Come on Joe Hart: il riscatto è a portata di mano

42
1566
CAMPO, 11.9.16, Bergamo, stadio Atleti Azzurri d'Italia, 3.a giornta di Serie A, ATALANTA-TORINO, nella foto: Joe Hart

L’errore all’esordio non intacca le certezze attorno al portiere inglese: le parole di Cairo, rafforzano la fiducia dell’ambiente

Non certo un esordio di quelli da custodire gelosamente nell’album dei ricordi, quello di Joe Hart con la maglia del Toro: la sua uscita avventata su calcio d’angolo ha spianato la strada alla rimonta dell’Atalanta, vanificando la perla su punizione di Iago Falque. Tuttavia il ruolo del portiere sa essere crudele più di ogni altro: difficile che le critiche possano accanirsi in egual misura su un attaccante che manca un gol a porta vuota, o su un centrocampista che sbaglia l’appoggio decisivo. E’ anche vero che le aspettative attorno al portiere ex Manchester City fossero superiori alla norma, curriculum e palmares la dicono lunga sull’esperienza accumulata oltremanica dall’estremo difensore della nazionale inglese.

La doverosa presa di posizione della società, inoltre, non ha tardato a palesarsi: proprio ieri il presidente Cairo ci ha tenuto a ribadire stima e fiducia nel portiere britannico, sottolineando che la dinamica dell’episodio abbia con sé una corposa componente di malasorte. Otto stagioni al Manchester City, di cui sei sotto la gestione degli sceicchi (che non hanno esitato a rivoltare la rosa come un calzino, per renderla a suon di milioni più competitiva) sono la prova della stoffa del calciatore. Senza dimenticare le recenti parole di Mihajlovic, che con un pizzico di ironia, ha invitato Guardiola a “regalargli” qualche altra tessera del prezioso mosaico della squadra inglese. Oppure le dichiarazioni di Mancini, l’allenatore che lo ha svezzato alle grandi platee: il tecnico jesino non ha esitato a definire fuori luogo la decisione di Guardiola di sbarazzarsi dell’estremo difensore, per il tecnico spagnolo poco incline a giocare coi piedi. Ma in fondo un portiere deve parare.

La partita con l’Empoli, dunque, che in primis deve diventare motivo di riscossa per tutto il Torino, consentirà ad Hart di riscattare l’errore all’esordio, ripagando le attenzioni ricevute dalla società in questa settimana. Poggiando così le basi per una stagione da protagonisti, come si aspettano i tifosi del Toro.

Condividi

42 Commenti

  1. Condivido, Capitan America, tutto vero.
    Pero’ e’ innegabilmente un passo avanti giocare cosi’ , dopo anni di soporiferi passaggi indietro ed attendismo. Fiducia, e se tiriamo fuori le palle un po’ di piu’, il Toro finalmente vola. FVCG.

  2. Sono un incompetente ma guardo calcio da 45anni…per me è un errore,Hart ha cominciato maluccio,cosa avrebbe fatto Padelli non me ne frega una mazza,dato che non cè controprova e Padelli ce ne ha fatte passare tante…detto ciò il portiere inglese credo non farà differenza,e mi spiace scriverlo,la difesa ci farà soffrire e il “tutti all’attacco perché il calcio è farne uno più degli altri”ci farà vedere i sorci verdi.Un po più di accortezza e ora avevamo 5 punti e imbattuti.

    • in politica conta ormai anche e soprattutto l’immagine, che al padella non manca….quanto ai 6 in pagella, se anche la categoria dei giornalisti sportivi si fosse femminilizzata come quella delle maestre di scuola, del mondo legale, ecc. ecc. potrebbe essere giustificata dal suo gentil aspetto, ma per fortuna non è ancora così ergo virerei sulle solite cose che in Italia purtroppo fanno aggio sul merito: conoscenze “giuste”, relazioni con gente importante, appartenenza a “cordate” ecc.ecc.ecc.

