Calciomercato Torino / Vera: “Sono arrivate due proposte formali ma entrambe sono state respinte: non eravamo d’accordo sui numeri”

Il centrocampista argentino Vera è uno degli obiettivi del Torino che vede in lui una validissima alternativa a Biglia. Per il classe 2000 in forza all’Argentinos Juniors, infatti, i granata hanno offerto circa 6 milioni contro i 10 richiesti per il giocatore. Una situazione che nelle ultime ore è stata confermata proprio dallo stesso Vera che, intervistato da Jogo Bonito 2020 ha detto: “Sono arrivate due offerte formali ma entrambe sono state respinte. Né la società né io eravamo d’accordo con quei numeri. Continueremo a parlare con le società interessate”. Il centrocampista, dunque, no nega i contatti con il Torino che, tuttavia, dovrà lavorare ancora per potersi avvicinare le pretese degli argentini e trovare un terreno comune.

Il centrocampista: “Mia l’ultima parola”

Il centrocampista, poi, ha continuato parlando anche della sua situazione in Argentina: “Oggi, comunque, sono felice all’Argentinos – ha infatti dichiarato Vera – e mi trovo a mio agio qui. L’Argentinos è una scuola di grandi centrocampisti, soprattutto di grandi numeri 5”. 

Poi, parlando di nuovo del suo futuro: “Dalla Russia è arrivata un’offerta e un’altra è arrivata dall’Italia ma entrambe sono state reespinte. Il mio procuratore mi dà libertà nella scelta e io ho l’ultima parola”. 

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-08-2020


18 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Mondo
Mondo
4 mesi fa

Dal modo di proporsi anche se sul discorso economico, mi ricorda un po’ Sanchez Mino il quale sul campo a detta sua non aveva nulla da imparare.

Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
4 mesi fa

Siempre recuerda que la ultima palabra la tiene quien saca el dinero, chico!

Pancorbo
Pancorbo
4 mesi fa

Almeno sembra uno con le palle

Linetty al Toro fa infuriare i tifosi della Sampdoria: lite con Ferrero su Twitter

Biglia oppure Vera: col primo c’è l’accordo, per il secondo serve un rilancio