Ventura: “Convinsi Cairo a spendere 8 milioni per Belotti”

110
4284
Belotti
CAMPO, 11.12.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 16.a giornata di Serie A, TORINO-JUVENTUS, nella foto: Andrea Belotti esulta dopo gol 1-0

Ventura, nel corso della conferenza di Coverciano, ha esaltato l’ex coppia granata ora in Nazionale, formata da Belotti e Immobile

Il ct della Nazionale italiana Ventura, nel corso della conferenza stampa odierna, è tornato a parlare della coppia azzurra, quella formata da Immobile e Belotti. Due giocatori che hanno in comune un passato a Torino e che l’allenatore conosce bene: Convinsi Cairo a spendere 8 milioni di euro per Belotti, è una forza della natura”, ha spiegato il ct. Poi sul laziale Immobile: “E’ in grado di attaccare gli spazi come pochi. Il Torino lo rigenerò, così come accadde con Cerci e Darmian. Noi allenatori siamo come i fruttivendoli: lucidiamo la frutta. Poi bisogna che dentro ci sia la polpa”. Tra gli ex granata che Ventura ha avuto al Toro, oltre a Immobile, anche Darmian e D’Ambrosio sono in azzurro, insieme agli attuali giocatori di Mihajlovic, Belotti e Zappacosta. La Nazionale affronterà l’Albania nella sfida valida per le qualificazioni ai prossimi mondiali e poi l’Olanda in amichevole, prima che i giocatori impegnati nelle due sfide facciano ritorno nei rispettivi club. Contro l’Albania la partita è in programma al “Barbera” di Palermo venerdì 25 marzo mentre l’amichevole con l’Olanda si giocherà martedì 28 marzo ad Amsterdam.

Condividi

110 Commenti

  1. Per restare alle convocazioni, convinse anche Cairo a non riscattare Verdi per un pezzo di pane, lasciandolo al Milan che a sua volta lo scartò. Lo dico solo per completezza di informazione e per attinenza all’attualità degli azzurri. Tralascio quindi le questioni Barreto, Amauri, Larrondo e altri, visto che nulla hanno a che vedere con gli attuali giocatori a disposizione del commissario tecnico. Diciamo che ogni tanto l’ha imbroccata e ogni tanto no.

    • @Giagnoni … Verdi era un esterno e nel 3-5-2 non ci stava (ti ricordi il discorso di Ventura su Berardi quando la Nazionale faceva il 3-5-2?). Diciamo che ne ha imbroccate tipo il 90% grazie al cielo, sennò invece di veder giocare Belotti, Hart e Iago, vedevamo ancora Meggiorini, Padelli e Santana (con rispetto parlando). Se non avessimo imbroccato gran parte degli acquisti, ma ci potremmo permettere gli ingaggi di oggi. Il problema è che negli ultimi tre mercati ne abbiamo imbroccati molti meno!

  2. Come sempre anche in questo caso manca un pò di equilibrio…. io sono e sarò sempre uno dei piu grandi detrattori di ventura per una serie di motivi che vanno dal gioco inesistente soporifero che mi ha tolto il gusto di guardare le partite, ad andare avanti con i derby per come li abbiamo giocati per suo VOLERE dopo dichiarazioni di fuoco in sala stampa, al fatto che nelle sue dichiarazioni traspariva sempre il fatto che la colpa non era sua, che lui era un maestro ma gli altri non lo seguivano…..detto questo, non si può negare che il corso ventura al toro ha permesso di gettare le basi per avere un toro finalmnete di proprietà con giocatori rivalutati da zero, il fatto che con lui molti calciatori si siano rivitalizzati e fuori da ventura floppavano tutti non può essere un caso…. è sicuramente un allenatore che s ainsegnare calcio ai singoli, ma salvo qualche raro caso e poi la mentalità e il gioco nel suo complesso che hanno sempre latitato…. poi è anche vero che alcuni giocatori sono andati via sul piu bello PER LORO VOLONTA’ (immobile, cerci, ogbonna, d’ambrosio, darmian) ma lui ha proposto cmq un unico tipo di calcio improponibile, tutto lo scorso anno senza mai variare una virgola… in questo purtroppo il suo successore non pè da meno.. ha un solo modello di gioco “attacco” e ha un concetto di equilibrio che latita parecchio…….. detto questo quando se ne è andato dal toro ho tirato un bel sospsiro di sollievo….. ed ero anche contento di miha e in parte lo sono anche ora, ma ci sono alcuni aspetti che non mi vanno. perchè le cose non devono essere per forza bianche o nere ma anche grigie… se si fanno presente alcuni problemi di miha non vuol dire criticarlo in tutto.-…

