Obi e Boyé cambiano volto a un brutto Toro, ma non basta

45
2224
CAMPO, 21.8.16, Milano, stadio Giuseppe Meazza, 1.a giornata di Serie A, MILAN-TORINO, nella foto: Lucas Boye

L’ingresso dei due giocatori ha permesso a Mihajlovic di adottare un modulo più offensivo. Incide soprattutto l’argentino, ma manca la cattiveria sotto porta

È stato particolarmente discusso il cambio modulo che Sinisa Mihajlovic ha voluto adottare a gara in corso contro l’Atalanta. L’ingresso di Obi e Boyé, infatti, ha portato il Toro da un già offensivo 4-3-3 a un più spregiudicato 4-2-4, con l’intenzione di vincere una gara fino a pochi istanti prima bloccata. Segno di una mentalità sicuramente non difensivista (che non vuol dire necessariamente arroganza o superficialità); segno, soprattutto, della voglia di tenere il più possibile alta la squadra.

Obi e Boyè in campo hanno portato il Toro però sì a essere più offensivo, ma al contempo a esporsi maggiormente ai rischi del contropiede atalantino, come quello che ha portato poi al rigore-vittoria guadagnato da Gomez. Il centrocampista ha cercato di portare maggiore quantità a una linea mediana spenta ma soprattutto poco consistente; l’attaccante maggiori alternative sotto porta.

E se il nigeriano si è limitato al compito assegnato, senza particolarmente eccellere, di più ha cercato di fare l’argentino, dando effettivamente quella verve a un attacco altrimenti piuttosto spuntato. In una partita generalmente bloccata, le occasioni non sono certo aumentate in maniera esponenziale, ma per due volte i granata hanno saputo rendersi pericolosi, con una vera e propria possibilità concreta per l’argentino di andare a segno, poi fallita.

Obi e Boyè cambiano volto al Toro, ma era un Toro troppo brutto per poter davvero pensare di vincere. Le cose migliorano, poco, davanti; peggiorano, tanto, dietro. Che poi continua a restare il punto debole della squadra granata, che ha bisogno di registrare la difesa per poter davvero pensare di concorrere all’Europa, già da questa stagione.

Condividi

45 Commenti

  1. Non se essere contento per l’impatto dei panchinari o incazzarmi per come giocano i titolari. Mi riferisco alle coppie Acquah / Benassi e Obi / Baselli. Ma è mai possibile che quello che gioca dall’inizio non combina un tubo?

  2. Interessanti le vostre osservazioni qui sotto. Io, considerate le assenze e i problemi fisici davanti a Bergamo avrei optato per un compassato 4312, con Valdi vertice basso, Obi a sx, Benassi a dx e Baselli dietro le due punte. Riguardo agli esterni del 424, credo che gli unici esterni a poter garantire copertura siano Boye e Falque. Riguardo il 4231, concordo che Acquah sarebbe perfetto, ma la punta centrale deve fare gioco e Belotti non ha esattamente quelle caratteristiche mentre Maxi Lopez, che sarebbe molto più adatto per quel tipo di gioco, non è titolare. Sarei curioso di vedere la coppia Ljajic a girare intorno a Belotti in un 4312. Mie curiosità a parte, credo che la quadratura arriverà solo quando Valdifiori ingranerà.

  3. Ciao gianluca, il tuo modulo nn mi dispiace ma far giocare zappa e de silvestri insieme e’ un rischio. Non avremmo terzini destri di ricambio. Io credo che l’equilibrio di squadra si possa trovare con un metodista davanti alla difesa( valdifiori) e un trequartista ( iago o aramu) dietro le punte. 4-3-1-2

    • C’è Rossettini che è stato preso per fare all’occorrenza il terzino destro. Vediamo se Mihajlovic ascolta Iago. Aramu non credo sia ritenuto all’altezza e mi spiace. Sarebbe bello avere uno del vivaio pronto per la A

  4. Ciao @superluke … per me il Toro deve giocare a due in mezzo al campo. Iago credo sia stato chiaro domenica post-partita. Fossi Sinisa (4-2-3-1): Hart; De Silvestri, Bovo, Castan, Molinaro, Acquah, Valdifiori; Zappacosta (Boye), Ljajic, Iago; Belotti. Se Iago vuol giocare a destra, a sx. ci possono stare Obi o Benassi o Boye. Vorrei Ljajic libero si variare senza compiti di copertura. E Acquah libero di correre in orizzontale, rubare palla e appoggiare a Valdifiori.

      • Tanaka, a prescindere che si è fatto male Ljajic e non è banale. Io non vedo centrocampisti per giocare a tre. Non li vedo. Punto. Sarò limitato, ma non li vedo. Senza contare che non abbiamo il cambio di Ljajic (Martinez? per favore!). io non so per cosa abbiamo fatto mercato, ma il Toro (e lo ha detto anche Iago) gioca meglio a due in mezzo al campo.

