Molinaro, sospiro di sollievo: sette punti al ginocchio ma nessuna complicazione

16
1512
Molinaro

Sette punti di sutura per Cristian Molinaro ma nessuna complicazione alle strutture ossee sottostanti del ginocchio destro

Arrivano buone notizie per quanto riguarda le condizioni di Cristian Molinaro. Il terzino ha riportato una ferita al ginocchio destro, che ha richiesto l’applicazione di ben sette punti di sutura, ma gli accertamenti a cui è stato sottoposto in ospedale hanno escluso complicazioni alle strutture sottostanti.

Molinaro, durante l’amichevole contro l’Ingolstadt, era stato costretto ad abbandonare il campo in barella nel primo tempo, dopo un duro contrasto a centrocampo con un avversario (per il fallo commesso il terzino granata è stato anche ammonito). Le sue condizioni avevano fatto preoccupare ma, a parte la brutta ferita riportato, il terzino non ha subito infortuni gravi.

Condividi

16 Commenti

  1. Molinaro merita rispetto,come gazzi,danno sempre tutto in campo e fuori mai una parola fuori posto .contento che non sia nulla di grave.barreca non è un pronto e avelar nemmeno …ci servirà piaccia o no ….

  2. Molinaro è un lottatore, un giocatore discreto con una buona carriera. Meglio cento volte di tutti i terzini sinistri degli ultimi 20 anni (Rubin, Sassarini, Puglisi, Mora, Coco, Balzamerda, Castellini, Balestri, Pancaro, Lanna, Pisano, Garofalo, Zavagno). Non è un fenomeno e attualmente sarebbe la riserva perfetta di un titolare di alto, altissimo livello. Che purtroppo non c’è.

  3. Molinaro ha le caratteristiche che si chiedono ai giocatori del Toro, grinta,corsa,impegno anche se non bravo tecnicamente.Eppure ci sono tifosi che non vogliono più questo tipo di giocatori (Gazzi,Vives, ecc.) con la maglia del Toro, una volta chi aveva queste caratteristiche erano i preferiti dalla tifoseria granata, anche se non avevano piedi eccelsi. Continuo a pensare che i primi ad essere cambiati sono i tifosi del Toro che non vogliono più una squadra che lotti e sudi per la maglia, e quindi abbiamo quello che ci meritiamo non essendo diversi da qualsiasi altra tifoseria.

      • Sveglia!!!
        Sono finiti i tempi dei veri cuori granata.
        Non esistono più, non ci sono più bandiere, non ci sono più giocatori che vivono una intera carriera in un’unica squadra.
        Molinaro è un giocatore concreto che abbina quantità, corsa e resistenza. Non è un campione eccelso, ma è anni luce meglio del pulcino barreca.
        Finché non rientrerà avelar, preghiamo che il vecchio molinaro tenga botta.

    • Molinaro se impiegato con continuità non ce la fa. Lo abbiamo visto lo scorso anno. Fatevene una ragione. E fare questa osservazione non è una mancanza di rispetto. Come scrissi a suo tempo abbiamo tre terzini sinistri poco affidabili: uno rotto, uno spompato e uno acerbo.

  4. Bisogna dire che Molinaro dimostra quantomeno una integrità fisica invidiabile per l’età che ha, terzino roccioso ma che corre come un matto…con il colpo che ha preso al ginocchio (7 punti di sutura) se capitava a obi o janson era la fine

  5. Sono contento che non sia nulla di grave perchè di lui fin quando regge avremo bisogno come il pane, oggi fin quando è stato in campo ha giocato bene correndo su e giù per la fascia di competenza dall’altra parte il più gettonato Zappacosta non ha saputo fare altrettanto facendoci rimpiangere Bruno, Barreca invece un cross poteva fare naturalmente ciccato clamorosomente, se Avelar non rientra lunga vita a Molinaro.