Testa a testa Boyé-Martinez: per il vice Ljajic, la corsa è tra i due

11
1570
CAMPO, 21.8.16, Milano, stadio Giuseppe Meazza, 1.a giornata di Serie A, MILAN-TORINO, nella foto: Lucas Boye

Nonostante per caratteristiche sia Martinez il giocatore più vicino a Ljajic, le buone apparizioni di Boyé potrebbero aver stregato Mihajlovic

Si avvicina la terza di campionato, Mihajlovic ha già fiutato l’odore della preda, sapendo che in Serie A il passo tra l’essere vittima e carnefice è alle volte breve: l’assenza di Ljajic è di quelle che richiedono attente valutazioni, anche quando non mancano alternative di rilievo. La generosità del pacchetto offensivo granata consegna al tecnico due possibili soluzioni: la prima prevede l’impiego di Martinez, che per caratteristiche più si avvicina alle attitudini tecniche di Ljajic. L’altra porta il nome di Boyé, che con i guizzi messi in scena negli spezzoni di partita concessigli, potrebbe aver fatto breccia nell’immaginario dell’allenatore. Guadagnandosi di fatto una maglia da titolare per la trasferta di Bergamo.

Un ulteriore spunto di valutazioni per il tecnico granata, potrebbe essere legato alle energie profuse in questi giorni da Martinez: con il suo Venezuela impegnato nelle qualificazioni ai prossimi mondiali, non sarà a Torino prima di domani. E solo dopo aver sfidato (ieri notte, 1:30 italiane), la corazzata Argentina. Un altro punto a favore di Boyé, che in questi giorni di permanenza a Torino, ha potuto allenarsi con la dovuta tranquillità. E soprattutto lavorare a stretto contatto con Mihajlovic, che avrà potuto valutare al meglio lo stato di forma del giovane argentino.

Mentre sul fronte Belotti, dunque, lo scenario risulti maggiormente delineato (con Maxi Lopez pronto raccoglierne l’eredità), l’altro grande quesito in casa Toro rimane per il momento irrisolto: i giorni che mancano alla partita con l’Atalanta, decreteranno chi tra Boyé e Martinez colmerà l’assenza di Ljajic.

Condividi

11 Commenti

  1. Fino alla gara con la Roma si deve provare a vincerle tutte, chi gioca, gioca! Poi con la Roma dobbiamo provare a vincerla lo stesso, ma sarà bene avere tutta la rosa a disposizione. Capire se è colpa dello staff è ormai un dovere…

  2. quando ci sono infortuni musicolari (ljalic martinez belotti ) e non traumi contusivi etc LA COLPA E’ DELLO STAFF MEDICO. Il Toro ha un pessimo staff medico va cambiato (possibilmente a calci nel sedere). Non è la prima volta e non sarà l’ultima. Guardate il Napoli ( il responsabile dott. de nicola) e guardate quanti infortuni muscolari hanno avuto. Il fatto che avvengano a inizio stagione è clamoroso!!!!!!

  3. Il brigante stanotte ha pure timbrato contro l’argentina, sarà bello carico. In campo da titolare anche gaston silva, terzino sx in una difesa a quattro. In campo anche lukic (90 minuti) e gustafsson (nel secondo tempo), due 96 che giocano in u21 sotto leva. Bene aquah e benassi. Per parigini solo panchina. Inoperoso hart. Senza l’infortunio del gallo sarebbe stato un successo. Peccato. Ora sotto con l’atalanta, sarà una battaglia, sarebbe fantastico vincere. Toro toro torooooooooo!!!!!!!