  3. Anch’io concordo che quel tipo di uscite non sono mai un errore. Fra l’altro, come sempre, nessuno ha la controprova di cosa sarebbe successo se avesse fatto qualsiasi altra cosa diversa. Ciò detto non posso non rimarcare i 2 pesi e le 2 misure che si stanno utilizzando. Fosse stato Padelli a fare quell’uscita? …. Per me non sarebbe stato comunque un errore, per altri?

      • Forse sono stanco anche di Padella ….. sicuramente però sono stanco di gente che sbraita tutto il giorno sempre in cerca di un nemico per scaricare il proprio nervosismo. Ripeto, non sono contro le critiche a Padelli o a altri (quando meritate), sono contro i 2 pesi e 2 misure.

        • Ma nessuno è nervoso per i propri problemi se solo dice che Padelli per 4 anni ha prodotto più dolori che gioie, sei ti che hai tirato fuori il problema di due pesi e due misure, gli altri si sono limitati a dire che dopo anni di Padelli adesso non andiamo a cercare il granello di sabbia con la lente d’ingrandimento.

          • concordo con la radio, io mica considero un nemico padelli, ci mancherebbe, non lo conosco magari è pure un tipo simpatico, dico solo che riscontro un accanimento nei confronti di HART che non vedevo con lui, tutto qui.

          • Che fatica a farsi capire, ci riprovo ….. 1. L’uscita di Hart NON E’ STATO UN ERRORE perchè non è detto che ogni volta che esce un portiere abbia la possibilità di bloccare la palla e anche quando ce l’ha deve decidere in una frazione di secondo se è opportuno o meno bloccarla dato che, se gli cade a terra, l’attacante di turno lo potrebbe infilare. Come fatto notare da qlc lo stesso Buffon spesso smanaccia. Probabilmente o è più fortunato oppure ha una difesa più sveglia; 2. Mentre con Hart si sono sollevate delle voci critiche che sono tutto sommato moderate ed in minoranza, ritengo che se lo stesso identico fatto l’avesse compiuto il citofono (come lo chiamano in molti) ci sarebbe stata la quasi totalità dei forumisti a scagliarsi contro di lui.

  4. concordo con tutti i post precedenti (strano ma vero). Dopo decine di padellate, trovo che sto tiro a segno su Joe Hart sia giustificato solo dall’intento di ottenere facili click, compreso il mio. Se la difesa del Toro, che il mercato ha indebolito, ha preso e prenderà più gol degli anni scorsi non credo certo che la colpa sia di Hart. VAI BRAVEHART, TIRA DRITTO, MOSTRA IL TUO VALORE, FREGATENE DI TUTTI E OKKIO ALLA MALEDIZIONE DI PADELZUMA!

    • Ciao @kurtz… sulla faccenda degli articoli scritti strategicamente su argomenti “generaclick” sono talmente d’accordo che, nei limiti del possibile, cerco di prestarmi il meno possibile al giochetto. Se guardiamo la home page, ci accorgiamo che, nella dozzina di articoli “normali”, non si raggiunge complessivamente nemmeno la metà dei commenti postati dagli utenti nel servizio che riporta le dichiarazioni di cairo su Hart. Diciamo che la redazione si arrangia come può… Fa sicuramente più rumore una (mezza, a dir tanto) cappella di Hart che, ad esempio, le imbarazzanti prestazioni di Maxi, Baselli, Molinaro o Benassi. A quelle, ormai abbiamo fatto il callo e, purtroppo, rappresentano quasi la regola, altro che l’eccezione…

  5. Ma Basta…. veramente!!!!
    NOn ne posso piu’ di leggere titoli del genere su Hart.
    Ma lasciatelo stare, pensate d fare del bene in questo modo? Ma Padelli faceva cose del genere 1 o 2 volte a partita, quando andava bene….
    Il ragazzo mi pare abbastanza umile nonostante sia un inglese in Italia …. quindi sostenerlo e basta cosi.
    Ma non avete altro su cui scrivere…..?

