Ljajic, Falque, Boyé, Belotti: chi schierereste in attacco col Palermo?

39
1122
toro
CAMPO, 11.9.16, Bergamo, stadio Atleti Azzurri d'Italia, 3.a giornta di Serie A, ATALANTA-TORINO, nella foto: Sinisa Mihajlovic e Iago Falque

Sondaggio / Con il recupero di Ljajic, Mihajlovic ha finalmente a disposizione tutti i suoi attaccanti: diteci chi fareste giocare titolari a Palermo

Grazie al recupero di Adem Ljajic, Sinisa Mihajlovic, per la partita di Palermo, è finalmente tornato ad avere a disposizione tutti i propri attaccanti: era dalle prime due giornate che l’allenatore granata non aveva tale imbarazzo della scelta su chi schierare in attacco.

Considerato l’ottimo periodo di forma che stanno attraversando sia Lucas Boyé che Iago Falque per il tecnico granata non sarà facile decidere chi tenere in panchina contro il Palermo tra l’argentino, lo spagnolo e il serbo. Eppure, con Belotti praticamente certo di una maglia da titolare nel ruolo di centravanti, uno dei tre attaccanti esterni dovrà inizialmente accomodarsi in panchina. Discorso che varrà con ogni probabilità anche per Josef Martinez considerato che rientrerà solamente questa sera a Torino dopo gli impegni con il proprio Venezuela.

Nel nostro sondaggio di oggi vi chiediamo di mettervi nei panni di Mihajlovic e di dirci quale tridente offensivo schierereste voi al Renzo Barbera. Dareste ancora fiducia a Boyé o puntereste su Falque e Ljajic ai fianchi di Belotti? Ditecelo votando nel nostro sondaggio che troverete in basso a destra in home page.

Condividi

39 Commenti

  1. Io li farei giocare tutti e 4 per per cercare di segnare subito e poi gestirei il vantaggio.
    Saremmo un po squilibrati anche se squadra ha dimostrato di saper soffrire ed i ns. esterni correre come dannati. Credo che pressarli con 4 attaccanti costringerebbe loro a lanci lunghi e dietro non hanno gente con i piedi educati per costruire da lontano. Quando la squadra e’ stanca cambierei atteggiamento infoltendo il centrocampo mettendo un incontrista al posto di uno dei 4 danti. FORZA TORO

  2. Falque , Belotti, Ljiaic
    Alternative:
    1. Boyé al posto di uno dei due esterni;
    2. Maxi, recuperato fisicamente (ma anche a mezzo servizio), al posto del Gallo e ‘al bisogno’.
    3. L’opzione Martinez mai. Piuttosto in 10.

  3. Matteo1 Benvenuto, Ruttosport lascialo perdere il livello dei commenti li è talmente meschino che è mortificante solo parlarne. Venendo a te dovresti provare a sostenere le tue affermazioni con qualche fatto. A me pare che Miha faccia giocare in ogni ruolo giocatori adeguati (cosa che non sempre succedeva con Ventura a cui piaceva, magari per necessità, adattare). E’ una squadra che fa del pressig sulla 3/4 avversaria la sua cifra e quando si difende più bassa mi pare che abbia delle ripartenze micidiali. Tutto questo detto da profano quale sono. Secondo te perchè Miha è un arruffone?

    • Ciao.
      Non so se è un arruffone, purtroppo non vivo a torino e posso avere solo un’idea indiretta di come allena e cosa fa con la squadra. Sotto ho lasciato un commento più circostanziato. Per sunteggiare dirò solo che mi è parso indeciso nelle prime partite sulla formazione di base. Ma io stesso devo capire il valore dei singoli giocatori che quest’anno ha il Torino per dare un giudizio più serio.
      Per il momento ho solo un brutto presentimento.

  4. Matteo1, intanto benvenuto e sempre forza Toro. In questo momento trovi questo sito molto più pacato della media. Infatti gli ultimi successi hanno sopito i più accaniti detrattori della squadra ed il numero dei commenti è crollato abbastanza. Ti invito a partecipare alle discussioni, trovo molte persone sensate con poter scambiare opinioni. Credo che ognuno sappia scegliersi gli interlocutori. Riguardo al tuo commento devo dire che Miha non mi ha mai ispirato più di tanto. Ma credo che possa colmare lacune strategiche con grandi doti di motivatore. Spero in bene, vediamo cosa succede lunedì. Non ultimo, per quanto riguarda il tuo allontanamento e riavvicinamento, credo di aver vissuto un’esperienza abbastanza simile alla tua.

