Damato di nuovo sulla strada del Toro: il fischietto non è un talismano

9
1040

I precedenti / Sarà Antonio Damato di Barletta il direttore di gara di Milan-Torino: nelle ultime cinque direzioni tre pareggi e due sconfitte

Appena tre mesi dopo l’ultima gara diretta, quella contro il Napoli dell’8 maggio scorso, il cammino di Damato torna ad incrociarsi con quello del Toro. Il fischietto di Barletta, più che per le ultime direzioni, è noto ai tifosi granata per quanto accaduto nella gara contro il Brescia, quella che nella stagione 2009-2010 metteva in palio la serie A. Quella finale playoff (era la partita di andata) vide Damato annullare il gol di Arma a tempo praticamente scaduto: una rete che ha pesato non poco nel doppio confronto, dopo il quale furono le rondinelle a volare nella massima serie con i granata condannati ancora alla cadetteria.

Come detto Damato ha arbitrato il Toro in occasione della sfida casalinga contro il Napoli: 2-1 per i partenopei in quella occasione, mentre la direzione precedente (sempre nella stagione 2015-2016) era stata quella contro la Roma. Era terminata 1-1 la sfida con i giallorossi, con gol di Pjanic e pareggio in extremis di Maxi Lopez: Damato concesse infatti il decisivo calcio di rigore ben oltre il novantesimo per un fallo su Belotti. Il fischietto di Barletta era tornato a dirigere i granata dopo quasi un anno e mezzo: nessuna gara diretta nel 2014-2015, tre nella stagione 2013-2014, quella che culminò con l’Europa raggiunta dopo le vicende del Parma. E proprio di Torino-Parma (vero e proprio spareggio) Damato fu arbitro l’11 maggio del 2014: due espulsi, Immobile (che saltò la successiva sfida con la Fiorentina) e Lucarelli, e un rigore concesso al Parma. In quell’anno diresse proprio Milan-Torino (1-1, con gol di Immobile e pareggio di Rami) e Torino-Sampdoria 0-2 (in cui convalidò la rete in fuorigioco di Okaka).

La prima direzione in assoluto risale al 2008, quando diresse Torino-Empoli 0-1.
In totale Damato ha diretto il Toro sedici volte: il bilancio è di quattro vittorie, cinque pareggi e sette sconfitte.

Condividi

9 Commenti

  1. Come inizio, non c’è male. Calvarese completa l’opera. Intanto jonny il cane (non so perché lo pronuncino alla spagnola, el can, forse per dare un tono esotico) su Sky sport ha detto le concorrenti si sono indebolite. Secondo me pregustano già il tripeti e io, sinceramente, credo che tripeti se li meritino proprio. Anche di più di tri