L’ex Birsa nella Top 11 della Serie A: c’è spazio anche per Baselli

9
886
CAMPO, 13.8.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 3.0 turno di Coppa Italia, TORINO-PRO VERCELLI, nella foto: Daniele Baselli

Lo sloveno stende l’Inter e corona una prestazione super, Baselli entra e dona classe e geometrie al Toro. il giovane Lombardi esordisce con gol

Prima giornata di campionato e primi acuti dai calciatori più attesi, ma in alcuni casi le prestazioni sopra le righe sono arrivate da giocatori meno acclamati, subentrati dalla panchina, o addirittura all’esordio nel massimo campionato italiano. Donnarumma, parando il rigore a Belotti, ha di fatto consegnato i 3 punti al Milan, facendo partire con il piede giusto il nuovo allenatore rossonero. La partita senza sbavature della coppia centrale AnteiIzzo, vale per loro il riconoscimento di migliori difensori centrali della giornata. Ottime prestazioni anche per Hoedt e Alex Sandro, mentre tra i centrocampisti sono numerosi gli exploit: Laxalt del Genoa ha saputo mettere in crisi la retroguardia del Cagliari, mentre Birsa ha coronato con un gol all’Inter, una prestazione da incorniciare. Spazio anche per Baselli, che subentrato dalla panchina, oltre a finire sul tabellino dei marcatori, ha visibilmente aumentato la capacità di palleggio del centrocampo del Toro.

Lombardi, all’esordio in Serie A, segna con la maglia della Lazio sul campo di Bergamo, mentre Bacca con una tripletta, è il momentaneo capocannoniere del campionato. Si fa notare anche Mertens, che con il suo gol, salva il Napoli da un esordio amaro a Pescara.

La Top 11 della 1ª giornata di Serie A:

DONNARUMMA (Milan)

             HOEDT (Lazio) IZZO (Genoa) ANTEI (Sassuolo) ALEX SANDRO (Juventus)

                                  LAXALT (Genoa) BASELLI (Torino) BIRSA (Chievo)

                                 LOMBARDI (Lazio) BACCA (Milan) MERTENS (Napoli)

 

Condividi

9 Commenti

  1. Avendo cambiato così tanto (e non è ancora finita), ci vorranno almeno 4 partire per fare un primo bilancio dell’integrazione della nuova rosa con le idee di Sinisa. GPV cominciò dalla B a passare al 3-5-2 e comunque salendo in A le cose non furono facili.

    Sfoltendo la rosa di alcuni elementi ormai non più utili e puntando a sistemare la questione del portiere e della difesa (Moretti e Molinaro), potremo davvero pensare di essere tornati competitivi per il 5° – 6° posto.

  2. Con uno sforzo minimo quest anno si potrebbe arrivare 4/5. Le
    milanesi sono ridicole, Lazio ha una difesa che cade a pezzi a parte hoedt,che però é molti discontinuo.La fiorentina é tutta da vedere. Peccato

    • Concordo, ed e’ per questo che secondo me possiamo ancora fare bene, nonostante tutto. La prima giornata non deve ingannare, possiamo ancora fare la nostra porca figura con tutti sti cessi di squadre. Detto cio’ Mihailovic non mi piace, e’ troppo sbrigativo a fare rivoluzioni e se gli va male crea fratture insanabili negli spogliatoi che gestisce. Anche se come persona mi e’ simpatica, io non lo avrei mai scelto. Chiaro serve ancora qualcuno forte a centrocampo. Saponara? Magari! Meglio di Valdifiori.

  3. Livello del campionato italiano sempre più in picchiata… Basterebbe veramente uno sforzo non sovrumano per uscire dalla mediocrità… Basterebbe NON avere un presidente che se ne sbatte del Toro ed un ds dalle capacità che non vanno oltre una rivoluzione di peones