Calvarese, l’arbitro con cui il Toro in A non vince mai

39
1617
CAMPO, 20.4.16, Roma, stadio Olimpico, 34.a giornata di Serie A, ROMA-TORINO, nella foto: Kamil Glik protesta con l'arbitro Giampaolo Calvarese

L’unico successo della squadra granata con Calvarese arbitro risale al campionato di serie B 2011/2012, poi cinque pareggi e otto sconfitte

Corni, cornetti, ferri di cavallo e mani in tasca: qualsiasi tipo di rituale scaramantico per domenica è ben accetto perché con Gianpaolo Calvarese arbitro, in serie A, il Toro non ha mai vinto.

L’unico successo con il fischietto di Teramo risale infatti alla stagione 2011/2012: Torino-Grossetto 1-0, una partita noioso, priva di emozioni, risolta nei minuti finali da un autogol di Iorio. In quella stagione il nome di Calvarese è però associato ad un’altra partita: Padova-Torino, match divenuto celebre per i vari black-out dell’impianto elettrico dell’Euganeo che i granata colpevolmente persero. Nei dieci minuti finali, recuperati qualche settimana dopo, non mancano alcuni orrori, più che errori, arbitrali: rigore non concesso al Toro e nessun minuto di recupero assegnato da Calvarese che invece avrebbe dovuto far recuperare il tempo perso per lo meno per le sostituzioni. È così che Padova-Torino finì 1-0 per i veneti. In quel campionato di serie B Calvarese ha anche arbitrato Empoli-Torino 1-0.

L’ultimo precedente in assoluto con il Torino risale invece alla scorsa stagione: Roma-Torino 3-2, con gol decisivo di Totti su rigore inesistente (ma bisogna anche ricordare che ai giallorossi in precedenza non furono assegnati due penalty per due netti falli di mano in area: il primo di Silva, il secondo di Gazzi). Nel campionato precedente, il 2014/2015, Calvarese ha invece diretto Sassuolo-Torino 1-1 (entrambi i gol su rigori inesistenti), l’1-1 casalingo contro il Cagliari e lo 0-0 di Empoli (con espulsione di Jansson). Nella stagione 2013/2014 ha invece arbitrato Cagliari-Torino 2-1 e Inter-Torino 1-0, con annesse lamentele granata. Due precedenti da arbitro anche nel campionato 2012/2013, oltre a quello da giudice di porta contro la Roma: Sampdoria-Torino 1-1 e Fiorentina-Torino 4-3. Infine, due precedenti anche con la squadra allenata da Franco Lerda: le sconfitte per 2-1 contro Sassuolo in casa e Livorno fuori. Un solo precedente invece con la formazione di Stefano Colantuono: Torino-Ancona 1-1.

In totale Calvarese ha arbitrato 14 partite del Toro in cui per 1 volta la squadra granata ha vinto, 5 ha pareggiato e 8 ha perso.

Condividi

39 Commenti

  1. un arbitro può condizionare una partita semplicmente non fischiandoti mai un fallo e fischiando sempre contro.
    Invertendo rimesse e quant’altro. Visto mille volte.
    Poi questo è pure peggio, rigori, espulsioni inesistenti, mi chiedo cosa debba fare quest’uomo per essere bandito dall’arbitrarci

  2. la parola arbitri contro di noi ce ne sono tutti pagati juventini per quello giochiamo domenica in domenica sempre 11 contro 12 avvolte anche 9 contro 12 come a pescara il caso di vives era clamoroso potevamo perdere una partita per uno stupido fallo di vives dopo gia espulsione di aqua insomma basta protestiamo tutti insieme a questi infami arbitri juventini di cambiare atteggiamento contro di noi ok …compromettono le sorti del toro e questo mi gira le palle visto che adesso tolto tra infortuni e giocatori nuovi abbiamo perso un po di punti ed ora che vinviamo le partite come si deve ok fvcg

  3. tante voltevado allo stadio per vedere il toro mi trovo non tanto ad incazzarmi con giocatori che avvolte fanno papere ecc ma con arbitri bastardii e juventini li vedi propio che modificano e compromettono le partite del toro con ammonizioni avvolte gratis rigori che nn li vedono e questo fa si che le partite le fanno diventare uno schifo inguardabile dico basta a questi arbitri corrotti che vogliono vedere solo il toro perdere partite e giocatori per far salire su la juve ….

  4. BINGO!!! Ci risiamo, un altro della famigerata “cricca” che da anni quando arbitra il Toro si esalta in senso negativo. Una mina vacante solo capace a far innervosire ed indispettire pubblico e giocatori qualsiasi sia il tipo di gara. Sinisa metti le bottigliette di acqua in tribuna e bevi dalla cannuccia perche’ ti caccia questo. Non per essere prevenuti ma dopo la lunga serie di “maialate” perpretate in giro mi fa’ paura. FORZA TORO

  5. Quando vuole, un arbitro può rendere il rettangolo di gioco un piano inclinato per 90 minuti verso una porta sola, senza necessariamente ricorrere ad errori eclatanti. Allucinante quel che è successo domenica in Genoa-Pescara, dove oltre ad una svista talmente clamorosa da non poter essere notata da 5 arbitri in campo (mano di Zampano sulla linea di porta, sarebbe stato rigore ed espulsione dopo 8 minuti), Irrati ha pensato bene di falcidiare la squadra di casa con due espulsioni assurde, nate da falli subiti dai genoani e non sanzionati. Ciò detto: se Tagliavento mi ispira sentimenti positivi (con lui abbiamo battuto due volte la Lazio, la Goeba e la Roma, sarà un caso?), Calvarese rappresenta il galoppino mandato dal droghiere a incassare i sospesi. Vincere domenica vorrebbe dire che la marea granata quest’anno, quando monta, travolge tutto e tutti. Oppure che Cairo inizia ad essere considerato uomo influente: non mi ricordo una serie così lunga di rigori a favore (giustamente concessi) da un anno a questa parte. Vedremo.