  5. Giornata fiacca, avara di notizie. Rimestiamo allora nel torbido post-gara. Un Baselli insufficiente ha contribuito a rendere un brutto Toro? O un Toro esanime (ad eccezione di Iago Falque, Castan, Bovo e Boyè) ha livellato verso il basso le prestazioni degli 11 in campo? Eppure Baselli (subentrato dal 24 s.t. ad Obi) ha suonato la carica nella quasi-rimonta contro il Milan, e sempre Baselli ha giocato 90 minuti nella gagliarda vittoria sui turtlen. La partita di domenica è stata anomala per molti aspetti: stop di due settimane per le nazionali, giocata ad un orario assurdo, visto la cappa di umidità di questo periodo, con titolari infortunati nei ruoli chiave, un portiere gettato nella mischia e senza il dovuto affiatamento con i compagni in difesa, un regista subito azzoppatosi, Martinez al rientro dopo due voli transoceanici, XXL Lopez in campo con le infiltrazioni, e in generale un atteggiamento insolitamente tremebondo, forse perchè i giocatori erano consci di tutte queste magagne: ognuna delle quali è facilmente gestibile da Sinisa, ma non tutte insieme appassionatamente. Il mister poi ha messo del suo, con la sua voglia di strafare e di partire subito a razzo. D’altronde non possiamo pretendere che lui miri ad un punticino, stravolgendo il cambio di mentalità che vuole imprimere. A S. Siro e Bergamo abbiamo gettato via due punti, ma vorrà dire che quando avremo oliato i meccanismi e recuperato i ns pezzi da 90, vinceremo partite insperate (la prima che mi viene in mente è contro la Roma a fine mese). Un pò di pazienza

    • spero tu abbia ragione.,
      Ricordo Mondonico che qualcosa di buono nel Toro lo ha fatto che diceva che a volte per sperare di pareggiare si deve difendere anche lo svantaggio di 1-0… Certo lo diceva se si affrontavano le grandi squadre e non la miserrima Atalanta.
      certo che 4 punte in campo per quasi tutto un tempo quando 2 di queste erano in palesi difficoltà fisiche mi è parso un azzardo. Comunque Forza Sinisa senza se e senza ma.

      • Il Mondo era un pilota che aveva tra le mani una Porsche e la conduceva come un’utilitaria…il che era la sua forza ma anche il suo più grande limite. Provo nostalgia per quel Toro veramente forte e robusto, che forse non tornerà più, ma ricordo con più affetto altri allenatori, anche se ci hanno accompagnato per un tragitto più breve. Fine OT

      • L’anno scorso siamo partiti a razzo e poi dalla 7a. alla 30a. (24 gare!) abbiamo totalizzato un exploit di 12 sconfitte, 8 pareggi e 4 vittorie. Direi che un pò di pazienza è il minimo. Vedrai che a fine anno avremo fatto più vittorie che sconfitte, sono straconvinto.

  6. Boye secondo me come ha detto mihajlovic è una forza della natura ma ancora giovane , quello che non capisco è baselli altro giovane con delle potenzialità enormi ma con più esperienza e continui alti e bassi impressionanti , non so se quando lo guardi in faccia prima di ogni partita ha voglia. O se ne sbatte.

    • Sulla faccia di Baselli purtroppo si legge “Paura”, almeno in base a quanto ho potuto osservare io. Da quel poco che invece ho potuto leggere sulla faccia di Ljaic (e spero fortemente di sbagliarmi) risulta qualcosa del tipo “Me ne fotto”.

  7. Smettiamola di parlare di Europa League ,i capitali investiti per questa squadra sono da” aurea mediocritas”.Non si puo’ giocare Con un centrocampo di pesi piuma,Kessie ha fatto il bello e il cattivo tempo e non ci sono state contromosse o non avevamo giocatori del suo livello per bloccarlo.Molinaro ha gia’ la lingua fuori,nessuno critica l’impegno ma e’ alla frutta.Martinez e’ inutile,stante l’assenza di 2 titolari, in attacco devono giocare Falque,Lopez il primo tempo e Boye sostituirlo nel secondo e Aramu .Ieri nell’Empoli ha giocato e bene il 97 Diousse e francamente non capisco, perche’ da noi non possa giocare il 95 Aramu che ha fatto 2 campionati di B.

  8. Boye ha talento e non gli manca la visione di gioco. Se fosse entrato quel suo tiro (dopo pregevole finta a imbambolare il suo diretto avversario) staremmo qua a parlare del nuovo Dybala. Forse gli manca la continuità e la voglia di sacrificarsi in copertura ma io domenica scorsa l’avrei messo titolare.
    Detto questo, non sono in attacco i nostri principali problemi.
    A centrocampo a me Obi non dispiace, per quanto sia denigrato da molti. Non avrà i numeri di un Baselli ma sicuramente sta in piedi e copre più di quanto non faccia il nostro gioiellino che, purtroppo, oltre a non fare minimamente filtro, spesso latita anche in fase offensiva (come accaduto a Bergamo).
    Mi raccomando, però, non facciamo processi. Faremmo solo il male della squadra. Poniamo critiche costruttive e tifiamo tutti nella stessa direzione. Forza Toro Sempre!