  3. […]Allora GPV prese i pani e, dopo essersi fatto ringraziare, li distribuì a quelli che si erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, finché ne vollero.
    E quando furono saziati, disse ai discepoli: “Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto”. Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
    Allora la gentaglia, visto il miracolo che Egli aveva compiuto, cominciò a dire: “Questi è davvero il c.t. che deve allenare la nazionale!”[…]

  4. Volevo astenermi dal commentare l’articolo acchiappaclick. Articolo per le vedove del guru e per i crociati antiguru. Siete le due facce della stessa medaglia. Ora il mio allenatore è Miha. Come ieri era Ventura. Tutti e due con squadre incomplete per colpa del nanetto. Abbaiare al dito e non vedere la luna. Gli allenatori possono sbagliare ma devo ancora vederne uno che qui vince con una squadra di brocchi. Forza Toro e ripigliamoci da questo teatrino.

  5. Mi raccomando…continuate pure a spargere veleno su tutto è tutti,senza fare distinzione tra le cose buone e quelle meno buone che ha fatto l’uno o l’altro.troppo facile e troppo riduttivo…si xche’ prima ci eravamo abituati bene hee…..però la verità non la si vuole sentire quindi…………

  6. Articolo inutile fatto per fare un po di click e far litigare un po di fratelli.ventura è il passato e tanto si sa benissimo chi lo venera….chi lo apprezza per quello fatto….chi è indifferente e chi lo odia.andiamo avanti.non fermiamoci tropppo a guardare quello che è stato.questo è un nostro problema….

  7. I vorrebbero un allenatore che fa vincere tutte le partite. hanno il coraggio di criticare Allegri (primo in campionato e ai quarti in CL) , in questo momento l’unico a non ricevere critiche e Gasperini per l’annata inattesa( la prima per lui nella vita così in alto) gli altri 17 sono da esonerare. ogni anno le stesse menate. un giorno sono dei maghi del pallone e un giorno sono degli incapaci. per un ingaggio sopportano insulti e presidenti capricciosi. io voglio una società che dia il tempo ad un allenatore di provarci dandogli una rosa adeguata .

  8. Il problema non è che Ventura riconobbe in Andrea un giocatore eccellente, perché non era difficile, chiunque capisca qualcosina di calcio guardando Belotti nell’Under 21 avrebbe potuto azzardare una brillante carriera, il problema è che dovette convincere Cairo che è un presidente di calcio, ora se vendono il GALLO non sono più degni di dirigere il TORO, non mi interessa dei 100 milioni, o si svolta adesso vendendo i pesi morti o non avranno più considerazione. Il Gallo non si tocca.

  9. Per concludere trovo imbarazzante che alcuni di coloro che dicevano peste e corna di ventura siano diventati dei fans di sinisa, quest’ultimo a livello di scelte e gestione tattica dei giocatori si è dimostrato totalmente inadeguato, rispetto a lui il guru era un luminare

    • Claudio.Con Ventura guardavo le partite e speravo.
      Con Miha guardò le partite e mi esalto.Molto più offensivo il mister attuale.
      Poi se il prossimo anno o fra due o tre mesi sarà cacciato,non sta a me fare previsioni,ma il mister attuale è più offensivo.
      Ma dovete SMETTERE di distogliere il vero problema,creando dualismi ad arte,Ventura vs Miha. al Toro i problemi,non sono i mister.Il proprietario azionista che Fa CACARE è il PROBLEMA.

