Peres, un gol dal sapore di addio

122
3303
CAMPO, 13.8.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 3.0 turno di Coppa Italia, TORINO-PRO VERCELLI, nella foto: Bruno Peres e Mattia Mustacchio

Il difensore brasiliano ha realizzato quella che potrebbe essere l’ultima rete con la maglia granata. Si attendono sviluppi di mercato decisivi

Alla festa di ieri sera ha partecipato anche Bruno Peres e lo ha fatto da assoluto protagonista. Le sue accelerazioni e i suoi dribbling hanno dato spettacolo, così come il siluro dalla distanza che ha trafitto Zaccagno per il momentaneo 3-1.

Un gol che potrebbe essere anche l’ultimo con la maglia granata. Sul giocatore c’è forte la Roma, che vorrebbe chiudere nelle prossime ore e che come svelato su queste pagine è tornata alla carica da oltre una settimana. La destinazione è gradita al brasiliano, che ieri, dopo il gol, ha voluto ringraziare tutto il pubblico del “Grande Torino”. Un’esultanza che molti tifosi presenti hanno interpretato come un saluto. Peres sapeva che quella poteva essere la sua ultima rete con la squadra che l’ha portato in Italia e l’ha fatto conoscere al panorama calcistico europeo.

Di Bruno Peres hanno parlato anche il tecnico Mihajlovic e l’amico Martinez. Entrambi non hanno chiuso alla sua cessione e, anzi, hanno fatto trapelare il possibile addio. Mihajlovic è sempre stato chiaro: considera il brasiliano un giocatore di assoluto valore in fase offensiva, ma poco propenso a quella difensiva. Ieri ha ribadito il concetto: “Bruno Peres potrebbe essere un giocatore da Barcellona o Bayern per come fa la fase offensiva, mentre in difesa deve migliorare: se rimane sarei contentissimo, se parte arriverebbero i soldi per il mercato”. 

Vista la presenza di un sostituto, Zappacosta, e la trattativa avanzata per De Silvestri, Mihajlovic non disprezzerebbe la cessione del brasiliano per avere soldi freschi da reinvestire per i reparti che necessitano di migliorie. Nella mente dell’allenatore, infatti, mancano ancora un centrale difensivo (due se parte Maksimovic), un regista, un interno di centrocampo, un terzino destro e un terzino sinistro, se le condizioni di Avelar continuassero a non dare certezze.

Di Bruno Peres, come detto, ha parlato anche il compagno di squadra e amico Josef Martinez: “Bruno è contento, io e tutta la squadra gli auguriamo il meglio, se rimane siamo contenti, ma se parte è uguale, io sono molto amico suo, qualsiasi cosa succeda l’importante è che sia un bene per il suo futuro”. Anche lui, quindi, ha aperto alla possibilità concreta di una cessione del brasiliano.

Con un anno di ritardo (Peres era dato per partente già la scorsa estate), le strade tra Bruno e il Toro potrebbero quindi dividersi, salvo un altro, imprevedibile, ribaltone. Peres lo sa, i compagni e l’allenatore ne sono consapevoli. Le prossime ore risulteranno decisive per il futuro del brasiliano.

Condividi

122 Commenti

  1. Vanni …il 95% di quelli che hai citato SE NE SONO VOLUTI ANDARE …ce la facciamo a capire la differenza tra cessioni che fa la società,x qualsiasi motivo,,e calciatori che se ne vogliono andare ,x soldi o x qualsiasi altro motivo ?proviamo almeno a fare un distinguo ?il caso draxel non vi fa pensare?

  2. Glenn 23.42…tutto vero quello che hai scritto….aggiungo anche che oggi,le sociata’ sono ostaggio dei procuratori,maksi mi sembra una prova evidente,giocatori che vengono montati dai propri agenti ,x intascare la percentuale.piaccia o no ma questa è la realtà…purtroppo…..e cmq maksi sta sbagliando tutto comportandosi cosi..a mio parere ovviamente…

  3. Dai venti in contanti ai 15 chissà quando….non mi pare un’ astuta mossa di mercato. Sky dice che domani atteso per le visite e martedì con la squadra ad allenarsi. Ciao Bruno. Ci sono Mexes e Maggio liberi…..

    • Ore 18.21 – Accordo raggiunto, la trattativa è ai dettagli: in queste ore le due società stanno definendo come dividere i 15 milioni del cartellino tra prestito e obbligo di riscatto. L’operazione dovrebbe chiudersi dunque per un prestito senza ulteriori bonus – con il Torino che dovrebbe riservarsi una percentuale (circa 25%) di futura rivendita del calciatore nelle prossime finestre di mercato.

