Sampdoria-Torino: Quagliarella e De Silvestri faccia a faccia con il passato

6
592
de silvestri

Gli ex / L’attaccante e il terzino hanno fatto percorsi inversi, entrambi hanno collezionato molte presenze nella squadra che affronteranno domenica

Domenica il Toro affronterà la Sampdoria a Marassi. Una partita molto complicata, in uno stadio “caldo”, contro una squadra ben attrezzata. Sarà una partita speciale per i tanti ex: da Quagliarella a De Silvestri, passando per Acquah, Padelli e Maxi Lopez.

Durante la sessione invernale di calciomercato della scorsa stagione, Fabio Quagliarella è tornato alla Sampdoria, squadra in cui aveva già militato nel 2006-2007. In granata, l’attaccante ha collezionato 109 presenze e 37 reti, prima dal 2000 al 2002, poi nel suo ritorno dal 2014 a inizio 2016. Una doppia esperienza in granata e una doppia in blucerchiato, come da tradizione per un giocatore che nella sua carriera ha alternato sei squadre, con otto trasferimenti in quindici stagioni da professionista. Il Toro dovrà fare molta attenzione al classico gol dell’ex.

La sessione estiva di calciomercato ha portato, invece, De Silvestri dalla Sampdoria al Torino. Con i genovesi il terzino aveva raccolto ben 114 presenze e segnato nove gol dal 2012 al 2016, in quella che rimane la sua avventura più lunga, dopo aver vestito le maglie di Lazio e Fiorentina. De Silvestri è arrivato a Torino per ricoprire un ruolo da protagonista ma, dopo un avvio di stagione da titolare, si è visto scavalcare nelle gerarchie da Davide Zappacosta. Quello tra i terzini rimane comunque uno dei “duelli” più stimolanti all’interno della rosa granata e non potrà che fare bene alla crescita di entrambi.

Tra gli ex figurano anche il portiere granata Padelli, che ha giocato un anno nella formazione della Primavera blucerchiata, e il centrocampista Acquah, arrivato a Torino dopo i sei mesi alla Sampdoria, squadra in cui ha collezionato 10 presenze, siglando solo un gol. Maxi Lopez ha vissuto due esperienze tra le fila dei blucerchiati, una nella stagione 2012-2013 e l’altra nel 2014, prima di passare al Chievo.

 

Condividi

6 Commenti