Mancini: “Toro, Hart è un ottimo acquisto. E può ancora migliorare”

130
4608
Mancini

Roberto Mancini, ex allenatore di Hart al Manchester City, si è complimentato con il Torino ai microfoni di Fox Sport per l’ingaggio del portiere inglese

“Con Hart il Torino ha fatto un ottimo acquisto” così Roberto Mancini ha commentato uno dei colpi principali della società granata nell’ultima sessione di mercato. Ai microfoni di Fox Sport, il tecnico, che ha allenato il portiere inglese ai tempi del Manchester City si è prima complimentato con la società granata e ha poi parlato della qualità del portiere inglese. “Nonostante i 29 anni, penso che Hart abbia ancora margini di miglioramento. In Italia ci sono allenatori molto competenti, Joe potrà misurarsi con loro e migliorarsi, questo è un grande vantaggio per lui. La scelta di Guadiola di farlo partire? Ogni tecnico ha la sue idee, ma io la trovo una scelta inspiegabile”.

 

Condividi

130 Commenti

  1. Secondo voi, quante possibilità ci sono che rimanga più di una stagione? Zero? Zero virgola? E allora non ha particolare interesse per noi che possa migliorare, non lo si può fare da un giorno all’altro… Auguriamoci un’annata strepitosa, magari parando un rigore ai gobbi.
    Intanto non vedo l’ora di vederlo all’opera..

  2. Dopo questa ennesima pagina di “resistenza granata” notte granata @tutti i cuori granata.
    Il bello di augurare questa cosa è che non puoi sbagliare l’augurio!
    Chi è granata se la merita, la buonanotte, chi non lo è, granata, no.
    Ed il bello è che, in particolare chi non lo è, lo sa (lui)e “si” sa (noi)……

    • Ma scherzi?
      Ci mancherebbe…..
      Ho avuto modo di dirmene 4 sia con @Lovi che con @Tauro e, se non ricordo male anche @Scin, e colgo l’occasione di salutarli.
      Si può, si deve stare su piani differenti, persino contrapposti, come è capitato a me o come vedo ti è capitato anche poco fa con @Lovi; l’insulto personale, continuo, ripetitivo e logorroico che consuma e svilisce lo spazio messo a disposizione, non deve essere consentito.
      forse, e qui ha ragione @Lovi, bisogna ignorarli.
      Un saluto, anzi una buonanotte granata….

  3. Il Toro sono SOPRATTUTTO i giovani nati dopo ’85 che hanno deciso di tifare Toro nonostante fosse in B, nonostante non vincesse un derby, nonostante fossero considerati sfigati che tifano per una squadra perdente.

    Per noi ‘vecchi’ è stato più semplice tifare Toro.

    Il mio rispetto va a tutti i granata90 e a chi come lui riesce a tifare e sottolineo tifare per il Toro è tutti i suoi tesserati.
    Anche a costo di essere in minoranza.

    Purtroppo qui molti che Criticano Cairo (forse a volte a ragione) sono gli stessi individui che hanno definito merda giocatori come Meggiorini, Vives, Gazzi, Benassi, Baselli e persino Belotti.

    Se questi sono i tifosi auguro a Granata90 ed a tutti quelli come lui di continuare a tifare così come fanno.

  4. Quanti giovani ci sono del Toro? Quanti i ragazzi che ancora lo tifano… Mio figlio neanche 18enne tifa Toro e ha vissuto solo l’era Cairo praticamente. Deve dire grazie a Cairo? Non credo proprio. Deve dire grazie a suo padre che da quando era nella pancia di sua madre gli parla del Toro. Gli ha fatto vedere filmati di 100 anni di storia, gli ha raccontato chi era Ferrini, gli ha fatto vedere il Museo 10 volte. E grazie a tutti quei nonni e quei padri che a dispetto della poco attenzione ai nostri valori e all’identità granata del Torino FC continuano a tramandare il Toro. Non sarò mai grato a Cairo perché ci ha diviso e ha offeso il Toro nella sua più intima essenza. Il grazie va a noi, alla nostra Comunità: Noi siamo il Toro.

