La rinascita di Obi: il centrocampista prende il Toro per mano

29
1705
obi
CAMPO, 18.9.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 4.a giornata di Serie A,TORINO-EMPOLI, nella foto: Joel Obi

Contro l’Empoli, Obi è stato tra i migliori in campo. Un’evoluzione impensabile rispetto a quanto fatto vedere in passato: il Toro ritrova la sua mezzala

Era stato chiaro Sinisa Mihajlovic, in occasione della conferenza di presentazione di Torino-Empoli: “Titolari, veri, non ce ne sono. Tutti avranno la loro chance“. E Joel Obi, che sulla carta non sembrava proprio essere tra i primi di un’ipotetica gerarchia, l’ha sfruttata in pieno. Nella pur scialba partita contro la formazione toscana, l’ex Parma è stato tra i migliori in campo, dimostrando quantità e qualità che, finora, erano davvero tanto mancate.

Probabilmente, quella di ieri, è stata in assoluto la migliore partita in maglia granata del centrocampista arrivato a sorpresa dall’Inter lo scorso anno, ma senza mai davvero riuscire a incidere. Troppi infortuni (costante cronica nella sua carriera) lo avevano allontanato dai campi da gioco, e così non aveva avuto modo di mettersi realmente in mostra. E lo scorso precampionato, la sua posizione era stata quanto meno precaria: tra tutte le mezzali a disposizione, infatti, quello più facilmente individuato come sacrificabile sul mercato era proprio il giocatore nigeriano, che invece non ha mai smesso di applicarsi aspettando da Mihajlovic la tanto agognata possibilità.

Contro il Milan era arrivata, ma come i compagni non era certamente al massimo. Poi, ieri, dove invece è stata tutta un’altra musica: corsa, dribbling, abilità nei contrasti e anche nei passaggi, oltre a uno dei pochi tiri che hanno davvero impensierito Skorupski. Insomma, un Obi rinato, trasformato, da apprezzare e sostenere. Sicuramente, per le prossime gare avrà messo in difficoltà il suo allenatore, che forse può contare davvero su un’altra freccia nel suo arco, che resta ancora pieno di incognite. Ma che Obi, almeno per quello che lo riguarda, cerca di eliminare del tutto: ora vuole continuare, e fare in modo che quella contro l’Empoli non sia stato uno sporadico, seppur bello, episodio; ma l’inizio di un percorso che lo potrà portare a essere, finalmente, protagonista.

Condividi

29 Commenti

  1. Il problema di Obi è la sua cartella clinica: uno che gioca massimo 10 partite, l’anno la continuità non la conosce. Dire che è scarso non gli rende giustizia; riguardiamo la partita dello scorso anno in casa Roma, un signor centrocampista.

  2. Per me ha buone caratteristiche di corsa, ha carattere, è un buon incontristà, benchè incline al fallo, però mi pare che abbia scarsa visione di gioco e di palleggio. In questo non lo aiuta l’assenza a centrocampo di un gioco fatto di passaggi e movimenti che ti portano via l’uomo, per cui se hai la palla fai fatica a capire a chi darla ( salvo il solito lancio alla cieca in avanti ) e, se la palla è invece di un tuo compagno, fai fatica lo stesso a smarcarti per riceverla. Finora il centrocampo migliore per me è quello Acquah, Vives e Benassi, anche se di quest’ultimo non sono mai stato fan e non mi pare che sarà mai un gran giocatore: ci sta in una squadra di medio-bassa classifica come la nostra.

  3. Obi è stato semplicemente il meno peggio. Punto e basta. Frasi tipo “rinascita” e “prende il Toro per mano” fanno davvero sorridere. Ripeto quanto espresso ieri: tranne 3-4 giocatori veri gli altri cono tutti di una mediocrità assoluta, sconcertante, evidente imbarazzante. Per cui se gioca DeSilvestri o Zappacosta, Acquah o Benassi, Valdifiori o Vives, Obi o Baselli (e qui mi fermo) non cambia assolutamente nulla. Non si è fatto nulla per migliorare la squadra. La difesa è peggiorata (Bovo e Molinaro titolari inamovibili ne sono la più ampia dimostrazione), il centrocampo è scarso tanto quanto lo era lo scorso anno, e l’attacco è indubbiamente migliorato. Ecco però che se si fanno male i due attaccanti migliori siamo nella merda, visto che tutti gli altri sono semplicemente giocatori sa salvezza risicata. La vicenda Maxi Lopez poi, è davvero ridicola: è un anno che è grasso e solo adesso la società si sveglia e gli impone una dieta con le multe. Ma dovevano aspettare la partita con l’Atalanta per accorgersi che è in sovrappeso e non ce la fa????