      Questo e’ purtroppo ma questa e’ VERA colpa di Cairo.

  4. Spiace, ma è Mihajlovic che non lo vede terzino dx (l’ha più volte fatto capire). Lui è l’allenatore e lui decide. Si può essere d’accordo o meno, ma è lui che li allena tutti i giorni. Quindi continuare a richiederne la permanenza è inutile, tanto quanto chi accusa la società per questa cessione. È il mister che ha deciso così, suoi oneri e onori. #SFT

  5. io in Jansson credo ma è davvero sempre infortunato. Come potete dire che siamo a posto così è un mistero.
    In attacco siamo molto forti, centrocampo così così, difesa siamo messi parecchio male.
    Minimo Minimo serve un difensore forte al posto di Maksi.

  6. se ci sarà un giocatore che mi mancherà tra i vari cerci,immobile, glik,ogbonna e vari che ci hanno salutato è proprio Bruno.Bravo ragazzo, inserito nello spogliatoio e che tiene al Toro ci tiene a differenza di altri.
    Dovendo trattenere qualcuno io non avrei dubbi.

  7. Per Peres si erano già tutelati l anno scorso con zappacosta quindi il problema non si pone, maksimovic in teoria ne ha già due di sostituti, numericamente saremmo gia’ a posto, qualitativamente invece ne possiamo parlare

    • Io ne parlerei. Secondo me jansson ed ajeti possono darci sul campo quello che ha dato maksimovic. Non sono preoccupato per la sua partenza ma per la sua svalutazione. Discorso diverso per peres, a me zappacosta piace ma obiettivamente peres, per quanto sia stato raramente decisivo, é di un’altra categoria. Trovo difficile trattenerlo di fronte ad offerta congrua, ma mi dispiacerà comunque. Per quanto non ci abbia fatto vincere una beneamata è un giocatore che fa sempre piacere vedere in campo.

  8. @glenngould sono sulla tua lunghezza d onda, quindi facendo una critica costruttiva va fatto un acquisto pesante in mezzo e secondo me in porta , per il resto possiamo stare così secondo me…..la nostra realtà è avere una società a posto , valorizzare i giocatori per poi venderli e puntare su qualche pezzo pregiato che vuole rilanciarsi (liaic) dei giovani forti su cui puntare del vivaio o aquisti stranieri (boye e lukic) e dei giocatori di ottime potenzialità che potrebbero diventare dei buoni o grandi giocatori (baselli, belotti, benassi,zappacosta.
    Gli appunti che mi sento di fare a questo mercato è che siamo un po’ in ritardo su un acquisto pesante in mezzo e secondo me hanno inciuccato la gestione dei portieri e poi qualcuno scriveva che gli spiace perdere un po’ di italianità , condivido

  9. Sì è persa una grande opportunità, ormai è tardi , Maksi&Bruno saranno venduti fine mercato nn avendo la possibilità di rinpiazzarli a dovere , che vogliono andarsene lo sanno anche i sassi e quindi meglio lasciarli andare.Se lo fai ad inizio mercato prendi meno ma hai denari subito per acquistare validi sostituti se lo fai a fine mercato prendi più € e spendi un cazzo per i sostituti perché a questo punto i buoni nn vengono venduti e prendi solo i resti del mercato. È questo che sta avvenendo al Torinofc. È tutto orchestrato dal Ciarlatano.

  10. Abc@ beh,grazie per il signore.immagino che tu per cairese intenda il toro.ti rispondo senza problemi.no,non ho nessun tipo di rapporto diretto colluso,come dici tu.solo cerco di incazzarmi quando è giusto farlo.troppe volte ho bruciato cellule per il nervosismo legato al toro.non le conto più ormai.cerco solo di essere intellettualmente il più onesto possibile,a difesa della salute del mio fegato.e perche’,contrariamente a come pensi tu classificando la presidenza Cairo in un’unica era,io credo che per metà abbondante del suo “mandato” abbia sbagliato,e anche tanto
    Ma sbagliando si impara,ed è anche per questo che ,sempre a parer mio,il “secondo” Cairo poco centra con il primo.questo mi rende al momento un po’ meno disfattista di te e mi da onestamente la possibilità’ di aspettare la fine dei “lavori in corso” prima di sparare sentenze negative e di incazzarmi.questa e una altra serie di motivi e motivetti che ho espressi nei post più recenti.

