Castan continua a migliorare, per Moretti la concorrenza è sempre più dura

23
2999
Castan
CAMPO, 28.8.16, stadio Olimpico Grande Torino, 2.a giornata di Serie A, TORINO-BOLOGNA, nella foto: Leandro Castan

Il brasiliano sembra aver smaltito il problema agli adduttori e, qualora recuperasse a pieno la forma, metterebbe a rischio la titolarità dell’italiano

Leandro Castan sta vivendo una nuova avventura tra le fila del Toro di Mihajlovic e ha già mostrato i primi segnali di crescita durante la gara, stravinta, contro il Bologna.

Il centrale brasiliano, arrivato a Torino attraverso una trattativa lampo dopo che si era già accasato in prestito alla Sampdoria, se recuperato a pieno potrebbe tornare il forte difensore ammirato fino a due stagioni fa, alla Roma, in coppia con Benatia. Prima dei suoi guai neurologici, infatti, Castan era considerato uno dei più validi difensori centrali della nostra Serie A e, a suon di buone prestazioni, stava cominciando ad entrare anche nel giro della Nazionale brasiliana. Nella passata stagione, il possente classe ’86 non ha goduto di molta fiducia, né da parte di Garcia né da parte di Spalletti, cosa che l’ha portato a fare le valigie in cerca di un’altra destinazione. Mihajlovic, ora, sembra più che deciso ad affidarsi a lui, solo nel caso in cui Castan ritorni alla sua condizione ottimale, da cui ancora appare lontano. Il tecnico serbo, pertanto, non è chiamato ad una decisione impellente, ma qualora il brasiliano tornasse in forma, dovrà decidere chi scegliere tra il neo arrivato Castan e l’esperto e affidabile Moretti, cercando quindi di delineare e stabilire la titolarità di uno dei due al centro della difesa.

Moretti è uno dei beniamini del popolo granata ed ha sempre onorato al meglio la maglia, ma adesso il suo ruolo nella nuova retroguardia di Mihajlovic potrebbe essere messo a rischio da Castan, che, a sua volta, potrebbe diventare un nuovo beniamino dei tifosi del Toro.

Condividi

23 Commenti

  1. Secondo me la scelta è già fatta. Col Bologna Castan ha giocato perchè evidentemente già adesso Sinisa lo preferisce a Moretti. Personalmente la prova non mi è dispiaciuta anche se qualche sbandamento c’è stato, più per poca conoscenza reciproca che per mancanza di forma o talento, vedasi un’azione del secondo tempo dove Molinaro e Castan sono scivolati a destra scoprendo in maniera paurosa la fascia sinistra (anche se a dire il vero la topica più grande era di Molinaro) o quando hanno lasciato scivolare Destro alle spalle della difesa senza tenere la linea del fuorigioco o senza marcare l’attaccante (errore in questo caso di Castan).

  2. Mah.. Il Castan di due anni fa era una cosa.. Come dicono diversi miei amici qua a Roma è che con un problema come il suo perdi in riflessi.. Con la velocità del calcio di oggi può essere letale perdere 1 secondo in reazione..Ci spero ecco..

  3. Ha 30 anni Toro ultima spiaggia. Alla Roma non torna. Se dimostra di essersi ripreso, può restare con noi e Moretti resta riserva. In caso contrario si deve cercare qualcun altro a gennaio o necessariamente a giugno. Silva non è da medio-grossa squadra.

  4. Tra Torino e Roma ci sono buoni rapporti. Se Leandro recupera bene e ci aiuta ad arrivare in zona EL, forse lo perderemo perchè tornerà a Roma, ma forse si riuscirà ad impostare una trattativa con la Roma per lasciarcelo con diritto di riscatto ancora un anno oppure per cedercelo. Penso che quest’anno la Roma si sia attrezzata per fare a meno di lui e non penso che butterà a mare l’attuale difesa per riprendere Castan.

    Penso che potremmo farcela a prenderlo, tanto più che abbiamo una partita aperta di milioni da saldare tra il cartellino di Bruno Peres e quello di Iago Falque, in cui abbiamo un contante da ricevere il prossimo giugno.

  5. A noi spetta solo di stare a guardare e valutare. Se le cose andranno come si spera bene altrimenti dovremo fare altre scelte. Abbiamo tempo uomini e occasioni per provare e poi decidere e scegliere. Aspettiamo e vediamo.

  6. Beh per altri si è detto che la volonta’ del giocatore , o del suo procuratore , puo’ condizionare anche le scelte delle societa’. Iniziamo a sostenerlo con convinzione poi se a fine anno avra’ fatto bene magari sara’ lui a darci una mano per la riconferma.

  7. Tanto anche se dovesse tornare quello di prima si tratta di un prestito secco! Se dovesse tornare forte sarà un regalo alla Roma del prossimo anno, Roma a cui abbiamo già inspiegabilmente venduto Bruno Peres a quelle condizioni scandalose.

    • Ma basta con sti discorsi. Se dovesse tornare quello di prima sarebbe un regalo per la Roma ma anche per noi che non lo abbiamo pagato, punto. Esistono anche i prestiti non è chq quelli che facciamo noi devono per forza portare benefici a noi e quelli che fanno gli altri pure.

      • Visto che non hai capito ti faccio un esempio: il prestito di Hart puó andare bene perché ci permette di mettere a posto il problema portiere, anche solo per un anno. Il prestito secco di Castan invece non lo capisco proprio! Per tornare quello di prima ha bisogno di tempo, sempre SE questo succederà. Non mi sembra affidabile da subito, quindi se ci hanno scommesso almeno dovevano mettere un diritto di riscatto. Cosa siamo una clinica di riabilitazione?

        • Forse son stato un pelo aggressivo … ho solo preso la palla al balzo per dire appunto che non tutti i prestiti sono deleteri. Non sono i prestiti di una volta, visto che abbiamo la grana in cassa, sono una scelta. Per assurdo potremmo anche decidere di fare per un anno una squadra forte (sopra le nostre possibilità) di soli prestiti, ovviamente l’anno dopo il gioco si azzererebbe. Quando una cosa non è l’unica strada percorribile, quando insomma si può scegliere …. può anche essere che non siano del tutto sbagliete certe operazioni che a prima vista lo sembrano. Mi sono incartato un po’, il senso dovrebbe capirsi.

  8. Il problema di Castan è solo di natura neurologica,se lo risolve siamo a cavallo perché il brasiliano possiede una gran tecnica,migliore sicuramente di Benatia e prima dell’incidente ha sfoderato prestazioni grandissime e sul talento non si discute… È un rischio ma ne vale la pena,se torna quello di prima con lui non si passa…

  9. E insomma chi sarà il capitano contro l’Atalanta? Bovo? Molinaro? Bisognerebbe dar la fascia a un titolare inamovibile, e per me dovrebbe essere Belotti malgrado Benassi sia più “anziano” nel team (ma anche meno titolare fisso).

  10. Ci sono due possibilità di far coesistere Castan e Moretti in alcune circiostanze: Castan a destra (Visto che Rossettini e Bovo son tutt’altro che inamovibili) e Moretti acentro sx; e Moeretti terzinio sx, specialmente contro les quadre sulla carta molto forti in attacco.