  10. Concordo con @rimbaud, tutto sommato ventura a dato il meglio rispetto al capitale umano disponibile ma soprattutto si è dimostrato abile come manager nel suggerire chi e quando acquistare facendo insieme a petrachi la fortuna del presidente in questi ultimi cinque anni, peccato che quest’ultimo abbia in parte vanificato questo grande lavoro ma anche i giocatori, alcuni dei quali ingrati ( ogbonna, dambrosio, maximovic ) altri ambiziosi ( cerci, darmian, glik immobile ) hanno forzato la mano per andarsene, rimane il fatto che senza ventura molti di loro non avrebbero neppure potuto ambire a ciò che dopo hanno ottenuto, quanto a belotti sarà probabilmente la più grande plusvalenza di sempre, ma in questo caso la colpa non sarà di nessuno ma del gallo stesso ( si fà per dire ) che in meno di un anno si è trasformato dall’essere un buon prospetto a diventare un top player europeo, quindi se arriverà l’offerta che tutti si aspettano ovvio che se ne andrà, nemmeno ai tempi di pianelli si poteva trattenere un simile giocatore a tali condizioni economiche.

  11. Io ho sempre detto che ventura sarebbe stato un ottimo team manager, o figura simile comunque, e gli riconosco di avere insegnato a Cairo a muoversi nel mondo del calcio, per il resto stendo un velo pietoso, brioso, supponente e con un gioco al cloroformio.

  12. Ma che avete da ringraziare a Ventura.. in 47 anni di vita ho mai visto uno SCHIFO di gioco simile… giro palla e melina con i tre centrali.. e i corner… battuti per poi passare la palla al portiere.. se questo a voi piaceva a me faceva vomitare…si ricordi Ventura.. di ringraziare questi signori.. se lui allena la nazionale , in ordine Lippi , Conte, e lo strisciato tavecchio. Lampadato genovese.

  13. Trovo davvero imbarazzo per alcuni che ancora vomitano fiele su Ventura.
    Piaccia o no in 4 anni ha creato da 0 ripeto da 0 una squadra giovane e competitiva e con giocatori di proprietà. Neanche a scudetto è pensabile una cosa del genere.
    Con un presidente taccagno in grado di smontargli la squadra ogni anno, altro che impresa deve essere stata convincerlo a spendere 8 milioni
    Era borioso? Ci ricordava da dove venivamo? Diceva che la realtà del Torino non è quella degli anni 70?
    Lo diceva a ragion veduta, considerato che il gran capo nemmeno si degna di reinvestire ciò che lui gli faceva guadagnare.
    Quanto agli “scarsi” volti da Ventura, ricordo Masiello è stato presi in B e arrivato a zero. Barreto e Larrondo avevano potenzialità, soprattutto il primo potenzialmente era uno dei migliori attaccanti della serie A. Non ha avuto testa, ma l’occhio di Ventura ha dimostrato davvero di non sbagliarsi in questi anni. Meggioriini? Un giocatore molto generoso che ricordo è stato preso in B, ci ha aiutato a raggiungere l’obiettivo, ha dato tutto per la maglia e sta dimostrando a Verona quello che vale.
    Gazzi? Uno che senza di lui il primo anno in Serie A non saremmo rimasti. Vives? Cazzo non lo ringrazierò mai abbastanza

    • Ventura ci ha sempre malsopportati.
      Non ha mai detto nulla di positivo sul Torino, su Torino ed i suoi tifosi.
      Più volte ha esaltato la Juve e ci ha dipinti come dei pezzi di merda: un paio di volte ce lo ha direttamente detto in faccia, aggiungendoci anche un bel “bastardi!” Che non fa mai male.
      Ha sempre detto che Torino era una piazza difficile dove era impossibile fare calcio.
      Ha ottenuto una promozione, una salvezza biscottata a 39 punti, una qualificazione uefa in tribunale, poi un nono ed un dodicesimo posto.
      Ha fatto cose buone e cose meno buone, ma non solo non ci ha mai amati, ma nemmeno rispettati.
      Ha sempre considerato un peso la nostra storia, ha sempre minimizzato ed ha ribadito in ogni occasione che prima di lui era il diluvio e che ci ha insegnato il calcio.
      Il tutto con un gioco, secondo me, ultra soporifero, senza slanci, senza coraggio, senza garra e completamente avulso dallo spirito Toro.
      Redditizio?
      Diciamo di sì, per come eravamo piazzati prima sicuramente…ma nulla di trascendentale: abbiamo perso tutti i derby giocati tranne uno, siamo stati per un anno la squadra più rimontata d’Europa, contro le “grandi” spesso rinunciavamo a giocare tanto che in 4 anni di A con lui abbiamo vinto 4/5 partite in tutto contro le prime 6 della classifica.
      Ha voluto un sacco di giocatori ed è stato spesso accontentato : alcuni erano buoni (Immobile, Cerci, Belotti, Quagliarella, Bruno Peres) altri si sono rivelati pessimi affari…ma questo è il calcio.
      Non mi sento di criticarlo per questo, ma per tutto il resto.