    • Buongiorno Lovi, ci tenevo a fare una precisazione al mio intervento di ieri (e colgo anche l’occasione per ringraziare tutti per il “benvenuto” ricevuto). Io tifo Toro grazie a mio padre che quando avevo 8-9 anni mi disse: “Andrea, quì a Torino puoi tifare solo per due squadre: con una vincerai spesso ma in modi disonesti, con l’altra probabilmente mai, ma se dovesse succedere sarà una delle gioie più grandi della tua vita”. Io tifo Toro grazie a mio padre, ma Cairo lo ringrazio comunque ben sapendo che comunque il Toro esisterà anche dopo di lui e dopo di me. Detto ciò ti dico: beato tuo figlio che almeno si è saltato Ciminelli! 🙂

    • Offerta di chi e perche? Ciprian Marica attaccante rumeno di 31 anni (svincolato) che nella sua miglior stagione nello Stoccarda (2009-2010) ha segnato 10 gol in 25 gare e a parte quella stagione non è mai andato in doppia cifra, né prima e né dopo. Meglio ha fatto in Nazionale con 25 gol in 70 presenze, ma non so contro chi e quando. Dobbiamo forse sostituire Maxi Lopez?!?

    • Te sei come un granchio attaccato alle palle, ma ti levi dai coglioni… Ma ancora non ti sono bastate le parti a culo che prendi da tutti.
      Ti stai rendendo ridicolo
      Su bello vai a letto ora, un abbraccio ci sentiamo domani… Ciao…ciao

    • A Merico’ non sono l’unico che la pensa cosi:
      E io sono anti Cairo e lui proCairo

      Bacigalupo1967
      3 settembre 2016 at 17:33
      ToroUSA dopo il suo post che ho definito vergognoso avente per tema la tragedia che ha colpito l’Italia centrale abbia il buon gusto almeno di chiedere scusa per le nefandezze da lei scritte. Lei può scrivere ogni castroneria riguardante il Toro ognuno di noi legge e si fa un’opinione la mia ad esempio e’ che lei millanta una vita a Miami che non avrà mai e sfoga le sue frustrazioni in questo modo, non le e’ permesso però speculare sulle disgrazie cosa che lei ha fatto. E’ triste che al mondo vi siano persone con così poca sensibilità come lei.FVCG

  5. ho letto solo ora il post di Granata 90 delle 19 e… . se qualcuno riuscisse a comprendere quanto faccia piacere ad un vecchietto come me , leggere di ragazzi che tifano ancora ( e dinuovo ) TORO . senza critiche ma con speranza … GRAZIE GRANATA 90

  6. Purtroppo tutti gli anni, manca qualcosa, non so capisce perché non si possa, o non si voglia, completare la squadra fino in fondo.Abbiamo speso soldi, per gente che tanto il mister non vede…forse si poteva risparmiare qualcosa, e puntare su un buon difensore, quel Pazdan per esempio, che ha fatto molto bene agli europei, e bravo è pure quello preso dalla Lazio,non ricordo il nome, che tra l’altro non è costato neppure tanto.Insomma uno buono si trovava volendo….

    • Concordo con te,il difensore della Lazio si chiama Bastos e’molto forte fisicamente e tecnico e non e’ nemmeno falloso,oltretutto tra spese ed entrate, secondo la Gazzetta dello Sport,abbiamo un saldo attivo di 30,5 milioni e siamo per questo dato al primo posto.

      • Rotor, se cerchi su calcio e finanza c’è un articolo molto ben spiegato e dettagliatissimo che mette in evidenza la reale portata delle operazioni di mercato. Il giochino entrate -uscite che i giornalisti fanno è totalmente campato in aria. Entrano in gioco, in realtà, ammortamenti e incidenza degli ingaggi sul bilancio, parametri che nessuno mette mai in evidenza. Ljajic, ad esempio, è costato 8 milioni ma in realtà l suo ingaggio di circa 3 milioni lordi annui per 4 stagioni porta l’investimento totale a 22 milioni circa. Così come quando cedi Maksi per 25 milioni devi considerare anche un risparmio di 1.6 milioni lordi di ingaggio per 4 anni, il che ti porta le cifre che incidono sul bilancio a oltre 30 milioni. Questo ragionamento andrebbe fatto su ogni operzione. Fermo restando che vanno considerati gli ammortamenti. Insomma, non è così immediata come può sembrare la cosa e il dato che ne emerge è assolutamente fuorviante se ci si ferma al semploc saldo tra cessioni e acquisti.