  11. Comunque una grande parte di gente che scrive qui probabilmente è un gobbo mascherato da granata, comprendo il voler il meglio per la propria squadra e puntare in alto ma se volete che la vostra squadra lotti per la Champions nel calcio moderno non tifate Toro

  12. Rds@ in effetti io dico che è sbagliato giudicare senza “leggere”. Ma ho anche detto di aspettare la fine del mercato non perche’ credo che le cose andranno male ed allora la mia è una richiesta che si limita a voler posticipare il rammarico.anzi,al contrario credo che le cose potrebbero anche andare positivamente e che ci ritroveremo una bella rosa.in ogni caso di aspettare.questo intendevo

  13. @glenngould, giustamente dici che le sentenze vanno emesse a processo finito, ma di fatto fai già capire quale sarà il verdetto quando dici di non limitarsi al tabellone delle entrate-uscite perché ogni questione ha la sua storia.
    La sfilza di problemi elencati le hanno tutte le società.

  14. Il giudizio sulla societa cairota e tutto fuor che superficiale o estemporaneo ma basato su fatti e prove oggettive formatesi in ben DIECI ANNI di comportamenti precisi e finalizzati ad arrichire lo unico socio…. e a lasciare la societa sempre nella piu desolante mediocrita (con molti anni di serie b…… e peggior risultato sportivo della nostra storia centenaria). Cairo e un plurirecidivo e quando arrivera il nuovo idolo ci sara da ridere per nn piangere.

  15. Basta dare un’occhiata ai principali media per capire facilmente come questo sia un mercato atipico,caratterizzato dal fatto che a a due settimane della sua chiusura tutti i club sono indietro,devono fare ancora molto per assestarsi,chi più chi meno.non è che le milanesi le genovesi le romane siano a posto ed il toro è a metà del lavoro.è lapalissiano,ma mica tanto a leggere i commenti di alcuni. Altresì mi permetto di considerare errata e un po’ superficiale la recensione del mercato limitandosi a leggere il tabellone entrate uscite,perché ogni questione ha la sua storia,che non può non essere considerata.aldilà di ogni singolo pensiero su Cairo ed il suo modo di agire,si prenda in considerazione la possibilità di recensire la campagna acquisti quando questa sara’ terminata.personalmente ancora non la giudico,lo faro’ il 31 agosto.troppo facile sentenziare ora decretando provinciale e stucchevole l’atteggiamento di un club,nello specifico il toro,che mai come quest’anno ha dovuto fare i conti con giocatori con problemi famigliari piuttosto rilevanti,millantatori di fede e cialtroni viziati privi ogni senso morale. Le sentenze si emettono a processo finito,non a meta’ di quest’ultimo,sia esso lodevole o infausto.

  16. Pepper nessun giocatore importante rimsrra mai molto da noi. Quel che sta succedendo e la diretta conseguenza del modus agendi cairota. Tutto il mercato sa che per il furbetto non ci sono incedibili e quindi ci provano sempre in ogni periodo dello anno. ..con caio saremo sempre provinciali e mediocri per precisa strategia che arrichisce qualcuno . Chissa chi ?

    • Hai in parte ragione però Cairo non può spendere quanto la juve o l’inter.Io non accuso tanto cairo ma il sistema calcio destinato nel giro di 10 anni a far scomparire tutte le squadre eccetto le solite ovviamente.I calciatori vanno dove gli danno di più giustamente, ma non ci sono limiti e per questo le squadre grandi si sentono in diritto di offrire milioni su milioni ai giocatori,il fair play finanziario non lo rispetta nessuno i diritti tv vanno alle squadre che già hanno valanghe di soldi…Guarda il leicester quest’anno . Non lo seguiva nessuno ,ma quanti soldi ha portato alla premier?Hanno cambiato pure i palinsesti per farlo vedere..Questo dimostra come se si aiutassero le squadre piccole( magari dando loro più soldi ) porterebbero più soldi alla lega e la competizione sarebbe più equilibrata..

    • Ma squadrone dove, per il settimo posto forse.E anche se arrivassimo settimi i giocatori forti se ne andrebbero via e non ci confermeremmo ( vedi elka,cerci immobile e ora questi).Non crederai mica che ljajic e belotti rimarranno altri 2 anni vero?

  17. anch’io non riesco a comprendere come Miha possa far giocare Martinez o Falque la’ davanti e non B.Peres ! Eppure Miha non mi pare uno sprovveduto ,un incapace , ma non riesco a capire perchè non veda Peres come un’ala ds (al posto di Falque o Martinez!) , concependolo solo come terzino ds . Boh!!!!!

