Top & Flop di Torino-Fiorentina: cosa è andato e cosa no al “Grande Torino”

15
2963
Top & Flop

Dalla prova dei singoli, alla solidità difensiva, al pubblico sugli spalti, ma anche qualche errore. Ecco i Top & Flop di Torino-Fiorentina

Il Toro vince e convince, e si porta a casa tre punti preziosissimi. Contro la Fiorentina i granata mettono in mostra una grande prestazione, riuscendo a dare continuità alla pur positiva prova con la Roma. Ecco i Top & Flop della partita contro i gemellati viola.

TOP

LA CONTINUITÀ DI FALQUE: una grande, grandissima prova. Che conferma quanto di buono fatto vedere già nella sfida contro la sua ex squadra, la Roma. Ieri, Falque ha saputo mettere in mostra tutta la sua classe: corsa, dribbling, assist e gol. Un giocatore così è un valore aggiunto. E l’attacco del Toro, in effetti, di valori aggiunti è ben fornito. Ci sarà da divertirsi.

LO SPIRITO DI SACRIFICIO DI TUTTA LA SQUADRA: vedere Belotti trasformarsi terzino all’87’ e guadagnare un fallo in difesa fa capire tutto. Il gruppo è coeso, tanto, e lo ha ampiamente dimostrato. Quello del Gallo è solo un esempio. Se ne potrebbero fare molti altri, come per esempio vedere Barreca (veterano?) andare su e giù per la fascia dal primo all’ultimo minuto, difendendo quando richiesto e attaccando quando necessario. Se il collettivo agirà sempre in questo modo, allora i risultati potranno davvero essere grandi.

LA RISPOSTA DEL PUBBLICO: Mihajlovic aveva chiesto più tifosi sugli spalti. E in un orario scomodo (perché le 18.00 di domenica sono un orario che fa comodo soltanto alle televisioni), i tifosi hanno risposto alla grande. Il pubblico ha sicuramente caricato la squadra. Bello sarebbe vedere il “Grande Torino” gremito anche per partite meno di cartello.

FLOP

L’ERRORE SUL GOL DI BABACAR: marcatura troppo approssimativa, quando mancava ormai poco tempo al termine della gara. Fortunatamente, il Toro ha saputo tenere botta, ma un gol così avrebbe potuto essere fatale. In difesa qualcosa da registrare, ancora, c’è. Ma molto meno rispetto a un mese fa, e non è un dato casuale.

Condividi

15 Commenti

    • Squadra vince? voti positivi. Squadra perde? voti negativi..così nel 70-80% di chi fa le pagelle. E poi sinceramente le mie impressioni possono anche divergere dagli “esperti”..come dice giustamente rotor, differenze rispetto a Vives in positivo non ne ho viste, anzi.
      Aspetto altre prestazioni dove faccia la differenza, ovvero per quello che è stato preso

  1. Io tra i TOP metterei anche Barreca , una GRANDE conferma ; anche se senza l’infortunio di Molinaro non so quando (e se) lo avremmo mai visto all’opera
    mettere la difesa tra i FLOP invece temo diverrà una spiacevole abitudine , visto che l’impressione è che si dovranno sopportare i brividi ogni volta che gli avversari (quali che siano) attaccheranno ; e speriamo che Hart non si faccia mai male , perché se penso a padella di nuovo in porta mi viene già adesso l’infarto !
    il VERO flop è comunque Valdifiori ; non mi è mai piaciuto , tantomeno dopo il “no” al Toro dello scorso anno e poi , se si pensa che è anche stato lasciato andar via dal suo mentore sarri , beh … tutti possono trarre le debite conclusioni !

  2. se anche ora ci salvassimo appena, Miha si è già meritato riconoscenza: due partite di seguito così appassionanti non le ricordo in 5 anni del guru… ; ) poi certo rimangono i soliti problemi in difesa… ma questo è arcinoto…

  3. Concordo con Tanaka che il flop e’ Valdifiori,gracilino e non si e’ visto nessun salto di qualita’ rispetto a Vives che perarltro e’ solo un onesto pedatore,del resto Mirko ha fatto solo un anno buono in serie A con l’Empoli ed ha quasi trentanni.

  4. Dobbiamo migliorare dietro, a Gennaio (inizio Gennaio…) servirà un centrale. Siamo però cresciuti molto rispetto al disastro contro il Milan.
    Bene e molto il gioco offensivo, semplice ma verticale e votato sempre alla conclusione e non solo al giro palla.
    Bene il carattere della squadra, bene Iago Falque, Barreca ed Hart.
    Ora serve lavorare senza entusiasmi ma determinati ad arrivare più in alto possibile. Giocando sempre con coraggio ed al 100%.