  7. @scin tu ricordi solo l’ultimo anno ma ti sei già dimenticato di cerci immobile Maksimovic glik e di come giocavamo in Europa ed a Bilbao, adesso vediamo quanti soldi saremo ancora in grado di fare e soprattutto se riusciremo a tornare in Europa al di là del fatto di come giocherà la squadra con Mihajlovic

    • piu’ che altro dipende dagli “interpreti” i palloni da sempre sono rotondi (meno x TorinoUSA, da lui sono ovali) e vale fare un goal piu’ dell’avversario. Certo, se come gia’ detto, davanti hai 2/3 molto buoni e’ piu’ facile, tutto li. Anche con parrucchino, che reputo un buon allenatore, coi brocchi di quest’anno piu’ di quello non si poteva fare, Mentre se con la stessa squadra dalla cintola in giu’, in avanti avessimo avuto i 3 del Barcellona, sono sicuro avremmo stravinto gli europei. Chissa coma mai.

  8. ciao a tutti, mi presento: mi chiamo Andrea e ho 25 anni. Volevo proporre, se posso, una riflessione: vi siete mai chiesti che cosa sia il Toro per un ragazzo nato negli anni 90′? Io non ho mai avuto la fortuna che avete avuto voi e, sono sincero, vi invidio davvero molto. Voi avevate Graziani, io Ferrante; voi avete visto la finale con l’Ajax, io al massimo la partita con lo Zenit; quando il Toro sollevava l’ultimo trofeo, io nemmeno camminavo ancora. Non mi piace essere pro o contro, ma se devo essere sincero io ammiro Cairo, lo ammiro perchè, che piaccia o meno, è durante la sua presidenza che ho visto per la prima volta il Toro in Europa, è sotto la sua presidenza che ho visto un calciatore del Toro vincere la classifica cannonieri e sarà sotto la sua presidenza che vedrò il Filadelfia non come un cumulo di macerie, ma sotto la luce che merita: la nostra CASA. Detto ciò, col passare del tempo ho inquadrato Cairo per quello che è: non è la cura ai nostri guai, ma è per ora l’unico modo possibile per vivere in attesa che qualcuna la scopra. Quando è arrivato Hart, di notte non sono riuscito a chiudere occhio: per me Hart è un campione indiscusso, e non mi interessa chi o che cosa l’abbia portato da noi, l’importante è che ci sia e, per uno come me, nato e cresciuto in una città ed in un periodo in cui i campioni arrivano solo dalla parte dei pigiamini,vederlo con la nostra maglia fa quasi star male, tanto è bello. In conclusione, per un ragazzo della mia generazione, che ha visto praticamente solo fallimenti e serie B, il periodo che stiamo vivendo assieme ORA è meraviglioso, e sono molto rammaricato quando leggo certe cose su questo forum o le sento allo stadio; capisco che il vostro ricordo di ciò che fu’ brucia di fronte al presente, ma ricordatevi sempre che ci sono tanti ragazzi come me che pagherebbero tutto l’oro del mondo per avercelo, anche solo per un istante 🙂
    Scusate il lungo post, volevo solo aggiungere che mi piacerebbe molto poter incontrare qualcuno di voi (soprattutto i più critici) per confrontarci sulle nostre più o meno opposte vedute e parlare di Toro, magari all’inaugurazione del Fila davanti ad una birra! Saluti

    • Benvenuto Andrea, si vero molto di noi hanno avuto la soddisfazione di vedere queste belle pagine del nostro Toro, ti posso dire che mi fa piacere il tuo ottimismo, verranno i tempi d’oro come recita la nostra bella canzone,sono vicini!

      Forza Toro

    • Esposizione ottima.
      Chapeau ( si scrive così? ).
      Chi ha visto periodi migliori, io del ’68 ho visto e ricordo lo scudetto di Pupi e Graziani ad es., per le tue stesse ottime ragioni, si fida ancor meno coltivando le medesime speranze.

