Ljajic è tornato: per il Toro il meglio deve ancora venire

57
3468
ljajic
CAMPO, 2.10.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 7.a giornata di Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Adem Ljajic

Contro la Fiorentina Ljajic è tornato in campo, non appena ritroverà la condizione migliore i tifosi granata non potranno che divertirsi ancora di più

Il meglio deve ancora venire canta Ligabue e, probabilmente, pensa Mihajlovic. Perché se è vero che contro la Roma in particolare, ma anche contro la Fiorentina, il Toro non si è limitato a vincere ma ha anche dato spettacolo, è altrettanto vero che in questo inizio di campionato la squadra granata ha quasi sempre dovuto rinunciare a Adem Ljajic – il suo giocatore qualitativamente migliore – e nelle poche occasioni in cui lo ha avuto a disposizione è stato al massimo per mezz’ora di partita in cui il numero 10 non era neanche nelle migliori condizioni fisiche.

Per Ljajic la pausa del campionato arriva nel momento migliore: in queste due settimane prima della trasferta in casa del Palermo avrà la possibilità di lavorare con i propri compagni di squadra e ritrovare il ritmo partita. “Se non succede nullaha spiegato Mihajlovic al termine della partita contro la Fiorentinaper Palermo dovremmo avere tutti a disposizione. È una cosa decisamente importante in ottica Europa League”. Tra i “tutti” c’è ovviamente anche Ljajic. Nelle ultime due partite Lucas Boyé ha sostituito al meglio il serbo, sfoggiando prestazioni di altissima qualità nonostante la giovane età, il fatto che questa sia la sua prima esperienza nel campionato italiano e nonostante abbia trovato di fronte a sé difensori esperti e arcigni come Manolas e Tomovic. Anche Martinez ha ben figurato quando è stato chiamato in causa: contro il Bologna, quando ha sostituito proprio l’infortunato Ljajic, è stato addirittura tra i migliori in campo.

Né il venezualano, nonostante nel ruolo di attaccante esterno si stia esprimendo a livelli nettamente superiori a quelli delle passate stagioni, né l’argentino, che finora ha stupito tutti, avversari compresi, possiedono però, al momento, le qualità e l’esperienza in serie A di Ljajic. L’attaccante serbo è quel tipo di giocatore che con una sola giocata può cambiare all’improvviso l’esito di una partita. Pur essendo solamente a mezzo servizio già contro la Fiorentina, nella mezz’ora che Mihajlovic gli ha concesso, ha fatto intravedere ciò che può fare e ciò che il Toro può realizzare con il suo contributo non appena avrà ritrovato la forma migliore. Ecco perché è lecito pensare, citando nuovamente Ligabue, che il meglio deve ancora venire.

Condividi

57 Commenti

  1. Per distacco il più forte che abbiamo tecnicamente. Speriamo nell’atteggiamento.. Contro la viola ne aveva portati via 3 e aveva Belotti in sovrapposizione.. Niente ha provato a tirare con Il Gallo visibilmente incazzato.. Se riuscirà a giocare per la squadra e non solo per sé stesso diventerà devastante!

  2. A proposito di esordienti, assolutamente off topic ma mi piace condividere con voi fratelli questa coa. Insomma per me domenica è stata una giornata memorabile: mio figlio, 12 anni e tifosissimo granata anche lui, giocava alle tre contro la prima in classifica reduce da 5 vittorie su 5 con 27 gol segnati e 4 soli subit, mi fa: papà quesi ci fanno un mazzo così, e io gli dico: no basta giocare come il Toro contro la Roma. Oh, sti 11 ragazzotti sono scesi in campo con il satanasso e li hanno battuti 2 a 1 prendendo pure 2 traverse. Torniamo a casa insieme per vederci il Toro e ci facciamo il bis di adrenalina e goduria con la Fiorentina… E alla fine penso: zioffa ecco perchè siamo del Toro!!!

  3. Floflo…..se non ti è chiaro che ti devo dire??😄😄 mi spiace per te.obbiettivamente che vagava lo hai visto te.su 30 minuti che ha giocato ne ha fatti un 7-8 sulla destra…ma martinez è andato a sinistra.non è piu un esordienti che pascola per il campo.😄

  4. commenti in linea di max condivisibili.su un solo punto dissento da bischero,nel senso che non vedo in boye le caratteristiche del bomber.anche nel newell’s era molto piu quello che faceva segnare,di quello che realizzava lui.lo vedo come gran seconda punta,come punta di movimento,quello che apre gli spazi,ma non come goleador

  5. Io spero che giochi con stessa determinazione dei compagni. Lo spezzone di domenica, in questo senso, mi ha fatto preoccupare: l’ho visto indolente, dopo l’errore nel passaggio (ne ha fatti alcuni) si fermava,… Così proprio non mi piace, anche se tecnicamente è di un altro livello. Speriamo che il mister sappia fargli cambiare approccio.

