De Silvestri-Zappacosta, si accende il duello: il posto sulla fascia è solo uno

9
1255
zappacosta
CAMPO, 2.10.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 7.a giornata di Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Davide Zappacosta

I terzini sono entrambi a disposizione di Sinisa Mihajlovic: il duello per conquistare una maglia da titolare è serratissimo

La forza di una squadra non si misura solo attraverso le prestazioni degli undici giocatori che scendono in campo. Una squadra competitiva vive infatti di lavoro quotidiano, concorrenza e duelli. Avere molte alternative permette agli allenatori di poter lavorare meglio durante la settimana e stimola la crescita degli stessi giocatori.

Uno dei duelli più equilibrati nella rosa granata è sicuramente quello sulla fascia destra tra De Silvestri e Zappacosta. Mihajlovic avrà entrambi a disposizione per la trasferta di Palermo e dovrà decidere chi schierare dal primo minuto.

Fino ad ora, De Silvestri ha giocato dal primo minuto ben cinque partite su sette, lasciando il posto a Zappacosta solo per infortunio. Il terzino ex Atalanta ha però risposto benissimo sul campo, con prestazioni positive nella mezz’ora finale contro la Roma e nella partita contro la Fiorentina. Due prove che hanno dato buoni segnali ai tifosi e soprattutto a Mihajlovic, che adesso potrebbe essere meno sicuro nella sua scelta.

Lo Zappacosta visto nelle ultime partite merita di stare in panchina? Questa è la domanda che si starà ponendo il tecnico serbo. L’acquisto di De Silvestri è stata una delle prime specifiche richieste di Mihajlovic, che crede molto nelle qualità del giocatore. Nelle ultime partite l’ex Sampdoria ha commesso qualche leggerezza di troppo procurando ben due rigori. Zappacosta, invece, sembra essere in grande condizione atletica. La titolarità di De Silvestri non sembra quindi più una certezza.

Mihajlovic osserverà entrambi con molta attenzione negli allenamenti che portano alla sfida di Palermo e sceglierà quello che vedrà più adatto alla sfida con i rosanero. Il duello settimanale non può che fare bene alla crescita dei giocatori. Il Toro ha e avrà bisogno di entrambi.

Condividi

9 Commenti

  1. Per rendimento direi che ha fatto nettamente meglio Zappacosta, considerando i due rigori sciocchi causati da De Silvestri. Ma il mister sembra abbastanza fissato su De Silvestri, forse perchè lo reputa più attento agli equilibri della squadra. Mah

  2. Ora come ora e viste le ultime prestazioni insisterei su Zappacosta forse questo ragazzo che l altr’anno ho distrutto ha bisogno di sentire la fiducia per rendere al meglio, però diamine sarebbe l’ora che impara a crossare!

  3. Mi sono chiesto e mi chiedo come mai Desilvestri sia arrivato al toro e perché sia stato pagato 4 milioni, per cui è ovvia la mia preferenza per Zappacosta. Nello specifico, contro il Palermo la sua presenza mi pare logica, vista la difficoltà di corsa di Desilvestri ed i suoi palesi limiti tecnici. Altresì mi auguro che Sinisa la pensi allo stesso modo; Desilvestri l’ha voluto lui, avrà avuto le sue ragioni.Chissà quali sono.

  4. Io dico zappa. Quanto meno come premio alla qualità delle ultime prestazioni….moralmente è corretto così, altrimenti dai il segnale che rispondere bene sul campo non basti. In generale apprezzo molto anche de silvestri.