      • @Mimashi, se ogni tanto frequenti la sala stampa del Toro come mi pare di aver capito, non mi stupisco che Ventura abbia smesso di fare le conferenze stampa a un certo punto. Tu eri tifoso di una squadra malata e lui ti ha spiegato la cura (amara, contro il nostro DNA, ma l’unica possibile). Oggi se puoi goderti un allenatore come Mihajlovic e non …fai tu uno caso da B … chessò … Gigi Cagni? Lo devi alla dura cura Ventura. ti faccio una domanda? Secondo te Ventura non capiva che dicendo alcune frasi o facendo alcune scenette assolutamente non sentite (da lui come da qualsiasi altro professionista non granata) tipo baciare la sciarpa, salire a Superga o dire Forza Pulici, si sarebbe arruffianato le folle. Io posso ammettere che in casa la squadra non abbia mai reso come in trasferta, ma fuori casa, con lui, mi sono sempre divertito un sacco. Anche quando ho perso, me la sono quasi (quasi, vero!) sempre giocata. E ho anche vinto un bel po’ di volte su campi in cui solitamente ce la facevamo (e ce la facciamo) addosso.

  14. Fuoricampo (La Stampa) di Gigi Garanzini del 19/03/17 : ” Il Torino accusava i cambi di Mihajlovic che ne avevano squinternato l’assetto tattico mettendolo alla mercè degli avversari. Una collaudata specialità della casa, rinfrescata dall’uscita di Baselli, non ancora ottimo ma certmente buono, per Maxi Lopez propiro nel momento in cui l’Inter, come è poi puntualmente accaduto, avrebbe sparato le sue ultime cartucce. La roulette russa, per l’appunto” … A 5 minuti dal termine siamo passati per l’ennesima volta al 4-2-4 e abbiamo rischiato di capitolare e buttare la partita. Ah l’equilibrio tattico, questo sconociuto. Questo è il riassunto del nostro campionato.

    • Ah certo che la busiarda pardon la stampa alias la Gazzetta del gobbo padrone è proprio un giornale affidabile quanto a granatismo. Non parliamo poi di Garanzini, che va a dire in giro di avere simpatie granata e poi fa degli editoriali che sarebbero imbarazzanti pure su hurra Juventus. Proprio letture da tifosi del Toro va…

      • Ha anche detto che l’anno scorso eravamo smunti, sciapi e senza gioco…
        Anche allora aveva fotografato bene.
        Ah..l’anno scorso col Dio ventura abbiamo fatto 45 punti..
        Siamo attualmente a 40 con 9 partite da giocare : forse possiamo far meglio anche con quella capra di Sinisa

  15. ventura faceva rendere al massimo i propri calciatori,il serbo tante parole ma fatti 0,qualcuno in estate diceva che con il serbo i nostri giovani sarebbero migliorati…ho visto come è migliorato barreca l’altra sera il vecchio molinaro, reduce da un lungo infortunio che poteva mettere fine alla carriera sportiva,era come minimo 2 spanne sopra

