Gustafson e l’impatto con il Toro: “Al primo allenamento pensavo di morire”

29
7520
Gustafson
CAMPO, 13.8.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 3.o turno di Coppa Italia, TORINO-PRO VERCELLI, nella foto: Samuel Gustafson

In un’intervista a Fotbollskanalen, Gustafson ha raccontato i suoi primi mesi in granata: “In Italia è tutto diverso rispetto alla Svezia ma mi trovo bene”

Tra i calciatori granata che i tifosi del Toro non hanno ancora potuto vedere all’opera c’è Samuel Gustafson, il centrocampista svedese classe 1996 arrivato quest’estate a titolo definitivo dall’Häcken. In un’intervista rilasciata alla tv svedese Fotbollskanalen, Gustafson ha raccontato i suoi primi mesi vissuti all’ombra della Mole.

“Sono molto felice di dove vivo, la vita a Torino è abbastanza buona. Il calcio? Quello è completamente diverso, se uno ha giocato sempre in Svezia è normale che abbia bisogno di un periodo di ambientamento. Che tutto fosse differente me ne sono accorto già al primo allenamento: era un mercoledì e quel giorno ho pensato di morire – ha dichiarato scherzando il centrocampista, che ha poi continuato – in Italia non devo solo pensare a giocare a calcio, devo anche imparare la lingua che è molto importante. Per me è tutto nuovo: la squadra, la cultura, il tipo di lavoro. Per me è una sfida da vincere”.

Gustafson ha poi parlato dello spazio che al Toro non ha ancora avuto: “Contro la Roma il mister mi ha fatto scaldare ma poi non sono entrato. Se presto potrò giocare? È difficile da dire, non so quale sia l’idea di Mihajlovic, ma lo spero vivamente”.
A proposito della partita contro la Roma, il centrocampista granata ha parlato anche di Totti: “C’è qualcosa di speciale intorno a lui”.

Condividi

29 Commenti

  1. Pippone….e chiudiamola qui. Silva nel Granada sta inanellando prestazioni mediocri. Jansoon dopo 10 presenze ha il riscatto obbligatorio. Tutti e due sono stati bocciati da miha. Questo é il prossimo.

  2. Una società diciamo di media grandezza come il Toro, dal punto di vista economico, deve necessariamente puntare su alcune socmmesse ogni anno, oltre a rinforzare il settore giovanile e ovviamente creare uno zoccolo duro di giocatori aumentando il proprio appeal nel tempo . E’ quello che da alcuni anni si sta facedno. A maggior ragione su scommesse giovani. Qualche volta va male come nel caso di Prcic che comunque era un prestito o Sanchez Mino , finora l’unica minus valenza dell’ultima gestione Cairo. Ma quando ci si imbrocca come è stato nel caso di Maksimovic , Peres, tutto sommato Martinez e adesso Boye o spero appunto Gustaffson e Lukic o anche Friedenlieb oggi nella Primavera , la squadra si arricchisce prima tecnicamente e poi economicamente. Spero che anche Silva e Jannsson possano essere recuperati non mi parevano cosi scarsi, ma Sinisa ha deciso di prestarli. Ichazo invece non so cosa pensare, sembrava decisamente più bravo di quel che sta dimostrando a Bari come del resto il nostro Gomis nelle amichevoli….Poi un altro colpo di genio è stato portarsi a casa Belotti Baselli e Zappacosta per soli 18 milioni complessivi ., praticamente l’incasso di Darmian cosi come già sembra essere un colpo di genio l’accoppiata Liaic Falque per l’incasso di Peres…..

  3. veramente se penso ai commenti scellerati su Belotti. per me questo svedese è buono e ha anche degli ottimi inserimenti. vedrete

  4. Ricordo a tutti di non lasciare giudizi affrettati. Purtroppo nel tempo si perdono (sarebbe bello conservare i commenti di tutti) ma nella nostra personale memoria rimangono. Diamo tempo al tempo…

    • Avete perfettamente ragione. E in ogni caso sono scommesse da giocare ogni anno : a volte peschi i Bruno Peres o Boyè, altre volte peschi i Ruben Perez o Bakic.

  5. Visto dal vivo in coppa italia a far riscaldamento sembrava un primavera a livello fisico.speriamo….

  6. La sua faccia dice tutto…peccato che non sia il gemello forte (infatti quello gioca già da un anno nel Feyenoord)

  7. Pensava di morire dopo il primo allenamento…questa frase conferma i dubbi che molti hanno su sto fenomeno…ma che c..o dici???

  8. Gustafson : …..”AL primo allenamento pensavo di morire ” …. Ma in Svezia come si allenano ???

    • fa troppo freddo! e chi c’ha voglia d’allenarsi?? contando che dopo ti aspetta un bel piatto di aringhe marinate, fai te!!

  9. L’ultimo giocatore che sa cosa vuol dire appartenenza e fedeltà ai colori sociali di una squadra. Ha rinunciato a tanti trionfi con altre squadre pur di vincere e lottare con la sua … tanto di cappello!

    • Be’ diciamo che a 5 milioni netti e’ facile restare a giocare a casa propria. E chi se ne frega di vincere….

      • Se pensi a quanto prende Pelle , o Giovinco , immaginati a quante cifre avrà rinunciato Francesco . 5 mln di euro , sono il minimo ,per i parametri odierni, per avere un fuoriclasse di questa portata !!!

      • Comunque se andava al Real ne prendeva e vinceva sicuramente molto di più, tanto di cappello per questo campione.

        • Totti x me è un fenomeno, però bisogna dire che stare a Roma gli ha allungato la carriera. Se ne fosse andato a Madrid a 26 anni, magari a 33 avrebbe smesso di giocare. Da bandiera indiscussa invece a 40 anni continua a sgambettare lautamente pagato. Solo x dire che nel lungo periodo è stata una scelta remunerativa, altro ché rimetterci. Unica vera rinuncia dal ounto di vista sportivo, pensare che uno come lui hs vinto meno di Materazzi vengono i brividi.

  10. Dei due giovanissimi Lukic è sembrato più pronto e forte. Lui forse lo vedremo con il Pisa. Lo svedese sta migliorando ma pare ancora molto acerbo. Vedremo.

Comments are closed.