Maledetta pausa: Mihajlovic paga lo scotto della sosta

12
2867
CAMPO, 2.10.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 7.a giornata di Serie A, TORINO-FIORENTINA, nella foto: Sinisa Mihajlovic e Adem Ljajic

Negli ultimi tre anni, Mihajlovic ha ottenuto una sola vittoria nelle riprese del campionato: fu proprio contro il Toro. Ora vuole invertire la tendenza

Definirlo negativo è fin poco. Sinisa Mihajlovic sa che le sue squadre non hanno un feeling particolarmente felice con le soste del campionato. Sia quando le cose vanno bene, sia quando, invece, vanno male. Questione, più che di testa, di preparazione probabilmente: lo stesso Rossettini, al termine della sfida contro la Fiorentina, aveva detto che la settimana di pausa sarebbe servita per mettere benzina nelle gambe dei giocatori, per prepararsi al meglio al tour de force che precede il riposo natalizio.

Ma se nelle sfide all’ora di pranzo, il tecnico ora granata ha saputo valorizzare al meglio i suoi giocatori, altrettanto non si può dire per le partite che seguono immediatamente la sosta, dove le squadre hanno reso ben al di sotto delle aspettative. Negli ultimi tre anni, infatti, con l’allenatore alla guida di Sampdoria e Milan, di gare vinte alla ripresa del campionato da Mihajlovic se ne conta una sola: fu contro il Toro di Ventura, due anni fa (14 settembre 2014), nella sfida di “Marassi” della sua Sampdoria. Un 2-0 secco, a orario guarda caso prandiale, dove Gabbiadini e Okaka avevano steso con una certa facilità Moretti e compagni.

Fu una partita molto faticosa per il Toro, quella. Lo furono tutte le altre gare disputate dalle squadre di Mihajlovic, in via più generale: tante le sconfitte, più dei pareggi, e alcune davvero clamorose, come quella del Milan in casa contro il Bologna, la scorsa Epifania. Un’inversione di tendenza sarà necessaria, per una squadra che ambisce a palcoscenici europei e che ha già dato un paio di grossi calci ad alcuni tabù (non ultimo quello verso la Roma). D’altra parte, quest’anno si può sfruttare l’onda lunga di un entusiasmo tornato nuovamente alle stelle: un patrimonio sicuramente da non lasciar malamente disperdere.

Condividi

12 Commenti