  9. Ciao, in un centrocampo a tre, un Obi in forma come all’Olimpico ad aprile/maggio contro la Roma non è niente male. Non vale El Kaddouri, ma siamo lì. Baselli in quel ruolo è improponibile. Lui può giocare da trequartista di scorta. Non è più forte di un Verdi qualunque. Seconda cosa: io ritengo il 4-2-4 più saggio del 4-3-3. Con Acquah e Valdifiori. Perché con questo schema ci sono chiaramente due attaccanti (uno può essere Ljaic e diventa un 4-2-3-1) e due esterni che giocoforza devono anche coprire. Infatti con il 4-2-4 (che poi è un 4-4-2 o un 4-2-3-1) siamo più ordinati e coperti. Non abbiamo gli uomini per fare il 4-3-3. L’unico forse è proprio Obi, ma altri interni da 4-3-3 non ne vedo. Magari magari Vives, qualche anno fa. Indi Sinisa prenda atto e schieri un 4-2-“come preferisce” basta che i quattro avanti pensino anche a coprire

    • Scusami se te lo dico Gianluca ma il tuo commento non ha molto senso, parli di moduli come se i giocatori fossero figurine, paragoni il 442 al 424 e poi ancora al 4231.. Dal mio punto di vista abbiamo giocatori (non fenomeni, ma giocatori) che possono fare tutti i moduli ad eccezione del 424, che può essere utile solo a partita in corso se si vuole vincere o recuperare.. Vedo difficile anche un 442, bisognerebbe alzare Zappacosta (ma a sinistra chi metti?), la squadra è stata costruita per un 433 adattabile al 4312 ripeto con dei giocatori che non sono fenomeni

      • Cavs, scusami, ma ribadisco. Per me 4-4-2 4-2-4 e 4-2-3-1, proprio perché i calciatori non sono figurine … Si assomigliano moltissimo. Sono diverse gradazioni dello stesso colore. Il 4-3-3 è un colore diverso. Per un centrocampista è diverso. Giocare a due o a tre cambia molto. Acquah per me a 2 è un top. A tre perde molto. Io non sono convinto questa squadra abbia gli uomini per il 4-3-3. Spero ora abbia più senso. Poi magari ho torto, ma Milano e Bergamo mi danno ragione

          • Personalmente giocherei un 4-2-3-1. Difesa a scelta di Sinisa. A centrocampo titolari Acquah e Valdifiori, con Obi/Benassi e Vives come alternative. Ora i quattro davanti. A destra Iago e in alternativa Boye o Zappacosta. A sinistra possono giocare forse Iago stesso (credo di sì), Ljajic (se si attacca deciso) Obi, Benassi, Boye e ultima opzione Martinez. Devono offendere e difendere. Poi Ljaijc (alternative Baselli, Iago, Martinez, Benassi) dietro a Belotti (Lopez/Boye). Riassumendo (4-2-3-1): Hart; De Silvestri, Bovo, Castan, Molinaro, Acquah, Valdifiori; Zappacosta (Boye), Ljajic, Iago; Belotti.

        • Non sono troppo d’accordo con te 🙂 424 è molto più offensivo di 442, dipende dagli interpreti che metti larghi in fascia…. Onestamente un Ljalic non me lo vedo proprio a tornare in difesa, come non tornava Cerci all’epoca. Non so, sinceramente vedo tutti adatti al fare le mezzali, certo, con caratteristiche diverse e qualche problema di discontinuità. Fino a settimana scorsa Baselli era un dio perché aveva fatto 2 goal in 2 partite, ora che ha giocato male non è adatto. Secondo me ci va del tempo, ripeto, non abbiamo fenomeni altrimenti sarebbe tutto più facile, però non credo si possa giudicare uno schema, un allenatore, dei giocatori nuovi dopo 3 partite

          • Se ogni tanto leggi i miei commenti, io da due anni non posso vedere Baselli, condizionato da centinaia di commenti di atalantini scritti ben prima della cessione al Toro. Non uno, dico uno, che lo difendesse. Ci sarà un perché. Baselli è idolatrato senza motivo. Fa qualche buona giocata, ma non gli ho mai visto fare una partita bene, da inizio a fine, anche quando ha segnato.

  10. Diciamo che abbiamo giocato senza centrocampo, con 2 attaccanti non nel pieno della forma, non puo’ essere questo il Toro, Molinaro non pervenuto!

    Dimentichiamoci in fratta di questa partita, mi spiace che per una volta il mondo ci guarda grazie ad Hart e facciamo una figura del cazzo, di squadretta di bassa classifica!

  11. dai basta mettere l’Europa in tutti gli articoli, non abbiamo uno straccio di possibilità. boye sta venendo fuori bene, obi ha corso per due ovviamente penalizzando la lucidità e la precisione. al momento per me obi titolare con baselli in panca sarebbe auspicabile.