Toro, finalmente Peres: il terzino torna di nuovo in campo

29
3381
Peres

Prima presenza in amichevole per Peres che, contro il Renate, subentra a Zappacosta dopo che a Bormio aveva fatto parlare solo per la sua assenza

E alla fine è arrivato anche il momento di Bruno Peres. Il terzino brasiliano contro il Renate ha giocato la sua prima amichevole nel ritiro di Bormio, subentrando al 17′ della ripresa a Zappacosta. In pratica ha avuto una mezz’ora di tempo per farsi vedere all’opera da Mihajlovic e dagli oltre mille tifosi presenti sugli spalti per assistere alla partita, alcuni dei quali lo hanno invocato a gran voce quando ha iniziato gli esercizi di riscaldamento.

In questo ritiro di Bormio Peres fa quindi finalmente parlare di sé per quanto fatto in campo, dopo che nei primi giorni di ritiro a far discutere era stata la sua assenza. Un’assenza rumorosa, nonostante il permesso per motivi personali avuto dalla società, viste le numerosi voci di mercato che sono girate intorno al suo nome. Nella mezz’ora circa che ha giocato si è messo in luce solo con un paio di sgroppate sulla destra, ma nessuna delle sue azioni che lo hanno reso celebre in tutto il mondo e che hanno fatto in modo che finisse sui taccuini degli osservatori di diversi top club.

In attesa di capire cosa gli riserverà il futuro, se nella prossima stagione vestirà la maglia della Roma, del Wolfsburg, di qualche club inglese o se dovesse invece restare al Torino (ipotesi al momento remota), Peres ha inanellato un’altra presenza con la maglia granata addosso, seppur in una partita amichevole contro un avversario di due categorie inferiori a quella del Toro.

Condividi

29 Commenti

  1. quanto a Peres mah io da tifoso ottuso e ignorante di schemi e schemini ho ancora negli occhi il gol nel derby e mi spiacerebbe se ne andasse. dico solo che che una potenza economica come il Man City, se veramente vuole un giocatore, non sta certo a barboneggiare per 2 milioni di euro. credo che Cairo, e giustamente, visto che il giocatore a me pare un campione, voglia monetizzare al massimo e aspetti l’offerta giusta. Che io spero non arrivi.

  2. Nel Milan di Miha, il terzino destro era un certo Abate, che si faceva delle signore sgroppate sulla fascia per andare sul fondo e crossare. Il nostro Peres può fare lo stesso gioco, anzi, meglio: non sarebbe per giunta penalizzato a fare il terzino destro, sarebbe solo un valore aggiunto. Giocando a sinistra non cambierebbe una virgola, nel Milan ci giocava Antonelli tutt’altro che un terzino da difesa.

    • vero, ma le sgroppate senza palla le può fare chiunque. E Peres è giocatore che fa la differenza palla al piede. Un conto è proporsi per cercare il cross, altro creare superiorità numerica saltando avversari come birilli. Mi pare (magari sbaglio) che il nuovo modulo non preveda questo tipo di giocate.

  3. Io sono convinto che Mihalovic, se dovesse rimanere, trova il modo di farlo giocare ed anche bene.
    Sono però anche convinto che se qualcuno ci offre 20 ml di euro dobbiamo venderlo perchè tra l’altro a mio parere ne vale meno.

  4. certo che è strana questa vicenda di balanta, sembrava cercato da mezza europa poi finisce al basilea per 3,5 milioni di dollari almeno così si legge, a parte che dopo la vicenda boye non sarebbe stato facile trattare col river, sicuramente sarebbe stato interessante anche per noi

  5. Perché non pensare ad uno scambio, magari di prestiti, con la Roma Bruno- Peredes??? Loro cercano un terzino dx e noi sistemiamo il centrocampo, poi il prox anno con Bruno che magari ha raggiunto la nazionale lo si vende a cifre importanti e ci finanziamo un gran mercato, oggi la squadra mi sembra già definita e ci sono già le risorse per prendere ancora qualcuno, i soldi di Bruno rimarrebbero quasi tutti in cassa

  6. Per me Peres partirà. E’ un calciatore che va valorizzato in campo, va mnesso in condizioni di poter fare la differenza. Eccelle palla al piede e in progressione, in solitaria, e il suo gioco va messo al centro del progetto. Se non lo si fa bisogna cederlo, inutile “usarlo” con le marce ridotte, chiedendogli di essere più difensore che attaccante (il contrario di ciò che è). E non mi pare lo si stia facendo a vedere come gioca il nuovo Toro: contropiede, palla veloce per vie centrali, verticalizzazioni continue a cercare la profondità delle punte. Non più quel giro palla ossessivo che spesso proprio in Peres trovava l’alternativa migliore per sbloccare l’azione offensiva, esaltando Bruno. Il rischio è che il suo potenziale e l’apporto alla squadra risultino ridimensionati (e di conseguenza il cartellino). A Superluke dico che se ci fosse la possibilità (la voglia direi) di passare al 442 (concordo, li Bruno avrebbe un senso) lo si sarebbe già visto in ritiro. E non si cercherebbero un metodista e una mezz’ala visto che saremmo già a posto così a centrocampo tra Acquah, Baselli, Benassi, Obi e uno tra Gazzi e Vives (a sto punto meglio il primo).

  7. In cassa ci sono ancora 11-12 milioni.poi se vendi peres vai a 28-29 sicuri.i soldi ci sono per andare a comprare in giro.metodista e centrale mancino di difesa piu il terzino destro di riserva.(anche se quello magari lo fa ajiety)

  8. Secondo me va venduto subito (lui vuole andarsene, è palese, e farà la fine di Cerci & Co.), io prenderei 1 regista di valore (Valdifiori), 1 sua riserva giovane e un interno di centrocampo che ci faccia fare il salto di qualità (Soriano), per la difesa vedano loro se è il caso di rinforzarla o meno: non sono così convinto che ci siamo indeboliti, Zappa è forte, l’anno scorso è stato valorizzato poco e a 4 rende, Glik gran capitano ma non è Sergio Ramos, se esplode uno tra Janson e Silva su cui sono stati investiti soldi siamo a posto così

  9. Purtroppo nel 4-3-3 di questo Toro l’unico spazio che potrebbe avere e’ a destra nel tridente. Peccato che li’ ci sia gia’ Iago Falque…Personalmente avrei accettato i 18 milioni del City. Dubito arriveranno offerte da 20 milioni. Nel caso, a mio avviso remoto, resti, servira’ cambiare modulo. In un 4-4-2 potrebbe fare l’esterno alto a destra, con Zappa dietro. A sinistra Iago alto e Molinaro o Barreca dietro. Coppia d’attacco Belotti-Lijiac.

  10. Sembrava il classico caso Cerci 2. Probabile finisca così però il fatto che sia entrato in campo sorprende e apre qualche spiraglio. Sembrava scazzato ma magari ci ripensa e questo Toro gli piace. Sinisa tratta con rispetto tutti, anche chi andrà via e questi ultimi sono professionisti esemplari. È un bel gruppo. Chi va via li farà a malincuore.

  11. Allora si venda Maksimovic, basta che si decidano. Abbiamo troppe alternative di medio valore (anche al centro della difesa e a sinistra), ma pochi davvero di spessore. A mio avviso servirebbe un difensore centrale forte forte, uno che metta a posto tutto il reparto, un top player. Più un regista. Un portiere e forse anche un centravanti in grado di giocarsela con Belotti. A me Maxi non convince per nulla, su 38 partite. Su una o due può fare il fenomeno.