Mazzarri e il Torino sono disposti a privarsi di Barreca per concedergli più spazio: il terzino ha bisogno di crescere e giocare. Nei prossimi giorni si terrà un incontro con la dirigenza granata

Il futuro di Antonio Barreca è sempre meno granata, e sempre più lontano da Torino. Il terzino ex Primavera si aspettava di vivere una stagione ben diversa: doveva essere il campionato della consacrazione, quello della definitiva maturazione e di un cambiamento che avrebbe dovuto portarlo a essere uno dei punti fermi del futuro del Toro. E invece, il prossimo calciomercato sarà per lui quello del probabile addio. Se definitivo o temporaneo, ancora, non è dato sapere. Ma procediamo con ordine, per capire quali siano i problemi e quali le relative soluzioni.

Calciomercato Torino, Barreca in uscita: pesano gli infortuni e le poche gare giocate

Sospetta pubalgia. È questo il problema che più di tutti ha influito nel rendimento di Barreca quest’anno. Inizialmente, sembrava il suo infortunio meno grave di quello che si è poi rivelato: un fastidio muscolare, qualche consulto specialistico e poco altro. Invece, le esclusioni continuavano ad arrivare: faceva fatica il terzino del Torino a calciare, a correre addirittura. E di conseguenza, molta brillantezza è stata persa per strada. Non solo, hanno pesato molto anche alcuni gravi errori in campo: lacune difensive che sono state poco corrette da chi avrebbe dovuto aiutarlo a crescere, cosa che chiaramente non ha influito nella stima del ragazzo che, così giovane, ha bisogno di sentire la fiducia intorno per dare il massimo. Con Mazzarri, poi, la situazione non solo non è cambiata, ma addirittura peggiorata: anche con il passaggio di un modulo più congeniale, il 3-5-2, Barreca ha sempre avuto meno spazio, con Ansaldi preferito su tutta la linea. Di qui, l’idea di una separazione per il prossimo anno.

Torino-Barreca: incontro in questi giorni. Si lavora per la cessione

Ecco che il Torino incontrerà in questi giorni il manager del giocatore per capire come muoversi. L’idea è di lasciare la piazza granata almeno per un anno, per poter così giocare con regolarità, crescere, e riparlarne poi al termine del prossimo campionato. Questa sarebbe l’intenzione del giocatore che piaceva alla Roma lo scorso anno, e che continua a interessare al club giallorosso. Per la cessione a titolo definitivo, il Toro però vuole non meno di 8 milioni di euro, visti l’età e il potenziale. Anche per questo, si lavorerà sulla cessione in prestito: dove, è ancora da stabilire. A oggi, di fatto, le possibilità che Barreca resti a Torino sono di molto ridotte: anche Mazzarri ha dato il via libera, e non a caso il Toro sta cercando potenziali sostituti dal calciomercato, italiano come estero. Forse, provare una nuova avventura potrebbe fare convenire a tutti. E a questo si lavora.


36 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mcmurphy
mcmurphy
3 anni fa

Io aspetterei a bruciarlo,ha perso un anno ma può riprendersi,ci buttiamo su Molinaro?? Solo per capire….

TRAPANO ( IL 🖕🏼 LO METTO ANCH'IO )
TRAPANO ( IL 🖕🏼 LO METTO ANCH'IO )
3 anni fa

Dispiace perché proviene dal vivaio, io.lo darei i prestito 1 anno, ma poi deve essere presa una decisione definitiva, o dentro o fuori, anche se ho la sensazione che non sia superiore a un rubin qualsiasi

michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
3 anni fa

BArreca lo scorso anno ha fatto un campionato bellissimo. Quest’anno è stato male ed ha perso fiducia. Noi siamo pronti ad esaltarci per un lukic qualunque e buttiamo giù dal ponte un ragazzo del vivaio. Prima di farlo ci penserei due volte.

Torino, Bouna Sarr nel mirino. Granata a Marsiglia tre volte nell’ultimo mese

Calciomercato Torino, ag. Milinkovic-Savic: “Ha tante richieste, parleremo col Toro”