  16. La rigenerazione di Ljaic era da ann il sogno di tutta la serie A, è inutile nasconderselo. Gpv incluso.
    Però:
    1) rimane da vedere se Gpv non sarebbe stato in grado di farlo giocare meglio. ( è più un no che sì, ma non dovrebbe offedere nessuno pensare che Gpv sia più capace di Miha di far rinascere un giocatore che necessità di rigenerarsi; anche perchè Miha è uno che ti butta in acqua: se sai nuotare, bene )
    2) Gpv ha insistito per 8 mil su Belotti, perchè si trattava di una scommessa per cui valeva rischiare 8 mil; ma per quanto gli piacesse, non credo però che avrebbe insistito per 9 mil ( se non mi sbaglio ) per Ljaic, con tanto di giocatore già in Spagna. Se tu lo fai prendere a quella cifra, ti giochi parte della tua credibilità sul mercato prossimo.
    Detto questo, a me Ljaic piace, mi è piaciuto anche con l’Inter, so che una testa di meringa, ma i suoi piedi sono i migliori da diversi lustri a questa parte dalle nostre parti. Piedi strapagati, ma il giocatore-artista ci mancava ( ora però basta … )

  17. In effetti, la parte più saliente dell’intervista, che dovrebbe mettere d’accordo il 95% di noi e che dovrebbe includere nei 95% pure lui, è “sono ( sottointeso: perfino ) riuscito a fargli spendere 8 mil “.

  18. Non per fare per forza il suo difensore, però Quagliarella lo abbiamo mandato via noi.
    Ruben Perez, Mino e lo stesso Peres sono stati portati qui da Petrachi: il tempo di capire chi tenere e chi mandare via, e direi che errori, per quanto riguarda questi, non ne ha fatti. Masiello era il contorno dei contorni, considerarlo come rappresentativo delle sue scelte è proprio per il gusto di darci contro.
    Restano Barretto e Larrondo. Il primo non è stato un abbaglio sulla sua forza, perchè il ragazzo era relativamente forte, lo aveva dimostrato in carriera; l’errore è stato nel dargli una chanche per amicizia dopo quello che aveva passato e non capire che ormai il ragazzo era irrecuperabile.
    L’errore grosso di valutazione è stato su Larrondo, che però, va detto, aveva preso in giro metà degli osservatori di serie A. Fino a ieri pensavo che l’altra sua grande svista fosse stata Baselli, ma se rimane quello con l’Inter, sono pronto a ritrattare.
    Poteva stare sul culo il suo gioco; ok. La persona; ok. Si può non essere d’accordo con me che ci ha presi in un momento in cui nessuno sapeva bene come ritornare in A tra le prime 10; ok. Ma dire che il saldo-valore dei giocatori, tra errori e successi, non sia stato ampiamente positivo, è un roba che cozza con una decina di scienze in cui si usano i numeri.

    • Compreso il diritto sportivo…caro @mick, tutti sanno che le.sue scelte.erano dettate da vincoli extra calcistici, forse gli stessi che lo hanno premiato con la panchina della.nazionale. Nessuno gli nega anche delle scelte giuste , sai era anche pagato per quelle…

      • No, io rivendico il fatto che le scelte giuste siano state la gran parte e fondamentali per il nostro cammino! : )
        Scherzo, però, toni a parte… a me sembra così. Ciascuno poi ricostruisce i fatti secondo i propri orientamenti.
        Per quanto riguarda il discorso meno decoroso, chi lo sa. Posso seguirti in parte perchè in mezzo a quel trambusto, che è stato reale, non si poteva non sentir proprio niente.
        Iacovelli disse quel tanto che bastava per lasciare un’ombra e quel poco che non bastava per accusare seriamente una persona. Ritrattazioni clamorose a parte ( “sentito dire ” che diventavano “mie deduzioni” ).
        Io penso semplicemente che volesse rimettere in piedi un pezzo del vecchio Bari, cioè la sua migliore squadra dopo la nostra con Cerci e Immobile e quella dell’anno successivo ( non una grandissima idea, sono d’accordo … ). Tu pensi che un Masiello o un Barreto o un Gillet o un Gazzi o un Meggiorini lo ricattassero e pretendessero un contratto da Gpv e non, semplicemente, che, nella mente di Gpv, vi fosse l’idea che loro andassero meglio di altri se non altro perchè conoscevano il suo gioco arzigogolato ( Barreto, appena arrivato,giocò bene )?
        E la Nazionale, cosa sarebbe: un premio? A cosa? all’omessa denuncia? all’omessa omessa denuncia?
        La mia idea è che, allo stato di quello che era emerso, Gpv avesse sentito qualcosa e non si prestò alla faccenda, andandosene prima di venirne coinvolto. Che mantenne buoni rapporti con giocatori che a lui sembravano speciali. Che la Nazionale se la sia ritrovata perchè l’obiettivo era diventato far crescere i giovani.
        Sono troppo ingenuo?