  6. Buongiorno a tutti
    Domenica ero allo stadio a vedere la partita , e invece di andare in maratona( dove ho l’abbonamento), sono andato in primavera con mia figlia, e vi faccio una domanda: ma è possibile che al 2 anello della curva primavera non c’è nessuno che canta?????
    Addirittura mentre ero in piedi ad incitare i nostri ragazzi mi sono sentito dire” siediti che non vediamo la partita !!!!!”
    Ma e possibile????
    Qualcuno sa dirmi delle risposte???
    Non possiamo far diventare la primavera una seconda maratona????
    Così chiunque verrà a giocare al grande Torino dovrà spaventarsi al solo grido FORZA TORO!!!!!

  7. Il dopo Belotti? Manco fosse Vives. Spero di averlo a lungo, il Gallo. Se agguantiamo l’EL siamo appetibili quanto e più di molte altre squadre. Tra Gennaio e giugno abbiamo già un botto di soldi da investire.

      • Come hai ragione Bischero qua c’è ancora qualcuno che pensa che Cairo voglia tenere i più forti e vendere quelli scarsi come dovrebbe essere nello sport, invece qui succede esattamente il contrario! Mi dispiace sinceramente x loro perché la delusione sarà cocente.

  8. Ljaijc è il nostro regista avanzato.la nostra mente negli ultimi 35 metri.colui che salta l uomo con facilitá da fermo e garantisce 4-5 gol su punizione.boye ha potenza e sará il dopo belotti.ma fino ad allora vista anche la giovane etá dovrá accontentarsi di ritagli di gara e rotazioni programmate.

    • In realtà non é che abbia sto gran dribbling, anche se qualcuno ogni tanto qui a Roma gli è riuscito. Non difende bene palla, di testa lo ricordo quasi nullo.
      Di buono c’ha che stoppa quasi tutti lo stoppabile, gran tecnica di base e discreta visione. Di ottimo (come lui nessuno in rosa secondo me) il tiro, precisissimo ed anche abbastanza potente, ma mi sa che l’avevate capito sui calci piazzati…😊
      I dubbi sono ovviamente sulla “testa” con cui entrerà in campo in ogni partita.

  9. Ljaijc è tanta roba, altroché. Chiaro non mi aspettavo un Boyè così “pronto”, ed effettivamente in questo momento non è facile rinunciare alla sua esuberanza fisica, sono tutti cavolacci di Mihajlovic trovare una quadra. Ma sono contento che il Toro possa disporre di un reparto avanzato così “importante”. #SFT

  10. Con la viola tutti i rinvii di Hart erano su Boye e nessuno riusciva a togliergli la palla così che Belotti potesse andare profondo, un lavoro che ljajic non può fare. Oltre al fatto che ho visto più volte ljajic e martinez sulla stessa fascia, e non credo fosse martinez a non seguire i dettami tecnici. Con Adem il gioco cambia, io a questo Boye non rinuncerei ora.

    • Anche nel secondo tempo con la roma i rilanci del portiere erano su boyé, che anzi la chiamava sempre a grandi gesti.
      Sicuramente lucas ha la capacità di difendere la palla su quel tipo di lancio, caratteristica che condivide con maxi lopez, e non è roba da poco.

  11. In Austria ho fatto una foto con lui e una anche con Sinisa. Impassibili! Alla fine volevo chiedergli scusa :-). P.s. ma lo dico tanto per dire e ridere, ognuno ha il suo carattere, e a me va benissimo così.

  12. Stamattina tutti simpaticamente spiritosi, eh? Per due settimane ce la godiamo, ma poi arriva una trasferta …. E’ questo il vero esame di maturità: tremendismo anche fuori dalla mura domestiche. Vedremo ….

  13. Servirà eccome Adem. Quando non saremo sufficientemente tremendisti o quando il tremendismo può non bastare ecco che i colpi di Ljajic diventano importantissimi. Se sistemiamo la difesa ed in mezzo cresciamo possiamo diventare davvero forti. Ma occhio…. così come abbiamo fatto 2 grandi partite possiamo anche rimediare figuracce come quelle di Bergamo ed in casa contro l’Empoli. Serve sempre dare il 100% e non mollare mai.

  14. Mi sono sempre chiesto come fosse possibile la disparità atletica tra le squadre inglesi, che corrono a perdifiato per l’intera stagione (coppe incluse), e quelle italiane, che sembrano avere una marcia in meno, se non due. Per non parlare della melina ipnotizzante e narcotizzante, che ci siamo sorbiti come modus operandi negli ultimi anni. Assistere alle partite del Toro dà la sensazione di poter travolgere qualunque avversario ci si pari davanti grazie ad una prepotenza atletica debordante. Con il trio Boyé Belotti Falque sembra in effetti di giocare in 12, tanta è la generosità nel pressing, nei ripieghi difensivi, nei movimenti a stantuffo. A lungo andare, produciamo nelle mura avversarie delle crepe, che si allargano a dismisura nel corso della partita. Se ai tre incursori là davanti aggiungiamo Ljajic, che tra i piedi ha l’innesco per la detonazione, allora sono Gazzi Amauri per tutti!

  15. Come già notato da @madde ho qualche dubbio sul fatto che pressi come gli altri, domenica ha costretto Belotti dopo 85 di sfinimento a fare il terzino . Mi conforta invece il fatto che boye può tranquillamente dare il cambio a tutti e 3, senza perdere troppo in qualità e nel frattempo dandogli sempre la possibilità di giocare e magari imparare a vedere la porta.
    FVCG E GIUVE MERDA.