    • Credo che occorra ritrovare l’anima profonda della squadra. Potrebbe non essere possibile coi tempi che corrono, e tuttavia non c’è alternativa; contro le montagne di soldi non c’é alternativa se non il cuore. Bisognerebbe non avere fretta, gettare le fondamenta come fece Rocco e ritrovare la visione prospettica e strategica di Fabbri. Per far questo, credo, bisognerebbe coinvolgere qualcuno che Fabbri lo conobbe. E ce ne sono ancora in giro; sono vecchi, ma hanno memoria di elefante, ci puoi credere bene.
      Non è assurdo, c’è stato un precedente seppure isolato e solitario, un calciatore contro tutti, contro il grande circo Barnum; e ce l’ha fatta mi pare, anche se solo per poco, il suo nome è: Francesco Totti. Peccato che ha giocato nella Roma, il suo grande attaccamento mi ha ricordato quale sarebbe stata la squadra ideale per lui. Comunque sia, ecco, mi pare che questo tecnico non abbia una visione prospettica; come lui stesso dice, spera di vincere una partita dopo l’altra, ma non ha un’idea strategica, un piano di lunga gittata, se la cosa viene viene; ma bisognerebbe avere più pazienza e meno ambizione personale.
      Credo.

      • Ma anche Radice vinse lo scudetto non programmando nulla ma solo imponendo il suo gioco e non adattandosi alla avversarie, poi sinceramente qui per vincere o quantomeno posizionarsi in alto non è questione di allenatore penso che nel calcio di oggi dipenda tutto dalla presidenza.

        • Lo so bene! Non ne era in grado.
          Ma sarebbe meglio non rivangare.
          Se prima di lui non ci fosse stato Fabbri che aveva costruito la squadra pezzo per pezzo, e anche Giagnoni, perché no, anche se quest’ultimo solo per dare l’ultima amalgama, Radice non avrebbe vinto un bel nulla.
          Del resto oltre quello scudetto, acciuffato pure in modo fortunoso, il suo vero lavoro è stato quello di distruggere in un paio d’anni una squadra che avrebbe dovuto dominare almeno per 10 anni, anche in campo internazionale, come accadde al Milan qualche decennio dopo.
          Lasciamo perdere il ricordo di quello sciagurato per favore.

  5. Se Boye rientrasse da un infortunio tipo Ljajic , il problema non si porrebbe nemmeno.
    Ma il nostro Top Player estivo deve giocare sempre, prima che cada in depressione (gia’ e’ incostante).

    Dentro lui fino a quando non ce la fa piu’, se se dovesse reggere i 90 minuti, piuttosto fuori Iago.

    • Rotor io la vedo in un modo diverso su valdifiori, contro roma e fiore aveva un compito: fermare naingolan e borca valero e penso che c sia riuscito molto bene, certo adesso ci deve illuminare con passaggi e lanci da mandare in gol i nostri 3 tenori

      • Mi dispiace, io riemergo da un sarcofago chiuso diverse decine di anni fa, dunque può ben essere che non sia in linea con le esperienze recenti, diciamo.
        Sono passati 34 anni, per l’esattezza, e non pretendo si comprenda perché proprio questo numero, ma qualcuno lo comprenderà bene.
        Dunque vengo su con vecchie idee, vecchissime direi.
        Eppure se in questi 34 anni si è visto ben poco, qualche motivo a mio favore me lo posso concedere.
        Devo spiegarvi che il Toro è cosa diversa?
        E che o risorge come spirito originario, oppure non ne esce nulla?
        Pensate veramente di poter vincere questo campionato, o quello prossimo, o quello dopo ancora, buttando dentro calciatori alla rinfusa, per quanto bravi o costosi? Per me non è il Toro la squadra in cui ciò può accadere.
        Ma posso convenire che sono idee che provengono da quasi sette lustri fa, ma ho pazienza, ho aspettato 34 anni, ne posso aspettare altri 34.

        P.S. Ci deve essere qualche problema del sito negli accodamenti degli interventi.

          • Ti do del tu.
            Per quanto possa sembrarti assurdo, di questa mitica partita al massimo avrò gioito per la sconfitta della juventus. In quel momento tifavo udinese, e l’anno dopo fiorentina, e l’anno prima un pochino anche per il genoa, ma era tutto solo per amarezza.
            Poi ho smesso, tifare non mi diceva più nulla.
            Ora sembra che qualcosa possa succedere, è nell’aria, ma bisogna ricominciare da capo, se no è calciospettacolo; vince la juve perché ha più tifosi, e chi se ne frega!

    • Accidenti!
      Ho provato prima col Tuttosport.com, ed è un delirio, non c’è alcun controllo ed è preda solo di sfottò incrociati.
      Qui ho letto qualche commento, e il sito mi pareva decisamente migliore, e almeno più pacato.
      Allora faccio anche qui una domanda ai tifosi seri: Esiste un sito Granata di vostra conoscenza dove i discorsi non si limitano al commento superficiale del bar?

  6. Salute a tutti.
    Spero di aver trovato finalmente un sito serio di tifosi granata.

    Mi sbaglierò, ma mi mare che il vero problema del toro sia il tecnico.
    Poche idee e tutte confuse. Sarà colpa del calcio moderno tutta fuffa, ma così non si va da nessuna parte, almeno non col Torino.