    • Ciao Andrea, il giorno dell’arrivo in sede di Hart ero in Centro per caso, non avevo nemmeno pensato che da lì a poco il portiere sarebbe arrivato in sede e quando sono passato per via Arcivescovado ci ho messo qualche secondo in più per capire il perchè di tutta quella gente per strada e in attesa. Eppure era una grande notizia anche per me che vado allo stadio da una vita. Una volta lì la cosa che mi ha più sorpreso ero lo sguardo di tanti ragazzi come te o anche più giovani, tra la felicità e lo stupore. Uno sguardo che probabilmente avevo avuto io quando da una terra quasi fiabesca, perchè allora i giocatori dall’estero non venivano o venivano con il contagocce e non avevamo internet nè una tv così internazionale come quella di ora, come il Brasile era arrivato nella sede di Corso Vittorio, nell’84 addirittura Leovigildo Lins Da Gama detto Junior. Ecco, ti ringrazio perchè mi hai ricordato che sarebbe il caso, anche per noi attempati, di recuperare un pò di quella meraviglia e di far scemare un pò di quell’acredine, giustificata o no, che alla fine ti carichi addosso, sopratutto con l’età. Ciao Andrea, quando il sacro suolo sarà di nuovo calpestabile, fammi un fischio. FVCG

    • Benvenuto Andrea. Ho qualche anno più di te ma il Toro che ho potuto conoscere, dalla Calabria, è più o meno quello che hai conosciuto tu visto che ho iniziato a seguirlo dai primi anni 80 (per radio e grazie a 90′ minuto, che quello passava il convento). Era ancora un bel Toro ma io ero troppo piccolo per apprezzarlo in pieno. Crescendo ho vissuto le effimere soddisfazioni del Toro del Mondo, targato Borsano. E poi il declino fino al fallimento. Quindi la rinascita, subito stroncata da un Cairo arruffone. Ti capisco benissimo. Il Toro (tutto) attuale è il migliore che io abbia conosciuto, certamente non il migliore di sempre, sicuramente migliorabile. La strada mi pare quella giusta nonostante alcuni errori o mancanze, tipo la sostituzione non avvenuta di Maksi.

    • Grande Andrea, sono più vecchio di te, io ho visto il Toro di Borsano ( che poi ha fatto fallire per quegli ingaggi faraonici) e quelli arrivati dopo compreso quello di Calleri che ha si vinto 2 derby ma ci ha smembrato vendendo tutto e distruggendo la nostra storia partendo dell’annullamento delle giovanili.

      Nonostante abbia visto il meglio degli ultimi 30 anni sono convinto che tu abbia ragione da vendere.
      Molta piu ragione tu dei ‘vecchi’ criticati che popolano questo sito.
      Loro la chiamano critica grazie alla quale ‘vigilerebbero’ sulle malefatte di Cairo, Petrachi e primi il mister.
      Ma come puoi ben capire criticano tutto di tutto.
      Se arriva un giocatore o è scarso o è rotto o è in prestito, se non arriva o se viene venduto era un campione.
      Continua a ragionare con la tua testa e accetta sempre il confronto civilmente.

    • complimenti omonimo Andrea. Io ho avuto la fortuna di vedere dal vivo il Toro di Leo e Beppe Dossena, gli ultimi anni di Pulici e Zaccarelli, ho visto vincere qualche derby, ho visto la vittoria con il Real e il pareggio con l’Ajax, la vittoria con la Roma in Coppa Italia (e qualche finale persa con Inter e Roma, grrrrrr). Da molti anni vivo in Africa, per cui non riesco piu’ ad andare allo stadio, e mi manca. Soprattutto l’atmosfera del Comunale, quando passavano i venditori di panini (quello col salame del paese di Pusceddu (0:), non c’era la copertura e neanche i posti a sedere, e quando il Toro segnava ci si ritrovava 4-5 gradoni piu’ sotto trascinati dalla marea granata. Ora tra tessere del tifoso, posti a sedere, biglietti comprati su internet (invece di fare la coda davanti alla biglietteria 4 ore prima della partita discutendo con i compagni di virus), streaming, payTV, parecchio romanticismo si e’perso. FORZA TORO!!!!!!!!!!!!!!