    • Miha non è stupido.. Zappacosta titolare, Peres mai provato esterno alto sono clausole contrattuali. Anche uno che non ha mai visto il calcio non farebbe mai giocare Zappacosta titolare e proverebbe Peres esterno alto. Il problema è che Maksimovic per lui era un punto fermo.. e la società sulla parola lo aveva accontentato.. ora bisogna vedere se l’inculata glie l’ha rifilata il giocatore oppure non mi meraviglierei se sotto sotto Nikola è in accordo con Cairo che già fiuta altri soldi in entrata che non spenderà

  18. concordo in pieno con glenngould e mi è spiaciuto leggere le critiche contro bruno quando è rientrato in ritardo come mi spiace leggere le critiche su peppe vives, non è certo colpa sua se gioca sempre lui visto che non c’è nessun altro decente, anche se non è un fenomeno, è semplicemente il migliore che abbiamo li in mezzo, perche questi sono uomini prima di che calciatori… dote importante

  19. Via Glik, Maksimovic e Peres… ci siamo fortemente indeboliti. Se poi Peres va in prestito significa niente liquidità per questa sessione di mercato. Oltre a questo ci priviamo dell’unico fuoriclasse in rosa. Sono veramente amareggiato, anche se mi verrebbe da dire schifato se guardo la valutazione del brasiliano (17/18mln) ma con la roma (Ljaijc/I. Falque) c’è di mezzo qualche giro monetario che, almeno io non riesco a capire e sicuramente serve per isabbiare il reale giro finanziario.

  20. Sarebbe stato necessario impiegarlo come attaccante, a centrocampo non sarebbe stato adeguato. In difesa anche ieri sera ha mostrato lacune enormi. Ma in fase di attacco… Che giocatore… Al posto di Martinez sarebbe stato ancor più devastante.

    • Questo per dire che terrei lui, venderei Zappacosta e prenderei un terzino destro solido. Maksimovic a stó punto via ma non al Napoli, dentro due centrali forti, non Izzi camorristi vari o infami della stessa specie. Niente Valdifiori o altra merce di scarto della premiata ditta ADL & Co.

  21. Il problema non è vendere degli onesti lavoratori della palla che si sono montati la testa, che se ne vogliono andare via ormai da anni e che andranno a fare tanta panchina come hanno fatto Cerci ed Immobile. Il problema è che, fatti i soldi, bisogna spenderli bene comprando dei giocatori giovani con talento indiscutibile e a buon prezzo. Il mercato ne è pieno zeppo, ma sino ad ora nessuno di questi è approdato qua. Questo è il problema…

  22. l’ Ignobile non credo che ripetera’ le gesta di Torino , per cui restasse ove si trova (trovando in Lotito pane per i suoi denti se segnasse poco). Purtroppo Peres sara’ tra breve un giocatore della Roma : la cosa che non capisco è che nella Roma giochera’ come terzino ds , quindi in un ruolo non suo , per incapacita’ a difendere secondo la visione di Miha . Spalletti invece la vede in modo totalmente diverso ed io ,purtroppo, la vedo come Spalletti! Io avrei venduto Mak e mi sarei tenuto stretto Peres , uno che puo’ cambiarti la partita .

    • Do che i terzini con il modulo di Spalletti attacchino decisamente più di quanto facciano nel modulo di Mihajlovic, vedi Florenzi, ad esempio. Il fatto è che la Roma quest’anno in mezzo al campo avrà due giocatori del calibro di Naiggolan e Strootman..insomma due gladiatori che ti garantiscono corsa e copertura..

  23. Mimashi@ dunque. Partiamo da immobile.costui non aveva nessuna intenzione di restare al toro.e lascia stare ciò che ha detto la stampa,sono cazzate.immobile quando ha deciso di venire al toro a gennaio sapeva benissimo che sarebbe poi andato via,per continuare a prendere uno stipendio che il toro,giustamente,non aveva nessuna intenzione di sborsare. Capitolo glik. Lui al toro ci sarebbe rimasto,e anche alla grande.quello che forse non sai è che sono oltre due anni che sua moglie soffre di grave depressione, e la sua volontà era da tempo quella di andare via da Torino,città in cui non di è mai ambientata e che ha contribuito allo sviluppo della malattia.quindi glik non ha avuto altra scelta.grazie alle sue qualità è andato a guadagnare di più. E allora? Ma che doveva fare,andare all’Avellino?Capitolo maximovic: è evidente quanto il toro avrebbe voluto tenerlo,tuttavia certi atteggiamenti sono inqualificabili,e qualunque cosa succederà sarà figlia anche di ciò che è successo,non certo della politica societaria.capitolo bruno Peres: è forte,mi piace tantissimo,ma è altrettanto evidente che a difendere non è certo Maldini,e l’attuale modulo di gioco lo sacrifica molto.

