano, ma non molto distanti dalla verità.

    • Credo che qualcuno in grado di farci sognare in fase offensiva sia già arrivato: Liajic. Oltre a Belotti che già c’era. Forse Boyè. In avanti siamo più forti che negli anni passati, a mio avviso. Le perplessità maggiori riguardano la difesa semmai.