    • Ti ammiro Granata 90!
      Io sono del 63′ quando si vinse li scudetto avevo 13 anni e mi ricordo che dopo la scuola di giocava al calcio e anche chi non era del Toro diceva di essere Claudio Sala, Pulici, Castellini….che soddisfazione ripensandoci…. Mi ricordo benissimo la trepida attesa del pomeriggio per la sera di Torino- Borussia M. Con la notizia della diretta TV sul primo canale Rai evento rarissimo per il Toro… E pensa io vivevo e vivo in un paese lontano 500_km da Torino dove quella quindicina fibgranata che

    • bravo e complimenti. hai fatto una scelta di tifo non facile, ma giusta. noi siamo la fiammella della fede (granata) e lottiamo contro le forze oscure del male (merdentus). alla fine la luce prevarrà sull’oscurità 😉

  9. @vanni quello che dici è vero…ma se nn lo si rendesse un po’ complicato cosa ci starebbero a fare tutti questi esperti,opinionisti ex calciatore ex allenatori ex arbitri ecc ecc che ci triturano i maroni su tutte le emittenti d’Italia? Voglio fare una divagazione…mi è capitato di rivedere lo spot della Suzuki Vitara…azz si saranno suicidati, gli abbiamo venduto tutti i testimonial…:-)))

    • e poi, alla lunga, dipende quasi sempre dall’avversario. Io giocavo a meta’ (nella rimanenza diciamo) e dopo una partita con una giovanile degli strisciati, il loro tecnico mi ha chiamato interessato per un provino (ma ero fuori di un anno) ma vi garantisco che avevo fatto la partita piu’ dura della mia vita: dovevo marcare una loro mezz’ala che pesava il doppio di me e credo avesse 4 polmoni. Mi ha chiamato perche’ mi salvavo solo nell’unico modo, menandolo tutto il tempo.

  10. Vanni 👍
    Fado👍
    Dean 👍👍
    Ossola 👍👍
    Forza Toro 👍

    Non credo hai miei occhi, una ventata di ottimismo, bello vedervi argomentare sul fattore tecnico,finalmente avete finito di criticare l’operato della dirigenza, bene, vi leggo con interesse, bravi!!🐞🍀🐞🍀⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️🏆 Questa è ns futura coppa! Hehe

  11. tutte ste menate delle conoscenze di Ventura. Il gioco del calcio e’ semplice, tipo quello che facevamo quando ero un pivello: il piu’scarso in porta, i piu’ grossi in difesa, i migliori davanti, quello che rimaneva a meta’ campo e correre.

  12. Con la difesa a 4, i due centrali devono essere forti. Non è come giocare a 5.
    Se Castan ha recuperato, considerando anche Moretti, a sinistra dovremmo (e comunque usiamo il condizionale) essere coperti; a destra però non lo siamo. Bovo non da garanzie di rendimento elevato per troppe gare di seguito, mentre Rossettini non so se rientra proprio nei piani del mister.
    Con le partenze di Glik e Maksi, era obbligatorio acquistare un centrale destro forte, e purtroppo non lo si è fatto. Per questo mi associo a Scin nella speranza che Hart possa migliorare tanto da diventare anche un buon centrale difensivo.

  13. È mancata la ciliegina sulla torta,un buon centrale,Simunovic o chi per lui,ci avrebbe completato il reparto ma la squadra c’è e soprattutto è arrivato un uomo con le palle,Sinisa,che finalmente entra in campo per vincere e giocare 90’minuti all’attacco,che bello vedere sta palla correre in verticale,me ne ero dimenticato,pensavo fosse una irregolarità come il fuorigioco….

  14. mimmo75@ meglio avere delle incognite che delle certezze,la difesa sembra indebolita ma non ne sono così sicuro,a volte è meglio avere gente con voglia anche con dei limiti che gente palesemente con la testa altrove,i tre nuovi difensori sono delle incognite ma quelli che sono partiti era da tanto che avevano la testa in altri lidi

    • Ossola 71, non so se la difesa è più debole o meno, vedremo. Intanto passiamo da 3 a 4 e già questo impedisce un paragone puntuale. Se poi andiamo sui singoli, in valore assoluto, Castan è più forte di tutti quelli dello scorso anno, il miglior Castan, chiaro. Molinaro è quello dello scorso anno, Moretti e Bovo pure mentre DeSi, se parliamo di “difesa” è meglio di Peres. Abbiamo perso Maksi e non è poco. Ma il Maksi dello scorso anno lo sostituisce quasi chiunque, sia perché è mancato a lungo, sia perché non era tornato più sui livelli suoi. Andava comunque sostituto bene e non lo si è fatto. In tal senso ci siamo sicuramente indeboliti. Ma parliamo di 1 su 4 e comunque sempre in un contesto, come dicevo prima, non paragonabile in modo puntuale. Il campo darà le risposte ai nostri dubbi.