  6. Povero Hart, in che paese del cavolo è finito. Poteva fare di più in quell’occasione ma è stato disturbato. Poi la sfiga e la difesa hanno lasciato Masiello solo per calciare. Tutti i giornalisti a parlare di papera! Le vere minchiate di quel raccomandato di Padelli facevano meno rumore per i media. Buffon ne ha fatta una enorme e la gazzetta gli ha dato 6. Mentre Hart ha preso 5.

  7. Titolo furbetto: almeno un paio di virgolette potevate almeno metterle. Ma si sa, “Signora, è la legge del clik”.
    Hart non è stato perfetto, ma forse il pallone era troppo fuori portata per piazzargli un pugno. Nonostante questo, ha visto l’atalantino libero e beato ed ha cercato di mettere una pezza ad una difesa che non sa ancora come disporsi e lavorare insieme. Il problema di Hart è soprattutto quello: anche per il portiere più forte del mondo, il non avere una difesa affidabile davanti potrebbe rendere la vita molto difficile e il rischio-figuracce, più o meno a lui addebitabili, sempre più frequente.

  8. Esagerate è dir poco, le critiche piovute su Hart per quell’errore sono indegne, l’unico errore commesso secondo me è il non aver usato il pugno per cercare di allontanare il più possibile la palla che comunque sarebbe finita sulla testa di un altro atalantino (mi pare Paloschi), addirittura ho letto qualcuno che lo ha criticato anche perché non ha intuito il lato dove è stato indirizzato il rigore, cose dell’altro mondo.
    Abbiamo anche se solo per una stagione un portiere come si deve non andiamo a cercare il pelo nell’uovo ed evitiamo commenti ed interventi autolesionisti, lasciamolo lavorare…. in pace l’alternativa a Hart è Padelli fate voi……

  9. Si però adesso basta! Capisco che le aspettative su Hart siano altissime però se ogni settimana i giornali e i siti avessero analizzato gli errori di Padelli probabilmente non ci sarebbe più stato né lo spazio né il tempo per parlare di altro!

  10. Francamente avete rotto con tutte sti articoli e commenti da menagrami……Lasciate in pace la gente che lavori e basta dai. 4 anni (Q U A T T R O) di Padelli e padellate indegne, Hart alla prima uscita obbiettivamente sbagliata dopo 3 giorni che sia allena in Italia, merita 100 articoli sul perchè e il per come fa quell’uscita, chissà cosa gli succede, siamo rovinati, meglio padelli…. AVETE ROTTO

  11. Certo che aspettarsi il Messia da un bravo ma normale portiere è essere in malafede . Non lo si aiuta minimamente….. per fortuna che non conosce la italiano fluente o più semplicemente mi sa che è il tipo che se ne sbatte altamente . Come on Joe

    • Ma appunto. Nessuno dice che Hart sia il messia, ma dopo anni di schifezze in porta abbiamo comunque un Portiere, lasciamolo in pace a lavorare. Poi soprattutto un inglese che arriva dal campionato inglese dove non ci sono certo le pressioni che ci sono qui…..continuate così e a gennaio ci ritroviamo l’usciere fotomodello in porta

  12. Ma seriamente aprite con questo titolo: “Come on Joe Hart: il riscatto è a portata di mano” ? Boh, ma di quale riscatto parliamo?!? Veramente io proprio fatico a comprendere. È partita una campagna da domenica sul presunto errore di Hart che proprio non capisco. Poteva fare meglio? Si. È stato un errore grave? Ma per favore.. #SFT

    • Tra laltro non parlerei di “uscita avventata” perchè se non fosse uscito l’attaccante avversario era da solo pronto ad insaccare…la sfiga ha voluto che togliendo il pallone dalla testa del primo, la palla sia capitata tra i piedi di un secondo anch’egli solo!…

  13. Domenica scorsa hai rotto il ghiaccio, soprattutto con la nostra sfiga cosmica, hai capito quindi che aria tira dalle nostre parti…sono convinto però che con il tempo la squadra inizierà a girare per il verso giusto e che Joe sarà il nostro condottiero, dai Joe!!!