Toro, il “tridente bis” si prepara: spazio anche a Martinez-Maxi-Boyè

25
1780
Maxi Lopez
CAMPO, 10.7.16, Torino, Sisport, allenamento del Torino FC, nella foto: Maxi Lopez

Nell’impegno in terra tedesca di questo pomeriggio, Mihajlovic concederà minuti al tridente di scorta, chiamato a rispondere presente

Il Toro targato Sinisa Mihahjlovic, sta costruendo le sue certezze attorno al credo tattico dell’allenatore serbo, intenzionato a spremere fino all’ultima goccia il potenziale offensivo della squadra. Il 4-3-3 che sta prendendo forma, vede in Iago-Belotti-Ljajic la propria massima espressione, tuttavia il tecnico granata è conscio che nell’arco di una stagione, il contributo dell’intera rosa sia un aspetto determinante, da coltivare già in queste prime uscite.

Nel reparto offensivo, il Toro griffato Mihajlovic abbonda di qualità, i nuovi acquisti hanno sensibilmente alzato l’asticella rispetto alla passata stagione, dove peraltro, c’era spazio solo per due attaccanti alla volta. Considerando utopistica l’ipotesi che gli attuali titolari possano disputare tutte le partite del campionato, è necessario affinare l’intesa anche dei non titolari, per valutare la qualità del trio Martinez-Maxi Lopez-Boyè.

Per questi motivi, l’incontro pomeridiano contro l’RB Leipzig, sarà utile anche per testare a che punto è il livello di intesa fra i tre, a cui verrà concessa almeno una delle due frazioni di gioco. Difficile al momento scalfire la prestanza offerta dal tridente titolare del Toro, ma Mihajlovic si sa, non è tipo da andare troppo per il sottile in sede di scelta della formazione. Prestazioni oltre le righe, anche da parte di chi (almeno in partenza) inizia con lo status di riserva, potrebbero repentinamente capovolgere le gerarchie.

Condividi

25 Commenti

  1. Una piccola soddisfazione personale,circa tre giorni fa’ e anche ieri su questo forum consigliavo il centrocampista brasiliano Thiago Maia per il Toro,oggi leggo su sport mediaset che e’ conteso tra Psg e Chelsea,sveglia Petrachi sempre a inseguire Valdifiori che era un pallino di Ventura o mediocri centrocampisti brasiliani,cosi’ non si sale di livello!

  2. Per me falque non sarà un fenomeno ma è molto più forte di quello che stiamo vedendo adesso. Mi sembra il più imballato di tutti. In ogni caso ha dalla sua un’esperienza di calcio italiano e di serie A che boyè ed aramu non hanno ancora. Mi sembra giusto parta lui titolare augurandoci il boom degli altri due…

    • Darmian e glik non erano mica quelli degli ultimi anni.

      Ogbonna era un danno.

      Santana vecchio e mezzo rotto, sgrigna coi suoi limiti.

      Bianchi vorrei ma non posso.

      Cerci è arrivato solo nella seconda parte di campionato, se non ricordo male, lontanissimo parente di quello dell’anno dopo.

      • fonte TM:
        Alessio Cerci è tornato a Madrid, dove proseguirà il proprio percorso di riabilitazione dopo l’infortunio. L’esterno non rientra nei piani di Simeone e nelle prossime settimane sarà ceduto, probabilmente in Italia secondo il Mundo Deportivo: su di lui ci sono Sassuolo, Torino e Genoa.

  3. Il problema non sono i 3 la davanti, ma gli 8 dietro! Finche’ i centrocampisti non sapranno innescare le punte in verticale e i terzini non sapranno creare superiorita’ numerica, sti poveri cristi li davanti giocheranno sempre larghi e arretrati x ricevere il pallone, senza poter dialogare tra loro. Cmq martinez sull’esterno e’ forte. Boye aramu e parigini devono mangiare pagnotte e panchine ancora

    • Quando faranno 13 gol in una stagione dirò che son superiori a lui.
      Ci spero, ma andiamo calmi con i giudizi..entrambi non hanno giocato un minuto in serie A, al contrario di Iago.
      E’ ancora indietro di condizione a quanto leggo, mi sembra già un buon motivo per aspettare a sentenziare

  4. Il RB Lipsia è una neopromossa di ottima qualità e sarà un test probante. Son curioso di vedere Boyé e Martinez alle prese col contropiede, e sinceramente schiererei Belotti anche oggi (anche contando che Maxi arriva da un affaticamento).

    Per la prima col Milan invece, per me potremmo vedere un Toro così:
    Padelli; Peres, Maksimovic, Moretti, Avelar; Acquah, Valdifiori, Baselli; Ljajic, Belotti, Boye
    (ne avrò sbagliati metà ma è un gioco)

    • Avelar se fosse pronto lo penso anche io, ma non credo che lo sarà per la prima di campionato…Valdifiori non penso arriverà, mi sa che potrebbe essere più probabile l’arrivo di Henrique ad oggi..Boyè penso che si ritaglierà il suo spazio ma non credo dal primo minuto che penso sarà affidato a Iago. Su Padelli in porta (ahi ahi ahi… ditemi che è un incubo!) sinceramente spero di no, e credo che saranno determinanti queste ultime amichevoli… Peres potrebbe non essere più dei nostri per la prima di campionato, a quel punto scontato l’ingresso di Zappacosta se invece non verrà ceduto…se la giocheranno..