  24. Nessuno ha nulla da dire sulla durata della campagna acquisti? bello, vero, che vada avanti oltre l’inizio del campionato? Una vera buffonata a cui i tifosi potrebbero ribellarsi. I giornalisti non lo faranno mai perchè sul “calcio mercato” ci sguazzano e ci campano.

  25. @Mimashi FOR PRESIDENT!
    Hai centrato il bersaglio…

    Ma per come sono andate le cose , per me l’errore e’ nella gestione Immobile.

    Immobile , capocannoniere A e B in Tre anni mi sarebbe piaciuto vederlo con Lijalic.
    Tuttavia penso che sulla sua scelta come su www uella di Petes abbia giocato più allenatore.

    La grana Maksi e’ poi scoppiata dietro la bomba Higuain a Napoli.

    Però alla fine la sostanza è quella.
    Siamo all’anno zero.

    A questo punto però Peres non ha senso venderlo se ti chiedono 7ml per DeSilvestri o 10ml per Izzo..come Zappacosta..

  26. C’era una volta un signor giocatore,dalle doti atletiche indubbie.educato,anche simpatico,in grado di fare la differenza sul campo grazie alle sue indubbie ed ormai riconosciute qualità tecniche ed atletiche.ieri sera, dal mio posto al grande torino,ho visto questo giocatore dare il massimo,fare un gran gol,esultare alla grande al gol dei propri compagni,interagire con la squadra tecnicamente ed emotivamente,salutare il pubblico ed uscire dal campo con la maglia sudata. C’era un’altra volta un altro giocatore,che al toro guadagna circa il doppio del primo e che non si è degnato di allenarsi con la squadra nell’ultima seduta,né di avvertirla.dopo avere trascorso l’ultimo anno senza praticamente giocare, e a giocare male le poche volte che è sceso in campo.un giocatore che solo tre anni fa’ nessuno conosceva; che ha avuto modo di esordire in nazionale grazie allo stesso mister a cui ha recentemente mancato di rispetto.che ha conosciuto le luci della ribalta grazie ad un club che ha creduto in lui quando in pochi ci credevano.nel calcio di oggi, costellato ormai dai maximovic, ci sono anche i bruno Peres; pochi,ma ce ne sono.vogliono fare carriera ma conoscono il rispetto.vogliono vincere i trofei ma conoscono il professionismo.vogliono triplicarsi lo stipendio ma non sputano nel piatto di chi li ha lanciati e paga loro i lauti emonumenti ogni mese,con puntualità. Non sono eroi, percarita’,semplicemente sanno stare al mondo.alcuni; altri un po’ meno..

  27. Cairo riesce a vendere in una sola sessione di mercato sia il capitano che Maksimovic che Peres nonché non riscattare Immobile.
    In pratica i 4 più buoni che avevamo…
    E lo fa con il benestare di gran parte della tifoseria : è un genio.

    • …eppure lo sanno tutti che Immobile voleva andarsene, Glik voleva una nuova sfida, Maximovic se ne vuole andare e Peres, nonostante non abbia manifestato l’idea di andare via, non è il giocatore che Miha desidera come terzino.. Mi chiedo quali colpe abbia Cairo se vende chi, per un motivo o per l’altro vuole/deve andare via. Ma un po’ di obiettività, no? Se poi mi dici che gli acquisti fatti sono solo scommesse, ne possiamo anche disutere.. Io per ora sono abbastanza soddisfatto e cmq attendo fiducioso l’arrivo di quei giocatori richiesti da Mihajlovic. Unico appunto, stiamo perdendo un po’ di italianità e questo mi spiace..

    • si Mimashi, aggiungerei solo che il n° 10 è stato sostituito decisamente in meglio a mio parere. Escludendo il serbo, Glick lo ha blindato per anni e forse questo era l’anno che doveva lasciarci. Io avrei dato qualche € in più invece a Bruno per tenerlo

  28. Sbaglierò e sarò preventuto, ma metà delle azioni che abbiamo fatto ieri nascevano dalle sue classiche iniziative. Proviamo ad offrigli l’ingaggio che diamo a Ljalic, poi ne riparliamo. Miha gli preferisce comunque un De Silvestre ( con rischio grana-Zappacosta ) e non ci saranno particolari tentativi per trattenerlo. La sola speranza è che Sabatini, al momento della chiusura, dica a Cairo; ” Ah Urbà, d’accordo sui 20, però famo che te li do in 5 anni “.