Torino, auguri a Lido Vieri: 78 anni di passione granata – VIDEO

10
687

Festeggia oggi il suo compleanno Lido Vieri, storico portiere del Torino intuizione di Orfeo Pianelli: fu lui a consacrare Marchegiani al grande calcio

Portiere granata tra i più amati di sempre, Lido Vieri nasce a Piombino il 16 luglio del 1939 da genitori elbani di Portoferraio. Inizia a giocare nel Venturina, a pochi chilometri da casa, alternandosi tra l’attacco e la porta; non ha ancora quindici anni però, quando grazie all’intuizione del talent scout Alberto Lievore, Lido viene acquistato dal Toro. E’il 1954.
Portiere dotato di un fisico esplosivo e travolgente nelle uscite aeree, Vieri colleziona in undici stagioni ben 357 presenze tra campionato e Coppe, che lo collocano al quinto posto tra i granata più gettonati di sempre. Lascia il Toro nell’estate del 1969, destinazione la Milano nerazzurra.

Mi sarebbe piaciuto giocare con una sola maglia in carriera. Il Toro per me era tutto. Quando Pianelli mi cedette all’Inter, era quasi convinto di avermi fatto un regalo. Invece mi misi a piangere, e dalla rabbia spaccai a pugni la porta dello spogliatoio” disse qualche anno più tardi. Nell’estate del 1976, quella che vede i ragazzi di Radice laurearsi campioni d’Italia, ventisette anni dopo Superga, Vieri con quasi trentasette primavere alle spalle si accasa a Pistoia. Un po’per avvicinarsi alla sua Toscana, ed un po’perchè gli arancioni gli offrirono lo stesso ingaggio che gli garantiva Fraizzoli. Proprio alla Pistoiese, sarà compagno di squadra di Marcello Lippi, anche lui al termine della carriera. Torna al Toro sul finire degli anni ’80, ricoprendo ininterrottamente per oltre quindici anni il ruolo di preparatore dei portieri della prima squadra granata. Luca Marchegiani, un nome su tutti, la sua “scoperta” più bella.

Lido Vieri: “Torino, ecco la mia storia”. Guarda il VIDEO:

Condividi

10 Commenti

  1. Auguri Lido, il più grande portiere del Toro dopo Superga. Sei stato l’idolo della mia gioventù. Insieme a Ferrini, Fossati, Cereser, Agroppi, Puja, Rampanti e poi Sala e Pulici hai rappresentato la personificazione del Toro.

  2. Il più forte portiere che ho visto nel Toro, la mia prima delle tante amarezze di un’allora bimbo quando da mio idolo del Toro me lo ritrovai venduto all’ Inter …..piansi, dopo di lui forse solo il Giaguaro gli si avvicinò come stile e modo di parare…..

  3. Persona straordinaria, un puro cuore granata. Auguri Pinza!

    Una splendida intervista con Gianni Mura
    http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/inter/2014/03/24/news/lido_vieri_il_portiere_marinaio_che_parava_senza_noia_ma_ora_usano_i_piedi-81736049/

  4. Auguri Lido. Gran portiere… I tuoi voli spettacolari, le tue uscite senza paura erano i nostri sogni di ragazzi! Grazie a te, a Giorgio il Capitano e a tanti altri magari meno bravi ma veri spiriti granata posso dire che è stato bello ed è bello essere del Toro. Forza Lido!