  19. Grande Giampiero Ventura! Guarda caso contro l’Inter abbiamo dovuto sfoderare la vecchia guardia, quella che hai voluto te, da Moretti (impeccabile) a Molinaro (superbo) a Zappacosta a Baselli ad Acquah oltre a Belotti. Il peggiore è stato Ljalijc che è stato imposto da Sinisa per la “modica” cifra di 8,5 milioni. L’altro acquisto di “spessore” De Silvestri (3,8 milioni) sta (per fortuna) in panchina. E Ferrero si frega le mani.

  20. Grande affare, merito suo: fa bene a ribadirlo.
    Agli anziani comunque bisogna sempre dar ragione e soddisfazione.
    Comunque anche Cairo ha fatto tanto per lui : lo ha spedito in Nazionale con l’aiuto del suo amico Lotito.
    Diciamo che si sono dati reciprocamente una mano.

  21. Ha detto le cose come stanno punto. Per quelli che hanno il coraggio di parlare ricordo che larrondo masiello e ruben perez erano riserve, quagliarella con noi ha fatto bene barreto ha avuto seri problemi psicofisici e sanchez mino non ha la testa per diventare un gran giocatore. Mihajlovic ha fatto spendere 4,5 mln di de silvestri che è scarso ed 8,5 mln per liajc che nessuno lo vuole punto.

  22. Dalla sua ha il merito delle valorizzazioni di glik darmian cerci immobile belotti…tanta roba eh…par contro i masiello, barreto, larrondo, in parte la gestione quagliarella ,sanchez mino e ruben perez, restano errori/orrori pesanti.

  23. Ma il Torino (come a lui piaceva chiamarlo) lo ha fondato lui?
    Belotti sarà all’altezza del grande Paulo Vitor Barreto? Colui che doveva fare caterve di gol, sempre nelle parole di questo gobbo camuffato (e invece ne fece 3).

  24. Nulla di nuovo sotto il sole. Un malato di narcisismo, un pallone gonfiato che con un settimo posto in seriè A come miglior risultato in carriera crede di avere inventato il calcio. Ora che con i buoni uffici dei suoi amici di Venaria è incredibilmente arrivato in Nazionale, chi lo tiene più? Tuttavia quanto al Toro lo rivaluto: come allevatore di polli da rivendere è bravo, ed era il miglior compagno di merende del mandrogno. Il problema non era lui come ora non è Miha, il difetto è nel manico. Indifferenza ormai per il lampadato.

  25. Oltremodo bisognerebbe che ci spiegassi anche come mai hai convinto Cairo a pagare Masiello, gillet, barreto, meggiorini, vives, gazzi….vorremmo proprio saperlo perché una mezza idea ce la siamo fatta….

  26. Anche tante bojate hai fatto. Anche scelte sbagliate e a volte ottuse. Però, complessivamente, onore e merito a te per quel che hai fatto al Toro. Goditi la nazionale ora. Ti auguro di chiudere la carriera nel migliore dei modi. Daje

  27. Inutile ora a mettersi a disquisire su Ventura e sui giocatori che ha voluto. Il punto caro Giampiero è che su altre cose cairo non lo hai convinto, o forse ve ne siete fregati, ad esempio a prenderti un mediano vero o un terzino sinistro. A noi di Belotti e del suo arrivo cosa rimane? Con lui non vinceremo nulla, non costruiremo nulla, e arriveranno solo soldi nelle tasche del banfone. Ma questa è la cairese fc, con o senza Ventura, con o senza Sinisa.