  4. Boyé ha fatto il “Belotti” fin che ha avuto fiato,ha molta più tecnica,ma quasi nullo in zona gol,nel secondo tempo,gli si sono annebbiate le idee e si è perso in personalismi inutili,comunque mi è piaciuto,con Obi,Acquah e Castan….ricordiamoci che Boyé ha solo vent’anni

  5. Ieri Obi è stato sicuramente il miglior in campo insieme a Boye’. Altra nota positiva Castan e la sicurezza che da Hart. Per il resto mettiamoci sta chiavica di partita alle spalle e guardiamo avanti, forza ragazzi siete più forti di quello che abbiamo visto! Miha meno parole e più fatti.

  6. Ieri nel primo tempo partita giocata da ambo le squadre in 50 metri di centrocampo giocatori che più di due tocchi non potevano fare, un accozzaglia di gambe e scontri di gioco, di conseguenza ne è venuto fuori il festival del caos, praticamente una partita fra scapoli e ammogliati.
    Disorganizzazione allo stato puro.

  7. Obi penso sia diventato unico punto fermo a centrocampo insieme a Valdifiori. Il resto và valutato di gara in gara. Forse siamo stati troppo rivoluzionari cambiando tantissimi giocatori in una unica sessione di mercato. Zappacosta non sappiamo piu’ dove metterlo, fà sempre la cosa sbagliata sia quando attacca che quando difende. Baselli dopo 10 minuti sembra abbia scopato una notte intera, ha la lingua fuori. Valdifiori deve prendere minutaggio partita visto che l’anno passato avra’ fatto 15 gare intere unendo gli spezzoni. Acquah tanto cuore ma è indisciplinatissimo. Boyè ha i numeri ma deve essere piu’ cinico sotto porta. Ieri secondo me Maxi è mancato come il pane, non abbiamo preso una punizione al limite mai e Maxi è maestro nel far salire la squadra e nel farsi far fallo. Martinez non pervenuto l’ho visto anche piu’ scazzato del solito ma dovrebbe pensare a quanto lo sono i tifosi ogni volta che scende in campo e fà pena. Barreca deve abituarsi alla serie A, almeno non ha fatto stupidi falli come chi ha sostituito. Castan stà crescendo e Bovo è quello che abbiamo visto non c’è da scoprire niente. Iago è ancora la brutta copia del giocatore che è. Secondo me è troppo presto buttare la croce addosso a tutti. Credo che ci voglia almeno tutto il girone di andata e la squadra un pò piu’ al completo e piu’ rodata per capire cosa faremo da grandi. Mercoledì ci attende una partita dura contro un Pescara che gioca a calcio bene visto che sono 4 anni che sono insieme e noi 4 giorni. FORZA TORO

    • Ha proposito di Martinez, mi fece incazzare contro il Bologna quando realizzando il gol a porta vuota, mimo a lungo di non sentire gli applausi e il giorno dopo affermo polemicamente ai tifosi che lo contestano di scendere loro in campo al posto suo….
      Per come gioca di solito penso che chiunque tifoso che abbia giocato un po al calcio lo può sostituire, ieri e stato penoso e chi crede che un giorno o l’altro esplodera’ rimarrà deluso.

  8. Ciao sono nuovo del forum, sebbene vi segua già da un po’. La settimana scorsa sono stato in Sisport con mio figlio e abbiamo visto Obi veramente in palla. Ieri è stato quasi perfetto, nel contesto di un gioco che ancora latita. Ma siamo pazienti e rimaniamo fiduciosi. Forza Toro.