  15. Per me i difensori devono sapere soprattutto difendere, specie ora che ci siamo finalmente liberati del giro alla, a differenza della Nazionale. Sperando nella ripresa di Castan io gli affiancherei Ajeti, che non ha piedi delicati ma è un bel mastino in marcatura

    • certo che devono saper difendere, ma sai a fare il giro palla “fumoso” di prima non devi essere Messi. Invece ogni tanto qualche lancio lo devi fare con questo “nuovo” tipo di gioco, sopratutto come alternativa. Prima eravamo monoschema. So poco di Ajeti pero’.

  16. OT
    Nell’ottica di avere altre alternative di gioco, partendo dalla difesa, io penso che la coppia centrale quest’anno deve essere Bovo-Castan (se reggono fisicamente). Hanno piedi delicati e qualche lancio preciso lo sanno fare. Gli altri, a parte Ajeti che non so, non credo siano in grado.

  17. Magari Ajeti diventa il terzo tassello, quando rientra! Spero bene perché Ferrante, che é sempre molto critico verso la dirigenza, ha affermato che abbiamo fatto un mercato da 8 e solo Juve, Napoli e Roma gli sembrano superiori . Sono abbastanza d’accordo, ma tutto dovrà girare per il verso giusto, poi potremo toglierci delle soddisfazioni . Ultima cosa , hanno fatto esordire le nazionale e Ventura con la Francia, la squadra pi forte al momento in Europa, e parlano già di Israele come ultima spiaggia ! Spero non lo stronchino subito, non é un grandissimo allenatore, ma , se abbiamo questa squadra adesso, é solo grazie alle plusvalenze che ci ha fatto fare lui . Gli augurio di vincere alla grande questa partita e di mettere tutti a tacere (così potrà parlare lui, che é un buon arringatore, soprattutto su se stesso).

  18. Comunque io l’altra sera ho visto Argentina-Uruguay e il nostro Gaston non e’ che ha fatto vedere qualcosa di diverso dal solito. Ha fatto due cross come esterno ed erano 11 contro 10: uno a mezzo metro d’altezza e lo hanno rinviato facilmente e l’altro 5 metri fuori area lato opposto,dove non c’eano ne’ Cavani ne’ Suarez. Qualche minuto Messi girava dalle sue parti e si vedeva un po’ teso negli interventi.

  19. Quando il calcio era una cosa seria, ai tempi del fu Giuan Brera intendo, si diceva che una squadra era forte se aveva la spina dorsale forte. Ergo portiere, centrale di difesa e centravanti. Abbiamo il centravanti della Nazionale Italiana, il portiere della nazionale inglese. Causa braccinite parrebbe mancare il terzo tassello, sennò. ..

        • Vanni, chiarisco. Reputo buona la rosa, pptenzialmente in grado di giocarsela con tutti. Però ricca di troppe incognite. Dal recupero di Castan alla tenuta dei vecchietti, dal modulo nuovo alla preparazione atletica (siamo già in formissima e di solito non è buon segno), dall’esplosione di Ljajic (auspicata) alla capacità dei giovani in rosa di non far rimpiangere troppo i titolari quando dovranmo sostituirli. Se tutto girerà per il verso giusto (e già così non è, per Ajeti e Ljajic) potremmo diventare la sorpresa del torneo senza dipendere troppo dagli altri.

          • in effetti e non e’ una critica, il fatto che corriamo bene rispetto agli altri, mi lascia solo un dubbio: continueremo cosi’ o no?

    • 11 prestiti no, ma perhe’, viste le nostre dimensioni (PER ORA), non tenere in considerazione che si puo’ crescere con 7/8 buone prospettive di proprieta’ e 2/3 campioni scontenti, pagando loro solo l’ingaggio (possibilmente solo una parte cosi braccino e’ felice). Probabilmente qualche soddisfazione ce la prendremo, se no ci andra’ una vita di colpi di suerte prima di poter vedere un Toro competitivo.